cronomilla1di LAURA FACCIOLO – “Cronomacchina molto lenta” di Ian Watson:  qualcuno degli appassionati del genere magari lo ricorderà.
L’unico legame è nel titolo perchè Milla non è un alieno, o forse sì.  Sicuramente è uno shih tzu, è molto amata e molto viziata dalla sciuramaria di turno, cioè da me.
Oramai si va per i cinque anni di convivenza e, ripensando alla nostra storia, non riesco a ricordare se la sua nutrizione è sempre stata problematica o se è andata peggiorando man mano che ha acquistato potere sulla sua “mamma umana”.
Onestamente propendo per la seconda ipotesi.
Comunque sia, mi sono resa conto che c’era “il problema alimentare”, ho fatto l’esame di coscienza e chiesto aiuto a chi ne sapeva più di me.
La risposta unanime è stata: “L’hai viziata e ha pure capito che in questo modo ottiene la tua attenzione.”
Soluzione una sola: “Decidi tu quello che deve mangiare e quando deve farlo. La ciotola rimane a terra un tot di tempo, poi via tutto e si va al pasto successivo.”
Ai miei dubbi la risposta unanime era: “Non si è mai visto un cane morire di fame con la ciotola piena.”
Giuro che mi sono applicata, anche se giocavo con un grosso handicap iniziale. Un handicap di 12 chili, perchè Wizzie, l’altra mia coinquilina che purtroppo non è più tra noi, era un cane proprio da manuale: “C’è da mangiare? Bene, mi strafogo! Perchè, come ci ha insegnato l’antenato lupo, oggi ce n’è, domani non si sa”.
Era dura passare a Milla il messaggio: “Non è perchè mangi o non mangi che io ti do attenzione.”
L’attenzione ce la dovevo mettere io, tutta, altrimenti Wizzie, in due nanosecondi, si pappava pure la ciotola della compagna inappetente.

cronomilla2Qualcuno penserà, “Ma sei scema? Dividerle in due stanze no?”.
Già… proprio no, invece: perchè, non avendolo mai dovuto fare prima, tutta l’attenzione in quel caso si spostava dalla ciotola alla porta chiusa con sniffamenti e grattamenti vari …
Il compromesso è stato niente stanze divise, ma tenere  su di me l’attenzione di Wizzie con premietti (alimentari) e coccole, lasciando la ciotola a disposizione della piccina un po’ più in là.
Anche così mangiava pochissimo,  ma mi è stato detto: “Cavoli, sono tre anni che lei si è abituata male per colpa tua, adesso devi tenere duro, non è mica stupida, spera che le cose tornino come prima, ma se tu non cedi, cederà lei.”
“Cedere” si è dimostrata una parola che al mio cane non piaceva: dopo qualche mese di questo braccio di ferro era arrivata a mangiare praticamente il minimo vitale. Ma pure dimagrendo parecchio, di lì non si spostava.
In autunno dopo una brutta tracheite persistente e l’ennesimo cambio di farmaci senza risultati, si è deciso, con il veterinario, di sospendere, quanto meno fino al ristabilimento completo, qualsiasi tentativo di educazione alimentare.
Al momento i risultati ci sono stati: nel senso che si è ristabilita, ha rimesso su il peso perso … e mangiava “à la carte.”
Beh, che volete farci: in fondo era guarita, ed essendoci nel frattempo stata la perdita di Wizzie, proprio non me la sono sentita di ripigliare la linea dura.
E Milla mi ha preso di nuovo sottogamba.
Fa la schizzinosa e mi sono ritrovata al vergognoso (sì, mi vergogno) rituale del nostro strano sport cino-olimpico: la rincorsa con la ciotola ed il lancio del bocconcino.
Per consolarmi mi riprometto che in primavera, con il ritorno delle belle giornate, dove avremo l’attenzione reciproca nelle passeggiate e nei giochi all’aperto, saremo entrambe più bendisposte a ristabilire la dignità dei pasti.
Ma è un mesetto che la situazione si è evoluta in una direzione che ha dello strano. C’è una variante inquietante del famigerato “tiro del bocconcino”.

cronomilla3La streghetta ha tramutato la cosa in gioco che mi vede costretta a buttarle, per invogliarla, più bocconcini di seguito in una sorta di buffa pantomina: lei fa per andarsene dalla stanza e quando la richiamo – e fingo indifferenza per ciò che farà col cibo – in effetti mangia.
Tutto a posto, anche se diseducativo per lei e vergognoso per me?
Nossignori!
“Crono-Milla” raccoglie e si mangia i vari bocconcini in ordine rigorosamente cronologico di lancio: ce ne sono tre in terra e il più vicino a lei è quello dell’ultimo tentativo? Bene lei fa un percorso per evitarlo teatralmente, arriva al primo bocconcino gettato in ordine di tempo e lo mangia: di seguito il secondo, quindi l’ultimo.
Ho testimoni di questo, in caso contrario nessuno mi crederebbe, nemmeno io.
La sequenza si ripete oramai, spesso, non a ogni pasto,  quasi sempre rispettando il rituale della cronologia dei lanci e in un tempo appunto “molto lento”.
Ah, piccolo particolare: terminata questa strana storia, viene a leccare accuratamente la ciotola vuota, tanto da asciugarla con le orecchie, poi tutta allegra e saltellante chiede il premietto, una barretta. Quella la prende tranquillamente dalle mie mani e se la sgranocchia soddisfatta.
Si accettano suggerimenti…

Articolo precedenteBerlusconi e i cagnari: ci intortano nello stesso modo e gli italiani reagiscono nello stesso modo
Articolo successivoMovimento, movimento!

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

17 Commenti

  1. Con la mia border avevo lo stesso problema e ci eravamo ritrovati con un canr che nn voleva mangiare tre giorni. Nella ciotola del mio cane aggiungo abbondante acqua calda. Non so come ma le crocchette liberano per forza qualche odore nuovo, in quanto spolvera tutto in tempi da record….

  2. Quale e quanta attività fisica fa la tua cagnolina?
    e quale e quanta “attività mentale”?
    i bocconcini e gli snack per cani li mangia volentieri?
    il cibo umano o il cibo umido per cani lo mangia senza difficoltà?

  3. Stesso problema, o quasi. Quando è arrivata Lady non voleva mangiare e noi nel panico abbiamo seguito il consiglio del negozio di animali “mettetele un po’ di umido o di parmigiano nelle crocche” e adesso si sente in diritto di schifarle se dentro non c’è abbastanza umido o non è di suo gradimento -__-. Ma se la lasciassi a dura dieta (15 min di tempo se non mangi azz tuoi) per un paio di giorni???

  4. Ma non c’è proprio nessun cibo per cani che piaccia tanto a Milla?
    Quando ho preso il mio cane adulto mangiava solo patè per cani in vaschetta, niente bocconcini, niente patè in latta, di croccantini non se ne parlava.
    Per 3 mesi ho fatto una lunga lotta per farle mangiare croccantini e alla fine l’ho vinta. Fortunatamente il cane era in sovrappeso perchè durante questa lotta ha perso il 30 per cento del suo peso.
    Le davo la sera poco del patè che le piaceva e il giorno croccantini, mangiava solo il patè. Poi sempre meno patè. Poi il patè in latta e i croccantini, e mangiava solo quel patè, poi croccantini morbidi (marca da supermercato ma che hanno un’odore fortissimo che l’attiravano tanto). Poi sempre meno croccantini morbidi e siamo passati a tutti croccantini duri, ma ho dovuto provare tante marche prima di trovare quella di suo gusto.
    Alcuni giorni non ha voluto mangiare niente, altri mangiava una cosa e il giorno dopo non ne voleva più, è stata molto dura.
    Ti consiglio di darle da mangiare a orari prestabiliti, di trovare un cibo che le piaccia tanto (di solito i cibi più appetitosi non sono di alta qualità) e di abituarla a questo e quando ha imparato a mangiare tutto, cambiarglielo pian piano.
    Ogni cane è fatto a modo suo, ma sei hai un cane magro sarà difficile toglierle la ciotola e vederla dimagrire ogni giorno.
    Anch’io ti consiglio la tattica del “O questo o chiodi”, però prova a cercare un cibo che le piaccia, sarà più difficile per il cane rinunciarci.

