VALERIA ROSSI – Che io sappia non ci sono (ancora) riusciti, questi genitori: non solo a farlo uccidere, ma neppure a farlo mordere. Verrebbe da dire “peccato”, se non fosse che il bimbo, povera stella, è innocente esattamente come il cane.
Di cosa sto parlando?
Di questo video:

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

Quello che succede al cane è spiegato molto dettagliatamente dalle didascalie (anche chi non sapesse l’inglese, comunque, non credo fatichi a vedere tutti i segnali prima di calma e poi di stress che manda il povero rott).
Quello che NON succede al bambino è un miracolo.
Mi verrebbe da dire che è la prova che Dio esiste… ma in realtà, no: se esistesse davvero avrebbe fatto in modo che il cane si scrollasse di dosso il bambino e si mangiasse entrambi i genitori.
Quello che manca al video è un commento al comportamento dei genitori, che gradirei esprimere con leggiadra eleganza, per esempio così:

IMBECILLI – DEFICIENTI – DEMENTI – RINTRONATI – CRETINI – EBETI

IDIOTI – COGLIONI!

E potete andare avanti ad libitum, se vi vengono in mente altri insulti: tanto li meriterebbero tutti.
Ma la cosa peggiore è che, purtroppo, di video simili su Youtube se ne trovano a valangate. Forse non fino a questi punti, ma molti ci picchiano vicino.
Anzi, non è neppure questa la cosa peggiore, in verità: il vero dramma sono gli “ahahah!”, i cuoricini, i “fantastico!” che si leggono nei commenti al posto dei sacrosanti vaffanculi che andrebbero indirizzati alle famiglie.
Poi questi sono i cani che inspiegabilmente, ogni tanto, danno una pinzata di pura esasperazione al bambino di turno,  ovviamente lo mandano all’ospedale con la faccia scatafasciata (perché una pinzatina di rottweiler – o di cane dalla mole equivalente – è più che sufficiente per fare danni enormi) e vengono soppressi perché impazziti, perché non avevano mai fatto così prima, perché chissà quale misterioso motivo ha fatto scattare la loro aggressività.
Questi sono i genitori che dopo gli incidenti piangono disperati e che dicono che non riescono a spiegarsi cosa sia successo, che il bambino al cane non ha fatto nulla: perché, per loro, quello che si vede nel video è “nulla”.
E’ tutto normale.
Il giorno in cui il cane si rompe – sempre sacrosantamente – le palle e si libera di questa tortura a dentate, loro cascano dalle nuvole e spiegano al giornalista di turno che il cane è improvvisamente impazzito.
E davvero non sanno perché: davvero non se lo spiegano.
Personalmente non mi spiego, invece, come faccia un qualsiasi cane a subire un simile trattamento senza reagire.
Siamo circondati da cani santi & martiri e non ce ne rendiamo neppure conto.

Non so perché sto scrivendo queste cose su “Ti presento il cane”: mi auguro davvero che tutti i miei lettori siano perfettamente consci che questi genitori sono da prendere per il coppino e mandare dritti in ospedale psichiatrico.
Però forse non fa male ripetere per la millemillesima volta che I CANI NON SONO GIOCATTOLI, che non si comprano per divertire i bambini, che anche il più santo dei cani (e il rottweiler del video è palesemente un santo) ha un punto di rottura e che quando quel punto viene raggiunto il bambino rischia di fare una brutta fine, specialmente quando il cane è grande: non perché i cani grandi siano più cattivi, ma perché – proprio come la nonna di Cappuccetto Rosso – hanno bocca grande e denti grandi.
Anche quando succedono tragedie legate alla deficienza totale dei genitori arriva “il cacciatore”, sotto forma di veterinario, ad uccidere il povero “lupo” innocente, sempre come in Cappuccetto Rosso: peccato che però dalla sua pancia non fuoriesca mai un bambino tutto intero, come la nonna della favola.
I bambini, sempre se sono ancora vivi, pagano per tutta la vita l’ignoranza e l’imbecillità di genitori come questi, rimanendo sfregiati o dovendo passare anni ed anni a farsi gradualmente ricostruire la faccia dai chirurghi plastici.
Poi, certo, si parlerà di “cane impazzito” che per pura sfiga ha dato i numeri proprio in quel momento lì: ma ci possono credere giusto i giornalisti affamati di splatter.
I cinofili sanno che la verità, nove volte su dieci, è ben altra.

Articolo precedenteLa cagna cantante, la gatta segretaria e altre storie
Articolo successivoCani non vedenti o ipovedenti? Ora c’è un blog tutto per loro

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

162 Commenti

  1. Mamma mia, mi era presa una voglia di tirare un ceffone a quel figliolo….
    Io ci sono cresciuta con gli animali, un giorno non ricordo bene cosa e quando perchè ero piccola, ma feci una bella bastardata ad un povero martire, mio padre se ne accorse e mi parlo…. Senza trattarmi male o urlarmi contro. Mi spiegò come i nostri animali si fidassero di noi e come noi non dovevamo tradire la loro fiducia ecc… Forse non avrà usato queste parole ma il senso era quello. quello che m ricordo fu la mia vergogna. Nel momento in cui m resi conto della bastardata che avevo fatto mi sentii proprio una merda……

    • Cyb, il bambino è piccolissimo, troppo piccolo per capire: ma la cosa peggiore è che sono proprio i genitori ad aizzarlo. Lui fa quello che gli dicono loro… ovviamente, essendo un bambino piccolo. Lo fa esagerando, perché non si può rendere conto del danno che sta causando al cane né dei rischi che corre. Ma i genitori sono da galera, anzi da manicomio criminale 🙁

      • perdonami, non è troppo piccolo per capire..si comincia col dire che “il bau” va lasciato in pace, che i suoi giochi non si toccano ..ecc…e si interviene in tal senso.

        • non è piccolo per capire di lasciarlo stare SE QUALCUNO GLIE LO DICE… ma se i genitori gli dicono di andare a giocare col bau e ridono (approvazione) mentre lo fa… eccehccazzo!
          ma la cosa peggiore… è che QUEL cane è in santo… e magari suo malgrado non reagirà mai …ma poi quando il bimbo per strada o comunque altrove, incontra altri cani?

          • non è piccolo no.. a 3 aani e mezzo ho abbracciato il chow chow di mia zia.. poco avvezzo alla sola carezza( che sopportava) con relativa pinzatina in faccia: risposta dei miei?( dopo le dovute preoccupazioni per la mia faccia rimasta sana?): così impari!te l’ abbiamo detto 1000 volte che lui non è la laika!!( il mio p.t. al quale dormiv abbracciata).. una cosa è certa: io ho imparato, il chow chow ha vissuto altri 12 anni col mio totaleb ripetto, e miei ancora oggi tirano fuori la storia..
            ma poi ti vedi bambini che tirano calci ai miei cani mentre passo e genitori al cellulare, oppureceh si avvicinano senza chiedere e dicono: toccagli la testa!!! e se le mie fossero come il famoso chow chow addio mani..

          • Se non ci pensa il cane a reagire vedrete che da grande quel bambino gliele tornerà tutte con gli interessi!!!!! Belli i bimbi.. ma viziati sono proprio odiosi!!e questo solo ed esclusivamente grazie ai genitori! Mi pare la classica famiglia che tra qualche mese lo porterà al canile (se va bene) per andare in vacanza..

      • se notate al minuto 1:41 “il bimbo scende dal cane” il cane lancia un occhiata al padrone che filma tranquillo…con l’espressione netta di chi pensa Ohhhh! tuo figlio mi ha rotto proprio i cogl*oni ! fortuna che sta stronXa di tua moglie se l’è portato via! Alla prossima mi sa che lo buco! Questi sono quei personaggi che poi danno modo ai “pennivendoli” di denigrare razze ……Ne parlavamo Valeria qualche mese fa quando facesti un seminario nelle Marche ed il gg dopo dovevi andare in rai a parlare di quel pastore tedesco che attaccò quel bimbo….. Condividevo allora e condivido tutt’ora che i bambini vanno educati da piccoli a rispettare i cani e secondo me queste azioni filmate in questo video racchiudono tutti quegli errori che non dovremmo mai fare . Un abbraccio Valeria fai una carezza a Samba

        • A me il cane quando ha guardato il padrone ha dato l’impressione di pensare “perché mi stai trattando così, che cosa ti ho fatto? ” 🙁

      • Genitori da galera? Bambino che corre rischi? È un cane da famiglia, se non è idoneo a determinati comportamenti (non viene maltrattato, vedo solo un bambino che gioca col cane) allora è bene educare il cane, non i genitori o il bambino. È un animale e come tale va educato a comportarsi bene. Vi indignate perché un bambino gioca col cane, siete PATETICI

        • Okay. O stai trollando (e se diverti così non è un problema mio) o sei così arrogante da mettere le tue convinzioni personali al di sopra della scienza, oltre che delle esperienze e delle competenze altrui.
          In entrambi i casi, non ho altro da aggiungere… se non che spero (nonostante tutto) di NON dover leggere il nome di tuo figlio su qualche giornale. Perché non sarebbe colpa sua, se ci finisse.

          • Qui nessuno trolla nessuno, e non vedo cosa possa centrare la scienza con il comportamento di un cane. Se un cane non è disposto a sottostare alla famiglia (e precisiamo che il bambino sta giocando, non sta torturano l’animale, perché certi atteggiamenti i bambini li hanno anche con le proprie madri. Non lo sta prendendo a calci e sberle) allora il cane va educato. Ripeto, se in casa tua i cani vanno temuti, fallo addestrare. In casa mia il cane rispetta l’essere umano così come l’essere umano rispetta il cane. Non esistono condizioni in cui il cane si sente stressato se gioco con lui.

          • Sono un allevatore di Dobermann da 15 anni ed educatore cinofilo da 37. E’ la prima volta che sento una persona esprimersi come il Sig. StarLord. Tutti sappiamo quanto sia basso il livello culturale cinofilo, e forse la colpa avvolte è anche degli addetti ai lavori, ma qui si è toccati il fondo. Volevo dirle solo una cosa carissimo Sig. Lord, perchè non insegna a suo figlio a giocare allo stesso modo con cui giocano e si relazionano i cani? Impari a suo figlio ad usare la bocca e sopratutto i denti, proprio come i cani fanno in natura. Vede non sto contestando quanto da lei precedentemente detto, la sto’ solo invitando a farle invertire i ruoli, infondo non cambierebbe nulla, cane e bambino stanno solo giocando, solo che il cane dovrebbe prendere l’iniziativa del gioco. Se lei è una persona sana di mente rifletta prima di esprimersi in modi non certo saggi dal punto di vista umano, impari a leggere il linguaggio dei cani, solo cosi’ potrà capirlo ed evitare di esporsi in modo cosi puerile come precedentemente a fatto. La saluto e mi creda, con quella sua testa non si permetta mai di regalare a suo figlio, se madre natura gliel’ha concesso, un cane, basterebbe lei nella sua vita. Cordiali saluti. Giorgio

          • Uh arriva mister dog ad insegnarmi come tenere un cane. Se un cane non è predisposto a stare in una famiglia, fatti due conti. Se mi cade qualcosa addosso al cane e lui si rivolta, in modo del tutto accidentale, è colpa mia perché non ho deviato l’oggetto? Ho sempre giocato con i miei cani, non si sono mai rivoltati e non l’ha fatto nemmeno il cane nel video. La invito a portare più rispetto per le persone che non conosce e soprattutto a non giudicare le cose da un video/foto, ci fai solo la figura dell’ignorante. Buona giornata

          • Avere due cani non significa mica essere esperto di cani. Anche mio padre ha la macchina, ma non capisce un tubo di meccanica.

          • Nemmeno fare l’allevatore ti rende esperto di cani, solo un commerciante di cani. Preferisco vedere un bambino giocare con un cane piuttosto che vedere gente lucrare sui cuccioli di animale.

          • Giorgio e’ educatore cinofilo, non solo allevatore. Forse ne sa un po’ piu’ di lei.

          • La cosa divertente è che poi è lui che accusa gli altri di fare la figura degli ignoranti…

          • Il cane deve essere PREDISPOSTO?! Ma che cavolo sarebbe, un elettrodomestico da INSTALLARE? Ma sei fuori?!
            Il cane è un animale PREDISPOSTO a stare fra i suoi simili, con i quali COMUNICA IN MODO DIVERSO DA COME FANNO LE PERSONE. Nel linguaggio canino quel bambino lo sta infastidendo. Il cane lo sta esprimendo chiaramente con gli occhi, le orecchie e la lingua, perché è così che PARLANO. Quel cane si sente MINACCIATO!
            Vorrei vedere te se mentre dormi arriva qualcuno che comincia a saltarti sulla pancia, sai che sberle!
            Continuate a ringraziare i santi dei cani in paradiso, che ancora vi proteggono. Ignoranti e arroganti. Che disperazione.

          • Mettiamola così: il bambino infastidisce il cane, quindi andrebbe, cito un po di opinioni lette qui: allontanato, malmenato, soppresso.
            Visto che ora pure tu mi dai fastidio, cosa dovrei fare, sopprimerti? Non è che il cane se infastidito, deve essere trattato coi guanti. È questo che non capite. Ripigliatevi

          • beh, sai, la differenza fra noi e i cani è che noi dovremmo essere quelli civili e comprensivi, ma se vuoi puoi provaci. 😉
            il bambino non va malmenato, i genitori forse sí, perché non stanno agendo in maniera intelligente e consapevole.
            se il cane prova disagio, allora bisogna in primis evitare questa situazione di disagio spiegandl al bambino e ai genitori che il cane non è tranquillo. poi si può piano piano insegnare al cane a capire che gli abbracci non sono pericolosi e che li può accettare con piacere. nessuno nasce imparato, né i cani né le persone. ma è possibile imparare a convivere insieme. ma ci vuole intelligenza, non arroganza.

          • o santo cielo cosa mi tocca leggere. ora perché un cane è a disagio, i genitori andrebbero educati -.-

          • Parole sante, Giorgio. Faccio notare, inoltre, come il problema dell’analfabetismo in materia cinofila sia reso ancora più grave dalla mancanza di CULTURA e DI SENSO CIVICO in generale… Come evidenziato dalle assurdità espresse dal prode Starlord, del tutto prive di una qualsivoglia forma di conoscenza dello stare al mondo. Cambia nick, il vero Starlord si sentirebbe davvero offeso, credimi.

          • Non solo, è banale mancanza di buon senso. Basta avere un cervello per capire che i cani non ragionano come gli uomini, che non sempre riescono a capire che i bambini sono “innocui”. E non lo sono nemmeno sempre, grazie ai genitori imbecilli che spesso si ritrovano.

          • “Qui nessuno trolla nessuno, e non vedo cosa possa centrare la scienza con il comportamento di un cane.”

            Se “non vedi cosa possa centrare la scienza con il comportamento di un cane” e non stai trollando nessuno, mi sa che devi farti controllare la vista; ma del resto anche la tua sparata in un commento successivo sui “commercianti di cani” fa capire molto.

          • Siete gravemente malati di animalismo voi se ci vedete una cosa sbagliata in un bambino che gioca con un cane. Se il cane è violento fatevi due domande. Vi consiglio uno specialista bravo è una sana disintossicazione dal web, che vi sta bruciando il cervello

          • io invece ti consiglio di edere se il tuo cane, saltandoci sopra come fa questo bambino, ti ringrazia…. anzi no, non te lo consiglio perchè sei cosi esperto di cani che potresti farlo sul serio….

          • Ma guarda, considerando che i cani quando giocano tra loro si mordo anche, tirandosi coda, pelle del collo e quant altro, dovresti sapere che i cani hanno una soglia del dolore molto più alta dell’uomo. Che un cane si infastidisca se lo si tocca, è soggettivo. Ho visto cani che se provi anche solo ad accarezzarli ti mordono e cani che si facevano fare da bambini più piccoli ben altro, come labbra tirate ecc e questi cani, anziché papparsi il piccolo, lo leccava in faccia (guardati i video su YT di cani+bebè). Ergo, è una cosa soggettiva, come a te può far fastidio una cosa mentre ad altri no. Il cane non reagisce, ergo è abbastanza intelligente da capire che quello è un bambino e non c’è bisogno di uccidere nessuno. Ma voi questo non lo capite, a voi basta vedere un cane in un video e subito gridare allo scandalo mediatico, additando chicchessia di maltrattamento animale. Siete malati, fatevi una disintossicazione di idealismi ragazzi

          • un cane che lecca in faccia un bimbo che lo tormenta gli sta GENTILMENTE CHIEDENDO DI SMETTERLA. i cani non usano la lingua solo per dire “oh, come ti voglio bene, sì, ancora!”…

          • e quindi cosa dovrebbero fare, mandare il cane in canile solo perché, poverino, non sopporta il bambino? non mi pare che quando ti stressa qualcuno, lo uccidi o qualcuno viene a dirti “o poverina, non opprimetela”. è un animale, con una soglia di sopportazione, non lo stanno malmenando. quindi, ripeto, ripigliatevi che se un cane è un pochino stressato non dovete armarvi di forconi

          • io sono una persona. se qualcuno mi rompe le balle o mi spaventa io so contare fino a 10 e recuperare l’autocontrollo. il cane no. è così difficile da capire? i cani non sono persone perciò non ragionano e non agiscono come le persone. non si deve chiudere il cane in canile, si deve interagire con lui nel modo cprretto. punto.
            preferisci aspettare che il cane morda il bimbo solo perché TU ci fai sopra una questione di principio che secondo te il cane dovrebbe considerare? ti risulta che i cani si facciano le questioni di principio? Essù, e che ci vuole a capirlo? 🙁

          • a me da fastidio che tu come tutti gli altri abbiate l’insolenza di giudicare cose e persone senza essere lì presenti, solo per un cavolo di video. anche a me capita di giocare col mio cane e delle volte non ha voglia, ciò non significa che devo morire (come molti hanno augurato a quei poveri genitori) ne tanto meno significa che il cane penserà ad uccidermi, o a mordermi. poi di cani che mordono ce ne sono a milioni (ad esempio quello della mia ragazza che, per quanto sia stato educato sin da piccolo con tanto di addestratore, morde pure mentre dorme). bisogna evitare di trattare i cani come se fossero di cristallo, tra di loro si mordono giocando, non è un bambino che lo cavalca che può nuocerlo. e i cani sono abbastanza intelligenti da capire che un bambino non si aggredisce così. i cani che lo fanno, hanno chiari disturbi (magari erano randagi o menate varie) e lì c’è poco da fare

          • @StarLord: il cane viene “cavalcato violentemente” + altre cose poco carine: ma hai visto il filmato: ti pare che il cane stia giocando col bambino felicemente o che stia subendo angherie dal bambino premiate dai genitori che x di + lo incitano costantemente a farne ancora nonostante il cane sia visibilmente a disagio (e a ragione)?!? Sinceramente conosci un minimo la mimica dei cani x poter interpretare il filmato?

        • ma non vedi COME i genitori inducono il bambino a giocare col cane in modo violento ed esasperante x lo stesso? ..x fortuna quel cane è molto tollerante e docile, ma una cosa del genere vuol dire far maltrattare un animale al bambino senza accorgersene, e purtroppo x i bambini con genitori idioti non tutti i cani sono dei santi (e parlo di cani NORMALI non di animali problematici o particolari)!

        • Te non stai bene davvero!
          Il cane infatti e un santo …ma ricorda che anche i santi si rompono i coglioni.
          Cane da famiglia ???
          Voglio morire
          Ci sono madri e padri che impazziscono e ammazzano i loro figli , immagina se un cane per quanto santo possa essere non si rompe il cazzo di essere martoriato dal bambino che gli salta sopra
          Gli tira il muso ecc…
          Il patetico sei tu

    • “Mi spiegò come i nostri animali si fidassero di noi e come noi non dovevamo tradire la loro fiducia ecc…”
      Non avrà usato queste parole ma queste sono poche semplici meravigliose parole, se un giorno avrò un figlio sarà questo ciò che gli dirò!

