giovedì , 23 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Educazione >> Aiuto, mi morde!

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Aiuto, mi morde!

No, non stiamo parlando di cani aggressivi che si rivoltano al proprio umano: parliamo, invece, di cani che giocano con il proprio umano rosicchiandolo allegramente come se fosse una pallina o un osso.
Pratica indubbiamente divertente per il cucciolo/cucciolone, molto meno per l'”osso” in questione che si ritrova bucherellato (nel caso si tratti di un cucciolo che non ha ancora cambiato i denti, e che quindi ha veri e propri spilloni al posto dei canini) o pieno di lividi (se parliamo di un cucciolone che ha già la dentatura da adulto).
Lo spunto per questo articolo mi arriva da una conversazione avuta ieri su FB con la proprietaria di una Bernese di sette mesi (ovvero, di un “bel po’ di cane!”) che aveva questo problema; ma mi capita anche molto spesso di leggere, su forum e affini,di persone che vengono allegramente massacrate e di altre che rispondono “ma povero amore, vuol giocare, lascialo fare! Fa così per dimostrarti il suo affetto”.
La seconda parte è abbastanza vera: il gioco presume un rapporto affettivo, almeno di amicizia, e spesso i cuccioli mordono proprio perché ipereccitati dalla presenza del loro amico umano.
Che questo però significhi che dobbiamo lasciarci massacrare braccia e gambe (e a volte anche il naso), è tutto da stabilire.
Una delle primissime cose che un cucciolo dovrebbe imparare, quando entra nella nostra società, è che gli umani NON si mordono e neppure si “masticano”per gioco, perché hanno la pelle molto più sottile di quella dei colleghi a quattro zampe.
Questo il cucciolo non lo sa: tant’è vero che, quando gioca a mordere, non ci mette certo tutta la forza disponibile… altrimenti anche un cucciolino di due mesi, se non è proprio di taglia mignon, ci manderebbe all’ospedale a farci ricucire.
No, il cucciolo dosa la forza del suo morso in modo, appunto, “giocoso” e “amichevole”: solo che la dosa in base a ciò che ha imparato dalla mamma e dai fratellini, che si ribellavano e reagivano alla forza X, ovvero quella che faceva male a loro.
La pelle umana comincia a sentire male a circa un terzo della forza X… ma questo, al cucciolo, non l’ha mai detto nessuno e sicuramente non può capirlo da solo. Bisogna spiegarglielo.

Come sempre, piuttosto che pretendere che il cane capisca il mio linguaggio, io preferisco parlare il suo. Almeno quando è facile.
Quindi, partiamo da qui:  avete mai visto due cuccioli che giocano “duro” ?
Se sì, possiamo cominciare ad abbinare i vari consigli inutili che vengono dati agli umani masticati a ciò che avviene in una famiglia canina.

Consiglio inutile numero 1: tiragli un urlaccio, dagli una sberla, urlagli “NO!”
Tra due cuccioli, se uno si mette ad abbaiare o a mordere davvero forte, l’altro non smette certo di giocare: anzi, raddoppia gli sforzi per “battere” l’avversario. In realtà il gioco della lotta non è un divertissement fine a se stesso: lottando tra loro o con i genitori i cuccioli imparano le tecniche di attacco e di difesa che un domani potranno essere loro utili qualora debbano lottare seriamente contro un altro cane, o contro un predatore. Quindi, quando un cucciolo si accorge che sta per soccombere, fa tutto il possibile per lottare “di più e meglio”: e alle dimostrazioni di forza (spintoni, sberle ecc.) reagisce mettendocela tutta. Il concetto è un po’ quello del “quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”.
Se poi il cucciolo “duro” non fosse affatto, ricevere spintoni e botte otterrebbe solo lo scopo di spaventarlo e di fargli pensare che gli umani non sappiano giocare senza diventare cattivi e violenti: un’idea che è decisamente meglio NON mettergli in testa.
Gli urlacci “BASTA!” , “NO!” eccetera, durante una lotta, per lui equivalgono a ringhi e abbai dell’avversario: in pratica a urla di eccitazione che eccitano pure lui. Non ha importanza che conosca o meno il significato del “NO!”: se glielo urlate mentre è eccitato e su di giri, per lui sarà un suono “di guerra” come un altro.

Consiglio inutile numero 2: ignoralo, voltati dall’altra parte, non considerarlo, immobilizzati.
Questo è il metodo immancabilmente consigliato dai gentilisti, basato su un concetto corretto (se non dai attenzione a quello che sta facendo, il cane smetterà di farlo), ma quasi sempre insufficiente ad arginare l’ardore di qualcuno che, mordendoti, vuole appunto tutta la tua attenzione. E in più ha voglia di giocare. 
La reazione più classica del cucciolo al nostro immobilizzarsi è quella di saltarci addosso a pie’ pari per richiamare quell’attenzione che gli stiamo negando: anche perché lui, appunto, vuol giocare. E non gli passa neppure per la testa che ci siamo arrabbiati con lui perché ci ha morso.
Immobilizzarsi, ignorare, voltarsi dall’altra parte eccetera non è cosa che si possa riportare al comportamento di due cuccioli che fanno la lotta, perché è una cosa che non fanno assolutamente MAI. Lo si può, invece, rapportare al comportamento delle madri che giocano con i cuccioli, e che a volte girano la testa dall’altra parte quando loro diventano troppo noiosi. Questo è un segnale di superiorità gerarchica (una specie di “non ti filo proprio, cosino”), che però vedo spesso applicare alle richieste di cibo (per esempio quando i cuccioli spingono il muso contro l’angolo della bocca della mamma), ma rarissimamente durante il gioco. Le mamme, infatti, sanno benissimo che un piccoletto esagitato, se non te lo fili, insisterà fino alla nausea. Le mamme, quando sono stufe di giocare, solitamente si alzano e se ne vanno: e questo sì, si può fare… se siamo in casa nostra, però! Non certo se ci troviamo in mezzo a un parco o nell’area cani cittadina. Mica si può piantare un cucciolo in mezzo a una strada.
Per di più l'”andar via” della mamma, in condizioni di libertà, si traduce quasi sempre nel fatto che il cucciolo, ancora eccitato e voglioso di giocare, va a cercarsi un’altra vittima (solitamente un fratellino) e si sfoga con lei. Così, quando torna la mamma, la “matteria” gli è ormai passata.  Se noi facciamo la stessa cosa in casa nostra, il cucciolo non avrà nessun altro con cui sfogarsi e quindi, al nostro riapparire, le cose torneranno al punto di partenza: “Ohhhh!!! Finalmente sei tornato! Ora possiamo giocare!”. E ci rizomperà addosso a denti spianati.

Ma allora… cosa bisogna fare?
E’ molto semplice: basta guardare cosa fa in realtà un cucciolo quando, giocando con un fratellino, sente male e vuole dirgli che sta esagerando.
E cos’è che fa? Piange.
Fa “CAIN!”. E  l’altro, rendendosi conto di aver stretto troppo, sospende la lotta o morde più “gentilmente”.
Da ciò deriva il…

Consiglio utile N.1 : fare  CAIN!
O al massimo “AHI!”, se proprio vi mette in imbarazzo emettere versi canini. L’importante è che si tratti di un suono breve e molto acuto, il più possibile simile a quello che emettono appunto i cuccioli quando sentono male (penso che chiunque al mondo l’abbia sentito almeno una volta).
Il CAIN, se fatto in modo convincente, funziona sempre: o il cucciolo capisce e comncia a stringere meno forte, oppure si ferma perplesso a guardarci come per dire “ops, scusa, ti ho fatto male?”.
L’importante è che, appena si stacca dal nostro braccio o mano o gamba, venga immediatamente premiato con un  “bravo” e un bocconcino  (o con click-bocconcino, se usate il clicker): un po’ perché così si rinforza l’idea che abbia fatto bene a mollare, un po’ perché dobbiamo pur mantenere un minimo di leadership e fargli capire che siamo noi a gestire sia il gioco che le risorse.
Però sono due cose diverse. Il CAIN serve a dirgli “ehi, mi stai facendo male”; il premio serve a dirgli “durante questo gioco ti sto insegnando qualcosa” (nella fattispecie, ti sto insegnando fino a che punto puoi spingerti giocando con gli umani).
Fare CAIN, però, non è sempre sufficiente: diciamo che è molto utile nell’emergenza, per far smettere al cane di masticarci come un chewing gum, ma che va accompagnato anche dal…

Consiglio utile N.2: insegnare il LASCIA
Siccome prima di “lasciare” bisogna “prendere”, questo comando si può insegnare solo quando il cucciolo ha qualcosa in bocca: è caldamente consigliabile che questo “qualcosa” sia una pallina, un manicotto o uno straccio, e NON il nostro braccio o la nostra mano. Quindi, giochiamo spesso al “tiramolla” con il nostro cucciolo (cosa che lui peraltro adora) e spieghiamogli cosa significa “Lascia” con uno dei mille metodi disponibili.
Ne cito alcuni a caso:
a) quello delle due palline (servono quelle con la corda dentro, altrimenti il cane afferra palla E mano): si fa tira-e-molla con una, poi ci si immobilizza, si dà il “lascia” e si fa muovere la seconda pallina: il cucciolo mollerà la prima, che non è più interessante perché non sta più facendo niente, e focalizzerà l’attenzione sulla seconda. Appena lascia, verrà premiato;

b) quello del bocconcino: come sopra, ma invece di far muovere una seconda pallina si mostra un bocconcino: funziona meglio con i cani molto golosi;
c) quello del “cane cieco”: quando il cucciolo è tutto preso dal gioco di trazione si smette di tirare dall’altra parte, si dice dolcemente “lascia” e contemporaneamente gli si mette una mano sugli occhi, come se gli stessimo facendo una carezza, ma impedendogli in pratica di vedere. Alcuni cuccioli se ne infischiano altamente e continuano a tirare come dannati (con loro è meglio cambiare metodo), ma molti altri mollano subito la presa per spostare la testa e vedere che succede. Se il cane reagisce così va immediatamente premiato.
Di metodi ce ne sono altri mille, ma il concetto è sempre quello: il cucciolo DEVE conoscere il significato di “lascia” e deve impararlo durante giochi che non vedano implicate parti di corpo umano.
Quando conosce il significato del termine, gli si potrà dire “lascia” ogni volta che vogliamo che smetta di morderci.

