Come molti già sapranno, visto l’immenso tam tam mediatico che si è scatenato dopo la notizia, la corte che doveva prendere posizione su Lennox (il cane ingiustamente sottratto alla sua famiglia senza aver mai fatto del male a nessuno, e di cui abbiamo già parlato in questo articolo e più recentemente in quest’altro) ha bellamente ignorato tutti gli appelli, le petizioni e quant’altro abbia cercato di fermare un’assurda sentenza di morte. Quella sentenza è stata confermata, ma Lennox non è ancora stato soppresso (contrariamente a quanto si è letto ieri sul web).
Siamo in attesa di ricevere un articolo da Elisabetta Tomsic, che ha seguito questa vicenda fin dall’inizio e che intende scrivere solo quando ci saranno notizie più certe. Per ora si sa solo che la famiglia sta decidendo come proseguire: infatti, possono portare il caso davanti alla Corte Suprema a Londra e poi, eventualmente, davanti alle corti europee.
L’unica cosa certa, al momento, è che Lennox è ancora vivo e che ha ancora bisogno di tutto il nostro appoggio.

Questo il messaggio della famiglia a tutti coloro che stanno supportando la causa di Lennox:

Vorremmo ringraziare tutti per i messaggi di innumerevoli che abbiamo ricevuto nelle ultime 24 ore, durante questo momento molto difficile per la nostra famiglia, e per il sostegno che abbiamo avuto da tanti, da quando Lennox ci  è statosequestrato nel 2010. Gli ultimi due anni sono stati estremamente dolorosi per molti motivi e noi apprezziamo che questo caso abbia coinvolto emotivamente tanti cinofili in tutto il mondo, che si sono espressi contro le carenze della legislazione. Siamo consapevoli  di non essere gli unici a sentirsi  devastati dalla recente sentenza e questo ci fa sentire un po’ meglio. Siamo in trattative con il nostro team legale, che ci darà nuove istruzioni a tempo debito.

Articolo precedenteIscrizioni ENCI, sono uscite le statistiche 2011: boom di Chihuahua, Jack e Akita, crolla il gruppo 2
Articolo successivoUomini, cani ed emergenze: come lavorano le Unità Cinofile da soccorso

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

8 Commenti

  1. Povera famiglia…povero cane…non riesco neanche ad immedesimarmi in loro perchè se lo faccio mi vengono solo pensieri brutti….ne uscirei devastata! ma perchè il mondo è così ingiusto!!? sempre peggio…

  2. Quando un argomento diventa “vecchio” (e l’avevo già detto per altri argomenti!) non interessa più a nessuno: si vede qui dai post. E che Lennox sia imprigionato per NULLA da 2 anni lontano dalla sua famiglia, che la sua famiglia da 2 anni sia disperata e continui a lottare con angoscia infinita x riaverlo indietro, che gli penda tuttora inesorabilmente una mannaia sul capo senza NESSUNISSIMO MOTIVO VALIDO, beh…. sono argomenti “vecchi”, già discussi e superati. Passiamo a blaterare su altro, vero?!?
    Io, invece, a differenza di voi, non ce la faccio a mettere nel dimenticatoio certe notizie strazianti: “Lennox ha ancora bisogno di tutto il nostro appoggio!” conclude quest’articolo della Redazione. Infatti si è visto in quanti, in questi ultimi 5 giorni, lo stiamo appoggiando… O no?

  3. Ne so meno di te, Nicoletta, xkè nessuno ne parla più, tranne la redazione con questo articolo di 5 giorni fa… Vedi che brutto?

    • Hai ragione, ma dà un pò di giorni anche su FB girano diverse petizioni per lui, purtroppo ci sono troppi casi drammatici e la cosa che sconvolge di più è la “rassegnazione” della stragrande maggioranza di persone che credono di non poter fare niente e sia tutto inutile.
      Non mollo mai, ho raccolto firme anche per chiudere Green Hill, pur sentendomi dire: ma chi te lo fa fare?
      La mia risposta è stata: “sono fortunata perchè sono capace di amare, che sia una persona o animale non importa e, soprattutto, nessuno spegnerà la mia voglia di lottare”.

  4. Sono contenta che ci sei, Nicoletta! (Anch’io su Green Hill sono stata piuttosto attaccata, ma lasciamo perdere…) Hai ragione, la cosa peggiore è la rassegnazione… Staremo a vedere, se FB si sta muovendo tanto meglio, ma qui c’era un silenzio di morte che mi ha fatto accapponare la pelle

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here