venerdì , 21 novembre 2014
Home >> Allevamento >> Cuccioli orfani: come curarli in modo adeguato

Cuccioli orfani: come curarli in modo adeguato

Può capitare in famiglia come nel migliore allevamento del mondo: mamma cagna si ammala o muore subito dopo il parto, e rimangono i cuccioli da accudire.
Oppure può capitare di trovare uno o più cuccioli di pochi giorni abbandonati (ormai i ritrovamenti nei cassonetti della spazzatura sono all’ordine del giorno), e nella speranza che prima o poi  chi compie questi atti insegni finisca DAVVERO in galera (e non solo sulla carta), bisogna provvedere alle esigenze dei piccoli.
Che fare?
Ovviamente i due casi sono parecchio diversi: i cuccioli nati in famiglia o in allevamento possono essere accuditi immediatamente, si sa esattamente quando sono nati e quanto hanno potuto godere delle cure materne: soprattutto si sa se hanno avuto modo di ciuccare il colostro, che è il primo latte che assumono i cuccioli e che ha particolarità diverse dal “normale” latte materno. Il colostro è  ricco di zuccheri, povero in proteine e lipidi, ma soprattutto è essenziale per “passare”  ai neonati l’immunità passiva, che deve essere trasmessa entro poche ore dalla nascita.
Le immunoglobuline, infatti, sono proteine di grandi dimensioni e per essere assorbite devono sfruttare la permeabilità dell’intestino dei cuccioli, che dura solo 24 ore.
Se sappiamo che i cuccioli hanno assunto il colostro (ovvero che sono stati allattati dalla mamma per almeno un giorno) sapremo che hanno acquisito una prima immunità contro i normali attacchi batteriologici e anche contro le malattie virali per le quali la mamma è stata vaccinata (il che ci permetterà di attendere senza troppo timore il tempo giusto per le vaccinazioni); inoltre saranno già stati “preparati gradualmente” all’assunzione del latte artificiale. Se gestiti in modo corretto, questi piccoli hanno un’alta speranza di sopravvivenza.

PRONTO INTERVENTO PER CUCCIOLI ABBANDONATI

Dei cuccioli abbandonati, ovviamente, non possiamo sapere nulla: però quasi certamente saranno ipotermici (specie se sono stati abbandonati in una stagione fredda) e disidratati.
Purtroppo, in questi casi, la speranza di sopravvivenza è decisamente bassa: quindi è meglio non cercare di fare da soli e rivolgersi subito al veterinario.
A livello di “pronto intervento” , se il medico non fosse subito disponibile o se lo studio fosse molto lontano, possiamo effettuare i seguenti controlli:

a) temperatura: è la prima cosa da sistemare (ancor prima dell’alimentazione!).  Misuriamola subito con un termometro per neonati umani.
La temperatura rettale normale per un cucciolo appena nato va dai 35 ai 37,2 gradi: nella seconda settimana passa a 36-37,7, mentre alla quarta settimana dovrebbe raggiungere la temperatura normale di un cane adulto  (da 38 a 38,8 gradi).
Se risulta inferiore a questi limiti, il cucciolo è in ipotermia e bisogna riscaldarlo.
Ricordiamo che il cucciolo brucia molto più calore corporeo di un adulto, e che in assenza della madre ha bisogno di un controllo costante della temperatura: questo in allevamento si ottiene con le apposite lampade, mentre in famiglia si può sopperire con una bottiglia di acqua calda fasciata in un asciugamano (attenzione a non lasciare parti scoperte, contro le quali il piccolo potrebbe scottarsi).

b) idratazione (ricordiamo che anche il freddo può avere disidratato il cucciolo).
Per capire se il cucciolo ha problemi si possono osservare e toccare le mucose delle gengive (devono essere rosa, umide ma non appiccicose) e il tartufo (dev’essere umido). Solleviamo anche la pelle della collottola con due dita e poi rilasciamola: se è elastica e torna rapidamente al suo posto va tutto bene, mentre se resta sollevata c’è disidratazione.
In questo caso è bene correre dal veterinario che provvederà alla reidratazione tramite flebo.

c)  ipoglicemia: se il cucciolo si muove poco, ha spasmi muscolari involontari (o addirittura convulsioni), se non sembra molto vitale e appare privo di forza, come pronto intervento potremo mettergli sotto la lingua qualche goccia di sciroppo zuccherato: subito dopo, però, dovremo rivolgerci al veterinario.