    • cyb,anche a me verrebbe da dargli un ceffone..a me non è mai stato permesso di trattare un cane in quella maniera, se esageravo, mi sgridavano.

      • Ceffone obbligatorio ai genitori che permettono – anzi incoraggiano – certi comportamenti. Poi, se e quando succede il peggio o quasi, sono loro a gridare contro il cane. Deficienti.

    • questo è il mio modesto parere da madre e da proprietaria di rottweiler e shitzu:I genotori ke hanno sia bimbi piccoli ke cani,devono assolutamente insegnare ai propri bimbi l’educazione ed il rispetto verso il proprio cane giornalmente senza mai tollerare simili comportamenti demolitivi verso il cane,,non dimenticandosi mai xò ke nell’ordinamento gerarchico del “branco famiglia”il cane viene sempre dopo di tutti..ed avendolo abituato fin da cucciolo ad essere un cane equilibrato con un giusto imprinting il cane sapra’ sempre come rapporarsi con ognuno di noi,dal capobranco in giu’….aggiungo ke nonostante tutto cio’ comunque non bisogna MAI E POI MAI distrarsi quando tuo figlio gioca col cane,ciao nadia.

  2. Il santo si gira e non riesce a credere che il bambino, finalmente, si sia levato dalle palle.. Ci manca solo il fumetto sulla sua testa con un bel VAFFA!a questi “genitori” toglierei cane e figlio

  3. L’insegnamento che ne trae il bimbo è “a tutti i cani puoi fare quello che vuoi”. Il fatto che il suo cane accetti questo trattamento (fossi il cane avrei già morso i genitori idioti che ha sto povero bimbo) porterà il bimbo a comportarsi allo stesso modo anche con cani che non conosce con conseguenze che potrebbero essere disastrose…

  4. A parte il fatto che certe persone sarebbero inadeguate a prendersi cura anche di un pesce rosso, figuriamoci di un cane e di un bambino, ma il problema è che genitori come questi non possono insegnare ai figli il rispetto per un altro essere vivente per il semplice fatto che sono i primi a non sapere cos’è.

  5. Non e’ un caso isolato, i bambini con genitori idioti cerco di evitarli come la peste, purtroppo ho 2 cani che sembrano invitarli, il golden ancora ancora e’ paziente e rischi non ne corrono, lo yorkie no, ultimamente una bimba di 2 o 3 anni ha iniziato a dargli il martirio, ho avvisato la madre di fermare la figlia, niente, rideva, fintanto che la bimba ha deciso di prendere in braccio strattonandolo lo yorkie e rischiando di farlo pure cadere, neanche il tempo d’intervenire e’ partita la pinzata, ed io ho preso al volo il mio cane evitandogli la caduta, strilli e pianti della bimba(ha pinzato leggero non a far male veramente) e rimbrotti a me dalla madre a quel punto son partite le mie parolacce.

    • Maurizio, scusa se mi permetto, ma forse dovresti tutelare un pò di più i tuoi cani se sai che non gradiscono. Perchè purtroppo poi la colpa è del cane (ma d’altra parte l’unico modo che ha per dirti di finirla (visto che i segnali precedenti non vengono mai letti all’essere umano medio e non cinofilo) è usare i denti.
      Io ho una meticcia di pastore maremmano per nordico che è buonissima e cerca le coccole da tutti e una pastora tedesca che detesta essere toccata perchè ha problemi fisici per cui anticipa emozionalmente e parte già sulla difensiva. Io le porto a passeggio separatamente, perchè hanno esigenze diverse. La prima si fermerebbe a fare le feste e a richiedere coccole e carezze a tutti, la seconda non gliene può fregar di meno, anzi…
      E quando sono fuori con la P.T. cerco di darle il massimo della tutela. So che una determinata situazione la agita? Evito di fargliela vivere. Non ama essere toccata; perchè deve subire un’invasione della sua personalità da parte di un perfetto estraneo? E questo non significa umanizzare il cane per conto mio, ma solamente rispettare quelle che sono le sue emozioni e le sue esigenze.

      • Scusa Silvana, vero che se abbiamo un cane un po…nervoso dobbiamo cercare di evitare determinate situazioni, ma purtroppo ci sono situazioni che non puoi evitare proprio a causa di genitori dementi che pur avendoli avvisati mille volte lasciano comunque fare di tutto dai propri “angioletti” come nel caso di Maurizio! Forse adesso ci penserà due volte prima di avvicinarsi al tuo cane Maurizio!

        • Solitamente infatti evito, ma stavo aprendo la macchina con entrambi i cani al guinzaglio, la bambina e’ sbucata da dietro correndo, ho avuto solo il tempo di mettere il golden avanti sapendo che sarebbe rimasto calmo e nel contempo di dire alla madre di non far toccare il piccolo alla bambina, (dopo l’operazione che ha avuto e’ diventato insofferente), purtroppo la bimba ha aggirato il golden ed e’ piombata sullo yorkie, non sarebbe successo neanche niente se non lo avesse preso in braccio per le zampe anteriori e facendolo, dandogli la sensazione di farlo cadere, solo a quel punto lo yorkie ha pinzato ed io l’ho preso al volo(l’aveva mollato di botto).
          La cosa che m’ha fatto imbestialire sono state le rimostranze della mamma, m’ha detto pure che dovevo mettergli la museruola.

          Ps:Tutti questi strepiti poi hanno innervosito il golden che ha iniziato a ringhiare immaginatevi il quadretto.

          • Lella spero proprio di non rincontrarla piu’ la tizia.
            Invece stamani stesso posto un bambino piu’ grandicello, ma gia’ educatissimo m’ha chiesto il permesso ed ha messo la mano sotto il muso del golden sono rimasto strabiliato.

          • La minorata mentale che si fa chiamare immeritatamente “mamma” dovrebbe essere denunciata per “mancata custodia di minore”. In Italia questo reato existe e dovremmo iniziare a denunciare tutti quei bastardi che lasciano liberi i propri figli di fare certe cose.
            La ragazzina sbucata dal nulla poteva finire sotto una macchina o farsi male in mille modi, e lasciare libera cosi una bambina ancora incapace di capire cosa fare e cosa no e’ veramente da denuncia. E ripeto la “mancata custodia di minori” in Ialia mi resulta essere reato; a mali estremi estremi rimedi, dobbiamo iniziare a denunciare gente del genere.
            Per non parlare del fatto che prendere in mano una cosa altrui (e il cane per legge e’ ritenuto una proprieta) senza permesso e’ denunciabile come tentativo di furto. E la madre e’ responsabile se una bambina cerca di rubare qualcosa.
            Dovevi minacciare la cogliona di denunciarla (mancata custodia di minore e tentativo di furto), oltre a chiederle i danni provocati alle articolazioni del tuo cane dal sollevamento erróneo; al vederti deciso a chiamare la polizia si sarebbe presa lo spavento che meritava per irresponsabile, incosciente e imbecille.

        • Lella, io se so che il mio cane non regge una situazione non ce lo metto proprio. Esco sempre con gli occhi bene aperti e sempre a 360 gradi proprio perchè lei avendo paura delle persone va tutelata in tutti i modi possibili

          • Ciao Silvana! Fai benissimo, per lo meno è così che si dovrebbe fare! Pensa che malgrado io sia fortunata, lo riconosco, il mio cane è un paciosococcolone, dove vedo bambini, cerco di evitarli, non perchè non mi piacciono, proprio per evitare spiacevoli esperienze che poi mi fanno inc….
            A volte però, come ti dicevo, certi incontri ravvicinati, non te li aspetti proprio, è quello che volevo dire io, non era un attacco verso quello che hai detto, ma una precisazione, purtroppo certe cose (anche nella vita di tutti i giorni in generale), capitano cose o atteggiamenti da parte di altri, che non avevi previsto, certo, si cerca di stare attenti e di prevenire, ma a volte…non basta. 😉 Buona giornata

    • Meno male che hai uno yorky, io ho un pitbull, è tanto ubbidiente e paziente ma ha subito talmente tante vessazioni e dispetti da bambini (le facevano quotidianamente i dispetti battendo su porta di casa e finestre x 20minuti prendendola pure in giro e anche se dicevo di andarsene mi ridevano in faccia e prendevano in giro pure me e il cane che diventava furioso sfogandosi sui giocattoli con rabbia), che io mi chiedo come faccia a non voler azzannare x strada ogni pargolo che vede, e comunque è diventata molto diffidente verso i bambini che le dicono “bau” o cercano di toccarla, anche se basta che io le dica di star ferma e accetta d tutto povera bestiola. Però ho sempre paura che se un bambino le fa un dispetto mentre è al guinzaglio e io non blocco in tempo il bambino o il cane lei possa dargli anche solo un pizzicotto che basterebbe x farla finire sui giornali come “pitbull pazzo attacca bambino senza ragione”… e x dispetto intendo vbmbini che le tirano la coda, o anche bambini ineducati che le saltano addosso da dietro x abbracciarla (cose già accadute ma x fortuna è molto ubbidiente).

      Io non voglio dover tenere x estrema sicurezza (so che è un’eventualità molto rara che pizzichi un bambino anche maleducato e io sono una persona attentissima, e lei non lei farebbe usando la piena potenza della sua bocca) il mio cane sempre con la museruola solo perchè qualche genitore demente non insegna ai bambini che i cani no vanno molestati, ma so che se coi fosse un pizzicotto minimo darebbero la colpa a me e cane qualsiasi cosa abbia fatto il bambino.

      ciao da
      http://realpitbulldog.blogspot.com
      https://www.facebook.com/groups/realpitbulldog/

      • ti capisco.. io ho un oncrocio dobermann/ pastore tedesco, presa ad un anno dal canile.. e so che la prima famiglia che l’ ha adottata a circa4/5 mesi( quindi immaginatevi!!) veva 2 bambini che chissà che le hanno fatto.. se non sono strapresente mi prende l’ iniziativa e abbaia.. lo fa principalmente per tenerli lontani.. ma quando fa per saltare abbagliandogli contro.. quindi si.. ci vorrebbe anche un’ educzione cinofila nelle scuole.. per stare più tranquilli noi, cani e bambini in primis!!

