domenica , 19 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Varie >> Appelli >> Vi presento… i cani di Avola

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Vi presento… i cani di Avola

di VALERIA ROSSI – Qualcuno, non ricordo chi, mi ha chiesto qualche giorno fa di “selezionare” qualche cane particolarmente interessante per l’adozione, durante la mia permanenza al canile di Avola. L’ho fatto, testando soprattutto i caratteri perché il fisico lo vedete anche da soli…e perché i cani sono tutti belli, anche quello che abbiamo chiamato “cane più brutto del mondo”.
Ovviamente mi piacerebbe presentarvi tutti i cani del canile, perché tutti meriterebbero una famiglia: ma mettere troppa carne al fuoco finirebbe per confondere le idee, quindi preferisco mostrarvi la mia personale selezione… che è andata a simpatia, non c’è dubbio: ma è stata anche accompagnata da una valutazione caratteriale fatta sia da me che dall’educatore-addestratore Davide Cardia, persona del cui giudizio mi fido come del mio.
Detto questo… poiché le cose serie le ho scritte nell’altro articolo, qui scherzo un po’: almeno con le “razze” che abbiamo inventato per i cani del canile di Avola.
Sono, infatti, tutti meticci (tranne Elena, che è un cane corso probabilmente puro): ma che male c’è a creare qualche nuova “razza”, specie nella speranza di rendere più simpatico qualche amico peloso da adottare?
Quindi, ecco a voi il…

PASTORE TEDESCO TOY (Vasco, 5 mesi)

A vederlo così, non lo sembra davvero? D’accordo, forse non proprio un pastore tedesco purissimissimo… però… quasi!
In realtà Vasco (da noi ribattezzato “Quasimodo” come il gobbo di Notre Dame) è affetto da nanismo: e quando si alza in piedi… be’… è un tappetto.
E non solo: è senza coda (gli stava crescendo sotto la pelle ed è stato necessario un intervento per eliminarla), con poco-poco-poco collo, pure con un filino di  gobbetta.
In due parole: Davide ed io siamo stati assolutamente concordi nel conferirgli la palma di “cane più brutto che avevamo mai visto”.
Cosa che non ci ha impedito di essere conquistati dalla sua simpatia, perché alla fin fine questo è un cucciolo sano, vispo, con tanta voglia di coccole, che non ti si leva mai dai piedi: è un pochino timoroso se gli vai incontro con modi troppi spicci, ma se gli fai una carezza ti si appiccica tipo cozza. Il secondo giorno di visita al canile ci è venuto incontro tutto felice, dimenando il sedere (la coda non ce l’ha), come se fossimo stati amici da sempre. Ha un carattere stupendo, amichevole, insomma è “bello dentro”. E non merita proprio di restare in canile.

Altra pregiatissima razza avolese: il… BASSOTTO A GAMBA LUNGA (Remi, cucciolone)

Di lui non si sa l’età precisa: ma è sicuramente un cucciolone ed è veramente un bellissimo cane. Una specie di segugetto di estrema eleganza (somiglia davvero ad un bassotto, però ha le zampe proporzionate e non corte): vederlo trottare è un piacere per gli occhi.
Quando è arrivato in canile era stato attaccato da un altro cane ed era praticamente aperto in due sulla schiena: ora è perfettamente guarito e quindi è stato reso disponibile per l’adozione.
Amichevole, dolcissimo, anche lui ha un attimo di perplessità di fronte agli sconosciuti ma viene immediatamente “comprato” da due coccole. E’ un cane prontissimo ad apprendere: è stato il grande protagonista del corso pratico, perché in un quarto d’ora ha imparato a portare collare e guinzaglio e perfino a fare  “seduto”! Un grande, piccolo cane che potrebbe rendere felice qualsiasi famiglia.

Per chi ama i cani di piccola taglia, abbiamo i CHIHUAVOLAHUA, ovvero i Chihuahua made in Avola.
Sono quattro cucciolini di un paio di mesi, minuscoli e destinati a non crescere molto di più di così: probabilmente un Chihuahua dietro ce l’hanno davvero. Una cosa è certa: sono spettacolari. Simpaticissimi, casinari, sempre in movimento (abbiamo fatto millemila foto, non ce n’è una decente perché non stavano fermi un attimo), così piccini che, se verranno adottati subito, non risentiranno neppure della vita da canile: però c’è poco tempo, anche perché il posto per loro non esiste e sono costretti a vivere in questa gabbietta, cosa che a lungo andare potrebbe causare loro problemi fisici e psichici.

E per finire, ecco una cagna “veramente” di razza: un cane corso apparentemente puro (senza documenti non lo si può sapere, ma… l’aspetto è quello), giovane, amichevole, intelligente, collaborativa. E’ un po’ sottopeso, il cibo del canile  basta solo a garantirle la sopravvivenza: in una famiglia presumo che prenderebbe almeno una decina di chili, diventando un vero splendore di cagna.

Qualcuno dei miei lettori ha un posto libero in casa e nel cuore?
Scriveteci subito! L’email è [email protected]. Vi metteremo immediatamente in contatto con l’associazione Canisciolti Onlus per concordare l’adozione.
Non potete prendere uno di questi cani?
Aiutateci a “spammarli”, condividendo più che potete. Noi ci abbiamo scherzato un po’, ma non bisogna dimenticare che questi cani sono tutti ad altissimo rischio: i cuccioli di prendersi qualche malattia, i cuccioloni e gli adulti di non avere più la possibilità di essere sfamati.
E’ vero, di cani in difficoltà ce ne sono tanti: ma per questi la situazione è veramente grave. Chi può aiutarli, per favore, lo faccia: in un modo o nell’altro.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico