E’ la neve
ed in essa il vostro esistere:
un, due, tre e quattro zampe
che percorrono il manto bianco
ed in esso perdere il vostro di egual colore.
E’ il risveglio di un mattino
al cercar il primo sole:
è Natale, amico gioioso,
tu che il Natale porti a noi ogni dì
con il tuo scodinzolar di gioia
e l’animar la casa di festosa serenità.
E’ la neve,
bianca e pure di voi,
bambini del mio vivere,
amori nel mio esistere.
In una festa il festeggiar insieme.
Ricco di coccole ed abbracci.
Il calore dell”essere.
Voi, otto zampe nella neve
e noi, quattro orme umane a seguire.

Sonia Soave

 

 

Potrebbero interessarti anche...