      • che pazienza, altro che pitbull arrabbiato. fossi stata io sarei uscita di casa e li avrei sculacciati tutti a turno, questi monelli!

  6. Perche non lo scaccia? Puo’ essere che lo abbia visto neonato e che lo consideri ancora “ineducabile” come fosse un suo cucciolo nel periodo intoccabile(30giorni?) e che piu avanti a suo giudizio iniziera ad insegnargli le gerarchie?(ohime’)

  7. Quello che manca oggi a molti(persone) che purtroppo possiedono dei cani è una cultura cinofila adeguata,che purtroppo a volte manca (per fortura pochi)anche su commenti di persone che scrivono e commentano su questo sito ogni tanto se ne leggono,con i cani troppo amore non serve come non serve punirli con eccesso di crudeltà ma bisogna rispettarli e capirli e fare in modo che loro capiscano cosa noi vogliamo da loroe quale è il loro ruolo gerartico na ella famiglia ma come ho detto tante volte oggi i cani li perndono in molto e i più lo prendono perche era una razza che avevano visto in televisione o sui giornali,o perche piaceva al figlio, senza neanche sapere le caratteristiche di razza,una volta almeno certi cani li prendeva solo chi realmente ne aveva necessità mentre oggi si porta a casa un Rotty con la stessa leggerezza di un barboncino,non che il barboncino sia un giocattolo ma vuoi mettere la forza del morso in caso di pinzata da esurimento?e questo è sintomo di decadenza dei costumi,e allora senza pretendere di ritornare nel Medio Evo almeno a certe persone quando vanno attorno a certe razze ci vorrebbe quel benedetto patentino,sen non altro gli verrebe spiegato che un cane è un essere vivente e senziente e non un giocattolone da farci i fimini idioto su Internet, ciao a sentirci Aquila della notte

  8. 9 volte su 10 quando mia figlia di 5 anno si fa male giocando o meglio torturando il nostro pastore tedesco maschio di 1 anno e mezzo è perché lei esagera.
    E 9 volte su 10 prende delle sgridate dalla sottoscritta!! Mentre la nonna fulmina me con lo sguardo, prende in braccio la piccolina con la vocina da amoredinonnacosatiseifattapoverapiccolinadellanonna e dice a Ombra “brutto cane cattivo”….. no! Il cane è buonissimo, anzi, è fin troppo bravo a subire che una cucciola gli si butti addosso come fanno i cuccioli di cane. C’è la differenza però che, almeno secondo quanto ha partorito la mia mente, i cuccioli siano gerarchicamente inferiori… ergo se mia figlia fa la cucciola si pone in un gradino gerarchico più basso e probabilmente ha tutte le ragioni poi lui, a parte per il fastidio, a rimproverarla..
    Sono giunta a questa ipotesi ma rimane il fatto che i bimbi devono saper trattare con i cani. Io glielo insegno da quando ombra aveva 4 mesi, ma fa fatica a penetrare questo concetto nella mia bimba (che comunque c’è da dire che con gli altri cani si comporta più che egregiamente! Niente urla, niente movimenti bruschi, si avvicina al cane senza guardarlo dritto negli occhi, si fa annusare la mano e gli dà una grattatina sotto il muso.. non sopra!). Con il suo cane è diverso, lo vive diversamente.. solo che ombra le ha fatto un verso due giorni fa che era un misto tra un abbaio e un ringhio.. e credo che ora ne abbia abbastanza!

  9. quando vengono ospiti con bambini
    ed a volte se sono + grandi di quello del filmato è ancora peggio,
    chiudo i miei 2 pt in una porzione tranquilla del giardino.
    lo x faccio “salvare”da qualche abbaiata i bambini, ma soprattutto x risparmiare ai miei cani
    “attenzioni” alle quali non sono abituati e che dubito tollererebbero.

    a volte invece,arrivano ospiti con bambini di cui ci si può fidare,
    quasi sempre hanno con loro un cane(femmina,un maschio è sempre tabù) ben educato
    ed altrettanto lo è il…bambino/i.
    questo tipo di persone si…offenderebbero se chiudessi i cani.
    premetto che i miei pt,una volta “presentato” l’ospite
    se ne stanno x i loro venti,controllano tutto e poi,dopo un pò,
    si avvicinano e si fanno anche un pò “trastullare”.
    tutto si svolge senza MAI,MAI,MAI,lasciare i bambini da soli con i cani
    nemmeno x un secondo.
    -meglio aver paura che buscarne…-
    x il resto,quando viene l’idraulico,l’elettricista,il muratore ecc,
    tutta gente che sposta e porta via roba,
    stanno chiusi.
    non hanno mai morso nessuno,
    è successo invece che abbiano allungato un pizzicotto
    al falegname che portava via qualcosa di vecchio da casa.
    poratare via NON E’ TOLLERATO,gli tappa la vena……..
    quindi tutti chiusi,
    si parla comunque di 300 mq.con tettoia,cuccia,ombra,acqua.

  10. mi vengono i brividi ragazzi, e mi viene voglia di prendere a scarpate i genitori! ma come si fa???????? io davvero divento matta………

  11. a prescindere da “come diavolo fate ad essere cosi’ cretini genitori incapaci???” la mia domanda è “Perché???!!!”
    perché volete che il bimbo faccia certe cose , per metterle in rete?IMPICCATEVI
    per far vedere quanto sia educato e buono un rott?TORTURATEVI LENTAMENTE UNO CON L’ATRO
    e poi….
    perché chiedere sempre “puo’ accarezzare il cane?” NO NON PUO’, non è un peluche respira vede???, pensa, agisce…
    “io posso accarezzarle quel bel maritino con quegli occhi verdi??”(questa è la mia risposta migliore solitamente.
    sapete cosa dicono al bimbo “non vedi che brutto quel cane con quel muso nero??è anche cattivo per questo non ce lo fa toccare”
    questa è la nostra cultura cinofila.

    ma si puo’….

    • Io in casi del genere divento volgare e se qualcuno a cui non faccio toccare Balrog si azzarda a fare un commento tipo “non vedi che brutto quel cane con quel muso nero??è anche cattivo per questo non ce lo fa toccare” o robe simili il minimo che riceve da parte mia e’ un “puttana”, seguito da cose piu forti che non scrivo per non essere cacciato

  12. @redazione: perlomeno quel video viene usato per fare educazione cinofila, o almeno questo è l’intento (come si legge nei dettagli aggiuntivi) di chi l’ha ripostato.

    • Sì Matteo, in questo contesto e in questo articolo sì, purtroppo nel web, che è incontrollabile, questo video ha fatto il giro di vari gruppi seri e meno seri in cui l’insegnamento finale era “che carino il cane che si lascia strappazzare”
      Il fatto che il cane abbia sopportato non significa che abbia gradito tant’è che di segnali ne ha mandati tanti, tutti rimasti inascoltati da sti genitori imbecilli il cui unico obiettivo è … Poi, quando il cane arriverà al limite di saturazione e pinzerà ecco che poi si spalancano le porte del canile…

  13. A parte tutte le scemenze che si possono trovare in internet, in questo caso, è proprio vero la frase: la madre dei cretini è sempre incinta.

  14. Concordo con TUTTI gli aggettivi con i quali hai definito i genitori e ammetto di avere avuto paura a guardare questo filmato ! Effettivamente è un peccato che il cane non abbia ingoiato i due genitori dementi !
    Ho un cane un pò difficile e non lo lascio avvicinare ai bambini ma qualche genitore mi guarda storto e sembra dire : ma perchè non vuoi fare piacere al mio bambino ?!
    Spesso sono i genitori a considerare il cane come un giocattolo per i loro figli; a quando il patentino per l’idoneità a tenere un cane come in Svizzera ?

    • Se qualcuno mi chiedesse “ma perchè non vuoi fare piacere al mio bambino ?!” io risponderei che piacere al suo bambino lo facesse lui. Se vogliono che il loro figlio salti addosso a qualcuno, gli tiri le orecchie, gli dia pizzicotti… che se lo facessero fare loro. Ma mica le ho messe incinta tutte io a queste matte da avere l’ obbligo di fare felici i loro figli a mie spese (perche poi il campo di addestramento e i danni provocati dal cane li pagherei io)

  15. Cito l’ultima frase dell’articolo…. “I cinofili sanno che la verità, nove volte su dieci, è ben altra”…. Il problema di fondo, però, resta il fatto che il giornalismo “normale” ci marcia alla grande nel non fare vera informazione e nello sbattere il mostro (in questo caso il cane) in prima pagina. E il guaio è che la maggioranza della gente “normale”, quella che un cane non ce l’ha o se ce l’ha ha il cane toy da 500 gr, 1 Kg, quando ti vede per strada con il “mostro” (certo perchè i cani grandi sono tutti brutti e cattivissimi) scappa letteralmente sul marciapiede opposto (non che la cosa personalmente mi dia fastidio, anzi)o si butta a capofitto sul proprio mini cane per portarselo in braccio (neanche tu stessi girando con un alieno mangia cani). E il guaio è che nella loro mente è talmente radicata la loro convinzione (poi se è stata confermata da qualche bravo giornalista che grida al lupo al lupo ma che di cinofilia non capisce una cippa per loro è diventata legge)non c’è modo di togliere l’etichetta che ti incollano al cane e al proprietario.
    Ora, io lo so che si tagliano i fondi in tutti i campi, quello scolastico in primis, ma visto che c’è la proposta per l’inserimento delle materie relative alla tutela ambientale e alla protezione e ai diritti degli animali nei piani di studio a partire dalle scuole elementari e successivamente anche in tutte le scuole di ogni ordine e grado ( e aggiungerei… era ora)mi auguro che la cosa sia fatta in modo serio inserendo anche quel minimo di conoscenza cinofila che tutte le persone sarebbero tenute ad avere nel proprio bagaglio culturale anche se non posseggono un cane (come avvicinarsi ad una cane sconosciuto, prossemica, posture e mimica facciale ecc. insomma un mini dizionario canese-italiano italiano-canese) 🙂 Perchè non è possibile che nel 2013 passando per strada con il cane si sentano ancora genitori dire ai bimbi piccoli “vieni vieni qui che il cane ti mangia”

  16. Scusa Silvia ma apprezzo il tuo comento…. il mio ditino sul tablet a volte fa danni…. io ho un maltese eda 1 mese ho adottato un cucciolo misto Golden/maremmano…. si vedrà crescendo…… non tollero che i bambini (ne ho tre) facciano cose simili …. sarebbero davvero da rinchiudere questi genitori
    …. purtroppo quando succede il peggio è il povero cane a rimetterci….