ATTENZIONE, però: inibire completamente il morso è un errore gravissimo.
Ho conosciuto una Terranova in cui l’inibizione al morso era talmente forte che lei rifiutava perfino di afferrare le cime di salvataggio: questo significa snaturare completamente il cane, che nel morso ha uno dei suoi metodi di espressione e soprattutto ha… l’equivalente delle nostre mani! Il cane può afferrare qualcosa soltanto se usa la bocca: se lo convinciamo che l’uso della bocca “ci  fa dispiacere”, creeremo un cane inibito che non solo non si divertirà più granché nella vita, ma non potrà svolgere neppure compiti sportivi o di utilità.
Ecco perché il “lascia”, col cucciolo, dev’essere usato in abbinamento al CAIN: il cucciolo deve lasciare quando proprio non è il momento di fare la lotta… ma ogni tanto dovremo concedergli di farla e di avere molto contatto fisico con noi anche usando la bocca, ma nei limiti della nostra tolleranza.
E il CAIN è ciò che ci permette di fargli capire quali siano questi limiti.

NOTA: la foto di apertura, riportata anche all’interno di questo articolo, è tratta dal cliccatissimo video – che presumo tutti abbiate visto su youtube – del cane che “aggredisce” l’umano quando questi dice “Berlusconi!”, mentre resta impassibile quando l’umano dice “Bersani” (se ve lo foste perso, lo trovate qui: www.youtube.com/watch?v=5TXZFR9ZNqM). Questo è un ottimo esempio di cane che ha imparato esattamente quanto e come può stringere durante il gioco.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo

58 commenti

  1. Il video me l’ero persa, davvero simpatico 😀

  2. Consigli sensati…
    Due considerazioni frutto esclusivamente della mia esperienza con i miei patatoni mozziconi.
    Il cai o comunque lo strilletto acuto funziona abbastanza bene con i cuccioli o con i cuccioloni patatoni, spesso “il vizietto” viene ignorato dai proprietario e lo si ritrova anche in soggetti adulti o quasi, il proprietario comincia a preoccuparsene quando davvero si trova le braccia piene di lividi dolorosi.
    In questi casi magari occorre qualcosa di più energico per distrarre il cane ( la classica lattina piena di monetine, un fischietto ecc) lascia… come molla premietto, come appunto descritto.
    Infine, per par condicio, se l’ignorare il cane è la classica proposta dei gentilisti ( ed in effetti funziona certe volte si e certe volte no ) la “caracca fra capo e collo” o la schienata è il classico consiglio da “tradizionalista” , con le conseguenze che ricordava …

  3. E gli altri ?

  4. Pensa che nella mia istruzione cinofiila fai da te ho sempre letto che ignorare è la soluzione migliore in questo caso. Nessuno ha mai pensato a guardare cosa fanno DAVVERO in natura. Sapendo queste informazioni (che non avevo letto da nessun’altra parte fin’ora) si capisce che persino qui gli animali sono stati un po’ umanizzati ( “Ignorare” è quello che fanno gli umani con gli altri umani quando una cosa non ci va)

    • In teoria il freezing e’ funziona per abbassare il livello di eccitazione: se non basta ci sono -come già detto- altri metodi

  5. cri alyce torty

    Una mia amica,mentre il cane mordeva gli metteva sotto il dentino un lembo della pelle del muso…ora il cane assolutamente non morde…e non ha perso comunque l’uso del morso…infatti è un ottimo riportatore…(anche troppo!)

  6. No ok parliamone la mia cucciola di 2 mesi non mi caga proprio posso fare cain quanto mi pare manco mi guarda e continua a stringere forte. Anche se mi immobilizzo, bè non gliene può fregar di meno…… Che dovrei fare?? =.=”

    • Ok, parliamone. Serve innanzitutto qualche informazione: la tua cucciola da dove arriva? Come ha vissuto le prime settimane di vita? Per quanto tempo è stata insieme a madre e fratellini? E’ cresciuta anche con il padre, o comunque con un maschio adulto?

      • allora la mia cucciola arriva da un allevamento “contadino” è vissuta in campagnia (è un cocker spaniel inglese) sta con me da 2 settimane ed è vissuta in campagna con mamma papà e fratellini fino a 1 mese e 10 giorni. Non era curata, non ha pedegree e quando l’ho presa era immersa in cacca e pupù (infatti lei non ha nessun problema a dormirci sopra purtroppo, ma questo lo sta imparando a forza di premi) e piena di pulci. Sta imparando il vieni e a fare la pupù nei giornali nell’angolo allestito a posta ma quando gioca, non ascolta niente e nessuno. Si fa trasportare dal gioco e arriva a mordere abbaiare e ringhiare forte quando dopo il morso io visto che non sente il cain non mi caga quando mi fermo, allora mi siedo dritta e mi giro dall’altra parte.

        • Un mese e dieci giorni 🙁 … ovvero, più o meno quaranta giorni: l’età in cui, se fosse rimasta nella sua famiglia (canina) di origine, avrebbe COMINCIATO ad imparare l’inibizione del morso e tante altre cose che, purtroppo, le mancheranno per tutta la vita.
          Ecco spiegato perché non reagisce al “cain”; né all’indifferenza: purtroppo nessuno gliene ha mai insegnato il significato. In pratica tu, facendo CAIN, imiti una cosa che lei non conosce e che quindi non potrebbe capire neanche se venisse da un cane “vero”… e figuriamoci da un cane “finto”, ovvero da un umano che finge di fare il cane.
          Lascia pure perdere, perché non funzionerà. Devi trovare altri mezzi, per esempio insegnarle il “NO”, dirglielo quando mozzica, offrirle in cambio qualcosa di “masticabile” al posto delle tue mani (uno straccetto, un salsicciotto di corda, una pallina con l’elastico) e premiarla quando utilizza quello.

  7. si purtroppo non è stata mia volontà prenderla così presto. Sono andata dietro alla protezione animali che li hanno portati via e mi sono presa lei. Purtroppo i cuccioli stavano tutti male stavano con un macellaio. Ecco spiegato comunque. Allora mi impegnerò sull’insegnamento del “no” e premi quando morde il gioco e non le mani. Grazie mille. Sei la mia mentore lo sai? Sto imparando a memoria ogni post del tuo bel blog. 🙂

    • Grazie 🙂 …ma mi è appena venuta in mente una cosa: una mia amica, che è una bravissima educatrice cinofila, ha preso da un paio di mesi una cagnina che ha gli stessi identici problemi della tua (e probabilmente con la stessa origine: è stata sottratta alla madre da piccolissima). Lei sta (faticosamente) risolvendo pian piano tutti i problemi: se mi scrivi in pvt (a [email protected]) posso darti i suoi recapiti: sicuramente lei avrà qualche buon suggerimento da darti, visto che sta vivendo la stessa esperienza.

      • anche io ho il suo stesso problema,abbiamo trovato circa una settimana fa una scatola con 3 cuccioli,fortunamente tutti adottati uno dei quali è venuto con me!a detta della veterinaria la cucciola ha circa 1 mese e mezzo non di piu,infatti noto con piacere che morde spesso,e anche quando faccio finta di piangere e farmi male non molla la presa,non so proprio quello che fare!molti dicono che è l’eta ma adesso leggendo questo post sto seriamente collegandolo al fatto che non è stata molto con la sua mamma quindi determinate cose non le ha imparate,qualsiasi informazione in piu sarebbe ben accetta,ve me sarei veramente grata!!
        buona serata a tutti voi!!

  8. Stesso problema di Cinzia: la cucciolina è entrata ora nell’undicesima settimana, prima viveva con un’altra famiglia che però non ho idea da dove l’abbia presa. So che viveva con un alto cane, quindi presuppongo che la socializzazione primaria (e quindi il “cain”) l’abbia potuta intraprendere.
    Ciononostante, più faccio “cain”, più lei si agita e continua a mordere e ringhiare.
    Le ho insegnando i comandi di base “seduta”, “terra”, “ferma”, sto procedendo con “lascia” e “no” (quest’ultimo non se lo caga di striscio però…), ma continua a non fare nessun effetto 🙁
    Non posso portarla da un educatore poiché non ha ancora iniziato le vaccinazioni (inizia tra due settimane…), ma questa cosa ho paura che possa diventare, a lungo andare, pericolosa per il cane e per gli altri.
    Sapresti darmi dei consigli?

    Grazie mille

    • Ciao cara! Ovviamente non sono la più indicata a risponderti quì, ma posso dirti di stare tranquilla e avere un pò di fiducia la mia cagnolina ora ha 11 mesi ed è da parecchio che ha smesso con il mordere le persone. C’e n’è voluto però!! (stiamo parlando di un cocker fulvo quindi anche molto difficile da trattare) ma con i soliti metodi se mi mordi mi arrabbio ha funzionato. Quando mordeva io la prendevo in braccio la costringevo a guardarmi facevo la faccia MOLTO VISIBILMENTE arrabiata e smettevo di giocare con lei. Io la prendevo in braccio perchè altrimenti non mi guardava nè si fermava. In ogni caso, è passato insomma!! 🙂

      • Ciao,
        ho appena presso un cucciolo di cocker di 4 mesi fulvo, sempre con la mamma e di un buon allevamento. Ci ringhia a noi ogni tanto, allora mi hanno consigliata di portarla in mezzo alla gente, ringhia a tutti e cerca di mordere con aggressività e trema come una foglia, sembrerebbe paura.
        Mi puoi dare un qualche consiglio.
        Grazie e saluti

  9. Ho provato a prenderla in braccio una volta, ma morde ancora più forte…

  10. E’ passato un mese e le cose sono rimaste uguali o addirittura peggiorate, poiché la forza che imprime nei morsi è aumentata…
    Siamo arrivati alla fase che al mio “NO” corrisponde un attacco fisico con morsi e ringhi… Inizia a farmi davvero male, non so più cosa fare 🙁
    C’è da dire che evidentemente non riesco a impormi col cane: ieri eravamo ad una puppy class e non veniva mai quando la chiamavo, neanche il wurstel aiutava nell’impresa…
    Vivo in Germania e quindi andare da un educatore ora è un problema per la lingua, mi date una mano finché non ne trovo uno che parli inglese o italiano?
    Sono disperata 🙁

  11. Micol, scusa ma mi ero persa anche il tuo primo post. Mi fai un riassuntino? Quanto tempo ha la cucciola, di che razza è, cos’hai fatto fino ad oggi (oltre al NO che evidentemente con lei non funziona)?

