mercoledì , 22 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Vita col cane >> Ma che freddo fa… (come aiutare i cani a superare le temperature più rigide)

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Ma che freddo fa… (come aiutare i cani a superare le temperature più rigide)

di VALERIA ROSSI – Ogni tanto mio figlio si diletta a guardare, nelle pagine delle statistiche del sito, le parole e le frasi-chiave con cui i lettori arrivano dai motori di ricerca. Non che lo faccia per questioni interne di marketing, per capire come impostare meglio i tags o cose simili: lo fa proprio perché si scompiscia dal ridere…e lo posso capire, visto quello che scrive la gente nelle barre di ricerca.
C’è il maialone che arriva su “Ti presento il cane” cercando “Sesso animali con le donne (video)”…e immagino che ci resti malissimo, approdando s questo sito (peraltro, mi chiedo come mai google lo porti proprio qui…forse è per via dell’articolo “Il mio cane mi ama…ma vorrebbe anche fare sesso con me?”, che ha fatto un sproposito di visite, temo non tutte cinofile); c’è il fantasioso che cerca razze come “il iorchsciar” (scritto esattamente così, articolo compreso) o “l’alano danese a pelo lungo”. C’è quello che parla con Google come se fosse un vecchio amico, e gli chiede in tono colloquiale: “Quanto potrebbe costare un cucciolo di bulldog non proprio da esposizione, però tipico e sano, a Torino?” (testuale). Ieri sera, però, il figlio mi si è scompisciato sulla seguente chiave di ricerca: “A che temperatura può sopravvivere un bigol?” (scritto così. Peraltro, nei motori di ricerca, Bigol e Ciwawa sono moooolto più diffusi di Beagle e Chihuahua).
Visto che in alcune regioni italiane il “bigol” non è precisamente un cane, il figlio si è capottato dalla sedia, facendo pesanti allusioni tipo: “Be’, per sopravvivere sopravvive: magari si restringe un po’, ma sopravvive…”, mentre a me veniva la pelle d’oca. Non per il freddo, ma per i significati reconditi di una ricerca come questa: perché io mi immaginavo ‘sti tizio che cercava su Google mentre il suo cane stava fuori alle intemperie, cercando di capire se doveva fare lo sforzo di tirarlo in casa o se poteva lasciarlo lì, perché se la sarebba comunque cavata.
Ergo, mi è sembrato il caso di scrivere di corsa questo brevissimo articoletto, giusto per ricordare che:

a) i cani, anche se possono sopravvivere al freddo quando sono ben equipaggiati di sottopelo, il freddo LO SENTONO esattamente come noi. E tra “sopravvivere” e “star bene” c’è una certa differenza;
b) il pelo lungo, di per sè, non significa niente: ci vuole il sottopelo, per essere protetti dal freddo. Se il cane non ce l’ha, può avere anche il pelo che tocca terra, ma congelerà ugualmente. I cani senza sottopelo patiscono il freddo quasi come un essere umano e possono anche morirne, se le temperature scendono sotto certi limiti;
c) i cani piccoli soffrono il freddo più di quelli di taglia media. I giganti lo soffrono meno dei piccoletti, ma più di quelli di taglia media. I cuccioli e gli anziani lo soffrono molto più degli adulti. I neonati, al freddo intenso, muoiono tutti: a qualsiasi razza appartengano: non hanno ancora alcuna capacità di termoregolazione e basta che la madre si allontani per tre minuti a pisciare perché succeda una strage;
d) la classica “cuccia” all’esterno può non essere sufficiente a certe temperature. Se fa molto freddo, la cuccia va “imbottita” con stracci di lana, o almeno con paglia o fieno, ed è bene mettere un telo tipo tenda davanti alla porta, in modo che il calore interno non si disperda troppo rapidamente. Le coperte intere non servono quasi a niente: molto meglio del tessuto caldo a brandelli, sotto i quali il cane possa infilarsi;
e) in ogni caso, se la temperatura scende di 4-5 gradi sotto lo zero, qualsiasi cane – con rare eccezioni costituite dalle razze da montagna, da quelle nordiche e in genere da tutte quelle con sottopelo particolarmente spesso e fitto – dovrebbe essere ricoverato al coperto, almeno di notte. Insomma, se sta in casa è meglio: ma se proprio non lo volete in casa, almeno mettetelo in un capanno, in un garage, dove vi pare, purché non al gelo;
f) i cani che vivono in casa, se devono uscire al gelo-gelissimo, possono ammalarsi non tanto per il freddo in se stesso, quanto per gli sbalzi di temperatura: passare dal caldo dei termosifoni al sottozero esterno è uno choc termico mica da ridere. Quindi, o fate a loro la stessa cosa che fate a voi (e cioè gli fate indossare un cappotto: sull’argomento vedere anche questo articolo), oppure passate da un ambiente all’altro con gradualità: per esempio, se vivete in un palazzo di città, fermatevi per cinque minuti nel portone, che non è riscaldato come casa vostra ma neppure gelato come l’esterno: la temperatura corporea del cane si adatterà per gradi anziché passare da mille a zero in un colpo solo;
g) la miglior difesa contro il freddo non sta solo nel pelo, ma anche in un’alimentazione adeguata. Più la temperatura scende, più deve salire la razione, che dovrà essere anche più ricca di grassi, sali minerali e vitamine;