    • Io ho un P.T. che non ha tutto sto feeling con le persone ed i bambini un pò per esperienze passate negative con persone e un pò influisce anche il problema fisico che ha e che cmq incide sulle relazioni intra e inter specifiche) per cui le nostre uscite sono verso il bosco dove posso anche lasciarla libera in sicurezza perchè non c’è nessuno. Le volte che usciamo sotto casa (e per fortuna non stiamo in centro) io cerco di tutelarla nel miglior modo possibile, niente incontri al guinzaglio con altri cani, niente sfilate in centro con centinaia di persone che già nello sguardo le vedi che vorrebbero avvicinarsi). Le vedo già prima quelle persone che vorrebbero fermarsi a socializzare con il cane e quindi cambio marciapiede. Qualcuno prima mi ha risposto che non si possono prevedere tutte le situazioni e non sempre si riesce a tutelare. Beh, se hai un cane con problemi impari a riconoscere le situazioni e ad evitarle. Sai quante volte dovendo uscire in passeggiata, già fuori sul pianerottolo mi son trovata a dover rientrare in casa per far passare mamma con bambino piccolo rompipalle che urla sempre sulle scale e che vuole sempre allungare le mani sul cane.. Far affrontare una situazione che il cane non regge emotivamente significa iniziare già male la passeggiata, quindi in modo molto tranquillo meglio rientrare, aspettare che salgano e che vadano a casa e poi uscire… Mi prendano pure per una rompipalle, per un’antipatica ecc ma prima di tutto io tutelo il benessere del mio cane a costo veramente di fare la figura dell’arpia… Tutelo la P.T. che sta male, ma tutelo ugualmente l’altro mio cane che è un incrocio maremmano per nordico buonissima, dolcissima, una cerca coccole eterna, sicura di sè forte di carattere e tutelerei qualunque cane dovesse venire a vivere in casa mia che sia dal barboncino al golden, dall’husky al pincher. Purtroppo ci son in giro un sacco di persone che danno tutto per scontato, che a cultura cinofila stanno a zero, che han preso il cane perchè va di moda e chi ci rimette è sempre il cane… una volta ho lasciato che la mia meticcia si avvicinasse ad un bambino (lei adora tutti: cani, bambini, persone) e il bambino che aveva un palloncino di quelli gonfiabili glielo ha dato in testa. Lei non ha reagito, ci è rimasta male e io ci son rimasta peggio perchè la mamma idiota non gli ha detto nulla. Avrei voluto dirle: complimenti signora, poi non si lamenti se un cane le morde il bambino… da quel giorno la stessa tutela che do alla P.T. la do anche a lei anche se è un cane forte e sicuro di sè.

  17. A me è capitato un fatto spiacevole con un bambino del genere di 3 anni, la mia Kira lo detesta ma ho sbagliato io perchè l’ho portata a casa sua, siccome kira adora il loro cane… un amstaff. Dopo diverse ringhiate Kira lo ha pinzato in pieno volto, per fortuna è 10 kg di cane e ha causato solo un puntino rosso e ancora ringrazio che non abbia preso l’occhio. Ma quando la Kira ringhiava il papò del bambino ripeteva “tranquilla così “il bambino” si scanta! (a nostre spese???) e dopo che l’ha pinzato mi ha fatto una bella ramanzina SULLA LEADERSHIP
    Ripeto ho sbagliato io a non seguire il mio istinto, cosa che li ho imparato bene e mi son promessa di seguirlo SEMPRE

    • se è vero che spesso i genitori non hanno la minima idea
      di cosa insegnare in materia di cani ai figli,
      NOI dobbiamo sempre mettere i cani in sicurezza,
      il rischio che possa accadere qualcosa non vale la nostra fiducia nel cane.
      x es una volta il mio meticcio di maremmano,
      un cane che era l’incarnazione della bontà e della pazienza,
      era in giardino con mia nipote che allora avrà avuto 3 anni.
      la bambina era davvero brava col cane, molto attenta e gentile,
      avevano un bel rapporto,
      tanto che lui le volle dare….la zampa……un segno di amicizia….
      la zampa di un cane di 50 kg……..
      gli passò forse a 1 cm dal viso,xchè lui era + alto di lei.
      mi sentii gelare,sarebbe bastato poco x fare dei grossi,grossi danni su quella pelle così delicata,
      di cui non aveva colpa nè il bambino nè il cane.
      l’unico responsabile sarei stato io xchè anche senza volere,
      un cane così grande può sempre fare dei bei danni a un bambino.
      x non parlare delle corse folli che fanno il mio labrador e il bauceron,
      loro passano a tutta birra,sono giovani e aitanti,quel che c’è c’è….
      o del caratterino dei pt,buoni e cari,
      -ma ognuno al suo posto,poche confidenze,te poi mezza tacca di umano non ti provare a toccarmi-
      insomma ,x me,è meglio prevenire,dopo poi è troppo tardi.
      in quel caso non me lo sarei mai perdonato.

    • non posso non essere d’accordo con collasso…. prima di tutto il benessere del cane… Se so che il mio cane non regge una situazione non ce lo ficco dentro… 1) perchè mi gioco la sua fiducia 2) perchè nel caso morda poi i sorci verdi li vediamo noi…
      Comunque al padre la ramanzina sulla leadership avresti dovuto fargliela tu prima ancora che il cane arrivi al morso… o consigliargli una museruola e guinzaglio per il figlio… Queste son le persone che prima ti dicono ” ma si lascia stare , poi succede qualcosa la colpa è tua… Voglio vedere se il cane fosse stato un pastore tedesco di 30 chili non credo si srebbe limitato alla sola ramanzina…

  18. Il mio cane è stato accerchiato e abbracciato stretto a 4 mesi da una truppa di bambini mentre era al guinzaglio ed il mio compagno ed io cercavamo un ombrello dentro la borsa… mi guardava terrorizzata e cercava di scappare, ovviamente i genitori erano divertiti e lanciavano urletti tipo: ma guardalaaaaaaa! somiglia così tanto a “nomedicane”… io non ho potuto nulla, è successo tutto in pochi istanti e sono bastati ad istigare in lei la fobia dei bambini, adesso se ne incontra uno per strada comincia ad attuare una sorta di “aggressione preventiva”, abbaia per farli allontanare e dal momento che ha imparato questa cosa non sono riuscita a fargliela scordare… DOVETE FINIRLA DI STRAPAZZARLI COME SE FOSSERO PELUCHE! senza contare quegli imbecilli che da lontano quando vedono il cane cominciano a tirare urletti e fare moine, oppure fare versi e fischi strani per attirare la loro attenzione! STIAMO PASSEGGIANDO LASCIATECI IN PACE >:[ SGRUNT

  19. A me era successo con la gatta che avevo prima….(i genitori pirla li trovi anche per i gatti), la micia si stava rotolando sull’erba di casa (ai tempi in comune con un bar), arriva bimbo con genitore al seguito, si fionda dalla gatta che come risposta si scansa e soffia, esco e dico di non avvicinarsi perchè è un po selvatica e può graffiarlo. Risposta del genitore pirla:” Ehhh, la signora dice così perchè è gelosa del suo gatto”.E’èèèèhhh, questo è scemo, non faccio a tempo a far entrare la gatta in casa che il bambino ingrugna la gatta nell’angolo e….l’ha graffiato sulle manine e le braccia (fortunatamente la faccia è stata risparmiata), sarei stata pronta a disinfettare e medicare “l’angioletto”, ma il padre cominciò a inveire contro di me, a dire che mi avrebbe avvelenato il gatto ecc, ecc…a quel punto non ho fatto nulla ho solo gentilmente detto al genio che se non se ne andava, l’altra gatta più grande gli avrebbe sgraffignato tutta la faccia, fora di bal!!!
    Non c’è più da stupirsi quando ci sono persone così idiote, se le meritano!

  20. Il rischio maggiore, data la incredibile quantità di filmati analoghi a questo, è che la gente finisca col credere sia normale che i cani subiscano così passivamente le aggrssioni dei bambini, e rassicurati corrano a prendersi il primo cane in saldo che gli passi sotto le mani aspettandosi che si comportino come il santo del filmato. Risultato al primo wofff del cane e/o la prima volta che il cane dia una spallata o una zampatina al sol fine di allontanare il bambinetto, il quadrupede rischia di ritrovarsi da un veterinario imbottito di tranquillanti e/o in canile perchè “il cane è fuori di testa” invece, è semplicemente un cane che si comporta da cane.

  21. come avete ragione…. non è da credere che ci sono in giro persone tanto “pirla”, senza nessun rispetto per il cane….. io ho avuto un cane di due mesi ed un bambino di cinque anni, e non ho mai permesso nessun sopruso bambino-cane, si sono amati con rispetto per undici anni…

    ps non sempre si riesce a proteggere invece il cane dagli umani di passaggio: lo posso toccare? guardi non le piacciono gli estranei…. “ma io non ho paura!!!”, ma lei è un po’ diffidente…. e pare cmq la mano sulla testa, pat pat pat….. o ti metti in mezzo fisicamente o prendi le persone a male parole….