  12. Allora, è una bastardina, l’ha trovata una famiglia che l’ha tenuta per un po’ di giorni, ma da quello che ho capito non andava il cane che avevano non l’accettava… Dovrebbe avere intorno ai 4 mesi ora.
    La porto alle classi di socializzazione da un paio di settimane e con i cani è tranquilla, il problema evidentemente sono io: non so cosa ho sbagliato (ma probabilmente se lo sapessi non sarei qui a chiedere XD).
    So sicuramente di aver sbagliato a farla salire sul letto e sul divano, ma io non riesco a lottare ogni notte, ho bisogno di dormire in questo periodo, ho iniziato un secondo lavoro.
    Comunque, le ho provate un po’ tutte: ho provato con il “Cain”, ma appena lo faccio, mi morde ancora più forte; ho provato ad allontanarmi in un’altra stanza, ma la cosa non sembra scalfirla; ho provato ad allontanarla in un’altra stanza e questo la calma per qualche minuto; ho provato con il “NO” e mi morde ancora più forte; ho provato con il “Lascia” e lascia solo se ho un croccantino in mano.
    Ovviamente queste soluzioni le ho provate per un po’ di giorni ciascuna, non è che al primo tentativo cambiavo…
    Ripeto, mi prendo tutta la responsabilità, non sono una di quelle che dice “Non ho fatto niente di male”, il fatto è che non so proprio dove ho sbagliato e non so come rimediare alla situazione.
    I morsi sono molto forti e inizia a farmi davvero male, a volte ho quasi paura a giocare con lei…

    Grazie per l’attenzione e scusate, appena trovo un addestratore/educatore anglofono/italofono mi ci fiondo, per ora non posso fare altro che chiedere qui 🙁

    • E’ decisamente un terrier, anche più che per metà! E come tale, è “mozzicona inside” 🙂
      Qualche suggerimento spicciolo (per darne di meno spiccioli dovrei vedere il cane, ma se stai in Germania la vedo dura…):
      a) abituala a giocare col salamotto, al classico tira-molla, e insegnale il “lascia” utilizzando il doppio salamotto (ti faccio giocare col secondo solo se molli il primo);
      b) falle sfogare così la sua mordacità, decisamente elevata, bloccando qualsiasi altro tentativo di esercitarla su braccia, gambe eccetera. Il chiuderla in un’altra stanza (preceduto da un deciso !NO!), è un buon metodo.
      c) insegnale seduto, terra, resta (anche col bocconcino, se ti è più semplice), e chiedile di fare uno di questi esercizi prima di concederle di giocare a mordere; falle grandissimi complimenti ogni volta che esegue bene un esercizio e ogni volta che fa il “lascia”: il cane deve imparare a capire quando siamo contenti di lui!
      In generale: il fatto che tu cambi continuamente sistema fa pensare al cane che, se insiste abbastanza a lungo, tu ti stuferai di chiederle di fare qualcosa: non devi stufarti solo dopo qualche insuccesso. Decidi quali ordini deve imparare (No, Lascia ecc.) e continua ad usare quelli, “obbligandola” ad obbedire anche quando sembra che le entrino da un orecchio e escano dall’altro.
      Sinceramente non credo che esista cane che al NO! “morde ancora più forte”, se ha davvero capito il significato del NO. Evidentemente lei l’ha preso per qualcosa che significa “giochiamo più duro ancora!”
      Quindi, spiegale cosa significa in contesti diversi da quelli in cui ti morde (non è che il cane sappia da solo cosa vuol dire NO: bisogna insegnarglielo! In questo articolo trovi il mio personale metodo, ma possono essercene anche altri: scegli quello che preferisci, ma insegnaglielo!)
      Poi famme sape’ se trovi qualche miglioramento…e ovviamente, appena trovi l’educatore che parli una lingua comprensibile, fiondatici perché educare un cane via internet non è proprio la cosa più semplice del mondo 🙂

  13. Se vuoi posso postarti una foto del cane, per farti capire meglio magari che discendenze ha. Per me è metà terrier, visto che scava come una pazza…
    https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc6/250981_4122412826837_1846299118_n.jpg Eccola la mia peste 😀

  14. Anche io sto avendo problemi di morso.

    Ho preso la mia cucciola (pastore australiano certificato con pedigree) da un allevamento direi come si deve (tengono solo tre o quattro razze e hanno pochi cani, e ampi spazi in cui li lasciano giocare etc).

    Ha quattro mesi appena compiuti e l’abbiamo presa una settimana fa.

    Ogni tanto le viene voglia di giocare e inizia a mordere qualsiasi cosa, compresi pantaloni e maniche delle magliette……e mani.

    Sto piano piano cercando di insegnarle in “lascia” utilizzando una pallina. La maggior parte delle volte lascia, ma non sempre.

    Per quanto tempo devo esercitarla ogni giorno? Una volta che ha lasciato devo lasciarla giocare con la pallina?

    Huskie

  15. Grazie dei consigli. Io ho un cucciolo incrocio di mastino napoletano e mastino spagnolo; ha 4 mesi, pesa gia 29 chili (per 53cm al garrese), ha gia la forza di un cane adulto ma ancora i denti (affilatissimi) da latte. E non e’ in grado di rendersi conto della sua forza. Immagina come sono ridotte le mie mani; anche perche il suo “non utilizzare tutta la forza” e’ comunque un buon morso

    • A quattro mesi ha ancora i denti da latte? Qualcosa non torna!

      • Scusa se approfitto, ma a che eta li dovrebbe 8o li avrebbe dovuti cambiare)? E cosa mi consigli di fare?

        • Dai tre mesi e mezzo ai quattro mesi almeno gli incisivi dovrebbero essere tutti definitivi. Se li avesse ancora tutti da latte, sarebbe più giovane di quanto ti è stato detto. Da dove arriva il cane?
          Oppure… prova a controllare meglio: magari gli incisivi sono già quelli nuovi e tu non te sei accorto! 🙂

          • Me lo ha dato un privato che aveva fatto una cucciolata. Sono andato a prenderlo a casa sua. Quando me lo ha dato aveva solo 32 giorni, ma visto che lo aveva gia separato dalla mamma (che teneva in un altro giardino) e che io e mia moglie abbiamo anche una meticcia di tre anni e mezzo abbiamo deciso di prenderlo pensando che la nostra meticcia potesse fargli da mamma sostituta. Quindi non credo che possa essere piu giovane di 4 mesi, visto che quando ce lo ha dato era gia stato svezzato. Quel giorno potemmo vedere la mamma (un mastino spagnolo) e altri tre dei fratellini della stessa cucciolata (gli altri 4 gia erano stati consegnati il giorno prima). Del padre abbiamo visto solo delle foto visto che non era suo. Comunque ha dei denti veramente piccoli in confronto con le sue dimensioni, e la cosa lo fa apparire davvero buffo. Il veterinario mi ha detto che dovrebbe cambiarli da un momento all’ altro perche secondo lui e’ normale che il cambio avvenga tra i 4 e i 5 mesi di eta.
            Scusa se continuo ad approfittare della disponibilita, pero’ non gli sono ancora neanche scesi i testicoli. E’ normale alla sua eta’? Perche il veterinario mi ha detto che scendono verso i 6 mesi

  16. ciao, io e il mio compagno abbiamo trovato i tuoi interessantissimi consigli xche’ ne stavamo cercando,visto che il nostro jack russel che abbiamo da una settimana sta’ iniziando a lasciarci i segni dei suoi dentini su mani e piedi! l’abbiamo preso appena compiuti i due mesi,e’ un tesoro,questo e’ l’unico neo che x ora possiamo trovargli! nonostante la sua eta’,secondo te puo’ gia’ imparare? nel senso,noi pensiamo da “pagani”,che sia ancora tutto troppo un gioco xche’ si impegni a seguire i nostri insegnamenti,tu cosa ne pensi? ti ringrazio gia’ da ora x l’attenzione.

  17. ciao, io sono una volontaria di un canile, e sto cercando di adottare una cane di 5 anni labrador incrocio pitbull.
    fuori è dolcissimo a parte che tira. ma nn è questo il problema… quando entro nel suo box per l’eccitazione di uscire prende sempre le mani per giocare, solo che fa male.
    adesso mi informerò per educarlo perchè se dovessi prenderlo sarebbe ingestibile. eppure esce tutti i giorni e anche se ritorniamo da ore di passeggiate, se esco dal box e rientro ha sempre la stessa reazione con tutte le persone. infatti la mia paura è che se lo adottassi dovrei sempre stare attenta ad entrare in casa o far entrare qualcuno. spero in bene perchè adoro quel cagnolone…

  18. Interessantissimo il suo articolo e vorrei approfittare anch’io per chiedere un paio di informazioni. Da un paio di settimane ho adottato un cucciolo abbandonato, dalla prima visita veterinaria ha circa 35/40 giorni, dall’aspetto sembra un incrocio di Pointer.
    Ha ovviamente il vizio del morsicare, qualsiasi cosa, non ha forza abbastanza per far male, ma ha un comportamento già abbastanza “aggressivo”, quando prende i giochi li scuote con una tale energia che spesso finisce a gambe all’aria e ringhia e quando decide di morsicare mani, braccia, gambe e abiti già serra la mandibola che è un bel da fare riaprirla.
    E’ chiaro che con lui non funziona il “cain”, non ha fatto in tempo a impararlo, una cosa che faccio e che sembra sortire effetto è appena prenderlo e tenerlo fermo a terra, sdraiato sul fianco, come dicono farebbe un cane adulto, non gli parlo e non gli faccio male, nelle primissime volte si inc…zzava parecchio e cercava di mordere la mano che lo tratteneva, ma io la tenevo sopra la scapola, appena dietro alla nuca e lui non la raggiungeva, inizia a lottare sempre meno e appena non cerca più di azzannarmi io lo rimetto sulle zampe e lo lascio andare, una volta libero non cerca più di mordermi, va di solito in cerca dei suoi giochi oppure rimane seduto e mi guarda più tranquillo, in questi momenti lo riempio di coccole e complimenti. Cosa ne pensi, sto sbagliando qualcosa? E’ giusto quello che faccio? Per il momento sembra funzionare, ma a lungo andare? E’ solo una fase che passerà o devo fare qualcos’altro? Grazie.