 

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo

20 commenti

  1. Ho 20 gradi in casa e subito di là dalla porta si arriverà forse a -15. Ha il pelo simile a un husky. Va bene un vigoroso massaggio prima che esce?

    • Forse andrebbe meglio un vigoroso massaggio dopo che è uscito… se gli alzi ancora la temperatura corporea quando è ancora in casa, temo che peggiori la situazione! Secondo me è meglio fargli passare qualche minuto in un ambiente con temperatura “neutra” prima di lasciarlo uscire (sempre se ti è possibile).

  2. L’ambiente neutro non c’è. La porta di casa divide i -20 esterni (previsti martedì)dai 20 interni. UN massaggio scalda dentro. UN cappottino non cel’ho e in questi giorni ndo vado in carriola? Se Spano 40 metri arrivo a 40 metri da casa. Aiuuutooo ! 😉

  3. Ciao. Ho una cucciolona di quasi 8 mesi di Pastore Tedesco. Lei vive sempre fuori,quindi è abituata al freddo,e adirittura rotola nella neve tutta compiaciuta. Per ripararsi ha una cuccia con porta laterale dove all’interno c’è una semplice coperta di lana. Dovrei mettere altro? Qui le temperature ora sono sui 2-3 gradi,massimo -1/-2 di notte.
    PS: ma i cani come i pastori tedeschi ad es.,se vivono sempre fuori,non dovrebbero star bene anche a temperature come -5? So che questo problema riguarda piu i cani che vivono sia fuori che dentro,e che quindi non hanno sviluppato un gran sottopelo. Naturalmente se la temperatura è ancora piu rigida concordo con il fatto che sarebbe meglio metterlo in garage ecc…

    • Meno uno-due gradi per un pastore tedesco sono una temperatura ancora accettabile, con la cuccia che hai descritto. Fino a meno 5-6 il pastore tedesco se la cava piuttosto bene, perché è ben “attrezzato” da madre natura. Ovviamente il cane sarebbe più contento di stare in casa al calduccio: essere in grado di sopravvivere non significa star bene al gelo! Però, se ha un buon riparo e se è sempre stata abituata così, rischi fino a -5 non ne corre. Se la temperatura scendesse ancora (sulle alture savonesi, dove normalmente d’inverno si arriva a zero solo in casi rarissimi, l’altro ieri sono arrivati a -17!!!), invece, meglio ripararla al coperto.

  4. Aggiungo che, oltre al problema del freddo, in questi giorni c’è anche il problema del sale sui marciapiedi, che fa malissimo ai polpastrelli.
    Io al mio bassotto Fricco do della Leocrema per proteggerlo prima di uscire, ma so che esistono anche delle cere protettive apposta.

    • Grazie per l’aggiunta, non ci avevo pensato ma è verissimo! Sì, esistono ottime cere protettive (sono state studiate per i cani da slitta, ma funzionano egregiamente anche per i cani di città in caso di ghiaccio…e di sale!)

    • se c’è il sale sulle strade (un tormento x la mia pitbulla che ha polpastrelli delicati e senza pelo, infatti cerca di evitare le zone + piene di sale camminandop a saltelli acrobatici, porella..ma x fortiuna a Genova il sale c’è 3 volte l’anno o meno e in 24 ore si è già disperso in buona parte) un palliativo è appena arrivati a casa (SUBITO, non dopo mezz’oretta) è pucciargli le zampine in una ciotolina di acqua tiepida con l’aggiunta se possibile di qualche goccia di disinfettante che non brucia (tipo bioalcool, proprio poche gogcce n uno o 2 bicchieri di acqua), o ancor meglio disinfettante omeopatico (calendula).
      Aiuta a decongestionare i polpastrelli pulendoli dal sale e riscaldandoli (l’acqua deve essere appena tiepida, non calda e non fredda) e il disinfettante diluito aiuta a decongestionare e disinfettare eventuali piccole abrasioni create dal sale sui polpastreli.
      Ogni zampina va lasciata in “puccio” nel contenitore con acqua x almeno 30-60 secondi muovendola leggermente x far sciogliere il sale; il cane deve stare ad es su dei giornali x asciugare le zampine senza devastare casa e le zampine non vanno frizionate nemmeno delicatamente con asciugamani (si irritano se sono sensibili visto che sono già irritate e è meglio far agire il disinfettante diluito, o se proprio si vuole asciugare usare asciugamani puliti e molto morbidi e tamponare senza strofinare e snenza infilarli fra i polpastrelli), ma si fa sostare il cane sui giornali x qualche minuto dopo l’operazione facendocelo camminare sopra, e almeno conb cani a zxampina poco pelosa come un pitbuill si ha un cane con zampe asdcoutte…con un terrier a pelo ruuvido dopo qualche minuto di sosta sui giornali forse un leggero tamponare con un asciugamano pulito e morbido è meglio farlo se non si vogliono orme ovunque.

      La procedura è orttima anche x cani allergici x eliminare allergeni dalle zanpe: ad es la mia è aòllergica alle graminacee quindio d’estate se corre sui prati x + di 3 giorni di seguito avrà zampine rosse e spesso escoriate e gonfie, ma se al termine di ogni uscita faccio il puccetto (x questo me lo consigliò la vet, poi venne a me l’idea di usarlo x levare il sale dalle zampine d’inverno o al ritorno dalla spiaggia in cui è bene levare sabbia e sale in tal modo soprattutto con cani a zampine sensibili) i sintomi dell’allergia dimonuiscono notevolmente e il cane può permettersi qualche scorrazzata in + sui prati.

      Come disinfettante omeopatico (a concentrazioni maggiori di quelle che ho indicate funziona da disinfettante util e anche x piccole ferite ed escoriazioni) uso la calendula in gocce (si trova nele farmacie con banco omeopatico di solito), che ha di buono che non danneggiando il tessuto di granulazione permette alle piccole ferite di rimarginarsi velocemente pur tenendole dinfinfettate e pulite ed è molto utile se ad es un cane allergico mostrasse x lunghi periodi erscoriazioni sulle zampe che potrebbero irritarsi ad un uso continuato di comuni disinfettanti.
      Non sono una fan dell’omeopatia, ma in certe cose aiuta: x ferite + grosse (non tanto da andare dal vet chiaramente) e saltuarie (come il cane che si graffia leggermente in una rete) magari la prima disinfezione la faccio con un disifettante normale e se la ferita è arrosata uso quello, ma x piccole ferite ed escoriazioni o escoriazini ricorrenti da allergie o grattamento (la mia non si gratta ne si sangia però la calendula sarebbre adatta anche in sti casi, anche perchè pure se leccata non dovrebbe dare problemi) è ottima e non sensdibilizza la pelle al contrario di altri prodotti..

  5. Valeria ti prego: so che con la cinofilia centra poco, ma una raccolta delle frasi e parole-chiave con cui si arriva al sito credo possa diventare esilarante!!

  6. In questi giorni siamo arrivati a -23 da me, e i cani sono rimasti all’esterno a causa della testardaggine di mio padre… Ho potuto solo trasferirli nella capannina di legno in cui tengo le selle della mia cavalla (che non patisce nulla e, anzi, spesso trovo baldamente stravaccata nel ghiaccio) e pregare che non mi odiassero, oltre a passare molto tempo con loro perchè giocando si scaldassero (io mi scaldavo un po’ meno dato che mi si gelava la condensa del respiro dentro le narici, facendo un male cane). Sono una rottweiler GRAVIDA ed un meticcio taglia media VECCHIO, peggio non poteva andare…

  7. nonostante il freddo,0 gradi circa, e la possibilità di stare al riparo nel garage annesso alla mia abitazione i miei tre rot preferiscono stare fuori, nel pieno della notte fanno di tutto (abbiano, piangono, graffiano la porta) per farsi aprire il garage e uscire. Questo tutte le notti, ho risolto lasciando la porta del garage semiaperta nella speranza che decidano da soli……e spero vivamente che non si ammalino.

  8. io ho un cane sotto casa che guarda fisso il mio portoncino SARà PERCHè VUOLE ENTRARE ! ma mia mamma e mio padre sono troppo impegnati per tenerlo e a me fa pena . gli ho dato dell ‘acqua e offerto una brioche ma continuava a guardare il portoncino datemi un consiglio

    • @maria: se è un cane sconosviuto socevole con gli umani e dall’aria abbastanza ben tenuta forse è li perchè c’è una cagna in calore ne palazzo be vuole entrare x accoppiarsi…guarda se ha un collare con una medaglietta o se attorno a dove abiti ci sono annunci (appesi a pali o fermate del bus o negozi di articoli x animali o veterinari soprattutto) con descrizioni di un cane simile e numeto di telefono e nel dibbio telefonma o telefona al canile e chiedi se qualcuno ha cefcato un cane di quel tipo cercando di descriverlo al meglio…
      Se fa freddo e il cane è SEMPRE fisso li (non torna a casa x mangfiare, non sembra allontanarsi mai da li) forse si è perso x qualche motivo, in tal caso puoi fotografarlo e mrttere annunci e/o portarlo in canile e in + mettere annunci in giro sperando che il proprietario lo trovi..
      Se il cane fosse femmina allora la storia dell’accoppiamento non sarebbe adeguata…
      se però il cane arriva li sta x anche molte ore ma almeno ogni tot ore sparisce allora è di qualcuno li in girto e portarlo al canile o prenderlo rischi di fare di peggio..
      Puoi anche provare a chiedere in giro se qualcuno sa di chi è quel cane: magari abita li vicino o si è perso da li vicino (mesi fa vidi un cane di notte e 3 giorni diopo scoprii che si era perso uscendo da un giardino a 20m da casa mia): chi abbamdona un cane lo molla neo boschi o in autostrada non in città, quindi se si vede un cane vagare o è un cane che vaga con il benepplacito del proprietario e magari si è allontanato di + x una femmina (deve essere maschio e non castrato e controllare è fcacile: deve avere pisello e palline!) o si è perso magari a meno di 500m da li e chi lo ha lo stacercando come un matto da giorni.
      Molt i proprietari se perdono un cane non reagiscono lucidamente: mettono solo 2-3 bvolantini in bianco e nero con foto orribili che non si capiscono, vanno in giro a chiamarlo e basta, chiamano una volta il canile e dopo 2-3 giorni danno il cane x morto anche se aveva il chip x cui se fosse morto o in canile verrebbero contattatoi quindi il cane è vivo e fuori che vaga..e fanno ciò quando magari il cane è li a pochi passi che gira come uno scemo sperando dsi esere trovato, x questo dico di fare passaparola x sapere di chi è il cabne o mettere volantini o portarlo da un vet x vedere se ha un chip al limite; molta gente non sa nemmeno che da 20 anni e passa non sopprimono + i cani trovati x strada e quindi chiama 2 volte i canile e poi dedice che il cane è morto o soppresso e piange e basta…ho avuto vari esempi di ciò + vari esempi di buoni samaritani che raccolgono cani considerati abbandoinati da mesi ma che invece si erano persoi pochi giorni prima e SE LI TIENE senza manco pensare a controllare se sono chippato x risalire al proprietario che secondo loro di sicutro li ha abbandonati, e non sempre io cani con il nuovo proprietario vivono meglio.

      Perciò se troviamo un cane prima di dedurre che è stato abbandonato da un proprietario cattivissimo e quindi adottarlo senza pensate che magari ha già un padrone (al contrario di tanti cani in canile realmente abbandonati), magari cerchiamo di accertare i fatti e se spossiamo di risalire al proprietario che magari lo sta cercando e lo ama!
      (e se avete un cane mettetegli sempre un collare con medaglietta con numero di CELLULARE anche se è tatuato o ha il chip: se ha la medaglietta con il vostro numero è + dufficiole che se si perde qualcuno lo creda abbandonato e magari vi chiamano immediatamente e ve lo riportano in poche ore; serve il numero di cellulare e non di casa perchè se siete fuori a cercare il cane è al cellulare che possono raggiungervi, non a casa; se il cane dovrà stare libero neio boschi in passeghgiata io aggiugo anche un campanellino x evitare che sdia scambiata da qualche cacciatore x un selvatico e metto un collare con catarifrangenti e colori accesi che la rende + visibile perfino di notte o con la nebbia…mi manca solo metterle un paio di lucette lampeggiani e un GPS da collare e poi mi denuncia alla Protezionbe Animali…il bello è vcge è un cane che torna a comando e non si allontana mai è di 20m se non vede selvatici e conosce il fischietto ad ultrasuoni, ma non si è mai troppo prudenti: meglio un cane che vaga x i boschi come un albero di natale che un cane perso o sparato o investito..).

  9. ciao, sono anna.Ho un cocker di quasi 8 mesi che da qualche giorno è inappetente. Visto che si comporta quasi normalmente, gioca, corre e soprattutto va di corpo regolarmente, come faccio a sapere se ha comunque una infezione? come gli misuro la febbre e quanto deve essere la temperatura? va bene con il thermo scan nel padiglione auricolare?
    Grazie.

    • La temperatura del cane si misura con il termometro rettale… la temperatura media del cane è di 38-38,5°
      Non è detto, però, che un eventuale problema gastroenterico porti febbre, quindi un bel saltino dal vet io lo farei, se l’inappetenza continua!

  10. Ciao ho un cucciolo di lcs ha 2mesi e sono 3giorni che l ho portato a casa e oggi ha iniziato a camminare strano come se avesse male hai polpastrelli..gli ho dato la crema glisolid..ma è un po arrossato tra i polpastrelli..è una cosa normale!?può succedere!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




20 commenti

  1. Ho 20 gradi in casa e subito di là dalla porta si arriverà forse a -15. Ha il pelo simile a un husky. Va bene un vigoroso massaggio prima che esce?

    • Forse andrebbe meglio un vigoroso massaggio dopo che è uscito… se gli alzi ancora la temperatura corporea quando è ancora in casa, temo che peggiori la situazione! Secondo me è meglio fargli passare qualche minuto in un ambiente con temperatura “neutra” prima di lasciarlo uscire (sempre se ti è possibile).

  2. L’ambiente neutro non c’è. La porta di casa divide i -20 esterni (previsti martedì)dai 20 interni. UN massaggio scalda dentro. UN cappottino non cel’ho e in questi giorni ndo vado in carriola? Se Spano 40 metri arrivo a 40 metri da casa. Aiuuutooo ! 😉

  3. Ciao. Ho una cucciolona di quasi 8 mesi di Pastore Tedesco. Lei vive sempre fuori,quindi è abituata al freddo,e adirittura rotola nella neve tutta compiaciuta. Per ripararsi ha una cuccia con porta laterale dove all’interno c’è una semplice coperta di lana. Dovrei mettere altro? Qui le temperature ora sono sui 2-3 gradi,massimo -1/-2 di notte.
    PS: ma i cani come i pastori tedeschi ad es.,se vivono sempre fuori,non dovrebbero star bene anche a temperature come -5? So che questo problema riguarda piu i cani che vivono sia fuori che dentro,e che quindi non hanno sviluppato un gran sottopelo. Naturalmente se la temperatura è ancora piu rigida concordo con il fatto che sarebbe meglio metterlo in garage ecc…

    • Meno uno-due gradi per un pastore tedesco sono una temperatura ancora accettabile, con la cuccia che hai descritto. Fino a meno 5-6 il pastore tedesco se la cava piuttosto bene, perché è ben “attrezzato” da madre natura. Ovviamente il cane sarebbe più contento di stare in casa al calduccio: essere in grado di sopravvivere non significa star bene al gelo! Però, se ha un buon riparo e se è sempre stata abituata così, rischi fino a -5 non ne corre. Se la temperatura scendesse ancora (sulle alture savonesi, dove normalmente d’inverno si arriva a zero solo in casi rarissimi, l’altro ieri sono arrivati a -17!!!), invece, meglio ripararla al coperto.

  4. Aggiungo che, oltre al problema del freddo, in questi giorni c’è anche il problema del sale sui marciapiedi, che fa malissimo ai polpastrelli.
    Io al mio bassotto Fricco do della Leocrema per proteggerlo prima di uscire, ma so che esistono anche delle cere protettive apposta.

    • Grazie per l’aggiunta, non ci avevo pensato ma è verissimo! Sì, esistono ottime cere protettive (sono state studiate per i cani da slitta, ma funzionano egregiamente anche per i cani di città in caso di ghiaccio…e di sale!)

    • se c’è il sale sulle strade (un tormento x la mia pitbulla che ha polpastrelli delicati e senza pelo, infatti cerca di evitare le zone + piene di sale camminandop a saltelli acrobatici, porella..ma x fortiuna a Genova il sale c’è 3 volte l’anno o meno e in 24 ore si è già disperso in buona parte) un palliativo è appena arrivati a casa (SUBITO, non dopo mezz’oretta) è pucciargli le zampine in una ciotolina di acqua tiepida con l’aggiunta se possibile di qualche goccia di disinfettante che non brucia (tipo bioalcool, proprio poche gogcce n uno o 2 bicchieri di acqua), o ancor meglio disinfettante omeopatico (calendula).
      Aiuta a decongestionare i polpastrelli pulendoli dal sale e riscaldandoli (l’acqua deve essere appena tiepida, non calda e non fredda) e il disinfettante diluito aiuta a decongestionare e disinfettare eventuali piccole abrasioni create dal sale sui polpastreli.
      Ogni zampina va lasciata in “puccio” nel contenitore con acqua x almeno 30-60 secondi muovendola leggermente x far sciogliere il sale; il cane deve stare ad es su dei giornali x asciugare le zampine senza devastare casa e le zampine non vanno frizionate nemmeno delicatamente con asciugamani (si irritano se sono sensibili visto che sono già irritate e è meglio far agire il disinfettante diluito, o se proprio si vuole asciugare usare asciugamani puliti e molto morbidi e tamponare senza strofinare e snenza infilarli fra i polpastrelli), ma si fa sostare il cane sui giornali x qualche minuto dopo l’operazione facendocelo camminare sopra, e almeno conb cani a zxampina poco pelosa come un pitbuill si ha un cane con zampe asdcoutte…con un terrier a pelo ruuvido dopo qualche minuto di sosta sui giornali forse un leggero tamponare con un asciugamano pulito e morbido è meglio farlo se non si vogliono orme ovunque.

      La procedura è orttima anche x cani allergici x eliminare allergeni dalle zanpe: ad es la mia è aòllergica alle graminacee quindio d’estate se corre sui prati x + di 3 giorni di seguito avrà zampine rosse e spesso escoriate e gonfie, ma se al termine di ogni uscita faccio il puccetto (x questo me lo consigliò la vet, poi venne a me l’idea di usarlo x levare il sale dalle zampine d’inverno o al ritorno dalla spiaggia in cui è bene levare sabbia e sale in tal modo soprattutto con cani a zampine sensibili) i sintomi dell’allergia dimonuiscono notevolmente e il cane può permettersi qualche scorrazzata in + sui prati.

      Come disinfettante omeopatico (a concentrazioni maggiori di quelle che ho indicate funziona da disinfettante util e anche x piccole ferite ed escoriazioni) uso la calendula in gocce (si trova nele farmacie con banco omeopatico di solito), che ha di buono che non danneggiando il tessuto di granulazione permette alle piccole ferite di rimarginarsi velocemente pur tenendole dinfinfettate e pulite ed è molto utile se ad es un cane allergico mostrasse x lunghi periodi erscoriazioni sulle zampe che potrebbero irritarsi ad un uso continuato di comuni disinfettanti.
      Non sono una fan dell’omeopatia, ma in certe cose aiuta: x ferite + grosse (non tanto da andare dal vet chiaramente) e saltuarie (come il cane che si graffia leggermente in una rete) magari la prima disinfezione la faccio con un disifettante normale e se la ferita è arrosata uso quello, ma x piccole ferite ed escoriazioni o escoriazini ricorrenti da allergie o grattamento (la mia non si gratta ne si sangia però la calendula sarebbre adatta anche in sti casi, anche perchè pure se leccata non dovrebbe dare problemi) è ottima e non sensdibilizza la pelle al contrario di altri prodotti..

  5. Valeria ti prego: so che con la cinofilia centra poco, ma una raccolta delle frasi e parole-chiave con cui si arriva al sito credo possa diventare esilarante!!

  6. In questi giorni siamo arrivati a -23 da me, e i cani sono rimasti all’esterno a causa della testardaggine di mio padre… Ho potuto solo trasferirli nella capannina di legno in cui tengo le selle della mia cavalla (che non patisce nulla e, anzi, spesso trovo baldamente stravaccata nel ghiaccio) e pregare che non mi odiassero, oltre a passare molto tempo con loro perchè giocando si scaldassero (io mi scaldavo un po’ meno dato che mi si gelava la condensa del respiro dentro le narici, facendo un male cane). Sono una rottweiler GRAVIDA ed un meticcio taglia media VECCHIO, peggio non poteva andare…

  7. nonostante il freddo,0 gradi circa, e la possibilità di stare al riparo nel garage annesso alla mia abitazione i miei tre rot preferiscono stare fuori, nel pieno della notte fanno di tutto (abbiano, piangono, graffiano la porta) per farsi aprire il garage e uscire. Questo tutte le notti, ho risolto lasciando la porta del garage semiaperta nella speranza che decidano da soli……e spero vivamente che non si ammalino.

  8. io ho un cane sotto casa che guarda fisso il mio portoncino SARà PERCHè VUOLE ENTRARE ! ma mia mamma e mio padre sono troppo impegnati per tenerlo e a me fa pena . gli ho dato dell ‘acqua e offerto una brioche ma continuava a guardare il portoncino datemi un consiglio

    • @maria: se è un cane sconosviuto socevole con gli umani e dall’aria abbastanza ben tenuta forse è li perchè c’è una cagna in calore ne palazzo be vuole entrare x accoppiarsi…guarda se ha un collare con una medaglietta o se attorno a dove abiti ci sono annunci (appesi a pali o fermate del bus o negozi di articoli x animali o veterinari soprattutto) con descrizioni di un cane simile e numeto di telefono e nel dibbio telefonma o telefona al canile e chiedi se qualcuno ha cefcato un cane di quel tipo cercando di descriverlo al meglio…
      Se fa freddo e il cane è SEMPRE fisso li (non torna a casa x mangfiare, non sembra allontanarsi mai da li) forse si è perso x qualche motivo, in tal caso puoi fotografarlo e mrttere annunci e/o portarlo in canile e in + mettere annunci in giro sperando che il proprietario lo trovi..
      Se il cane fosse femmina allora la storia dell’accoppiamento non sarebbe adeguata…
      se però il cane arriva li sta x anche molte ore ma almeno ogni tot ore sparisce allora è di qualcuno li in girto e portarlo al canile o prenderlo rischi di fare di peggio..
      Puoi anche provare a chiedere in giro se qualcuno sa di chi è quel cane: magari abita li vicino o si è perso da li vicino (mesi fa vidi un cane di notte e 3 giorni diopo scoprii che si era perso uscendo da un giardino a 20m da casa mia): chi abbamdona un cane lo molla neo boschi o in autostrada non in città, quindi se si vede un cane vagare o è un cane che vaga con il benepplacito del proprietario e magari si è allontanato di + x una femmina (deve essere maschio e non castrato e controllare è fcacile: deve avere pisello e palline!) o si è perso magari a meno di 500m da li e chi lo ha lo stacercando come un matto da giorni.
      Molt i proprietari se perdono un cane non reagiscono lucidamente: mettono solo 2-3 bvolantini in bianco e nero con foto orribili che non si capiscono, vanno in giro a chiamarlo e basta, chiamano una volta il canile e dopo 2-3 giorni danno il cane x morto anche se aveva il chip x cui se fosse morto o in canile verrebbero contattatoi quindi il cane è vivo e fuori che vaga..e fanno ciò quando magari il cane è li a pochi passi che gira come uno scemo sperando dsi esere trovato, x questo dico di fare passaparola x sapere di chi è il cabne o mettere volantini o portarlo da un vet x vedere se ha un chip al limite; molta gente non sa nemmeno che da 20 anni e passa non sopprimono + i cani trovati x strada e quindi chiama 2 volte i canile e poi dedice che il cane è morto o soppresso e piange e basta…ho avuto vari esempi di ciò + vari esempi di buoni samaritani che raccolgono cani considerati abbandoinati da mesi ma che invece si erano persoi pochi giorni prima e SE LI TIENE senza manco pensare a controllare se sono chippato x risalire al proprietario che secondo loro di sicutro li ha abbandonati, e non sempre io cani con il nuovo proprietario vivono meglio.

      Perciò se troviamo un cane prima di dedurre che è stato abbandonato da un proprietario cattivissimo e quindi adottarlo senza pensate che magari ha già un padrone (al contrario di tanti cani in canile realmente abbandonati), magari cerchiamo di accertare i fatti e se spossiamo di risalire al proprietario che magari lo sta cercando e lo ama!
      (e se avete un cane mettetegli sempre un collare con medaglietta con numero di CELLULARE anche se è tatuato o ha il chip: se ha la medaglietta con il vostro numero è + dufficiole che se si perde qualcuno lo creda abbandonato e magari vi chiamano immediatamente e ve lo riportano in poche ore; serve il numero di cellulare e non di casa perchè se siete fuori a cercare il cane è al cellulare che possono raggiungervi, non a casa; se il cane dovrà stare libero neio boschi in passeghgiata io aggiugo anche un campanellino x evitare che sdia scambiata da qualche cacciatore x un selvatico e metto un collare con catarifrangenti e colori accesi che la rende + visibile perfino di notte o con la nebbia…mi manca solo metterle un paio di lucette lampeggiani e un GPS da collare e poi mi denuncia alla Protezionbe Animali…il bello è vcge è un cane che torna a comando e non si allontana mai è di 20m se non vede selvatici e conosce il fischietto ad ultrasuoni, ma non si è mai troppo prudenti: meglio un cane che vaga x i boschi come un albero di natale che un cane perso o sparato o investito..).

  9. ciao, sono anna.Ho un cocker di quasi 8 mesi che da qualche giorno è inappetente. Visto che si comporta quasi normalmente, gioca, corre e soprattutto va di corpo regolarmente, come faccio a sapere se ha comunque una infezione? come gli misuro la febbre e quanto deve essere la temperatura? va bene con il thermo scan nel padiglione auricolare?
    Grazie.

    • La temperatura del cane si misura con il termometro rettale… la temperatura media del cane è di 38-38,5°
      Non è detto, però, che un eventuale problema gastroenterico porti febbre, quindi un bel saltino dal vet io lo farei, se l’inappetenza continua!

  10. Ciao ho un cucciolo di lcs ha 2mesi e sono 3giorni che l ho portato a casa e oggi ha iniziato a camminare strano come se avesse male hai polpastrelli..gli ho dato la crema glisolid..ma è un po arrossato tra i polpastrelli..è una cosa normale!?può succedere!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico