377690_553221574702062_1131821046_ndi ROBERTO BAYRE – Che la Sardegna avesse ospitato il cane già da tempi antichissimi è ormai dato certo, come testimoniato da numerosi bronzetti nuragici che raffigurano esemplari di cani stilizzati.
Uno di questi, il “mastino Fonnese” fu addirittura impiegato in guerra, più precisamente nello scontro fra l’Esercito Regio e i Turchi in Libia, come ci documenta la foto del 1912 (a sinistra) che ritrae il Tenente Piras con “su cani pertiatzu”.
In questi ultimi anni sono stati numerosi gli studi sulle razze autoctone Sarde: e dopo tanto aspettare e migliaia di documenti storici presentati per certificarne la genuinità e la storia, il “Cane Fonnese” da oggi entra ufficialmente nell’elenco delle razze riconosciute, verosimilmente (non abbiano ancora tutti i dettagli)  nel gruppo 1 (cani da pastore e bovari).

538071_553215051369381_386687445_nInfatti già in data 30.11.11, con procedura d’urgenza, il Comitato tecnico dell’ENCI aveva aperto il “libro sul cane fonnese”, prima fase per il riconoscimento della razza. Dopo più di un anno arriva l’annuncio ufficiale, riportato il 16/02/13 dal TGR Sardegna.
Il cane che da millenni ha accompagnato i pastori difendendone le greggi oggi è razza a sé: è stata presentata  durante una mostra internazionale canina a Sassari con più di 100 esemplari presenti.
68920_553215061369380_148722715_nPresente alla manifestazione il presidente dell’ENCI Francesco Balducci che dice: “Riconoscere una razza non è semplice… richiede un lavoro abbastanza lungo e accurato. E’ molto importante il riconoscimento di una razza in quanto fa parte della storia dell’uomo, il cane è sempre stato legato alla vita dell’uomo, in questo caso alla pastorizia… “
La ricercatrice Raffaella Cocco, che ha condotto le indagini su questa razza, dice: “Gli allevatori sono tantissimi anni che lavorano, e lo fanno molto bene, la difficoltà era riordinare tutto il materiale che c’era a disposizione, raccoglierlo in maniera più scientifica inserendo la valutazione morfologica e genetica del cane.
599972_553215361369350_1614524805_nPer il battesimo dei capostipiti era presente anche il giudice internazionale Giuseppe Alessandra che descrive così lo standard del Fonnese: “E’ una razza da guardia alla proprietà e al gregge, un custode fedele e soprattutto sicuro che nei secoli è rimasto immutato come è possibile vedere attraverso la molta documentazione storica che questa razza presenta”.
In attesa che l’ENCI pubblichi lo standard completo della razza si attende con ansia anche il riconoscimento di altre razze autoctone della Sardegna, quali il Dogo Sardesco e  il Levriero Sardo.

Potrebbero interessarti anche...