  19. Ciao, sono in grossa difficoltà e avrei bisogno d’aiuto.
    15 gg fa ho perso il mio amato cagnetto in un incidente stradale. Dopo 3 giorni di pianti miei e dei miei due figli sono andata da un privato che aveva dei cuccioli simil yorkie ( come li definisci tu )nata il 01/03/13 e ho portato a casa Ginger. E’ stato bello avere una cucciola in casa, ma non mi ricordo più nulla! Credo di sbagliare tutto con lei difatti oggi mentre la pulivo con una salvietta perchè era tutta inpolverata mi ha ringhiato. io non l’ho considerata e alla lunga si è rivoltata e mi ha morsicata. non mi era mai capitato con Dengue il mio cane precedente. Sono emotivamente avvilita. cosa devo fare? quale libro mi consigli di prendere per cercare di capire quali siano i comportamenti migliori da attuare. Mi sembra di essere ad un vicolo cieco. Pensavo che l’amore e la cura bastassero, ma forse li applico in modo sbagliato. Se mi rispondessi te ne sarei veramente grata.
    saluti Romina

    • I consigli su come non farsi mordere da un cucciolo che sta giocando li trovi nell’articolo: se però il cucciolo morde seriamente, per autodifesa, direi, a giudicare dalla tua descrizione, allora temo che i privati non abbiano impostato bene il rapporto impregnazione/socializzazione eccetera (magari non sapevano neppure cosa fossero…). Se così fosse, con i libri ci fai poco… prova a desenbilizzare la cucciola, abituandola gradualmente a farsi toccare, maneggiare, spazzolare. Rispetta i suoi avvertimenti: se ringhia smetti di manipolarla. Però mettila in un kennel (trasportino), lasciacela qualche minuto, poi falla uscire e ricomincia a spazzolarla o a passarle la salvietta.
      Abbina tutte queste “invasioni della sua privacy” con qualcosa di piacevole (giochino, biscottino…), ma nel frattempo dalle regole precise sulla convivenza con gli umani. Non coccolarla eccessivamente, ma solo come “premio” quando si è comportata bene. I cani hanno bisogno di amore, sì, ma soprattutto di regole: devono capire chi dirige l’orchestra, ma soprattutto perché la dirige.Devi convincere la cucciola che tu sai quello che è meglio per lei e per tutto il branco/famiglia. Sii autorevole, non autoritaria: ma neanche troppo “mammina che cura la sua bambina”, perché questo ti fa apparire debole e quindi non rispettabile.

  20. Ho trovato molto interessanti i tuoi consigli e desidero intervenire in questa discussione per chiederti un aiuto e una possibilità anche di contatto in privato.
    Ho un cucciolo nato il 29 marzo 2013. Si tratta di un terrier meticcio, proveniente dall’accoppiamento di una yorkshire (non so dirti quanto pura ma bellissima) e di un jack russell (anche questo non so dirti quanto puro ma molto bello).
    La femmina è di un mio amico. Il mio piccolo, che ho scelto la notte stessa in cui è nato (una cucciolata di 4 maschi e 2 femmine) , era l’unico ad avere il mantello bicolore bianco e nero e il viso tricolore bianco, marrone e nero, mentre gli altri fratelli erano bianchi e marrone senza traccia di nero. Il padre non ha traccia di nero, mentre la madre sì.
    L’ho seguito giorno per giorno mentre veniva accudito dalla mamma e stava con i fratellini.
    Il cinquantesimo giorno l’ho portato a casa. Avrei voluto che rimanesse ancora un po’ con la mamma, ma già i fratellini erano andati tutti i via e la mamma era particolarmente provata e smagrita.
    Si è subito ben ambientato. Immediatamente portato dal veterinario. Tutto in ordine, anzi mi è stato detto che era neurologicamente avanzato. Non aveva parassiti nè sulla pelle nè nell’intestino. Dopo i due mesi ho cominciato le,vaccinazioni, ora concluse e l’applicazione del microchip. Analisi delle feci ogni 15 giorni sempre negativo.
    È stupendo. Adesso è 26 cm al garrese e pesa poco più di sei kili.
    Ha cominciato a rispondere ai primi comandi, ad esempio “seduto” e “vieni qui”.
    Purtroppo sto “lottando” con due problemi importanti : l’alimentazione e i morsi.
    Specifico che trascorro con lui tutto il giorno, avendo molto tempo libero.
    L’alimentazione perchè è molto selettivo e al tempo stesso molto esigente. Non vuole più i croccantini, o almeno non in quantità sufficiente (ho cominciato con i puppy della Hills, poi i puppy della Almo Nature Rouge, poi i puppy della Belcando) e adora la fesa di tacchino o di pollo, i filetti di agnello o i bocconcini di pollo e baccalà della Perrito, , il parmigiano, la mozzarella.
    E quindi non riesco piùmad avere un controllo sul bilanciamento dell’alimentazione. Ho provato a fare il duro. Propoendogli soltanto croccantini, ma per due giorni non ne ha voluto sapere e considerato che è estate, poi ho ceduto io ed era affamatissimo, infatti hamfatto fuori tutto quello che gli ho proposto tranne i croccantini.
    La seconda questione è il morso. Ha sempre mordicchiato e giocavamo molto con i morsetti, ma poi ha cominciato a lacerarmi la pelle e a farmi male. Adesso si relazione a me sempre mordendomi. Mi morde per richiamare la mia attenzione, mi morde per esprimermi il suo disappunto, mi morde se vuole giocare e io ho altro da fare, mi morde se non gradisce quello che gli propongo come cibo, mi morde anche fuori se gli faccio percorrere una strada dicersa da quella che vuole o se lo allontano da qualcosa che gli piace ma che potrebbe anche essere pericoloso.negli ultimi giorni addirittura qualche volta se mi vede seduto sul divano salta sopra e comincia a mordermi nelle mani e anche nelle braccia e se gli offro la schiena mi morde la schiena.
    Ho bisogno di un aiuto urgentissimo, perchè ripeto è un cagnolino stupendo e con lui trascorro quasi oer intero le mie giornate. Grazie.

    • Il tuo cucciolo ti ha addestrato perfettamente: ti ha convinto a dargli da mangiare quello che pare a lui e adesso ti sta dando ordini a suon di morsi, con te che obbedisci.
      Non credi che sia arrivato il momento di capovolgere la situazione?
      Rivolgiti a qualcuno BRAVO che ti spieghi come rimettere a posto le gerarchie in casa tua, perché in cinque mesi ‘sto cucciolo ti ha già messo i piedi in testa e temo che da solo non ce la farai a riprendere il controllo della situazione 🙁

      • Sì sono convinto anche io che mi abbia addestrato perfettamente, ma io mi sono lasciato addestrare con tanto amore, quindi non è questo che mi disturba, quanto il timore che possa non essere adeguato alla felicità e alla salute del mio cucciolo.
        Temo, cioè, che i suoi comportamenti possano essere segni di malessere.
        Ho bisogno di qualcuno che mi segua? Concordo! E ti sarei grato se potessi darmi qualche indicazione concreta. Possiamo sentirci in privato via email o telefono? Ho letto che hai tenuto dei corsi anche dalle mie parti, spero quindi che potrai indicarmi qualcuno di cui fidarmi quanto a professionalità edmefficacia dell’intervento. Come tu scrivi oggi ci sono tanti educatori cinofili, ma non sempre si riesce a trovare quello giusto per il proprio caso. Ancora grazie.

  21. Aggiornamento dopo sei o sette mesi dal mio post. La cucciola (di ormai un anno compiuto) ha smesso totalmente di mordere. Probabilmente lo faceva solo per giocare quando ancora aveva pochi mesi. Ora capita che tiri qualche morso mentre giochiamo al tira e molla ma sono azioni del tutto accidentali e quindi non volute (il dito capita sotto i denti mentre giochiamo) e ciò non costituisce quindi un problema.

    Ciao a tutti e spero possiate risolvere i vostri problemi!!

  22. Bene! 🙂

  23. Ciao! Ho adottato da circa 3 settimane una cucciola incrocio amstaff trovata in Sicilia. La prima settimana è stata un angioletto e, a parte il problema delle mille pipì fuori dalle traversine, problemi non ce n’erano.. Adesso che ha preso confidenza ha cominciato a giocare con la bocca, facendomi anche male certe volte. Solitamente al NO risponde, ma quando le prendono sti attacchi di gioco si ribella e ringhia e abbaia sempre di più, all’inizio provavo con questo metodo, un NO secco ma niente.. Ho provato cercando di simulare il suo verso quando si fa male ma anche questo niente. Di imparare il LASCIA non ne vuole proprio sapere.. Certe volte quando mi ha fatto proprio male mi sono anche alterata (sbagliando, lo so) e lei si metteva a mordere e tirare lenzuola o copridivano o tovaglia quasi per farmi un dispetto..
    La cucciola pesa già una decina di kili e non ha ancora cambiato i denti da latte, la veterinaria mi ha detto che li dovrebbero cambiare a 3 mesi e mezzo ma lei ancora nulla anche se in teoria dovrebbe già averli.. Poi a parte i denti un altro problema sono le unghie, mi graffia tantissimo quando mi salta addosso, ma non è presto per tagliarle?
    Portarla a una puppy class per questi comportamenti aiuterà?
    Grazie per le eventuali risposte 🙂

  24. AIUTO, è proprio il caso di dirlo..E l’insicurezza mi sta fregando..Da tre giorni è arrivata la nostra Grappa, cucciola di due mesi e quasi 20 giorni, pastore bergamasco. La signorina aggancia e non molla maniche di felpe e maglie, mani, piedi e mentre camminiamo pianta i denti nei polpacci. Il CAIN non le fa un baffo. Devo proprio aprirle le mascelle per toglierle di bocca quelle che erano un paio di felpe, visto che predilige i miei polsi e buca che è una meraviglia.. Sono passata al NO! E qui si butta a terra, mi guarda e poi si lancia con nuovo impeto..La cosa è un po’ estenuante, anche per i miei figlioli..Passo al giornale arrotolato sul sedere? Il “lascia” non riesco a farlo come si deve, colpa mia,perchè non funziona tanto. Ho ben in programma alcune lezioni con un educatore, ma nel frattempo, non vorrei combinare castronate..Se qualcuno passa di qui per darmi qualche altra dritta, sono tutta orecchie..

