giovedì , 23 ottobre 2014
dogperformance
Home >> Allevamento >> La rivoluzione al Crufts, secondo me

La rivoluzione al Crufts, secondo me

di VALERIA ROSSI – “Secondo me” non perché la mia voce valga più di altre, sia ben chiaro: ma per chiarire che questa è la mia personale opinione e stop. Che può essere condivisa o meno, può essere opinabilissima, può essere anche platealmente spernacchiata. Sta di fatto che, secondo me, al Crufts hanno fatto una figura da cioccolatai.

Premetto: abbiamo già pubblicato un articolo sull’argomento Crufts e squalifiche e, in linea di massima, concordo con tutto quello che è stato scritto dalla collega. Il fatto è che nelle giornate successive sono arrivate un po’ di testimonianze da “chi c’era”, e che le cose oggi sembrano essere decisamente meno idilliache di quanto non apparissero in un primo momento.
Personalmente NON sono affatto convinta – sia ben chiaro anche questo – che tutto l’allevamento vada bene così com’è. NON sono affatto convinta che non esistano razze la cui selezione, badando solo all’aspetto estetico (o quantomeno a ciò che piaceva al grande pubblico e ai giudici, perché in alcuni casi di “esteticamente” bello non è che ci sia molto), ha rovinato o rischia di rovinare la salute. NON sono affatto convinta che non si debba correre ai ripari e togliere di mezzo ogni traccia di ciò che viene definito – a ragione – “maltrattamento genetico”.

PEEEEERO':

 

a) se il Kennel Club inglese non è in grado di dare direttive precise ai propri  Giudici, cambi mestiere. E’ inutile fare la “piazzata pubblica” durante l’esposizione più importante d’Europa (se non del mondo) se poi il parco-giudici inglese, in ogni altra occasione, continua a premiare i cani ipertipici e forse patologici. Lo Standard del bulldog, per esempio, è cambiato già da anni, andando verso un tipo di cane meno problematico e più “naturale”: qualcuno se ne è accorto? Io no.
Sui ring continuano  a vincere gli stessi identici cani, compresi quelli con millemila rughe e con le code indesiderate dal nuovo standard.

b) i controlli veterinari, a mio avviso, si fanno PRIMA e non dopo. E infatti ci sono stati, anche al Crufts.
Non potevano escluderli in quel momento, i cani su cui c’era qualche dubbio? Per quale motivo lasciarli salire sul ring e vincere il BOB, per  poi toglierglielo? In questo modo si sono fatti passare per emeriti incompetenti non solo i Giudici che avevano fatto vincere quei soggetti, ma anche i veterinari che li avevano visitati all’ingresso. Se io fossi uno di quei veterinari, ammesso e non concesso che non fossi d’accordo su tutta la manfrina, mi incazzerei come una bestia. Ma anche se fossi un giudice la cosa non mi farebbe piacere, anche se il giudice magari non è tenuto ad andare a guardare con la pila dentro gli occhi del cane.

c) pare che i cani squalificati avessero tutti sospette patologie oculari. Questo suona abbastanza ridicolo quando si parla di razze accusate di non respirare più, di non camminare più, di avere patologie neurologiche, ossee o cardiache a tutto spiano (ricordiamo che le razze a cui è stato tolto il BOB sono: bulldog, pechinese, clumber spaniel, mastiff, mastino napoletano e basset hound)… e saltano fuori, guarda caso, solo problemi agli occhi?
Per carità, sono importanti anche quelli…ma sono sicuramente meno drammatici di tutti gli altri. Il fatto è che non sarebbe stato possibile, ovviamente, mettersi a fare lastre alle anche, o magari ecodoppler, sul ring ai cani vincitori: quindi si sono attaccate (con assoluta premeditazione, sempre secondo me) le RAZZE – e non i soggetti – sulle quali si era deciso di alzare il polverone, trovando la scusa delle patologie oculari perché in realtà era l’unica che si poteva controllare con una pila. Però, se di questo si voleva parlare, allora bisognava illuminare gli occhietti belli di tutti i cani presenti, visto che le patologie oculari colpiscono praticamente tutte le razze, quasi nessuna esclusa.

d) c’è anche da chiedersi quale sia stata la motivazione per una sceneggiata tanto plateale. I maligni (tra i quali mi includo) sostengono che lo scopo fosse quello di “recuperare” la BBC, che ha sempre trasmesso il Crufts ma che quest’anno (forse anche sull’onda delle polemiche suscitate dal suo stesso documentario che dipingeva l’allevamento del cane di razza come una sorta di laboratorio del dottor Frankenstein) non l’ha mandato in onda.
La sceneggiata, quindi, potrebbe essere servita al solo scopo di far capire alla BBC (e di conseguenza al grande pubblico inglese) che il KC aveva improvvisamente visto la luce. Resta da capire se l’abbia vista davvero (perché di luce avrebbe molto bisogno) o se sia stata, papale papale, “tutta scena”.

Concludendo: se il Kennel Club voleva accendere sul Crufts dei riflettori che si stavano un po’ appannando, c’è sicuramente riuscito. Però, al di là dell’impatto iniziale che sembrerebbe essere favorevolissimo (oh, che bello! Hanno scoperto di aver esagerato, ora corrono ai ripari!), ci sono i molti dubbi legati al “come” e al “perché” si sia fatta una scelta così clamorosa.
Se l’intento è davvero quello di rimediare agli errori e di andare verso un allevamento più sano, siamo tutti felici: però la strada non è quella: o almeno, non è SOLO quella.
Per cambiare le cose basterebbe rendere obbligatori i controlli per le malattie genetiche (come fanno molti Club italiani, per esempio: perché bene ricordare che i problemi dell’allevamento inglese sono, appunto, INGLESI e non internazionali) per concedere il titolo di campione.
Sei displasico? Sei cardiopatico? Sei positivo al test per la syringomyelia?
Non diventi campione. Fine.
Gli allevatori senza scrupoli si darebbero una regolata alla sveltissima.
E poi, naturalmente, i giudici devono cambiare modo di vedere, adattandosi (anche se è difficilissimo “cambiare gusti”, me ne rendo conto, quando sei abituato a una certa immagine della razza) e cominciare a premiare i cani che non mostrano problemi respiratori, che camminano in modo sciolto e disinvolto, che non devono avere il cuscino refrigerante sotto il sedere per poter essere fotografati e così via.
E’ difficile, lo so che è difficile: ma ci si può riuscire. Ci siamo abituati ai cani integri, per esempio, quando eravamo abituati a vedere code e orecchie tagliate: e all’inizio quelli integri ci facevano francamente ribrezzo, ma adesso ci sembrano monchi quelli a cui sono stati tagliati dei pezzi.
“Fare l’occhio” a un nuovo aspetto non è impossibile, se lo si vuole fare. L’importante è volerlo…ma volerlo davvero e volerlo nell’interesse del CANE. Non di un’esposizione, titolata o meno che sia.

Per chi sa l’inglese: segnaliamo questa pagina di Facebook (Exhibitors Choice and Voice), nella quale allevatori ed espositori di ogni razza e di tutto il mondo si sono organizzati per dare vita ad una associazione che unisca le voci di tutti coloro che vogliono migliorare il mondo cinofilo internazionale.


About Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani da utilità per 16. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di 85 libri cinofili e della serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" , nonché conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto e tiene diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI). Da settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) è tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO).

11 commenti

Se hai difficoltà nel leggere i commenti, puoi variare la dimensione del testo:


  1. Io ho visto in un video il Cruft degli anni precedenti e sì, ci son soggetti che non passerebbero da noi, neanche l’expo alla sagra del paese!
    Ma sono anche anni che vado dicendo che la mia razza preferita sta diventando dicani belle statuine, tozzi e goffi che tra poco potranno solo stare piazzati per le foto di rito e se vedono un topo lo guardano con occhi che niente anno del rat dog, tanto belli, quanto inutili.
    In quanto agli allevatori inglesi, ho gia scritto in un post che prevedo abbattimenti a go-go.aspettiamo e vediamo.


    Vota il commento: Thumb up 0

  2. la cinofilia inglese è racchiusa in questo tuo illuminante commento “Per cambiare le cose basterebbe rendere obbligatori i controlli per le malattie genetiche (come fanno molti Club italiani, per esempio: perché bene ricordare che i problemi dell’allevamento inglese sono, appunto, INGLESI e non internazionali) per concedere il titolo di campione.
    Sei displasico? Sei cardiopatico? Sei positivo al test per la syringomyelia?
    Non diventi campione. Fine.
    Gli allevatori senza scrupoli si darebbero una regolata alla sveltissima.”
    toglierei solo SENZA SCRUPOLI,. non è questione di scrupoli ma proprio di MANCANZA TOTALE di attenzione. da parte di CHIUNQUE allevi in inghilterra. recentemente ho preso contatto con degli allevatori inglesi, con numeri piccolissimissimi (una max due cucciolate anno, cani 4 o 5, tutti tenuti rigorosamente in casa). quando ho chiesto dei controlli ai riproduttori ho sentito TONF! dall’altra parte del pc .. ! NON sanno (non vogliono sapere, non hanno info, il vet è carissimissimo in inghilterra etc) cosa sono !!!


    Vota il commento: Thumb up 0

    • Dani, non levo affatto il “senza scrupoli”: perché se li hai, gli scrupoli, ovvero se sei interessato alla salute dei tuoi cani, gli esami li fai comunque. Non è per fare sempre la santa a tutti i costi, ma io ho sempre testato tutti gli husky per la displasia e per la PRA anche se non è mai stato obbligatorio farlo (forse adesso per gli occhi lo è diventato: la displasia credo sia ancora una libera scelta).
      La mancanza di obblighi non è una scusa per sbattersene della salute: se vuoi, te ne preoccupi anche se non te lo dice il Club. Però, SE lo dice il Club, sono costretti a farlo anche quelli che se ne infischiano, ed è così che si salvano le razze. Obbligando i cagnari o cagnaroidi a fare il loro dovere; perché gli altri lo fanno anche da soli!

      Commento con voti alti. Tu cosa ne pensi ? Thumb up 5

  3. Non capisco molto di expo, ma so che vuol dire rispettare un cane.
    Questo è il commento che mi aspettavo sul Cruft. Grazie!


    Vota il commento: Thumb up 0

  4. Vorrei spezzare una lancia a favore degli allevatori inglesi. Io allevo Beagles, per cui i contatti li ho con allevatori di questa razza. Fermo restando che come ovunque ci sono persone più o meno serie, la stragrande maggioranza di quelli che conosco io non si tirano indietro quando si tratta di controlli ai rirpoduttori. Ultimamente è venuta alla ribalta una problematica che ritengo molto grave per la nostra razza, visto che colpisce solo i Beagles ed in una percentuale “discretamente” alta…quasi il 16% dei soggetti testati: la MLS. Il Beagle Club Inglese ha immediatamente preso provvedimenti, e adesso i cani non testati non possono essere considerati riproduttori selezionati. TUTTI i più famosi allevatori inglesi (di Beagles), e anche molti privati hanno testato i cani e pubblicato onestamente i risultati sul database, nel bene e nel male. Qui in Italia le cose vanno mooooltooooo diversamente, chi ha tentato di fare informazione (io per prima) riguardo a questa sindrome è stato accusato di TERRORISMO.
    Concordo perfettamente con Valeria: “se l’intento è davvero quello di rimediare agli errori e di andare verso un allevamento più sano, siamo tutti felici: però la strada non è quella: o almeno, non è SOLO quella”. Bisogna trovare la strada giusta, e secondo me una delle prime mosse sarebbe proprio quella di sensibilizare i giudici a “modificare” le proprie convinzioni.


    Vota il commento: Thumb up 2

  5. d’accordo come sempre con te Valeria, ma vorrei fare una precisazione. I giudici sono tenuti a valutare lo standard di razza e naturalmente i difetti di salute “clamorosi” come una zoppia od un respiro incompatibile con una passeggiatina nel ring, o una condizione disastrosa del pelo. I giudici non sono veterinari e non sono tenuti a conoscere e diagnosticare le patologie. Nel caso delle patologie oculari, soprattutto, e’ necessaria una visita approfondita ( e con strumenti medici) che non compete al giudice.Sono due figure professionali diverse, con compiti diversi; per cui non credo che nessuno abbia fatto fare una brutta figura all’altro.Che sia una cosa da migliorare pero’, e’ sacrosanto. Ciao, Luana


    Vota il commento: Thumb up 3

    • Sì, Luana, l’ho detto anche nell’articolo che il giudice non poteva piantare le lucette negli occhi del cane… ma io mi riferivo all’opinione pubblica, quella che poco (o nulla) sa, ma che legge i titoloni sui giornali (e basta). E scopre che tot cani giudicati migliori di razza sono stati squalificati perché “malati” (genericamente). Cosa credi che possano pensare, specie se magari hanno visto anche il documentari della BBC?
      Che in esposizione i cani siano tutti marci, perché se quelli erano i vincitori…figurati gli altri! E che i giudici siano o degli incompetenti, o dei venduti, o gente a cui interessa solo l’estetica a discapito della salute. E così via.
      Insomma, per me la cosa si poteva gestire molto, ma molto meglio proprio a livello di immagine!


      Vota il commento: Thumb up 1

  6. in linea generale sono d’accordo, vorrei solo mettere l’accento su un ‘particolare’ che forse per noi è difficile da capire: la cinofilia in Gran Bretagna non è solo un businness enorme: è un fatto di costume, addirittura di Stato; non per nulla a somma guida del Kennel Club c’è la Regina, che è anche allevatrice. Le risorse mediatiche messe a disposizione per un evento come il Crufts di conseguenza sono veramente sconfinate rispetto a quelle di qualsiasi show in altre parti d’Europa, per quanto serio e importante possa essere. A fronte di tutto questo io credo che quello che dall’esterno potrebbe sembrare un tentativo maldestro di aggiustare le cose sia in realtà una sottile operazione di marketing volta a stimolare determinate reazioni, messa in atto dopo un esame tutt’altro che superficiale della situazione e sulla base di dati concreti che ovviamente nessuno divulga… io spero che il fine di tutto questo polverone sia giustificare un giro di vite sui controlli (quelli seri)… comunque ora possiamo solo aspettare e vedere che succede…


    Vota il commento: Thumb up 1

  7. ben detto valeria


    Vota il commento: Thumb up 0

  8. finalmente la voce di una dei due veterinari indipendenti che hanno giudicato i cani. qui il link di un post molto lungo, da leggere: http://pedigreedogsexposed.blogspot.it/2012/03/crufts-vet-alison-skipper-has-her-say.html


    Vota il commento: Thumb up 0

  9. Ciao,non si possono cambiar le cose di punto in bianco,ma si cambiano a piccoli passi,il crufts a fatto il primo,ora vedremo…


    Vota il commento: Thumb up 0

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.