    • Io mi metto in mezzo fisicamente e dico 1) che il cane non gradisce.. se non recepiscono dico 2) che ha una dermatite contagiosissima anche per gli umani…. e alcuni son talmente pirla che ci credono

  22. Non c’e` possibilita` di denunciarlo? Sono andata alla ricerca del video su youtube e alla fine sono arrivata ad trovare chi lo ha impostato e`: Mon Nguyen il video e`intitolato: Rottwieler Scooby wrestle with baby. Possiede altri 2 rottwieler da quello che sembra. E` un deficiente

  23. Ho avuto un pastore belga per 10 anni. Nonostante il carattere “irascibile” che aveva quando era al guinzaglio non è mai successo niente perchè, ho sempre messo in guardia le persone che mi si avvicinavano. Mi bastava accennare un “NO” con la mano per non fare avvicinare le persone, soprattutto chi aveva altri cani o bambini al seguito. La ragione dell’irascibilità del mio cane era dovuta ad un perfetto idiota che, quando il mio cane aveva 6 mesi, lo ha spaventato accendendo il motorino accanto a lui (per scherzo… mmm.. che scherzone!!!) o battendo il piede per terra vicino a lui. Dopo averlo cazziato (l’idiota, non il mio cane) un paio di volte cosa fai? Io non l’ho più avvicinato a questa persona, ma intanto il trauma il mio cane l’aveva già subìto. Ogni volta che vedeva passare uno scooter si incazzava, ogni volta che qualcuno si avvicinava si incazzava… per colpa di sto cretino il mio cane era diventato pauroso e asociale.
    Purtroppo in quel periodo abitavo in un piccolo paesino e non c’erano centri per farlo riabituare alla presenza delle persone o dei cani, quindi il mio “cucciolo” non si è mai ripreso.
    Morale della favola, certe persone hanno un cervello talmente sottosviluppato che non possono, e non devono, stare accanto agli animali. Il cane pensa da cane, se ha paura reagisce di conseguenza, se viene infastidito idem… E’ una questione di causa-effetto. Se tu, persona, insulti me (altra persona) possono succedere varie cose: posso insultarti a mia volta, posso ignorarti, posso menarti… non si può sapere a priori. Perchè rischiare? Lascia il cane in pace, perchè per quanto questo possa esser bene educato e tranquillo, può succedere di tutto in qualsiasi momento. Sarà perchè sono un’informatica, ma io penso sempre a quello che può succedere nel caso peggiore.

  24. Alla luce del video in questione, degli aneddoti raccontati nei commenti e delle mie esperienze personali mi è evidente che la risposta al problema degli incidenti Bimbo/Cane è la sterilizzazione. BASTA con questi accoppiamenti indiscriminati tra ESSERI UMANI IMBECILLI! Che poi diventano “genitori” ancor più imbecilli mal-educando figli che crescendo potrebbero sviluppare la stessa imbecillità genetica del genitore.

  25. Non ce l’ho fatta a finire di guardare questo video in cui si vede chiaro come il sole che il cane sta
    subendo dei maltrattamenti, perché anche questi lo sono!! Quando succedono le tragedie in cui il cane azzanna
    il bambino, secondo me dovrebbero vedere il video che ritrae esattamente cosa fa il bambino al cane e poi
    voglio vedere a chi va a finire la puntura. Posso solo dire una cosa, che schifo!!

  26. “Quello che NON succede al bambino è un miracolo.
    Mi verrebbe da dire che è la prova che Dio esiste”

    In realtà credo che sia perché i cani, potrai confermarmelo, in qualche modo sentono l’età o meglio la fascia di età degli umani.
    Fino a poco prima dei 4 anni è difficile (ma non impossibile!) che un cane attacchi un bambino che gli da fastidio. Ma se fosse stato un po’ più grande avrebbe rischiato grosso.

  27. Beh allora spero che la Kira non sia un caso isolato di cane tremendamente incazzata con bambini da 0 ( e intendo anche bimbi in fasce) a 10 anni.

  28. L’ho già detto che “I don’t want to live on this planet anymore”?
    Ecco, nel caso lo ripeto, e sono certa che lo direbbe pure il rott se potesse parlare. Peccato non esista un patentino per genitori, perché a certi imbecilli non dovrebbe esser dato il permesso di procreare in assenza di un cervello funzionante (va bene anche uno solo… ma almeno uno mi sembra il minimo!)

  29. Quanta ignoranza, nel senso più cattivo possibile, non hanno scusanti questi genitori. Riservassero a loro figlio un trattamento del genere continuerebbero a ridere come degli ebeti? E che tristezza mi fa quel bimbino che ora è un povero innocente che si diverte, e un giorno sarà un bipede cafone, irrispettoso, arrogante e forse pure violento, visto che a 2 anni faceva wrestling con una cane di 50 chili e i suoi genitori gli dicevano che era un figo

  30. Ma scusate invece di criticare e basta perché non dite anche COME individuare i segnali di stress del cane in modo da instaurare un dialogo tra i genitori incoscienti e il santo rott???

    • Ci saranno almeno mezza dozzina di articoli su questo tema… ma a parte questo, dubito che i genitori incoscienti (che sono pure americani) leggano “Ti presento il cane” 🙂

    • ma perché invece che capire quando il cane è al limite della sopportazione non ci si ferma prima?
      lei sarebbe contento di prendere schiaffi fino al punto di cui lei sta per reagire e poi basta?
      ma per favore dai…
      e i genitori non sono incoscienti, sono ignoranti, e lo trovo ben diverso!!!!!

  31. Curiosa di sapere perche’ vengono sempre usati video/foto dagli States quando di video simili esistano a mai finire in Italia. Poi non tutti sanno capire i sotto titoli nel video. Non credo che gli americani siano gli unici a sapere qualcosa sui cani. Sembra che la cinofilia Italiana non abbia carrattere Sport copiati, teemini copiati freestyle, il disc dog… termini per addestrare copiati- lo spin, il training,l’ obedience,lo sheep dog come se noi di pecore non ne abbiamo… Anche i nomi di centri cinofili usano ormai piu’ nomi Americani che altro. Ma cosa si tenta di dimostrare? Il centro “my dog” da piu’ effetto di il centro il “mio cane?” Mi farebbe piacere vedere i cinofili Italiani sviluppare un po’ piu’ di creativita’ invece di basare cosi’ tanto su cose che succedono oltre oceano–ma questi anche in tanti altri campi. Siamo Italiani, dobbiamo esserne fieri!

    • Lorena, ho scelto questo video: a) perché me l’hanno segnalato, b) perché ci sono appunto le didascalie descrittive (che non ho mai visto sui video italiani: ho visto invece valangate di cuoricini, di ahahahahah!, di “checcarini” ecc. nei commenti).
      Per quanto riguarda l’esterofilia sono d’accordo con te: la cinofilia italiana (quella seria) avrebbe tanto da dire di suo… solo che non lo dice. Siamo ancorati al “non voglio far vedere quello che faccio perché altrimenti poi mi copiano”; o al “non voglio far vedere quello che faccio, perché altrimenti poi i clienti fanno da soli e non vengono al mio campo”. E così, a forza di starcene a coltivare i nostri orticelli, nessuno sa quello che sappiamo fare, e facciamo sempre la figura degli ultimi pirla.
      Comunque, in questo caso, non è che gli americani ci facciano una gran figura: sono stati loro a mettere le didascalie sul video, ma sono americani anche i genitori dementi… non un grande esempio per la cinofilia mondiale, direi!
      L’unica cosa che si evince, ahimé, è che la madre dei cuggini e delle sciuremarie non solo è sempre incinta, ma è pure universale 🙁

  32. A un commento propositivo lasciate un feedback negativo? Solo perché non uso insulti ai genitori? Complimenti. Magari ci sono degli ITALIANI che leggono i commenti di ti presento il cane a cui servirebbero indicazioni proprio sul video perché magari lo consoderano normale un comportamento così. Chi fa queste cose di certo non va a leggersi gli articoli ma magari i video se li guarda e i commenti pure! Che modo ottuso di ragionare. Vi lascio alla vostra produzione di inutili chiacchiere. Saluti!

    • Denise, stamattina hai mangiato pane e permalosità? I pollici verdi e rossi significano “concordo”/”non concordo” (c’è scritto sopra…): non sono feedback negativi né positivi. Se non ritieni che qualcuno possa avere il diritto di essere in disaccordo con te, forse sei tu ad avere qualche problema.
      (P.S.: IO – che i pollici non li uso praticamente mai, se non per concordare qualche volta – ti ho risposto che di articoli sui segnali di stress nel cane ce ne sono già diversi, su questo sito: ovviamente non posso ogni volta riprendere argomenti già trattati. C’è un motore di ricerca che funziona piuttosto bene… basta utilizzarlo, se si è davvero interessati all’argomento).

  33. Denise chiunque abbia un cane, individua perfettamente i suoi segnali di stress, basta un’occhiata per capire quello che il tuo cane sente, i miei lo so quando li vedo contenti, quando vogliono mangiare, giocare o quant’altro Loro hanno mille modi per farsi capire, ed altrettanto lo fanno quando s’innervosiscono, quando qualcuno a loro non piace o semplicemente quando vogliono starsene per fatti loro, i segnali sono inequivocabili.

    • Maurizio, su questo non sono del tutto d’accordo: fin troppe persone non hanno la minima idea di cosa siano i segnali di stress nel cane, purtroppo… come dimostra non solo questo, ma anche un migliaio di altri video 🙁

  34. Mi sembra che evidentemente non tutti sanno riconoscerli….

    E vi chiedevo solo di essere chiari e non solo di condannare.

    Mi parete tutti concordi su questo invece e mi dispiace perché perdete un’occasione.

    Tutto lì.

  35. Denise qui nessuno condanna nessuno.
    Valeria si forse hai ragione, pero’ torniamo allora al discorso del patentino o quantomeno a fare dei corsi prima di adottare un cane.