    • Lascia perdere i giornali: lo prenderebbe come un nuovo gioco. Il NO! funziona se il cane sa cosa significa, altrimenti non serve a nulla: devi insegnarglielo “a parte” (vedi anche questo articolo: http://www.tipresentoilcane.com/2011/08/04/educazione-ce-chi-dice-no-lo-stop-e-la-famigerata-punizione-consigli-pratici/)
      Per i cuccioli mordicchioni io suggerisco sempre le “prese”, di collo o di muso: in pratica, devi bloccare fisicamente l’azione della piccola immobilizzandole il muso o tutta la testa con una mano, e dandole contemporaneamente un ordine (per esempio: BASTA!) che le faccia capire che sta esagerando. Non devi assolutamente farle male, ma solo impedirle di continuare a mordere. Nel contempo insegnale anche il PIANO!, utilizzando il cibo: tieni un bocconcino in un una mano e porgiglielo. Se lei ci si avventa, interponi l’altra mano dicendole: PIANO! e dalle il cibo solo quando si approccia con delicatezza. La cucciola si condizionerà facilmente a prendere “piano” qualsiasi cosa (comprese le vostre braccia-gambe).
      In ogni caso, vai al più presto a fare il corso di educazione 🙂

  25. ciao a tutti, io volevo delle informazioni di questo genere:
    siamo un gruppo con cani tutti adulti dai 2 ai 14 anni, i maschi vanno tutti generalmente d’accordo a parte qualche screzio dovuto alle palline, ultimamente il cane di una nostra amica un pastore australiano di quasi 2 anni comincia a dare segni di dominanza, oltre a sfidare gli altri maschi da qualche tempo a cominciato ad avvicinarsi al muso del mio golden di quasi 3 anni e di pizzicarlo con i denti , dando proprio dei piccoli morsi veloci il mio cane per il momento lo ha sempre ignorato (altri hanno reagito diversamente), girandosi dall’altra parte o non considerandolo proprio. vorrei sapere nel linguaggio dei cani cosa significa questo mordicchiare il muso di un altro cane oltretutto più grande, a anche sapere quali segnali devo riconoscere prima che il mio cane si scocci della situazione e reagisca.

    Grazie mille per l’aiuto.

  26. Salve a tutti,
    il mio cane ha un’energia pazzesca! Quando non corriamo assieme e quando non ci sono altri cani, iniziano a correre in cerchio da solo alla velocità della luce e poi si mette a mordermi il braccio. Morde ma lascia subito la presa, per cui è inutile il lascia perché non c’è più nulla da lasciare (il comando “lascia” comunque l’ha imparato qualche mese fa giocando in cortile con una pallina).
    Ho notato appunto che: urlandogli NO o altro lui non smette; voltandomi lui mi zompa sulla schiena o mi morde i glutei 🙂
    Io sto facendo così: appena lo acciuffo lo immobilizzo (entrambi da seduti, quindi non mi metto sopra di lui) per qualche minuto e appena noto che s’è calmato lo lascio libero e non mi fa più nulla perché la sua voglia è scomparsa.
    Ho notato anche che un cane quando non vuol più giocare, si sdraia e tira fuori la lingua come per dire: “ehy, basta, son stanchissimo, calmati anche te!”. Possiamo provare a fare così anche noi umani, oltre ad emettere il suono del dolore, “CAIN” o “AHI”?

  27. ho appena portato a casa un inizialmente dolcissimo cagnolino, che però ora morde un sacco e non fa più le coccole. appena lo prendo in braccio si agita e se è stanco vuole solo la sua cuccia, a volte mi sembra arrabbiato perchè sta spesso da solo per intere giornate, ricordo però che della sua cucciolata lui era il più preso di mira dalla mamma che ci giocava insieme e a volte insisteva anche se lui faceva cain.. tanto che a volte interveniva la padroncina dei cagnolini a difenderlo.

  28. scusate, mi sono dimenticata di informarvi che è solo una settimana che è con me e che è un meticcio di taglia piccola di due mesi oggi…grazie

  29. Ciao a tutti ho cercato questo articolo perchè ho un pastore tedesco di circa 3 mesi che sta con noi da un mese.
    Ha il vizio di giocare pesantemente con mio marito mentre con me non lo fa,
    diversamente se la chiamo io non risponde quasi mai se la chiama mio marito arriva subito.
    E’ una femmina ed è cresciuta con 8 fratelli…..come faccio a farla smettere di essere cosi’ aggressiva con mio marito?
    Grazie

    • AGGRESSIVA?!? Ma sta giocando! 🙁

      • Si lo so’ che gioca ma non si rende conto della forza che usa …
        ho seguito i consigli sul CAIIII….e si ferma…premietto e iniziamo un altro gioco con ossa con palline e corre per il giardino….ho sbagliato?

        • No, va benissimo… ma tuo marito fa le stesse cose?

          • si non ci credeva e poi ha iniziato anche lui……e Dea ha smesso di morderlo con “ferocia”……tanto la pelosa benissimo che lui la vizia e basta
            Ti ringrazio molto per il tuo aiuto e sono importantissimi i tuoi articoli
            Mi piace molto leggere quello che scrivi e cerco di trarne insegnamento
            Grazie grazie grazie

  30. Cara Valeria, ho l’impressione che il discorso del Cain vada bene nel caso di cani che hanno passato più di otto settimane con la mamma e i fratelli. Che dovrebbe essere la norma. Ma se un cucciolo è stato portato a casa a sette settimane potrebbe non aver imparato a regolarsi durante il gioco con i suoi simili e per questo mordere forte senza controllo anche con gli umani .cosa consigli?

    • Assolutamente vero, il cain funziona solo per chi è vissuto abbastanza nella famiglia di origine.
      Per chi ha avuto esperienze diverse è meglio insegnare prima possibile il “piano!” e il “lascia”, e utilizzare quelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




58 commenti

  1. Il video me l’ero persa, davvero simpatico 😀

  2. Consigli sensati…
    Due considerazioni frutto esclusivamente della mia esperienza con i miei patatoni mozziconi.
    Il cai o comunque lo strilletto acuto funziona abbastanza bene con i cuccioli o con i cuccioloni patatoni, spesso “il vizietto” viene ignorato dai proprietario e lo si ritrova anche in soggetti adulti o quasi, il proprietario comincia a preoccuparsene quando davvero si trova le braccia piene di lividi dolorosi.
    In questi casi magari occorre qualcosa di più energico per distrarre il cane ( la classica lattina piena di monetine, un fischietto ecc) lascia… come molla premietto, come appunto descritto.
    Infine, per par condicio, se l’ignorare il cane è la classica proposta dei gentilisti ( ed in effetti funziona certe volte si e certe volte no ) la “caracca fra capo e collo” o la schienata è il classico consiglio da “tradizionalista” , con le conseguenze che ricordava …

  3. E gli altri ?

  4. Pensa che nella mia istruzione cinofiila fai da te ho sempre letto che ignorare è la soluzione migliore in questo caso. Nessuno ha mai pensato a guardare cosa fanno DAVVERO in natura. Sapendo queste informazioni (che non avevo letto da nessun’altra parte fin’ora) si capisce che persino qui gli animali sono stati un po’ umanizzati ( “Ignorare” è quello che fanno gli umani con gli altri umani quando una cosa non ci va)

    • In teoria il freezing e’ funziona per abbassare il livello di eccitazione: se non basta ci sono -come già detto- altri metodi

  5. cri alyce torty

    Una mia amica,mentre il cane mordeva gli metteva sotto il dentino un lembo della pelle del muso…ora il cane assolutamente non morde…e non ha perso comunque l’uso del morso…infatti è un ottimo riportatore…(anche troppo!)

  6. No ok parliamone la mia cucciola di 2 mesi non mi caga proprio posso fare cain quanto mi pare manco mi guarda e continua a stringere forte. Anche se mi immobilizzo, bè non gliene può fregar di meno…… Che dovrei fare?? =.=”

    • Ok, parliamone. Serve innanzitutto qualche informazione: la tua cucciola da dove arriva? Come ha vissuto le prime settimane di vita? Per quanto tempo è stata insieme a madre e fratellini? E’ cresciuta anche con il padre, o comunque con un maschio adulto?

      • allora la mia cucciola arriva da un allevamento “contadino” è vissuta in campagnia (è un cocker spaniel inglese) sta con me da 2 settimane ed è vissuta in campagna con mamma papà e fratellini fino a 1 mese e 10 giorni. Non era curata, non ha pedegree e quando l’ho presa era immersa in cacca e pupù (infatti lei non ha nessun problema a dormirci sopra purtroppo, ma questo lo sta imparando a forza di premi) e piena di pulci. Sta imparando il vieni e a fare la pupù nei giornali nell’angolo allestito a posta ma quando gioca, non ascolta niente e nessuno. Si fa trasportare dal gioco e arriva a mordere abbaiare e ringhiare forte quando dopo il morso io visto che non sente il cain non mi caga quando mi fermo, allora mi siedo dritta e mi giro dall’altra parte.

        • Un mese e dieci giorni 🙁 … ovvero, più o meno quaranta giorni: l’età in cui, se fosse rimasta nella sua famiglia (canina) di origine, avrebbe COMINCIATO ad imparare l’inibizione del morso e tante altre cose che, purtroppo, le mancheranno per tutta la vita.
          Ecco spiegato perché non reagisce al “cain”; né all’indifferenza: purtroppo nessuno gliene ha mai insegnato il significato. In pratica tu, facendo CAIN, imiti una cosa che lei non conosce e che quindi non potrebbe capire neanche se venisse da un cane “vero”… e figuriamoci da un cane “finto”, ovvero da un umano che finge di fare il cane.
          Lascia pure perdere, perché non funzionerà. Devi trovare altri mezzi, per esempio insegnarle il “NO”, dirglielo quando mozzica, offrirle in cambio qualcosa di “masticabile” al posto delle tue mani (uno straccetto, un salsicciotto di corda, una pallina con l’elastico) e premiarla quando utilizza quello.