  5. Io uso Trainer Puppy (ha 9 mesi), crocchette all’odor di animale morto ci sono :)?? Lei potesse mangerebbe solo umido però per un cane di 23 kg sarebbe un salasso e forse non sarebbe nemmeno “completo”

  6. Il cibo è un veicolo potente di messaggi di vario tipo, almeno per noi umani. D’altronde anche i bambini in età preverbale usano le stesse strategie per “gestire” la madre, e più avanti patologie assai gravi hanno il cibo come perno su cui ruota tutta la famiglia. Quindi, qualunque suggerimento (ovvio) sarebbe inutile…finchè nel rapporto il cibo ha un ruolo cosí incombente, e anche, forse, cosí poco lineare.

  7. Anche io ho avuto problemi con il cibo, e pur sapendo tutte le “regole” lette anche qui per una giusta alimentazione, tirare via la ciotola dopo 15 minuti eccetera, davo da mangiare al mio cucciolo con il cucchiaio o con le mani!! Lo so, lo so, sbagliatissimo, ma fino ai 8 mesi il mio samoiedo non mangiava, la ciotola non gli interessava proprio e andava avanti con un bocconcino ogni tanto. Io da perfetta sciuramaria con il suo primo cane cambiavo crocchette una volta alla settimana (e lo sapevo benissimo di sbagliare) preoccupata, lui invece era pieno di energie, correva ovunque per i campi e cresceva, quindi quel poco che mangiava gli bastava.

    Ho risolto il problema cambiando ancora crocchette, scelte per bene, e queste le ha mangiate da subito nella ciotola da solo (un miracolo), e continua a mangiarle da più di 5 mesi. Io gli lascio la mattina la ciotola con la razione giornaliera, e lui la mangia in due o tre volte nel corso della giornata regolandosi da solo.
    So che non sarebbe giusto, ma posso continuare così?

  8. la mia femmina aveva 11 mesi quando è arrivata da noi..mangiava quello che mangiava in allevamento,ma ha cominciato a fare la schizzinosa dopo un periodo di vacanza in montagna dalla nonna ..ettecredo!mia madre le metteva brodo e lesso perchè non voleva mangiare.Tornata in città la piccola è stata digiuna per 3 giorni,dopo di chè mi son commossa e le mettevo un pò di grana sopra le crocchette.Spazzolava..poi altra settimana di vacanza sulla neve dalla nonna..al ritorno anche il grana non era ben accetto e son passata al tonno:-) due settimane fa è arrivato il maschio di due anni!Al primo pasto metto giù le due ciotole con crocche natur..lei rifiuta e lui spazzola anche la sua ciotola..secondo pasto :lei si avventa sulla SUA ciotola e in un batter d’occhio si mangia le sue crocchette senza fiatare..e da quel giorno mangia contenta e vorace.Anche perchè lui ha una fame atavica ed è un fulmine quindi se poco poco lei si distrae le sparisce pure la ciotola:-)

    • Il metodo del coinquilino maschio e vorace ha funzionato perfettamente anche con la mia gatta schizzinosa.
      Dopo un paio di sessioni in cui ha osservato inorridita il bieco nuovo arrivato far fuori di gusto entrambe le ciotole ha capito l’andazzo e da quel giorno è tornata una sana felide forse un tantino ciccia ma tanto di bocca buona.
      Con la cagna ho subito solo una “ribellione” durata tre giorni in cui sembrava non volerne sapere della sua pappa. Inizialmente mi sono anche preoccupata pensando a un problema di salute finchè non ho notato che andava felicemente a rubare la pappa dei gatti.
      Al chè non mi son fatta impietosire, mi sono sorbita gli sguardi da mortadifame della cagna e l’indignazione del marito che sosteneva che fossi una bieca affamatrice ma dopo 3 giorni di pappe rifiutate o sbocconcellate tutto è tornato alla vorace normalità.