  36. Ps: c’ho riflettuto e mi son ricordato di un fatto, un amico tra l’altro possessore di cane, accarezzava il piccolo, che ha iniziato a leccarsi il muso prima e poi la sua mano”che carino da i bacini” non erano bacini era che non voleva infatti subito dopo ha inarcato leggermente il labbro ed ha ringhiato.
    Segnale di stress non riconosciuto

  37. Quando avevo l’età di quel bambino avevamo un cane “santo” al quale avrei potuto fare di tutto senza che avesse la minima reazione, ma sono stata educata fin da subito al rispetto. Oggi ho un cane meno santo, che più che altro é una fifona che teme le manipolazioni estranee e non si fida dei bambini dopo che a 4 mesi tre “cari” pargoletti hanno ben pensato di terrorizzarla. Non é mai arrivata a pinzare per fortuna, ma temo che se messa veramente alle strette possa arrivare a farlo. Evito dunque i bambini come la peste eppure già diverse volte mi sono trovata a doverla salvare da bambini che riuscivano comunque a smanazzarla e le cui madri ridevano incuranti dei miei rimbrotti. L’ultima é stata con un bambino di 4 anni che d’improvviso le é arrivato dietro e le ha dato una manata sulla schiena molto ben piazzata. La povera canetta ha fatto un salto e poi mi ha guardato sconcertata. Ho fatto presente alla madre che se il figlio avesse preso una pinzata se la sarebbe tenuta senza fare storie e lei si é messa a ridere. Ho mandato entrambi a quel paese e sono letteralmente fuggita via dal parco…

  38. Io a 4 anni ho subito un morso da parte di un pastore tedesco, adoratissimo cane di amici, abituato ai bambini anche perchè nella sua stessa famiglia c’erano bambini di tutte le età.
    Ho rischiato la recisione del tendine della mano e sono stata in ballo mesi e mesi con antibiotico e antitetanica per infezioni terribili, ancora adesso ricordo il dolore a tutto il braccio, la febbre e la mano gonfia all’inverosimile.
    Il canino è entrato tra il dito medio e l’indice ed è uscito dal palmo, ho ancora le cicatrici.
    Al cane non è successo nulla, io in pronto soccorso piangevo non per il dolore, ma per il terrore che avrebbero ammazzato il cane, mia madre non faceva che dirmi che i cani quando mangiano si lasciano in pace e soprattutto non si salta sulla loro schiena come fossero cavallucci….
    Sono stata sempre convinta che la colpa era stata mia, il mio affetto per i cani – che avevo sempre avuto – da quel momento in poi è cambiato, ho capito che ciò che mia madre mi diceva era vero, erano degli esseri da trattare con delicatezza e da rispettare, non erano dei pelouche, anche se lo sembravano.
    Ovviamente nessuno sporse denuncia.
    Fino a quel momento mi lanciavo addosso ad ogni cane che incontravo, mia madre mi doveva guardare a vista, volevo abbracciarli e baciarli, l’istinto era irrefrenabile….secondo me quello era il giusto modo di mostrare il mio affetto per loro.
    E’ passato tanto tempo da allora, oggi sono vegana, attivista animalista e sto completando un percorso da educatrice cinofila, con particolare predisposizione verso i cani aggressivi.
    Ricordo quel meraviglioso pastore solo come il cane con cui ho giocato giorni interi, il momento del morso nonlo ricordo affatto….

    • Mary, perché mentire sapendo di mentina? 🙂
      Alla quinta riga scrivi “ancora adesso ricordo il dolore a tutto il braccio, la febbre e la mano gonfia all’inverosimile”. E poi sostieni che “il momento del morso non lo ricordi affatto”. Certo, ho capito quello che intendi dire: per te il ricordo del cane è quello bello, non pensi a lui come a “quel cagnaccio che ti ha morso”, ma come all’amico con cui hai diviso tanti bei momenti: e va benissimo così. Però il morso di un cane è un evento traumatico per un bambino (e non solo per un bambino): e si ricorda eccome, anche perché fa veramente male.
      Quindi è importantissimo evitare che succeda, o almeno che succeda per incompetenza, superficialità o scempiaggine dei genitori. Poi l’incidente può sempre capitare, per carità: il bambino può disobbedire (come è successo nel tuo caso) e il morso ci può scappare: ma almeno non cerchiamoceli apposta! Non c’è bisogno di un trauma per capire che il cane non è un peluche :-)!

      • Non mento quando dico che il momento del morso non lo ricordo, nè quando dico che ricordo benissimo il dolore da nn riuscire a tenere nulla in mano e giorni di asilo saltati, paura di giocare con gli altri bambini ecc….
        Il trauma per me è stato sentire che il medico diceva a mia madre che se avesse sporto denuncia il cane sarebbe finito male, quello è stato il trauma.
        Il momento preciso del morso no, come ho detto non lo ricordo.
        Certo, una cosa è avere difficoltà a convincere una figlia peste e disubbidiente, che non segue sempre le indicazioni su come avvicinarsi agli animali, un’altra è assistere con accondiscendenza e addirittura filmare una tortura infinita ad un cane.
        E se mi permettete, è incosciente anche lasciare un pastore tedesco in balia di 5 bambini per una settimana. Magari si era anche un pò stufato ed i proprietari avrebbero potuto gestire un pò meglio il momento del pasto, perchè erano loro lì presenti in quel momento, non i miei genitori.

  39. ciao a tutti, splendido video e molto educativo.
    viviamo con due splendidi labrabdor e un piccolo bipede di poco piu di 2 anni sorvegliato speciale e continuamente “ripreso” se si comporta in modo invasivo.
    ora sorge un dubbio, cucciolata in programma…che fare? un piccololino resterrebbe in casa con noi.
    Ho qlc dubbio sulla capacità del mio bimbo di interagire correttaemnte con il piccolo che vorremmo tenere e anche della reazione della mamma… esperienze, suggerimeti?

  40. un giorno ero in giro con il mio labrador, una cana davvero pacioccona e tranquilla che si farebbe fare le coccole anche da satana se lo incontrasse.
    beh incrociamo un tizio con suo figlio di 7 anni, gente che conosco da una vita.
    il bambino educatamente e un po timoroso mi chiede se può toccare il cane, quella come ha sentito “odore” di coccole si è sdraiata ai suoi piedi. il bambino comincia ad accarezzarla sulla schiena, poi mi chiede se può toccargli le orecchie e io rispondo si ma mi raccomando fai piano. il bambino allora le accarezza le orecchie e nel frattempo parlo con il padre del tempo e delle mezze stagioni. Ad un certo punto il bambino malefico, spinto da non so quale ragionamento folle afferra un orecchio al cane e lo tira talmente forte che che la povera creatura emette un guaito e si gira verso di me guardandomi disperata come a chiedermi “perchè? cosa gli ho fatto”
    Lei, buona come il pane non emette nemmeno un grugnito nei confronti del bambino ma si alza e viene a mettersi tra le mie gambe. io guardo il padre con sguardo di disapprovazione, sperando che spieghi al bambino che certe cose non si fanno che il cane non è un giocattolo ecc ecc. in fin dei conti non sono io che lo devo sgridare, c’è un genitore con lui, il bambino è grande può perfettamente capire.
    il padre mi guarda e mi dice : ” a lui piacciono tanto gli animali ma è un po dispettoso” poi sorridendo gli scompiglia i capelli affettuosamente. IO SONO RIMASTA ALLIBITA! ho caricato il cane in macchina ho guardato il tizio e il bambino e gli ho detto : “siete fortunati che è un cane di buon carattere se no a quest’ora ti ritroveresti un figlio senza una mano, tuo figlio non è dispettoso è maleducato e la colpa non è sua.”
    da allora mi spiace ma nessun bambino si avvicina al mio cane. lei è buona, dolce affettuosa, paziente, giocherellona ma non è un giocattolo, ha dei bei denti ed essendo una fuori taglia è molto “alta” e dunque ha grosse zampe pesanti, la pazienza scappa anche ai santi figuriamoci ad un cane! io non posso essere certa che dato che non l’ha mai fatto non lo farà mai…non so quale sia il limite della sua pazienza, e un limite lo ha anche il cane piu’ buono del mondo, io non lo voglio scoprire dunque sono uno di quei padroni rompi palle che non fanno toccare il cane a bambini estranei. lo faccio per il mio cane non per i bambini.

    • Oh, Elisaaa, sei proprio buona! Non sei malefica come me! Se fosse successo a me avrei sorriso, avrei dato un bel pizzicotto alla guancia dell’angioletto e poi serafica avrei detto:”Ehh, sai, anche a me piacciono i bambini, ma sono mooolto dispettosa”. Certo che verrà su bene quella piccola peste!

  41. a me vien da pensare che l’abbiano “fatto apposta” proprio x fare un video di denuncia dell’imbecillità genitoriale… e che quella meravigliosa creatura si sia prestata. Io personalmente non amo molto il “genere bambino” (una mia pecca ,lo ammetto) così spero che, se esistono davvero personaggi tali, la prossima volta il cane sbrani il bimbetto… e non ci pensiamo + 😉 … just kidding

  42. Spezzo una lancia a favore dei bambini, gli psicologi dicono che un bimbo fino a sei anni circa non è in grado di capire il concetto “non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te” non riescono a immedesimarsi negli altri e pensare cosa proverebbero al posto loro. Per questo non bisogna mai fidarsi, quando sono vicini ai cani. Io quando sono in giro con il mio peloso li tengo lontani, cambio proprio strada, anche perchè ormai viviamo in una società di piccoli bipedi lasciati allo sbaraglio dove tutto gli é concesso (mentre dai cani pretendiamo tutti altro). Io stessa ho 5 nipoti dai 2 anni ai 10 e non gli ho mai permesso di stare da soli in una stanza con il cane, solo sotto i miei occhi, neanche quelli dei genitori. (I miei nipoti però lo possono accarezzare piano piano, e fargli fare qualche esercizietto altrimenti sarei una zia terribile :)) degli altri mi dispiace… non mi fido, è una bomba che prima o poi esplode.