  7. si purtroppo non è stata mia volontà prenderla così presto. Sono andata dietro alla protezione animali che li hanno portati via e mi sono presa lei. Purtroppo i cuccioli stavano tutti male stavano con un macellaio. Ecco spiegato comunque. Allora mi impegnerò sull’insegnamento del “no” e premi quando morde il gioco e non le mani. Grazie mille. Sei la mia mentore lo sai? Sto imparando a memoria ogni post del tuo bel blog. 🙂

    • Grazie 🙂 …ma mi è appena venuta in mente una cosa: una mia amica, che è una bravissima educatrice cinofila, ha preso da un paio di mesi una cagnina che ha gli stessi identici problemi della tua (e probabilmente con la stessa origine: è stata sottratta alla madre da piccolissima). Lei sta (faticosamente) risolvendo pian piano tutti i problemi: se mi scrivi in pvt (a [email protected]) posso darti i suoi recapiti: sicuramente lei avrà qualche buon suggerimento da darti, visto che sta vivendo la stessa esperienza.

      • anche io ho il suo stesso problema,abbiamo trovato circa una settimana fa una scatola con 3 cuccioli,fortunamente tutti adottati uno dei quali è venuto con me!a detta della veterinaria la cucciola ha circa 1 mese e mezzo non di piu,infatti noto con piacere che morde spesso,e anche quando faccio finta di piangere e farmi male non molla la presa,non so proprio quello che fare!molti dicono che è l’eta ma adesso leggendo questo post sto seriamente collegandolo al fatto che non è stata molto con la sua mamma quindi determinate cose non le ha imparate,qualsiasi informazione in piu sarebbe ben accetta,ve me sarei veramente grata!!
        buona serata a tutti voi!!

  8. Stesso problema di Cinzia: la cucciolina è entrata ora nell’undicesima settimana, prima viveva con un’altra famiglia che però non ho idea da dove l’abbia presa. So che viveva con un alto cane, quindi presuppongo che la socializzazione primaria (e quindi il “cain”) l’abbia potuta intraprendere.
    Ciononostante, più faccio “cain”, più lei si agita e continua a mordere e ringhiare.
    Le ho insegnando i comandi di base “seduta”, “terra”, “ferma”, sto procedendo con “lascia” e “no” (quest’ultimo non se lo caga di striscio però…), ma continua a non fare nessun effetto 🙁
    Non posso portarla da un educatore poiché non ha ancora iniziato le vaccinazioni (inizia tra due settimane…), ma questa cosa ho paura che possa diventare, a lungo andare, pericolosa per il cane e per gli altri.
    Sapresti darmi dei consigli?

    Grazie mille

    • Ciao cara! Ovviamente non sono la più indicata a risponderti quì, ma posso dirti di stare tranquilla e avere un pò di fiducia la mia cagnolina ora ha 11 mesi ed è da parecchio che ha smesso con il mordere le persone. C’e n’è voluto però!! (stiamo parlando di un cocker fulvo quindi anche molto difficile da trattare) ma con i soliti metodi se mi mordi mi arrabbio ha funzionato. Quando mordeva io la prendevo in braccio la costringevo a guardarmi facevo la faccia MOLTO VISIBILMENTE arrabiata e smettevo di giocare con lei. Io la prendevo in braccio perchè altrimenti non mi guardava nè si fermava. In ogni caso, è passato insomma!! 🙂

      • Ciao,
        ho appena presso un cucciolo di cocker di 4 mesi fulvo, sempre con la mamma e di un buon allevamento. Ci ringhia a noi ogni tanto, allora mi hanno consigliata di portarla in mezzo alla gente, ringhia a tutti e cerca di mordere con aggressività e trema come una foglia, sembrerebbe paura.
        Mi puoi dare un qualche consiglio.
        Grazie e saluti

  9. Ho provato a prenderla in braccio una volta, ma morde ancora più forte…

  10. E’ passato un mese e le cose sono rimaste uguali o addirittura peggiorate, poiché la forza che imprime nei morsi è aumentata…
    Siamo arrivati alla fase che al mio “NO” corrisponde un attacco fisico con morsi e ringhi… Inizia a farmi davvero male, non so più cosa fare 🙁
    C’è da dire che evidentemente non riesco a impormi col cane: ieri eravamo ad una puppy class e non veniva mai quando la chiamavo, neanche il wurstel aiutava nell’impresa…
    Vivo in Germania e quindi andare da un educatore ora è un problema per la lingua, mi date una mano finché non ne trovo uno che parli inglese o italiano?
    Sono disperata 🙁

  11. Micol, scusa ma mi ero persa anche il tuo primo post. Mi fai un riassuntino? Quanto tempo ha la cucciola, di che razza è, cos’hai fatto fino ad oggi (oltre al NO che evidentemente con lei non funziona)?

  12. Allora, è una bastardina, l’ha trovata una famiglia che l’ha tenuta per un po’ di giorni, ma da quello che ho capito non andava il cane che avevano non l’accettava… Dovrebbe avere intorno ai 4 mesi ora.
    La porto alle classi di socializzazione da un paio di settimane e con i cani è tranquilla, il problema evidentemente sono io: non so cosa ho sbagliato (ma probabilmente se lo sapessi non sarei qui a chiedere XD).
    So sicuramente di aver sbagliato a farla salire sul letto e sul divano, ma io non riesco a lottare ogni notte, ho bisogno di dormire in questo periodo, ho iniziato un secondo lavoro.
    Comunque, le ho provate un po’ tutte: ho provato con il “Cain”, ma appena lo faccio, mi morde ancora più forte; ho provato ad allontanarmi in un’altra stanza, ma la cosa non sembra scalfirla; ho provato ad allontanarla in un’altra stanza e questo la calma per qualche minuto; ho provato con il “NO” e mi morde ancora più forte; ho provato con il “Lascia” e lascia solo se ho un croccantino in mano.
    Ovviamente queste soluzioni le ho provate per un po’ di giorni ciascuna, non è che al primo tentativo cambiavo…
    Ripeto, mi prendo tutta la responsabilità, non sono una di quelle che dice “Non ho fatto niente di male”, il fatto è che non so proprio dove ho sbagliato e non so come rimediare alla situazione.
    I morsi sono molto forti e inizia a farmi davvero male, a volte ho quasi paura a giocare con lei…

    Grazie per l’attenzione e scusate, appena trovo un addestratore/educatore anglofono/italofono mi ci fiondo, per ora non posso fare altro che chiedere qui 🙁

    • E’ decisamente un terrier, anche più che per metà! E come tale, è “mozzicona inside” 🙂
      Qualche suggerimento spicciolo (per darne di meno spiccioli dovrei vedere il cane, ma se stai in Germania la vedo dura…):
      a) abituala a giocare col salamotto, al classico tira-molla, e insegnale il “lascia” utilizzando il doppio salamotto (ti faccio giocare col secondo solo se molli il primo);
      b) falle sfogare così la sua mordacità, decisamente elevata, bloccando qualsiasi altro tentativo di esercitarla su braccia, gambe eccetera. Il chiuderla in un’altra stanza (preceduto da un deciso !NO!), è un buon metodo.
      c) insegnale seduto, terra, resta (anche col bocconcino, se ti è più semplice), e chiedile di fare uno di questi esercizi prima di concederle di giocare a mordere; falle grandissimi complimenti ogni volta che esegue bene un esercizio e ogni volta che fa il “lascia”: il cane deve imparare a capire quando siamo contenti di lui!
      In generale: il fatto che tu cambi continuamente sistema fa pensare al cane che, se insiste abbastanza a lungo, tu ti stuferai di chiederle di fare qualcosa: non devi stufarti solo dopo qualche insuccesso. Decidi quali ordini deve imparare (No, Lascia ecc.) e continua ad usare quelli, “obbligandola” ad obbedire anche quando sembra che le entrino da un orecchio e escano dall’altro.
      Sinceramente non credo che esista cane che al NO! “morde ancora più forte”, se ha davvero capito il significato del NO. Evidentemente lei l’ha preso per qualcosa che significa “giochiamo più duro ancora!”
      Quindi, spiegale cosa significa in contesti diversi da quelli in cui ti morde (non è che il cane sappia da solo cosa vuol dire NO: bisogna insegnarglielo! In questo articolo trovi il mio personale metodo, ma possono essercene anche altri: scegli quello che preferisci, ma insegnaglielo!)
      Poi famme sape’ se trovi qualche miglioramento…e ovviamente, appena trovi l’educatore che parli una lingua comprensibile, fiondatici perché educare un cane via internet non è proprio la cosa più semplice del mondo 🙂

  13. Se vuoi posso postarti una foto del cane, per farti capire meglio magari che discendenze ha. Per me è metà terrier, visto che scava come una pazza…
    https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc6/250981_4122412826837_1846299118_n.jpg Eccola la mia peste 😀

  14. Anche io sto avendo problemi di morso.

    Ho preso la mia cucciola (pastore australiano certificato con pedigree) da un allevamento direi come si deve (tengono solo tre o quattro razze e hanno pochi cani, e ampi spazi in cui li lasciano giocare etc).

    Ha quattro mesi appena compiuti e l’abbiamo presa una settimana fa.

    Ogni tanto le viene voglia di giocare e inizia a mordere qualsiasi cosa, compresi pantaloni e maniche delle magliette……e mani.

    Sto piano piano cercando di insegnarle in “lascia” utilizzando una pallina. La maggior parte delle volte lascia, ma non sempre.

    Per quanto tempo devo esercitarla ogni giorno? Una volta che ha lasciato devo lasciarla giocare con la pallina?

    Huskie

  15. Grazie dei consigli. Io ho un cucciolo incrocio di mastino napoletano e mastino spagnolo; ha 4 mesi, pesa gia 29 chili (per 53cm al garrese), ha gia la forza di un cane adulto ma ancora i denti (affilatissimi) da latte. E non e’ in grado di rendersi conto della sua forza. Immagina come sono ridotte le mie mani; anche perche il suo “non utilizzare tutta la forza” e’ comunque un buon morso

    • A quattro mesi ha ancora i denti da latte? Qualcosa non torna!

      • Scusa se approfitto, ma a che eta li dovrebbe 8o li avrebbe dovuti cambiare)? E cosa mi consigli di fare?