Una volta che il veterinario avrà compiuto i primi atti tesi a salvare la vita del piccolo (o dei piccoli) è meglio portarlo a casa con noi e non lasciarlo in ambulatorio: non certo per sfiducia nelle capacità del medico, ma perché i neonati hanno bisogno di attenzioni praticamente costanti, e un ambulatorio veterinario NON è una nursery.
Per quanta buona volontà possa metterci il buon dottore, dovrà comunque dedicarsi agli altri pazienti e la sera dovrà anche andarsene a casa sua: quindi è quasi impossibile che possa occuparsi in modo corretto di uno o più neonati.
Portiamo dunque il piccolo con noi (d’ora in poi parlerò al singolare, fermo restando che nel caso di un’intera cucciolata ogni azione andrà effettuata su tutti i cuccioli), tenendoci magari in contatto costante col vet per telefono e rimanendo sempre pronti a partire alla volta dell’ambulatorio se qualcosa andasse storto. Però un cucciolo che è già stato stabilizzato starà sicuramente meglio in casa.

Per prima cosa prepariamogli un ambiente adeguato: sconsiglio di utilizzare una “cuccia” vera e propria, anche perché si riempirebbe ben presto di pipì e di feci. Meglio utilizzare degli stracci vecchi, possibilmente tagliati a striscioline in modo che il cucciolo non abbia modo di restarci impigliato dentro e magari di soffocare. Se abbiamo la possibilità di mettergli sotto qualcosa di “peloso” (un vecchio tappero o coperta) il cucciolo si sentirà molto a suo agio.
La temperatura media dell’ambiente deve essere sui 29°: se il piccolo era ipotermico, o se di taglia mini, vanno bene anche un paio di gradi in più.

L’ ALIMENTAZIONE

Adesso, finalmente, possiamo pensare a sfamare il nostro piccolo: ovviamente non è che questo sia l’ultimo argomento per importanza…ma è sicuramente l’ultimo di cui ci si deve occupare in ordine di tempo, perché ipotermia, disidratazione e ipoglicemia sono molto più letali della fame e quindi vanno risolti per primi.
Questo non significa, però, che il cucciolo non abbia bisogno di cibo: anzi, deve assolutamente mangiare nel giro di poche ore dal ritrovamento, se vogliamo sperare che sopravviva: e se è proprio appena nato, deve letteralmente imparare a ciucciare prima possibile, altrimenti non lo farà più e morirà di inedia.
Inutile sottolineare che la soluzione migliore in assoluto sarebbe quella di trovare una balia, ovvero una cagna che sta già allattando e che, con un minimo di cautela, adotterà sicuramente anche il nostro cucciolo. A volte basta spargere un po’ la voce, soprattutto in rete (Facebook è prezioso per questi appelli) e il problema si risolve.
Se però non riusciamo proprio a trovare una cagna disponibile, dovremo arrangiarci da soli (ed è assai probabile che si debba comunque provvedere per un paio di giorni, ovvero per il tempo che occorre in media per trovare la balia).

ATTENZIONE ATTENZIONE:  NON dare assolutamente al cucciolo, per nessun motivo al mondo, del latte di mucca. Molte persone hanno letteralmente ammazzato dei cuccioli trovati abbandonati perché, in assoluta buona fede e pensando di dovergli “dare qualcosa” da mangiare appena possibile, gli hanno dato il latte che avevano in casa. In realtà il latte di mucca provoca quasi immancabilmente forti diarree che, a questa età, possono essere letali.
Acquistiamo invece del latte artificiale per cuccioli di cane, che si dovrebbe trovare in qualsiasi pet shop, ma soprattutto procuriamoci un biberon di misura adeguata! Quindi misuriamo e pesiamo il cucciolo prima di andarglielo a comprare.
Mentre i latti sono praticamente tutti uguali per composizione ed efficacia (anche qui c’è qualche prodotto migliore di altri, ma diciamo che nessuno di essi farà male al piccolo!), la misura della tettarella è fondamentale: infatti, se è troppo piccola, il cucciolo faticherà troppo per riuscire ad alimentarsi e potrebbe rinunciare, stremato, prima di aver assunto la quantità di latte che gli necessita. Se è troppo grossa, il cucciolo potrebbe ritrovarsi in bocca troppo latte ed aspirarne una parte anziché inghiottirla:  il latte  finirebbe così in trachea e poi nei polmoni causando una polmonite ab ingestis, quasi sempre fatale a questa età.
Se proprio NON avete modo di procurarvi velocemente il latte artificiale, ecco la ricetta “del nonno”  (con la quale, in realtà, diversi nostri avi hanno salvato delle cucciolate): 60 ml. latte di vacca  + 14 ml. panna liquida + 1 tuorlo d’uovo +  un pizzico di formaggino o ricotta + qualche goccia di olio di mais.

E’ probabile che il cucciolo NON accetti di buon grado né il latte “fatto in casa” né quello artificiale, perché non hanno lo stesso odore né lo stesso sapore di quello materno: ma soprattutto potrebbe non accettare la tettarella. In questi casi bisognerà armarsi di contagocce e piazzare direttamente il latte in bocca al cucciolo, sulla lingua, infilando il contagocce nella rima labiale laterale e NON buttandoglielo direttamente in gola (di nuovo per il rischio di polmonite ad ingestis). L’operazione sarà lunghissima e snervante, perché bisogna inserire due-gocce alla volta: ma il cucciolo capirà in fretta che quella “è la pappa” e nel giro di poche poppate comincerà a cercarla e a succhiare da solo (se non ci riesce, purtroppo, non ha molte possibilità di farcela e non c’è nulla che possiamo fare, se non rassegnarci).

Un cucciolo di pochi giorni di vita va alimentato ogni due-tre ore (dipende dalla taglia e dal peso: meglio che questi parametri siano controllati dal veterinario, che potrà stilare un piano alimentare adeguato) con latte preparato al momento (seguire le istruzioni) e scaldato a 35-36 gradi. La temperatura si può misurare sull’interno del polso, esattamente come si fa con il latte per neonati umani: se scotta o se lo sentiamo freddo, non va bene.

Finito? NO!
Perché il cucciolo, se è molto piccolo, non è neppure in grado di urinare e defecare da solo: ha bisogno del massaggino (la mamma glielo fa leccando i pancini) che dovremo effettuare con una pezzolina inumidita. Questo dopo ogni pasto.
Poi metteremo il piccolo nella sua cuccia aspettando l’ora della prossima poppata… che arriverà MOLTO presto, giorno o notte che sia.
Mi auguro che la vostra famiglia sia composta da più persone, perché allevare dei neonati orfani è un’impresa improba e quindi è immensamente utile poter stabilire dei turni.
Purtroppo a me è toccato fare da sola in un’occasione particolarmente difficile (cagna malata e ricoverata in clinica, suocera  in ospedale e marito che stava ad accudire lei; figlio che aveva nove o dieci mesi, quindi neonato pure lui): mi è toccato solo per tre giorni, perché poi mamma cagna è tornata a casa guarita  (guardando i suoi piccoli e poi me con un bel sorrisone sul muso: “Ah, vedo che ci hai pensato tu…grazie, eh! Mi hai risparmiato un sacco di fatica!”), ma vi assicuro che in quei tre giorni ho perso cinque chili.
Quindi, se siete single e avete intenzione di occuparvi di cuccioli orfani (sempre che non siate in sovrappeso, perché altrimenti fare da soli vi aiuterà a meno della dieta),  invitate a casa vostra per qualche giorno amici e parenti, o non ne uscirete vivi.

I CINQUE SENSI
Conoscere i tempi dei sviluppo dei sensi può esserci utile a gestire meglio l’approccio con uno o più neonati. Quindi è bene sapere che gli unici sensi già sviluppati alla nascita sono il tatto e il gusto (e che altro serve, dopotutto?). Il tatto permette al cucciolo di percepire il dolore e i cambiamenti di temperatura: per quanto sia cieco e sordo, fila – be’…ci prova! – a trecento all’ora verso qualsiasi fonte di calore riesca a percepire.
L’odorato, per quanto sembri incredibile in un animale ad orientamento prevalentemente olfattivo, è assente alla nascita, ma appare nel giro di 24 ore e si perfeziona nei cinque giorni successivi.  Dal quinto giorno in poi si sviluppa con grande rapidità (ed efficacia): un cane di trenta giorni ha già un odorato paragonabile a quello di un adulto.
Vista e udito sono assenti alla nascita (gli occhi e i canali auditivi sono chiusi ), quindi non bisogna preoccuparsi di “spaventare i cuccioli” se ci è caduto qualcosa o c’è stato un altro rumore improvviso. L’udito si “apre” intorno al 17° giorno, ma solo intorno al 25° il cucciolo è in grado di capire la fonte del suono (orientamento uditivo). Questo è anche il periodo in cui appare il “riflesso di sobbalzo”: ovvero, il cucciolo salta per aria se sente un rumore forte alle sue spalle: nella razze/nei soggetti a rischio di sordità si può testare con un battito di mani la presenza dell’udito in questo periodo, senza alcun rischio di traumatizzare il cucciolo perché il periodo dell’impronta alla paura arriverà più avanti (a 50 giorni circa).
Ovviamente si deve fare questo test se c’è un effettivo motivo, altrimenti sarebbe una cosa stupida e inutile.
Gli occhi si aprono dai 12 ai quindici giorni, ma per i primi tempi il cucciolo non vede praticamente un tubo: la vista arriva per gradi e..con una certa calma! Intorno al 21esimo giorno si ha la maturazione della retina, quindi in questo periodo è meglio evitare le luci molto forti, che danno fastidio agli occhi del cucciolo (evitare le foto col flash, grazie!). L’orientamento visivo è completo dopo la quarta settimana, ovvero all’età in cui i piccoli, in natura, escono per la prima volta dalla tana, finalmente con tutti i sensi pienamente sviluppati.

DOPO LE PRIME DUE SETTIMANE

A dodici-quindici giorni di vita si può sospendere l’allattamento notturno (o comunque ridurre i pasti notturni ad uno solo); a venti diciotto-venti giorni si può cominciare a mettere il latte in una ciotolina o piattino…e sperare in bene. Se i cuccioli ancora non accettano di lappare, si dovrà tornare al biberon…ma pian pianino dovremo abituarli ad alimentarsi da soli.
Verso i venticinque giorni si potrà iniziare lo svezzamento, inizialmente mescolando al solito latte un po’ di omogeneizzato (esistono quelli specifici per cani, ma vanno bene anche quelli alla carne per umanini) e poi un po’ di crocchette puppy ammorbidite nel latte stesso (ammorbidite per tempo, in modo che quando le porgeremo al cucciolo siano ridotta in poltiglia).
Quando il cucciolo comincia a mangiare cibo solido…è fatta!
Ricordiamo, però, che oltre ad alimentarlo dovremo anche cominciare a giocare con lui, ad interagire, ad insegnargli le prime regole.
A venticinque giorni? SI! Perché la mamma comincerebbe a farlo proprio adesso.
E’ bene allestirgli un ambiente ricco di stimoli  (il programma “Senso puppy” è particolarmente indicato per i cuccioli orfani) e assolutamente esente da rischi e pericoli.
Per il resto, la gestione di un cucciolo orfano ormai non differirà più molto da quello di un cucciolo cresciuto con la mamma: quindi, dal mese di età in avanti, potrete considerarlo un cagnolino “come tutti gli altri”… ma col quale avrete creato un legame indissolubile, davvero speciale. E per quanta fatica vi sia costato, vederlo uscire per la prima volta ad esplorare il mondo tutto felice ed interessato sarà una soddisfazione che davvero non ha prezzo!


About Redazione

43 commenti

Se hai difficoltà nel leggere i commenti, puoi variare la dimensione del testo:


  1. davvero utile. posso avere qualche informazione in più sul programma Senso puppy? spiega spiega :D


    Vota il commento: Thumb up 0

  2. se si ha una cagna con gravidanza isterica,questa potrà allattare i cuccioli?


    Vota il commento: Thumb up 3

  3. le bottiglie calde avvolte nell’asciugamano… il bibe di pappine tiepidine <3 mi hai fatto ripensare ai primi giorni con il mio miciolino… per fortuna il mio trovatello era grande, il vet lo datò a circa 30 gg, ma era ipotermico … ipo-tutto! ora è un mostro di 6 kg :-) abbiamo lavorato bene!


    Vota il commento: Thumb up 2

  4. Tante coccole al “mostro” … però, Any, qui siamo su wordpress e non su facebook… quindi se scrivi <3 viene fuori <3 e non il cuoricino :-) (tra l’altro, non so se esista e come si faccia su queste piattaforme: qualcuno per caso lo sa?)


    Vota il commento: Thumb up 0

  5. Quando Odo arrivò a casa, Moschillo, che era “grossa quanto lui(jack 1 mese) si mise ad allattarlo, senza aver avuto gravidanza isterica! poi si occupò di allattarne altri 4, da una jack che aveva avuto il cesareo. Prima che avessi il PC qualcuno si premurò di fare la pipì sul cellulare che conservava l’evento. Il cellulare l’ho conservato, chi sa che un giorno la tecnologia non faccia il miracolo!!


    Vota il commento: Thumb up 0

  6. che ricordi !!! unica cucciola sopravvissuta di una cucciolata con mamma con pochissimo latte e quel poco tossico.. un lavorone immane fu ! ma che rapporto specialissimo si instaurò con quella cagna … eeeeeh (sospirone)


    Vota il commento: Thumb up 1

  7. ECCO, QUESTO SÌ CHE È UN ARTICOLO DA TENERE SEMPRE SUL COMODINO!!!! Siccome mi è capitato di fare la sostituta mamma cagna in diverse occasioni aggiungo un paio di note:
    1 – occhio al FORO della tettarella del biberon, che deve essere piccolo piccolo (se la tettarella non lo ha lo si può fare con la punta di un ago o uno spillo)
    2 – tenere sempre tettarelle di ricambio e controllare che il foro non si sia aperto troppo su quella in uso, perché se il foro è troppo grande il cucciolo può poppare troppo, vedere sopra i rischi di una polmonite ab ingestis
    3 – in assenza del biberon si può prendere una siringa senza ago e ‘fasciarla’ con il dito di un guanto in lattice a cui avremo fatto un forellino, sempre minuscolo: si fissa il guanto con un po’ di scotch, si riempie la siringa e si fa scendere una quantità minima di latte nella punta del guanto… è un sistema un po’ complicato ma in mancanza di meglio funziona
    4 – invece degli stracci nella ‘nursery’ come copertura finale io uso i pannoloni piani, quelli per adulti incontinenti che si mettono nel letto. In questo modo posso cambiarli spesso e non devo lavarli (e siccome il lavoro con i piccoli è già tantissimo… meglio così)
    5 – invece della bottiglia io uso una o due borse dell’acqua calda, a seconda del numero di cuccioli; questo permette di mantenere l’acqua a temperatura costante più a lungo
    6 – quando programmo una cucciolata mi assicuro SEMPRE di avere tutto il necessario per accudire i cuccioli senza la mamma: questo è VITALE, perché una cagna in perfetta salute può avere qualsiasi problema in qualsiasi momento (del giorno e della notte) anche minimo… e non poter più allattare.
    7 – non mettere MAI i cuccioli in posti con correnti d’aria o vicino a fonti di calore come termosifoni (la disidratazione è sempre in agguato); io per maggior sicurezza allestisco la nursery in una gabbia di plastica, che di per sé è un materiale abbastanza isolante, e scoperchio la gabbia solo per le poppate.
    8 – per maggior sicurezza io faccio carine al pancino con cotone bagnato prima *E* dopo le poppate, questo perché ci sono cuccioli che se non sono perfettamente ‘puliti’ non mangiano.
    … a questo punto mi resta solo da aderire all’appello di Emy: che cos’è il programma puppy?


    Vota il commento: Thumb up 1

  8. è consigliato fare interagire un orfanello con altri cani, che so un regolatore?


    Vota il commento: Thumb up 0

    • E’ sempre consigliabile far interagire un cane con altri cani: ma per “orfanello”, intendi un cucciolo di che età?
      A trentacinque-quaranta giorni sì, è assolutamente formativo che interagisca con altri cani (possibilmente con un maschio equilibrato, perchè così andrebbero le cose in natura). Prima, no.


      Vota il commento: Thumb up 0

      • Si non ho specificato. A 40 giorni tutti i cuccioli, ok, ma intendevo prima, secondo te no se il grande è maschio, equilibrato, e magari teacher dog? Davvero non è meglio lui che nessuna mamma e solo umani?


        Vota il commento: Thumb up 0

        • Mah… il fatto è che prima dei 35-36 giorni il maschio non è “programmato” per dare insegnamenti ai cuccioli: quindi potrebbe o trattarli come cuccioli più grandi (spaventandoli e non sortendo alcun effetto, dipende…) o provare solo fastidio nei loro confronti e quindi attaccarli. Con cuccioli così piccoli, dunque, io non mi fiderei a mettere di mezzo un maschio: l’ideale sarebbe trovare una femmina con cuccioli che li adotti (ma in questo caso il problema non si porrebbe neanche per l’allattamento, e loro crescerebbero insieme alla “vicemamma” come cuccioli normali). La femmina senza cuccioli è ad altissimo rischio (alcune attaccano seriamente, fino ad ucciderli, i cuccioli che non sono i loro)… quindi direi che no, non è il caso di mettere nessun cane insieme ai piccoli di meno di 35 giorni.


          Vota il commento: Thumb up 0

  9. Non credo che un regolatore si metta ad attaccare cuccioli, forse è vero che proverebbe a trattarli come cuccioli più grandi, o li ignorerebbe.
    Non sapevo che il maschio padre non si occupasse dei cucciolini. Sapevo del pericolo delle femmine se non sono loro i cuccioli.
    Peccato


    Vota il commento: Thumb up 0

  10. Ciao Valeria, sto “aiutando” un piccoletto della mia cucciolata di rott (nata prematura di 7 giorni purtroppo, e in cui sono morti tanti cuccioli…) che è rimasto un po’ indietro. Con le cure che gli ho prestato per i primi 7 giorni di vita (oggi dunque sarebbe dovuto nascere) sta riprendendo il ritmo, ma adesso è il secondo giorno che non fa popò (pipì invece sì, e a litri). Ho provato a dargli, goccia per goccia, mezzo cucchiaino d’olio d’oliva su consiglio del vet, ma per ora (sono passate 5 ore) non ha sortito alcun effetto. Devo aspettare ancora? L’idea del clisterino mi spaventa molto perchè è così piccolo che sbagliare qualcosa significherebbe fargli seri danni… E non posso più vederlo soffrire, il poverino si è già fatto 5 antibiotici (che gli bruciavano da matti) e ha perso il dito di una zampina posteriore per colpa di un pestone della mamma. Però lui ciuccia e compete vigorosamente coi fratelli (nonostante sia ormai quasi la metà di loro), quindi nonostante tutte le sfortune ha ancora tanta voglia di vivere!


    Vota il commento: Thumb up 0

    • mi permetto di risponderti al posto di valeria, avendo allevato ‘a mano’ parecchi cuccioli..
      intanto questo cucciolo mangia latte di mamma o artificiale?
      in questo momento secondo te ha mal di pancia/colichette?
      per il clisterino: se nn te la senti per timore di fargli male, chiedi al vet di fare un salto e farlo lui, così vedi come si fa :)


      Vota il commento: Thumb up 0

    • Se non evacua ancora (hai massaggiato il pancino?) il clisterino purtroppo è l’unica soluzione, però è vero che è una cosa molto delicata e quindi dovresti farglielo fare dal vet. Non aspetterei oltre, perché dopo due giorni il rischio di blocco in un neonato è già abbastanza serio: però chiamerei il vet.


      Vota il commento: Thumb up 0

      • Il bimbo per fortuna beve il latte della mamma, e coliche mi pare non ne abbia, ne ha avute un pochino ieri sera ma col massaggino è passata, anche se non è servito a nulla! Più massaggio e più fa litri di pipì (giuro che nessuno degli altri ne fa così tanta) ma cacca niente! Allora domani proverò ad andare dal vet…


        Vota il commento: Thumb up 0

  11. Il mio vet purtroppo non fa servizio 24h. In ogni caso alla fine ieri sera, con l’aiuto di mio papà (che non è vet ma è medico microbiologo, chirurgo e pediatra) abbiamo fatto un mini clisterino con una pipetta. E’ andata bene perchè ha finalmente fatto il bisognino che lo intasava. Poi ho notato che ultimamente tutta la cucciolata ha ridotto tantissimo i bisognini solidi e fanno quasi solo più pipì, ma sembrano in ottima salute. Sarà mica il latte della mamma che è solo acqua fresca e non li nutre? Però crescono eccome… Ieri avevo cambiato i fili colorati al collo per distinguerli, ed oggi erano già stretti e li ho cambiati di nuovo…


    Vota il commento: Thumb up 0

    • Delle due l’una, Fabiana: se crescono, non è sicuramente acqua fresca! Ma quanto hanno adesso i cuccioli?


