Negli ultimi dieci anni la cura e l’alimentazione verso i nostri amici  quattro zampe si è evoluta e sempre crescente è la necessità di acquisire strumenti per rendere la qualità della vita dei nostri cani superiore.
Le innovative tecniche alimentari e l’aumentata cultura cinofila fanno in modo che sempre più cani giungano ad una età avanzata  andando incontro a patologie fisiche spesso a carico dell’apparato muscolo scheletrico; di pari passo l’evoluzione delle attività ricreative  e sportive da effettuare con il proprio compagno (UD, agility, freestyle, coursing, disc dog ecc.) hanno avuto sempre crescente interesse e adesione.
In questo contesto si pongono con estrema efficacia ed importanza la preparazione atletica e il condizionamento fisico.
Notevole l’importanza di queste discipline rivolte a diverse categorie o situazioni:
–   Cani che praticano sport e lavoro;
–   Recupero motorio e muscolare post intervento o trauma;
–   Soggetti con deficit funzionale e atrofia muscolare;
–  Cani che fanno una vita sedentaria, nei quali un po’ di esercizio fisico mirato e una alimentazione controllata possono migliorare la  qualità della loro vita e quella dei proprietari.

LA PREPARAZIONE ATLETICA
Dedicata a tutti i cani destinati allo sport e al lavoro, molto diffusa all’estero, poco conosciuta e praticata in Italia, ha il compito specifico di lavorare su tutti gli aspetti fisici per migliorare la prestazione del cane sportivo.
Il lavoro si concentra sul corretto assetto corporeo, curando la preparazione cardiovascolare, lo sviluppo e il potenziamento di tutta la muscolatura e migliorando tutte le doti genetiche che il cane ha ( forza, velocità,potenza, resistenza, recupero energetico).
Questo tipo di attività si avvale di tecnici specializzati (preparatori atletici ), veterinari e centri dove poter preparare il proprio cane.
La tecnica di formazione è semplice e molto funzionale e si basa su di un piano di lavoro composto da un programma alimentare e motorio.

– Programma alimentare:  ha il compito, attraverso l’uso di ‘integratori e di un alimento specificatamente adattato ad ogni singolo soggetto, di dare il giusto apporto di nutrienti richiesto dal tipo di  disciplina sportiva  o di lavoro senza sottoporre gli organi competenti (fegato, pancreas, intestino e reni ) a stress assimilativo (dosaggio del fabbisogno proteico, bilanciamento elettrolitico, assunzione di sostanze energetiche a velocissimo rilascio ecc.)
– Programma motorio: ha il compito, attraverso esercizi mirati e controllati, di rinforzare l’apparato  (scheletro,articolazioni e tendini ), equilibrare e potenziare la muscolatura, velocizzare il recupero energetico e il riassorbimento dell’ acido lattico e delle scorie azotate. Fondamentale , oltre al tipo di esercizio,  la scelta del tipo di terreno  (acqua, terra, sabbia , ecc) su cui lavorare e le sue particolarità (galleggiamento, semigalleggiamento, salita, discesa e pianura ).

IL CONDIZIONAMENTO FISICO
La parola stessa esprime il concetto a cui questa specialità è finalizzata. Il condizionamento fisico è diretto a tutti i cani che non esplicano una attività motoria sportiva ma beneficerebbero, per diversi motivi, di un programma di movimento mirato, per l’appunto, a condizionare il loro assetto corporeo e quindi la qualità di vita.
Sempre di più lo stile moderno di vita ha snaturato anche quello dei nostri beniamini, che ritroviamo spesso grassi (se non addirittura obesi), con fisici demuscolati e altri problemi legati ad una vita sedentaria, non ultimi quelli di origine nervosa quali stress e depressione. Va da sé che un’eccessiva  alimentazione, spesso non adeguata al singolo individuo e di scarso valore biologico, un movimento casuale e comunque non mirato, rendono i nostri cani lo specchio dei malesseri di noi umani.
L’intervento quindi è ovviamente basato su una precisa anamnesi dello stato di salute generale del cane effettuato dal veterinario , una valutazione sullo stato fisico ( muscolare, assetto corporeo, articolazioni,postura, movimento ecc.) effettuato dal preparatore atletico  e infine una valutazione delle abitudini alimentari effettuata dall’esperto in nutrizione canina.
Tutto ciò permette di prevenire o addirittura arginare patologie di varia natura come deficit funzionali a carico di arti e colonna vertebrale, nonché problemi del sistema  nervoso, cardiovascolare  e digestivo.
Il protocollo prevede:

–   Alimentazione mirata al ripristino delle funzioni vitali e specifica ad ogni singolo soggetto.
–   Alimentazione atta a modificare e migliorare stati di sovrappeso, obesità, di stress e ansia depressiva.
–   Movimento fisico per recuperare la funzionalità ed il riequilibrio di tutti i sistemi specifici ( muscolare, tendineo/legamentoso,articolare, cardiovascolare, endocrino ecc.), che nulla ha  a che vedere con la classica passeggiata, gioco o movimento libero che il cane effettua se abita in una casa con giardino o in un spazio aperto come il parco di città.
–   Ripristino e recupero muscolare di arti mal funzionanti in seguito a processi degenerativi, trauma, intervento chirurgico e altro.
–   Integrazione alimentare per carenze di sostanze  primarie o di sostegno  nella cura o prevenzione di deficit fisici, psicofisici e funzionali.