        • Dai tre mesi e mezzo ai quattro mesi almeno gli incisivi dovrebbero essere tutti definitivi. Se li avesse ancora tutti da latte, sarebbe più giovane di quanto ti è stato detto. Da dove arriva il cane?
          Oppure… prova a controllare meglio: magari gli incisivi sono già quelli nuovi e tu non te sei accorto! 🙂

          • Me lo ha dato un privato che aveva fatto una cucciolata. Sono andato a prenderlo a casa sua. Quando me lo ha dato aveva solo 32 giorni, ma visto che lo aveva gia separato dalla mamma (che teneva in un altro giardino) e che io e mia moglie abbiamo anche una meticcia di tre anni e mezzo abbiamo deciso di prenderlo pensando che la nostra meticcia potesse fargli da mamma sostituta. Quindi non credo che possa essere piu giovane di 4 mesi, visto che quando ce lo ha dato era gia stato svezzato. Quel giorno potemmo vedere la mamma (un mastino spagnolo) e altri tre dei fratellini della stessa cucciolata (gli altri 4 gia erano stati consegnati il giorno prima). Del padre abbiamo visto solo delle foto visto che non era suo. Comunque ha dei denti veramente piccoli in confronto con le sue dimensioni, e la cosa lo fa apparire davvero buffo. Il veterinario mi ha detto che dovrebbe cambiarli da un momento all’ altro perche secondo lui e’ normale che il cambio avvenga tra i 4 e i 5 mesi di eta.
            Scusa se continuo ad approfittare della disponibilita, pero’ non gli sono ancora neanche scesi i testicoli. E’ normale alla sua eta’? Perche il veterinario mi ha detto che scendono verso i 6 mesi

  16. ciao, io e il mio compagno abbiamo trovato i tuoi interessantissimi consigli xche’ ne stavamo cercando,visto che il nostro jack russel che abbiamo da una settimana sta’ iniziando a lasciarci i segni dei suoi dentini su mani e piedi! l’abbiamo preso appena compiuti i due mesi,e’ un tesoro,questo e’ l’unico neo che x ora possiamo trovargli! nonostante la sua eta’,secondo te puo’ gia’ imparare? nel senso,noi pensiamo da “pagani”,che sia ancora tutto troppo un gioco xche’ si impegni a seguire i nostri insegnamenti,tu cosa ne pensi? ti ringrazio gia’ da ora x l’attenzione.

  17. ciao, io sono una volontaria di un canile, e sto cercando di adottare una cane di 5 anni labrador incrocio pitbull.
    fuori è dolcissimo a parte che tira. ma nn è questo il problema… quando entro nel suo box per l’eccitazione di uscire prende sempre le mani per giocare, solo che fa male.
    adesso mi informerò per educarlo perchè se dovessi prenderlo sarebbe ingestibile. eppure esce tutti i giorni e anche se ritorniamo da ore di passeggiate, se esco dal box e rientro ha sempre la stessa reazione con tutte le persone. infatti la mia paura è che se lo adottassi dovrei sempre stare attenta ad entrare in casa o far entrare qualcuno. spero in bene perchè adoro quel cagnolone…

  18. Interessantissimo il suo articolo e vorrei approfittare anch’io per chiedere un paio di informazioni. Da un paio di settimane ho adottato un cucciolo abbandonato, dalla prima visita veterinaria ha circa 35/40 giorni, dall’aspetto sembra un incrocio di Pointer.
    Ha ovviamente il vizio del morsicare, qualsiasi cosa, non ha forza abbastanza per far male, ma ha un comportamento già abbastanza “aggressivo”, quando prende i giochi li scuote con una tale energia che spesso finisce a gambe all’aria e ringhia e quando decide di morsicare mani, braccia, gambe e abiti già serra la mandibola che è un bel da fare riaprirla.
    E’ chiaro che con lui non funziona il “cain”, non ha fatto in tempo a impararlo, una cosa che faccio e che sembra sortire effetto è appena prenderlo e tenerlo fermo a terra, sdraiato sul fianco, come dicono farebbe un cane adulto, non gli parlo e non gli faccio male, nelle primissime volte si inc…zzava parecchio e cercava di mordere la mano che lo tratteneva, ma io la tenevo sopra la scapola, appena dietro alla nuca e lui non la raggiungeva, inizia a lottare sempre meno e appena non cerca più di azzannarmi io lo rimetto sulle zampe e lo lascio andare, una volta libero non cerca più di mordermi, va di solito in cerca dei suoi giochi oppure rimane seduto e mi guarda più tranquillo, in questi momenti lo riempio di coccole e complimenti. Cosa ne pensi, sto sbagliando qualcosa? E’ giusto quello che faccio? Per il momento sembra funzionare, ma a lungo andare? E’ solo una fase che passerà o devo fare qualcos’altro? Grazie.

  19. Ciao, sono in grossa difficoltà e avrei bisogno d’aiuto.
    15 gg fa ho perso il mio amato cagnetto in un incidente stradale. Dopo 3 giorni di pianti miei e dei miei due figli sono andata da un privato che aveva dei cuccioli simil yorkie ( come li definisci tu )nata il 01/03/13 e ho portato a casa Ginger. E’ stato bello avere una cucciola in casa, ma non mi ricordo più nulla! Credo di sbagliare tutto con lei difatti oggi mentre la pulivo con una salvietta perchè era tutta inpolverata mi ha ringhiato. io non l’ho considerata e alla lunga si è rivoltata e mi ha morsicata. non mi era mai capitato con Dengue il mio cane precedente. Sono emotivamente avvilita. cosa devo fare? quale libro mi consigli di prendere per cercare di capire quali siano i comportamenti migliori da attuare. Mi sembra di essere ad un vicolo cieco. Pensavo che l’amore e la cura bastassero, ma forse li applico in modo sbagliato. Se mi rispondessi te ne sarei veramente grata.
    saluti Romina

    • I consigli su come non farsi mordere da un cucciolo che sta giocando li trovi nell’articolo: se però il cucciolo morde seriamente, per autodifesa, direi, a giudicare dalla tua descrizione, allora temo che i privati non abbiano impostato bene il rapporto impregnazione/socializzazione eccetera (magari non sapevano neppure cosa fossero…). Se così fosse, con i libri ci fai poco… prova a desenbilizzare la cucciola, abituandola gradualmente a farsi toccare, maneggiare, spazzolare. Rispetta i suoi avvertimenti: se ringhia smetti di manipolarla. Però mettila in un kennel (trasportino), lasciacela qualche minuto, poi falla uscire e ricomincia a spazzolarla o a passarle la salvietta.
      Abbina tutte queste “invasioni della sua privacy” con qualcosa di piacevole (giochino, biscottino…), ma nel frattempo dalle regole precise sulla convivenza con gli umani. Non coccolarla eccessivamente, ma solo come “premio” quando si è comportata bene. I cani hanno bisogno di amore, sì, ma soprattutto di regole: devono capire chi dirige l’orchestra, ma soprattutto perché la dirige.Devi convincere la cucciola che tu sai quello che è meglio per lei e per tutto il branco/famiglia. Sii autorevole, non autoritaria: ma neanche troppo “mammina che cura la sua bambina”, perché questo ti fa apparire debole e quindi non rispettabile.

  20. Ho trovato molto interessanti i tuoi consigli e desidero intervenire in questa discussione per chiederti un aiuto e una possibilità anche di contatto in privato.
    Ho un cucciolo nato il 29 marzo 2013. Si tratta di un terrier meticcio, proveniente dall’accoppiamento di una yorkshire (non so dirti quanto pura ma bellissima) e di un jack russell (anche questo non so dirti quanto puro ma molto bello).
    La femmina è di un mio amico. Il mio piccolo, che ho scelto la notte stessa in cui è nato (una cucciolata di 4 maschi e 2 femmine) , era l’unico ad avere il mantello bicolore bianco e nero e il viso tricolore bianco, marrone e nero, mentre gli altri fratelli erano bianchi e marrone senza traccia di nero. Il padre non ha traccia di nero, mentre la madre sì.
    L’ho seguito giorno per giorno mentre veniva accudito dalla mamma e stava con i fratellini.
    Il cinquantesimo giorno l’ho portato a casa. Avrei voluto che rimanesse ancora un po’ con la mamma, ma già i fratellini erano andati tutti i via e la mamma era particolarmente provata e smagrita.
    Si è subito ben ambientato. Immediatamente portato dal veterinario. Tutto in ordine, anzi mi è stato detto che era neurologicamente avanzato. Non aveva parassiti nè sulla pelle nè nell’intestino. Dopo i due mesi ho cominciato le,vaccinazioni, ora concluse e l’applicazione del microchip. Analisi delle feci ogni 15 giorni sempre negativo.
    È stupendo. Adesso è 26 cm al garrese e pesa poco più di sei kili.
    Ha cominciato a rispondere ai primi comandi, ad esempio “seduto” e “vieni qui”.
    Purtroppo sto “lottando” con due problemi importanti : l’alimentazione e i morsi.
    Specifico che trascorro con lui tutto il giorno, avendo molto tempo libero.
    L’alimentazione perchè è molto selettivo e al tempo stesso molto esigente. Non vuole più i croccantini, o almeno non in quantità sufficiente (ho cominciato con i puppy della Hills, poi i puppy della Almo Nature Rouge, poi i puppy della Belcando) e adora la fesa di tacchino o di pollo, i filetti di agnello o i bocconcini di pollo e baccalà della Perrito, , il parmigiano, la mozzarella.
    E quindi non riesco piùmad avere un controllo sul bilanciamento dell’alimentazione. Ho provato a fare il duro. Propoendogli soltanto croccantini, ma per due giorni non ne ha voluto sapere e considerato che è estate, poi ho ceduto io ed era affamatissimo, infatti hamfatto fuori tutto quello che gli ho proposto tranne i croccantini.
    La seconda questione è il morso. Ha sempre mordicchiato e giocavamo molto con i morsetti, ma poi ha cominciato a lacerarmi la pelle e a farmi male. Adesso si relazione a me sempre mordendomi. Mi morde per richiamare la mia attenzione, mi morde per esprimermi il suo disappunto, mi morde se vuole giocare e io ho altro da fare, mi morde se non gradisce quello che gli propongo come cibo, mi morde anche fuori se gli faccio percorrere una strada dicersa da quella che vuole o se lo allontano da qualcosa che gli piace ma che potrebbe anche essere pericoloso.negli ultimi giorni addirittura qualche volta se mi vede seduto sul divano salta sopra e comincia a mordermi nelle mani e anche nelle braccia e se gli offro la schiena mi morde la schiena.
    Ho bisogno di un aiuto urgentissimo, perchè ripeto è un cagnolino stupendo e con lui trascorro quasi oer intero le mie giornate. Grazie.