      Vota il commento: Thumb up 0

      • I cuccioli oggi fanno dieci giorni. Adesso la situazione si è regolarizzata, ce n’erano due o tre da “svuotare” ed ora sono più regolari…


        Vota il commento: Thumb up 0

  12. Ah, ovviamente stanno tutti seguendo il programma senso puppy! :-)


    Vota il commento: Thumb up 0

  13. quindi per un cucciolo che è stato rifiutato dalla mamma e quindi non ha assunto il colostro,nei suoi primi giorni,non ha nessuna speranza di sopravvivere con l’aiuto umano??


    Vota il commento: Thumb up 0

  14. Ciao, mi sono nati 4 cuccioli di jack russel il 30.12.12…. Ma purtroppo una è morta l’1.1.13.Adesso ho 2 maschi “obesi” ed una femminuccia secca che stenta ad attacarsi per poppare e inoltre , rispetto ai suoi fratelli piange ininterrottamente….Pensate che dovrei usare del latte artificiale?….
    Grazie.


    Vota il commento: Thumb up 0

    • Se i due fratellini sono obesi temo che il problema non stia nel latte, ma nella cucciola. Potrebbe solo aver patito durante il parto e avere qualche probabilità di farcela, ma il latte materno è migliore di qualsiasi sostituto artificiale: quindi cerca di farla attaccare, aiutala, stalle un po’ dietro sperando che cominci ad alimentarsi regolarmente e che recuperi il terreno perduto. Prima di tutto, però, falla vedere dal veterinario per capire se non abbia proprio qualche problema fisico (tipo, che so, una palatoschisi) che le impedisce di ciucciare.


      Vota il commento: Thumb up 0

  15. Abbiamo seguito i tuoi consigli e dei 4 di cui ti avevo parlato 2 si sono salvati… per ora!

    Il prossimo passo è la socializzazione, stiamo cercando una cagna buona per fare la mamma e poi cercheremo di afidarli.

    GRAZIE come sempre!!!


    Vota il commento: Thumb up 0

  16. Ciao ho una cagna jack russel che ha partorito da 5 giorni 8 splendidi cuccioli, ma ha cominciato a stare male crisi convulsive ed 1 episodio epilettico……il vet. Stanotte mi ha detto di allontanargli i cuccioli ma come possiamo fare hanno solo 5 giorni……..non morirebbero entro poco tempo lontani dalla mamma?????? Grazie


    Vota il commento: Thumb up 0

    • Ma stai parlando sul serio? Certo che morirebbero… se non gli dai da mangiare! Penso che la tua cagna abbia avuto un’eclampsia, ovvero un abbassamento del livello di calcio, che il vet avrà sicuramente ripristinato con un’iniezione. Però, se continuasse ad allattare, il livello si abbasserebbe nuovamente e gli episodi si ripeterebbero. I cuccioli vanno quindi allattati artificialmente, oppure messi “a balia” se hai la fortuna di trovare un’altra cagna che sta allattando e che possa “adottarli” (ma sono in tanti, quindi ne servirebbe più di una: puoi provare a lanciare un appello in Internet). Se non trovi una balia, ti metti lì e li allatti col biberon… ogni due ore, giorno e notte: una vitaccia, ma si può fare. Io l’ho fatto e i cuccioli sono cresciuti bene, sani e forti: so’ io che mi son ridotta a una specie di zombie, ma…si può fare, appunto :-).
      Ma il tuo vet non ti ha dato nessuna indicazione su cosa fare?


      Vota il commento: Thumb up 0

      • Intanto grazie per la pronta risposta…….ora cerchero’ di essere un po piu preciso, i cuccioli stanno bene e sembrano in buona salute ma li abbiamo staccati dalla madre che era molto sofferente e con convulsioni frequenti(ora é in clinica), i livelli di calcio erano buoni(quindi esclusa ipocalcemia) il veterinario inizialmente ci aveva detto di lasciarne 3 con lei e 5 di staccarli e alimentarli noi!! Poi la sua condizione psicofisica e’ crollata (la cagna ha il suo istinto da mamma, ma e’ come se il suo fisico non tollera lo stress e anche stando solo vicino ai cuccioli e’ vittima di convulsioni) allora ci e’ stato consigliato di torglieli e di alimentarli artificialmente tutti e 8, portandoli proprio via da casa ( ora sono da mia sorella) stanno tutti bene …..!! Le paure ora sono per kaya (la mamma) nn potete capire come sta male, ora speriamo nella bravura del veterinario e speriamo che si rimetta!! Intanto a quei fantastici 8 ci pensiamo noi…………scusate se vi terro’ aggiornati, ma siete una valida spalla su cui contare!!!!!!


        Vota il commento: Thumb up 0

        • l’altra soluzione è – per tenerle i cuccioli – dopo la flebo di calcio e il ripristino del suo livello fisiologico, la somministrazione di calcio in compresse per tutta la durata dell’allattamento. chiedi al vet il dosaggio


          Vota il commento: Thumb up 0

  17. …curiosità: ma i cuccioli di cane/gatto, in natura, fanno il ruttino???
    L’anno scorso ho allevato un gattino appena nato e abbandonato dalla mamma.
    Tra le varie cose che avevo letto c’era di fargli fare il ruttino, a fine pasto.
    Avendo svolto mesi e mesi di tirocinio in terapia intensiva neonatale ero un’esperta di ruttini.
    E così glielo facevo fare, ed effettivamente non ha mai avuto problemi di digestione.
    Mi chiedevo, con il senno di poi, se è stata una cosa utile, o se la digestione impeccabile sia stata una semplice coincidenza.
    ^_^


    Vota il commento: Thumb up 0

  18. Ci stiamo ritrovando ad allattare (artificialmente con latte di capra) e cresscere 8 cuccioli di jack di 6 giorni…….siamo alla prima esperienza, sono stati allontantanati dalla madre…..per il momento procede bene, ma potete darmi qualche consiglio per i giorni che verranno, e quali saranno i primi step dei cuccioli una volta che smetteranno di mangiare e dormire???? E’ utile mettere un peluches all interno della cuccia…???? Grazie


    Vota il commento: Thumb up 0

  19. ho un cucciolo di 4 giorni unico superstite di una cucciolata, senza mamma ed è pieno di pulci come posso risolvere il problema?


    Vota il commento: Thumb up 0

    • Con l’apposito pettinino raccoglipulci: è troppo piccolo per dargli prodotti antiparassitari, quindi prenditi uno di questi pettinini (che hanno i denti fittissimi) e tirargliele via così.


      Vota il commento: Thumb up 0

  20. Ciao, intanto vorrei farti davvero tantissimi complimenti per gli articoli pubblica, sono bellissimi e davvero molto utili. :D
    Poi vorrei chiederti un consiglio se è possibile. Per tenere sotto controllo la crescita dei cuccioli si effettua una pesatura regolare. Ecco il punto:come posso “segnare” i cuccioli?Ho visto che si utilizzano dei laccettini ma mi spaventano.Cosa mi consigli?
    Grazie in anticipo.


    Vota il commento: Thumb up 0

    • Io ho sempre usato i fili di lana colorata :-)


      Vota il commento: Thumb up 0

    • io sto allevando 5 cuccioli di segugio che ora hanno 40 giorni la cui mamma è morta 1 gg. dopo il parto per peritonite…..io ho messo una
      goccia di smalto di diverso colore – rosso rosa ecc così li distinguevo bene.ora non serve più perchè li conosco tutti. E’ stata una bella fatica ma ora sono molto contenta


      Vota il commento: Thumb up 0

  21. Salve abbiamo un cucciolo di 28 gg è vero che i cuccioli cosi piccoli se nn sono stati con ka mamma fino alle 8 10 settimane avranno problemi di comportamento??? Grazie a tutti


    Vota il commento: Thumb up 0

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.