  43. Inoltre aggiungo che purtroppo / per fortuna il mio cane adora i bimbi.. Al guinzaglio se vede un piccolo bipede che lo guarda e gli sorride da lontano lui inizia a sculettare (è senza coda) e tira per andargli incontro (cosa che non fa assolutamente con persone estranee adulte). In quei momenti mi sento un mostro a negargli un sentimento così dolce… ma la consapevolezza che è meglio non dare troppa confidenza a quei piccoli mostriciattolo nudi mi aiuta a resistere 😀

  44. Sono mamma di tre bimbi e ho avuto tre pelosi, non c’è mai stato nessun incidente con i miei cani nè con altri perché così come ho insegnato ai miei figli che non si mettono le dita nella presa elettrica o nel camino acceso, allo stesso modo ho insegnato loro che con i cani ci si comporta in un certo modo.
    quando non erano in grado di capire non avevano libero accesso al camino acceso e neanche al cane.
    non bisogna essere un genio per capire certe cose!
    i bambini di una certa età, come i cani, non sono responsabili delle loro azioni, ma gli adulti si!
    fortunatamente la mia cagnona è grande e nera, e anche se è una coccolona da fare paura le piccole pesti prima di pacioccare chiedono…
    poi ovviamente finisce che si spanzano a terra insieme, però prima chiedono ed io posso stare allerta.
    (il trucco è chinarsi insieme ai bambini e giocare col cane insieme a loro, così vedi dove mettono le mani e se il cane gradisce o meno…)

  45. Ok a tutto quello che dice, comunque questo filmato dimostra la bontà di questa razza, che troppe volte viene denigrata. Il cane cresce come lo educhiamo noi e assimila , secondo me, molto anche dal carattere del padrone. Appena potrò prenderò anche io un rottweiler e spero di riuscire a farci crescere mio figlio insieme.

    • scusami Mirko se ti contraddico.. ma per me questo video lascia pensare che un Rottweiller è talmente buono che lo posso prendere e far fare a mio figlio quello che vuole, ma non è così, è molto molto fuorviante!! (la versione originale intendo, non quella sottotitolata per spiegare il disagio del cane). Penso che questa razza non sia assolutamente ne più buona ne meno buona di altre, penso piuttosto quel cane in particolare, è estremamente buono (oltre che sfigato ad avere dei proprietari del genere). Fa passare nelle persone dementi un messaggio completamente sbagliato!! Tu sicuramente insegnerai a tuo figlio il rispetto per il cane e viceversa, ma la maggior parte delle persone non lo fa, lo prende perchè pensa che da suo figlio si “fara fare di tutto talmente è buono” e poi succede il patatrac, perchè i cani non sono tutti così, neanche i Rottweiller

  46. poiché sono senza lavoro, mi viene da chiedere? ma questi imbecilli come fanno a permettersi una casa del genere pur essendo così ottusi? No, perché dei decerebrati così magari hanno anche un posto di tutto rispetto e io non son buona nemmeno per lavorare in mensa scolastica, pur avendo un diploma, per la gelosia di una persona malevola… scusate lo sfogo.

  47. Se vedessi mia figlia fare alla nostra Theodora (cane corso) anche solo un decimo di quello che quel bimbo ha fatto al suo cane mi sentirebbero urlare fino in Cina. poi naturalmente è colpa del cane quando accadono le tragedie. roba da matti.

  48. io sono cresciuta con un pastore tedesco che aveva la mia età ed è morto quando entrambi avevamo 17 anni. il mio nonno, padrone del cane, mi ha sempre proibito in maniera categorica di toccare orecchie, coda, zampe e tirare il pelo. se volevo accarezzare la nostra kelly dovevo andare con le mani da sotto il mento e grattarle i lati del collo, mai mangiare cibo ad altezza cane e in generale non romperle le balle.
    non avevamo giocattoli per cani a casa (inizi anni 80) per cui se volevo farla saltare le potevo tirare fili d’erba e margherite che prendeva al volo.
    queste regole mi sono state insegnate non da un addestratore ma da un uomo, il mio nonno appunto, che aveva appena la quinta elementare, a riprova del fatto che basterebbe il buon senso per evitare incidenti (specifico che se vedo bambini mentre porto in giro il mio border cambio strada, non perchè lui sia aggressivo ma perchè so che cominceranno a tirare ovunque e la pazienza di un border è moooooolto minore di quella di un rottweiler. tu per lui sei o padrone o pecora. la pinzata ti arriva e punto)

  49. E’ vero Laura…..tanti studi sulla didattica educativa per lo sviluppo armonioso dei bimbi ma poi un gioco simile ad un cavallino forse sarebbe stato troppo retrò. Siamo si alla frutta, ma quella marcia.

    • Infatti…. ho visto la pubblicità di questo gioco ieri sera in tv e non ci volevo credere!
      Sarà che quando ero piccola si usavano i cavallini a dondolo (io ne avevo uno, più svariati peluches a forma di cani… e infatti sono diventata amante di cani e cavalli! Ihihih! )
      Comunque mi chiedo chi sia il genio che ha inventato una cosa simile… Ma da quando c’è bisogno di far cavalcare un cane???

      • Almeno all’ikea si accontentano delle renne 🙂 e forse è più educativo, anche perché difficilmente un bambino ha una renna in casa!

  50. povero cane che era stato “cavalcato” da quel bambino/a capriccioso/a ovviamente secondo la mio opinione , senza offesa ai suoi genitori ovviamente.

  51. …se un giorno il cane si ribellerà e (giustamente) aggredirà bimbo e/ogenitori, poi sarà un “cagnaccio aggressivo e killer che ha squartato senza pietà un povero innocente bimbo che voleva solo giocare”. E poi ci facciamo le risate.

    • Senza contare il titolo del video: “Lucky Escape”, fuga fortunata. Ma che è, il Totocane? E se non era una fuga fortunata, cos’era, un Totospedale?

  52. Educare…
    Alle materie scolastiche Italiano, Storia, Geografia, Matematica, Educazione “Stradale & Non”, ecc. si potrebbe affiancare un “capitolo” Scienze “Regole di convivenza nel mondo animale”.
    E’ importante conoscere quando è nato/morto Napoleone, ma non solo quello…

  53. E certo, poi la colpa è del cane, maledetti idioti! Mi chiedo anche cosa insegnerà a sua volta quel bambino, una volta cresciuto!

  54. Ma voi siete malati, io vedo un bambino che gioca con un cane perché è felice di vederlo, come io giocavo da piccolo col mio. Che razza di commenti sono, basati su un video con qualche scritta che qualche idiota avrà messo? Anche il mio cane fa spesso le stesse facce quando giochiamo, e non vuol dire che voglia uccidermi o che sia stressato. Ma prendetevi un tranquillante santocielo

      • Conosco molto bene i cani, non bisogna per forza essere animalisti incalliti. Spesso vi dimenticate che i cani sono ANIMALI che vivono con regole del BRANCO, ergo spero che nella tua famiglia i cani vengano dopo i tuoi figli e che di conseguenza i cani sappiano come comportarsi in determinate situazioni.

        • Hai stra-ragione, StarLord, i commenti incollati sul video, tanto quelli postati in seguito, sono decisamente sopra le righe. Il cane del video non è un Santo, dimostra invece una straordinaria, bellissima comprensione del “cucciolo” che che gli sta addosso. Anche i cani hanno i cuccioli, che agiscono spesso sopra le righe. Il cane certo non si sta divertendo, ma da qui a dire che sta per fare a pezzi il bambino, ce ne passa, eccome…
          Quindi concordo, un tranquillante per tutti…

        • Cosa c’entrano gli animalisti? Come per la legge anche nei confronti dei cani non è ammessa ignoranza. E tu dovresti informarti prima di scrivere frasi ad cazzum.
          Mi sto vergognando per te.

      • Quel cane non morderà mai quel bimbo!
        Sono un esperto cinofilo.
        Ciò non toglie che il bimbo deve essere educato ad interagire con il cane, potrebbe incontrare un cane non così tollerante ed essere azzannato!
        Ma ripeto quel cane non lo morderebbe mai anzi lo ama!

        • Verissimo. Lo ama e soprattutto lo RISPETTA ad oltranza.
          Allora perchè quei genitori non insegnano al bimbo che qualsiasi animale va, se non per forza amato, almeno RISPETTATO? Lasciamo da parte il discorso “morsi”. Quel che è giusto è giusto, spero, anche a casa tua Achille!

  55. Bene…vorrei dire la mia….”Hei….dico a voi teste di [email protected]@o di genitori del rompi del video perchè questo stesso commento lo metterò anche in youtube….ma vi siete chiesti se oltre a voi andavano bene anche al povero cane tutte quelle attenzioni ? Io dico che siete consapevoli che ne era infastidito ma …lui è un cane e quindi è sottomesso…e guai se reagisce male perchè altrimenti si ritroverà chiuso in un canile nell’attesa della sua rimozione….però se a rompervi i cocones è vostro figlio il minimo che fate è ….o chiuderlo dentro un box ….o lo scaricate all’asilo….oppure dai nonni……..

  56. Questo bambino non sta giocando con il cane, lo sta torturando! E non è colpa sua Xké nessuno gli ha spiegato che è sbagliato.

  57. parole giustissime, sono i proprietari dei cani i soli e unici colpevoli, il cane va educato amato e RISPETTATO, io da umana sono una che perde facilmente la pazienza con i bimbi troppo vivaci o monelli, ma io sempre da umana posso dare una sculacciata al bimbo o rimproverarlo x farlo calmare, il povero cane non può reagire come un CANE, umani prima di prendere in casa un cane di grossa taglia pensate bene se siete in grado di gestirlo.

  58. Quindi alla luce di questo, fa la differenza avere un cane di grossa taglia o no. Infatti
    nel caso di una cane di piccola taglia un atteggiamento del genere procurerebbe al massimo un taglietto al bambino di turno.
    L’unica soluzione che vedo è richiedere un periodo di addestramento con istruttori OBBLIGATORIO per il possesso di un cane e multe salate in caso di violazione. In questo modo verrebbe trattato correttamente e si eviterebbero soppressioni ingiuste.
    Amanti dei cani, BATTETEVI perchè sia obbligatorio un periodo di addestramento per i cani di grossa taglia e se volete anche quelli di piccola taglia (non vedo perché loro debbano essere maltrattati) . Solo in questo modo non saranno più trattati come giocattoli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.