    • Il tuo cucciolo ti ha addestrato perfettamente: ti ha convinto a dargli da mangiare quello che pare a lui e adesso ti sta dando ordini a suon di morsi, con te che obbedisci.
      Non credi che sia arrivato il momento di capovolgere la situazione?
      Rivolgiti a qualcuno BRAVO che ti spieghi come rimettere a posto le gerarchie in casa tua, perché in cinque mesi ‘sto cucciolo ti ha già messo i piedi in testa e temo che da solo non ce la farai a riprendere il controllo della situazione 🙁

      • Sì sono convinto anche io che mi abbia addestrato perfettamente, ma io mi sono lasciato addestrare con tanto amore, quindi non è questo che mi disturba, quanto il timore che possa non essere adeguato alla felicità e alla salute del mio cucciolo.
        Temo, cioè, che i suoi comportamenti possano essere segni di malessere.
        Ho bisogno di qualcuno che mi segua? Concordo! E ti sarei grato se potessi darmi qualche indicazione concreta. Possiamo sentirci in privato via email o telefono? Ho letto che hai tenuto dei corsi anche dalle mie parti, spero quindi che potrai indicarmi qualcuno di cui fidarmi quanto a professionalità edmefficacia dell’intervento. Come tu scrivi oggi ci sono tanti educatori cinofili, ma non sempre si riesce a trovare quello giusto per il proprio caso. Ancora grazie.

  21. Aggiornamento dopo sei o sette mesi dal mio post. La cucciola (di ormai un anno compiuto) ha smesso totalmente di mordere. Probabilmente lo faceva solo per giocare quando ancora aveva pochi mesi. Ora capita che tiri qualche morso mentre giochiamo al tira e molla ma sono azioni del tutto accidentali e quindi non volute (il dito capita sotto i denti mentre giochiamo) e ciò non costituisce quindi un problema.

    Ciao a tutti e spero possiate risolvere i vostri problemi!!

  22. Bene! 🙂

  23. Ciao! Ho adottato da circa 3 settimane una cucciola incrocio amstaff trovata in Sicilia. La prima settimana è stata un angioletto e, a parte il problema delle mille pipì fuori dalle traversine, problemi non ce n’erano.. Adesso che ha preso confidenza ha cominciato a giocare con la bocca, facendomi anche male certe volte. Solitamente al NO risponde, ma quando le prendono sti attacchi di gioco si ribella e ringhia e abbaia sempre di più, all’inizio provavo con questo metodo, un NO secco ma niente.. Ho provato cercando di simulare il suo verso quando si fa male ma anche questo niente. Di imparare il LASCIA non ne vuole proprio sapere.. Certe volte quando mi ha fatto proprio male mi sono anche alterata (sbagliando, lo so) e lei si metteva a mordere e tirare lenzuola o copridivano o tovaglia quasi per farmi un dispetto..
    La cucciola pesa già una decina di kili e non ha ancora cambiato i denti da latte, la veterinaria mi ha detto che li dovrebbero cambiare a 3 mesi e mezzo ma lei ancora nulla anche se in teoria dovrebbe già averli.. Poi a parte i denti un altro problema sono le unghie, mi graffia tantissimo quando mi salta addosso, ma non è presto per tagliarle?
    Portarla a una puppy class per questi comportamenti aiuterà?
    Grazie per le eventuali risposte 🙂

  24. AIUTO, è proprio il caso di dirlo..E l’insicurezza mi sta fregando..Da tre giorni è arrivata la nostra Grappa, cucciola di due mesi e quasi 20 giorni, pastore bergamasco. La signorina aggancia e non molla maniche di felpe e maglie, mani, piedi e mentre camminiamo pianta i denti nei polpacci. Il CAIN non le fa un baffo. Devo proprio aprirle le mascelle per toglierle di bocca quelle che erano un paio di felpe, visto che predilige i miei polsi e buca che è una meraviglia.. Sono passata al NO! E qui si butta a terra, mi guarda e poi si lancia con nuovo impeto..La cosa è un po’ estenuante, anche per i miei figlioli..Passo al giornale arrotolato sul sedere? Il “lascia” non riesco a farlo come si deve, colpa mia,perchè non funziona tanto. Ho ben in programma alcune lezioni con un educatore, ma nel frattempo, non vorrei combinare castronate..Se qualcuno passa di qui per darmi qualche altra dritta, sono tutta orecchie..

    • Lascia perdere i giornali: lo prenderebbe come un nuovo gioco. Il NO! funziona se il cane sa cosa significa, altrimenti non serve a nulla: devi insegnarglielo “a parte” (vedi anche questo articolo: http://www.tipresentoilcane.com/2011/08/04/educazione-ce-chi-dice-no-lo-stop-e-la-famigerata-punizione-consigli-pratici/)
      Per i cuccioli mordicchioni io suggerisco sempre le “prese”, di collo o di muso: in pratica, devi bloccare fisicamente l’azione della piccola immobilizzandole il muso o tutta la testa con una mano, e dandole contemporaneamente un ordine (per esempio: BASTA!) che le faccia capire che sta esagerando. Non devi assolutamente farle male, ma solo impedirle di continuare a mordere. Nel contempo insegnale anche il PIANO!, utilizzando il cibo: tieni un bocconcino in un una mano e porgiglielo. Se lei ci si avventa, interponi l’altra mano dicendole: PIANO! e dalle il cibo solo quando si approccia con delicatezza. La cucciola si condizionerà facilmente a prendere “piano” qualsiasi cosa (comprese le vostre braccia-gambe).
      In ogni caso, vai al più presto a fare il corso di educazione 🙂

  25. ciao a tutti, io volevo delle informazioni di questo genere:
    siamo un gruppo con cani tutti adulti dai 2 ai 14 anni, i maschi vanno tutti generalmente d’accordo a parte qualche screzio dovuto alle palline, ultimamente il cane di una nostra amica un pastore australiano di quasi 2 anni comincia a dare segni di dominanza, oltre a sfidare gli altri maschi da qualche tempo a cominciato ad avvicinarsi al muso del mio golden di quasi 3 anni e di pizzicarlo con i denti , dando proprio dei piccoli morsi veloci il mio cane per il momento lo ha sempre ignorato (altri hanno reagito diversamente), girandosi dall’altra parte o non considerandolo proprio. vorrei sapere nel linguaggio dei cani cosa significa questo mordicchiare il muso di un altro cane oltretutto più grande, a anche sapere quali segnali devo riconoscere prima che il mio cane si scocci della situazione e reagisca.

    Grazie mille per l’aiuto.

  26. Salve a tutti,
    il mio cane ha un’energia pazzesca! Quando non corriamo assieme e quando non ci sono altri cani, iniziano a correre in cerchio da solo alla velocità della luce e poi si mette a mordermi il braccio. Morde ma lascia subito la presa, per cui è inutile il lascia perché non c’è più nulla da lasciare (il comando “lascia” comunque l’ha imparato qualche mese fa giocando in cortile con una pallina).
    Ho notato appunto che: urlandogli NO o altro lui non smette; voltandomi lui mi zompa sulla schiena o mi morde i glutei 🙂
    Io sto facendo così: appena lo acciuffo lo immobilizzo (entrambi da seduti, quindi non mi metto sopra di lui) per qualche minuto e appena noto che s’è calmato lo lascio libero e non mi fa più nulla perché la sua voglia è scomparsa.
    Ho notato anche che un cane quando non vuol più giocare, si sdraia e tira fuori la lingua come per dire: “ehy, basta, son stanchissimo, calmati anche te!”. Possiamo provare a fare così anche noi umani, oltre ad emettere il suono del dolore, “CAIN” o “AHI”?

  27. ho appena portato a casa un inizialmente dolcissimo cagnolino, che però ora morde un sacco e non fa più le coccole. appena lo prendo in braccio si agita e se è stanco vuole solo la sua cuccia, a volte mi sembra arrabbiato perchè sta spesso da solo per intere giornate, ricordo però che della sua cucciolata lui era il più preso di mira dalla mamma che ci giocava insieme e a volte insisteva anche se lui faceva cain.. tanto che a volte interveniva la padroncina dei cagnolini a difenderlo.

  28. scusate, mi sono dimenticata di informarvi che è solo una settimana che è con me e che è un meticcio di taglia piccola di due mesi oggi…grazie

  29. Ciao a tutti ho cercato questo articolo perchè ho un pastore tedesco di circa 3 mesi che sta con noi da un mese.
    Ha il vizio di giocare pesantemente con mio marito mentre con me non lo fa,
    diversamente se la chiamo io non risponde quasi mai se la chiama mio marito arriva subito.
    E’ una femmina ed è cresciuta con 8 fratelli…..come faccio a farla smettere di essere cosi’ aggressiva con mio marito?
    Grazie

    • AGGRESSIVA?!? Ma sta giocando! 🙁

      • Si lo so’ che gioca ma non si rende conto della forza che usa …
        ho seguito i consigli sul CAIIII….e si ferma…premietto e iniziamo un altro gioco con ossa con palline e corre per il giardino….ho sbagliato?

        • No, va benissimo… ma tuo marito fa le stesse cose?

          • si non ci credeva e poi ha iniziato anche lui……e Dea ha smesso di morderlo con “ferocia”……tanto la pelosa benissimo che lui la vizia e basta
            Ti ringrazio molto per il tuo aiuto e sono importantissimi i tuoi articoli
            Mi piace molto leggere quello che scrivi e cerco di trarne insegnamento
            Grazie grazie grazie

  30. Cara Valeria, ho l’impressione che il discorso del Cain vada bene nel caso di cani che hanno passato più di otto settimane con la mamma e i fratelli. Che dovrebbe essere la norma. Ma se un cucciolo è stato portato a casa a sette settimane potrebbe non aver imparato a regolarsi durante il gioco con i suoi simili e per questo mordere forte senza controllo anche con gli umani .cosa consigli?

    • Assolutamente vero, il cain funziona solo per chi è vissuto abbastanza nella famiglia di origine.
      Per chi ha avuto esperienze diverse è meglio insegnare prima possibile il “piano!” e il “lascia”, e utilizzare quelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico