di CLAUDIO CAZZANIGA – Apro questo articolo facendo i complimenti al gruppo CSEN di lavoro in acqua che domenica 23 giugno, in località Coltrano in provincia di Pisa, ha organizzato una sessione di brevetti sportivi. Più di 50 i binomi presenti, senza dubbio un bel numero. Per altri impegni non ho potuto partecipare, per cui più di tanto non vi posso raccontare, ma sono molto contento che il movimento del lavoro in acqua cresca e si organizzino gare.

Wolfsseecup2013Io invece sono reduce da un sabato di gare in Germania, precisamente Duisburg, nord della Germania, cittadina tristemente nota per i fatti di sangue avvenuti nell’agosto del 2007.
Sono andato in Germania per partecipare al brevetto di quarto grado tedesco, brevetto che già avevo sostenuto nel 2012 classificandomi quarto con 220 punti su 250.
Ci sono tornato perchè volevo assolutamente migliorare il punteggio che lo scorso anno non mi aveva per nulla soddisfatto, ma soprattutto perchè in Germania vi è la possibilità di ottenere il titolo di “Campione di lavoro in Acqua tedesco”.

frizIl regolamento 2012 prevedeva che questo titolo potesse essere rilasciato solo a cani di razza terranova, ma fortunatamente dal 2013 anche in Germania hanno aperto il lavoro in acqua a tutte le razze; di conseguenza tutti ora hanno la possibilità di accedere a questo importante titolo.
Il regolamento prevede che un binomio debba superare per tre volte il brevetto di quarto grado con la qualifica minima di Molto buono, ma che tra la prima e la terza prova non intercorrano meno di 300 giorni.
In pratica la federazione tedesca vuole vedere uno standard di lavoro elevato tenuto almeno per 300 giorni, valutando non la singola gara che può venire bene a tutti, ma il lavoro costante nel tempo.
Intanto una buona notizia sul fronte delle iscrizioni: 21 binomi nella giornata di sabato ed altrettanti in quella di domenica, uno standard abbastanza regolare nelle gare all’estero.

1002969_477075895707696_1282172889_nCampo di gara, un grosso lago fuori Duisburg, con una bella spiaggia in sabbia, un piano d’acqua pulito con le sole boe di segnalazione delle distanze.
Campo di lavoro a terra recintato ed accessibile solo ai concorrenti al momento della gara, un’organizzazione impeccabile, cinque gommoni a disposizone, quattro figuranti che si sono alternati sui vari gradi, segreteria molto veloce ed anche un servizio di ristorazione molto valido.
Gruppo organizzatore: Neufundlander Wasserarbeitsgruppe NRW e Mitglied im DGV.
Giudice di gara Jan Peters, tedesco, giudice che ho incontrato sulla mia strada per la prima volta e che devo dire mi ha stupito molto (in positivo) per alcuni giudizi e punteggi che ha dato, che hanno denotato secondo me una finezza ed una conoscenza della disciplina molto accurata.
Come già detto,  21 binomi concorrenti: 7 nell’A-Diplom, 7 nel B-Diplom, 2 nel C-Diplom e nel nostro, il D, altri 7.
Presenti in massa i due gruppi locali e di Colonia, gruppi francesi, belgi e noi italiani.
Una piccola sorpresa tra i concorrenti: con il numero 1 di pettorale, nell’A-Diplom, una bimba di 12 anni con la sua terranova, che a fine gara ha sbaragliato tutti vincendo la sua categoria.
In gara Terranova, Landseer, Leonbergher, noi con la nostra Labrador, un Border Collie ed un incrocio. Finalmente anche qui si aprono….  alleluiaaaaa!!!

1014372_477075699041049_535545414_nLa particolarità dei brevetti tedeschi è che in nessun grado di lavoro è previsto il nuoto, ed il lavoro a terra solo nei primi tre gradi.
I tedeschi prediligono il lavoro di precisione e la tecnica di esecuzione.
Il nuoto, specie quando va dai 20 ai 45 minuti, tende a mostrare la forza, la tenacia ed il grande cuore che questi animali hanno, ma spesso chiedere ad un cane la precisione con alle spalle 45 minuti di nuoto – magari nell’oceano – non è facile. Attenzione, non ho detto impossibile: basta lavorarci.
Altra particolarità: nel punteggio è previsto il mezzo punto.
Ed ecco le prove da superare.
Gli obbligatori: recupero di figurante tramite ciambella con il cane che parte dal gommone, apporto di cima da riva a gommone posto a 25m. Ad estrazione sono usciti: apporto di cima da gommone a gommone posti a 30m di distanza; recupero di un remo tenuto da una persona sulla riva, con il cane che parte da un gommone posto a 25 metri dalla stessa ed infine recupero di una imbarcazione posta alla deriva, con una cima pendente ma senza nessuno a bordo, con partenza del cane da un altro gommone.

1010923_561012287275940_620343590_nCome detto il giudice ricerca precisione e tecnica e al momento di dare i punteggi non sconta nulla, ma proprio nulla.
Un cane che si gira a guardare il proprio conduttore su un apporto, ad esempio, perde un punto.
Devo dire che Batistuta ha fatto una signora gara, totalizzando 246,5 punti su 250 che ci sono valsi l’eccellente ma non il primo posto, visto che l’amico Fritz Thurmann di Colonia con il suo terranova ha meritatamente preso un punto e mezzo in più in virtù di un paio di sbavature in meno rispetto a noi. Ma insomma, un secondo posto perdendo 3,5 punti su 250 è più che accettabile!
A fine gara poi abbiamo ricevuto un premio speciale dell’organizzazione, destinato alla miglior femmina vista al lavoro durante la giornata.
Adesso aspettiamo il 7 di settembre, quando torneremo in Germania  e cercheremo di chiudere il cerchio!

931228_477075515707734_1998051199_n