  9. Avevo scritto un bel commento lungo, con fatti ed antefatti…ma col cel basta poco e ti autofagociti il commento :-(.
    Quindi vedro’ di fare un sunto anch’io avevo il problema dell’inappetenza con le mie femmine le ho tentate tutte compresa la linea dura, considerando pero’ che la mia cagnolina piu’ piccola arriva a stento a 2,5 kg (gia’ cosi un po’ sottopeso, e’ una maltese) era scesa a 2 e le si contava ogni singolo ossicino, ho deciso di tentare un altra strada, il casalingo! Mi sono rivolta al mio vet mi sono fatta prescrivere gli integratori vitaminici, mi sono rivolta ad un altra vet e mi sono fatta dare la dieta tipo e diverse ricette, ne ho scaricate altre, e quindi ogni giorno (od ogni 2 se ne faccio di piu’) peso taglio cucino…ma a distanza di 5 mesi posso dire di aver risolto…mangiano! Tutto e puliscono il piatto…sporcano bene, sono vitali e il pelo e’ lucido, quindi sono molto soddisfatta del risultato…

  10. Io ho tre bassotte femmine che mangiano la loro razione (divisa in due) quotidiana tranquillamente (ma i bassotti si sa, non si fanno certo pregare!!)una di fianco all’altra. Io rimango presente durante il pasto (il tempo non è un problema, ci impiegano davvero poco)perché se mi allontano una di loro si sente in diritto di scofanarsi anche la ciotola della, diciamo, ‘terza in grado’ (un pelo più lenta) che reagisce incavolandosi come una biscia! Una sola volta, in passato la più giovane ha provato a fregarmi…a causa di un problema gastrointestinale le dovevo dare l’umido appositamente creato e doveva essere molto buono, perché, finita la cura, non voleva più saperne di crocche! Schifata si allontanava dalla ciotola, ma la fame è brutta e per fortuna ha ceduto abbastanza in fretta.

  11. Io ho avuto 2 cani modello “campo d’aria” e mentre il primo quando ha imparato a mangiare in maniera appena appena decente era ormai troppo vecchio per farmi godere il mio finale successo. Con la seconda, inquadrato il tipo, sono andata per la via spicciola.
    Avevo già passato le fasi giochiamo e ti “imbocco”, un tiro al pallone e quando lo riporti ti do una crocchetta; la fase del mangiamo a la carte: ah mi hai messo la scatoletta alla trippa? io oggi volevo il pollo… ecc ecc ecc. Onestamente quando è arrivata la seconda, stesso modello, e casualià (?) stessa linea di sangue, che quando vedeva la ciotola mi guardava modello: cos’ho fatto di male? devo proprio? ho pensato solo una cosa: IO HO GIA’ DATO, NON CI STO A PRENDERMI LE FERIE PER FARTI MANGIARE!
    L’unica cautela che ho usato era sempre accertarmi che nn mangiasse per via di un malessere, una tonsillite o altro.
    La soluzione è stata:
    metto la ciotola – non mangi – si vede che non hai fame – se ne parla a cena (sempre più ferma nella convinzione che non mi fai pena, e che se vuoi morire sei libera di farlo).
    metto la ciotola – mangi poco – a cena te ne metto ancora meno. Il mio fine è quello di farti arrivare sempre a finire quello che ti ho messo nella ciotola.
    Se devi mangiare 3 crocchette di numero le mangerai senza smancerie come tutti i cani che si rispettino, MA dentro la ciotola.
    Secondo me è importante che il cane arrivi sempre a finire la sua razione, perciò non sono mai caduta nell’inganno di mettere di più a cena perche non hai mangiato nulla al mattino. Al contrario, alcune volte mi bastava guardarla in faccia per capire che non avrebbe mangiato neppure oggi. Cos’ho fatto? non le ho dato la ciotola. le ho fatto saltare appositamente il pasto. Decido io quando e cosa mangi, e vedrai che prima o poi capirai che ti conviene spazzolare il fondo. Mi rendo conto che sembra una crudeltà, ed è stata una battaglia lunga e penosa durata un anno forse tra alti e bassi, ma l’ho fatto.
    Per me non è valso il discorso del bagnare le crocchette con latte, acqua calda, parmigiano, scatolette, perché bagnate e condite oggi le mangiava e domani no, e siccome una volta bagnate tocca buttarle ho deciso che le avrebbe ricevute secche perché potevano essere “riciclate”. Ebbene si, RICICLATE, perché spendo volentieri i soldi per comprare ottime crocchette, purché vadano a finire in ciccia sulle ossa, diversamente gettarle via mi rode!
    Detto questo e data la ciotola, non sono stata lì a pregarla in cinese, a parlarle e girarle attorno. Questo passa il convento, i tuoi colleghi mangiano a leccarsi la ciotola e tu se non ti sta bene fa come ti pare.
    C’è voluto un bel po’ di mesi, ma la bambina ha capito che ero più tosta di lei e si è piegata. Certo è stata magrissima, ma le analisi del sangue erano, incredibile a dirsi, ok, il veterinario non riscontrava nulla fuori posto, e non solo è sopravvissuta, ma ora quando è ora di mangiare si infila come un razzo nel box e si siede scodinzolante in attesa della ciotola.
    Io credo che per molti inappetenti sia un fatto di carattere: spesso sono cani piuttosto diffidenti, con qualche neurone di meno agli altri, qualcuno in casa mia dice che sembra una cagna che si spara l’extasy :-))) e non ha tutti i torti, è iperattiva e sempre su di giri. Comunque ora mangia, eccome!!!!

  12. La mia lunghissima frequentazione con gli yorkshire (cani che mangiano solo se sono dell’umore giusto e non perchè abbiano fame) mi farebbe pensare all’ipotesi che forse la razione giornaliera di cibo che dai alla tua piccola è superiore al suo fabbisogno. Mi dice il vet che per esempio la quantità di cibo per un cane sterilizzato dovrebbe essere circa un terzo di meno di quanto la cagna assumeva prima della sterilizzazione. In ogni caso un cane che riesce a mangiarsi in sequenza i bocconcini varrebbe davvero la pena di addestrarlo anche solo con i “giochi di attivazione mentale” (vedi su internet se non li conosci)che sono basati proprio sulla ricerca del bocconcino e sulla necessità da parte del cane di industriarsi per riuscire a prenderlo. Da come la descrivi la tua piccola dovrebbe essere bravissima e chissà magari le viene un po’ di sana fame!

  13. @Laura Facciolo:

    solitamente x i cani schizzinosi e viziati si consiglia la “linea dura”, ovvero o mangi le crocchette chedico io o dopo5 minuti te le levo e mangi al pasto successivo…questo è sicuramente efficace SE SUI PERSEVERA, nella maggior parte dei casi, ma da ciò che hai scritto non mi sembra che tu abbia una personalità che tende ad imporsi e il cane ha già pure avuto problemi di salute dovuti al poco mangiare..

    quindi perchè non provare x il cane un “compromesso” fra la “linea dura” e il gusto?
    puoi provare una variante della dieta BARF che è molto gradita ai cani e magari ti fa uscire da sta situazione (se vorrai passare ai crocchini potrai integrarli man mano nella dieta aggiungendoli al miscusgli in proporzioni sempre maggiori, e dovrai rispettare la regola dei 5 minuti ciotola giù senza bizze sennò te la rimetto con lo stesso cubo al pasto dopo):
    potresti provare a preparare al cane pappe casalinghe fatte di trippa (meglio se presa in tripperia così non è trattata e ancora meglio quella x cani che costa poco ed è ancora meno trattata e + puzza + piace al cane) o alternando a seconda dei giorni fegato a cubetti tagliato con le forbici, reni cuore, lingua o simili e solo raramente muscolo “pregiato” perchè al cane serve meno ed è uno spreco di soldi, il cane preferisce il “quinto quarto”; sempre carne di animali adulti e non vitello e non carne con ossa come ali di pollo a meno che non siano disossate il che però è un lavoraccio), ma prediligendo la trippa, cotta in un po’ d’acqua (vale x tutte le carni o anche x pesci come merluzzo surgelato da dare una volta ogni tanto, sono graditi anche saltuariamente teste e gusci di gambero bolliti) con un pizzichino piccolo di sale e una carota ragliata a rondelle a misura della bocca del tuo cane o una zucchina o se sopporta le patate ogni tanto una patata o una buccia di patata ben lavata o altri scarti non marci di verdure tranne cipolle e aglio o simili (le verdure vanno sempre lavate accuratamente, se possibile non sbucciate, oppure ai cani si da la buccia se commestibile come x le patate o le foglie esterne della verza o simili, e tagliate abbastanza piccole e cotte a lungo x simulare la predigestione di ciò che un lupo trova mangiando lo stomaco di una preda che x i lupi è la parte + prelibata, x questo indicavo la trippa come carne da prediligere seguita da altre interiora come fegato e reni che comunque hanno prezzi bassi e x avere talvolta un po’ di muscoli cuore e lingua hanno prezzi bassi e piacciono ai cani se tagliate a misura del vostro cane).
    A questa pappa se il cane tollera i latticini si può aggiungere un pochino di parmigiano x renderla + appetibile, comunque il cane dovrebbe trovarla molto buona, e magari questo ti aiuta a uscire dall’empasse con la tua pelosina (poi puoi scaldarla anche 3-4 o + volte se la tieni in frigo chiusa, quindi se le fai sta minestra x cani di carne e verdura puoi lasciarla a terra x 5 minuti e ritirarla x offrirla la sera se il cane non la mangia..il microonde è tanto comodo ma lo sconsiglio x scaldarla: non è molto sano come mezzo x scaldare anche se le minestre le scalda bene).

    non do garanzie, ma magari un cambio di dieta aiuta (fatti aiutare dal veterinario x le dosi dei vari alimenti ed evita di aggiungere pasta o riso alla minestra x cani, anche se x far ingrassare i cani il riso soffiato o il riso sono molto efficaci, ma i canidi in natura non mangiano molte granaglie e glutine e amido, x questo anche le patate o le bucce di patata non vanno date troppo spesso o in quantità nemmeno ai cani che le tollerano).

    Io saltuariamente aggiungo anche qualche pezzetto di lardo che cuocio insieme o un cucchiaio di olio di oliva.
    ,ma questa pappa visto che la mia è di bocca buona non la uso sempre x motivi di costi: anche un mangime di qualità come il forza 10 diet mi fa spendere meno in sacchi da 15kg, ma quando la faccio il mio cane è felicissimo come quando aggiungo un po’ di verdure in brodo alle crocchette (fatto con gli scarti lavati della verdura che cucino bolliti in un po’ di acqua).

    Poi questo cibo si può gradualmente integrare con croccantini lasciati li a bagno alcuni minuti x prenderne il gusto ed essere + appetibili.

    Comunque fra i mangimi secchi è umidi ho notato anche io che quelli di pessima qualità sembrano + appetibili al cane, esattamente come ai bambini piace + un hamburger Mec Donald di una minestra di legumi fatta in casa con verdure biologiche. Però nutrire i cani con quella roba non è salutare, al massimo se il cane fosse inappetente anche al cubo casalingo ben fatto si può mischiare una piccola dose di mangime umido di pessima qualità ma appetibile con mangime umido o crocchette di buona qualità.

    il trucco sarà la perseveranza, qualsiasi strategia/mangime tu decida di adottare…anche se capisco che resistere a u musino tenero di un cagnolino adorabile magrolino sia difficile..

  14. L’unico momento in qui ho girato x casa con il cucchiaino in mano è stato quando ho avuto un cane molto malato ma che doveva mangiare almeno qualcosa.Del resto,a casa mia si mangia ogni 12ore ed il cibo viene pesato. Credo che il problema del mangiare nasce in molti cani anche perché i padroni mettono troppo cibo in un pasto . Devi sempre guardare le quantità consigliate x peso del cane e tenere conto anche del attività fisica che fa, del attività età etc

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here