Ho dato vita stanotte
tra mugolii e piccole lagne
li ho allattati con passione
sfinita poi addormentandomi
tenendoli sotto la mia ascella
scaldandoli.
Freddo mattino di dicembre
gelo nell’iracondo cuore
ne cercavo l’odore
nella terra il sapore di minzioni promiscue
ma il nulla davanti a me, il nulla.
Ora disperata urlo, scalpito nel recinto
abbaio, oddio se abbaio
dove siete gioie mie,
piccole perle?
Sono uscita dal box ansiosa come poche
sentivo ora odore di morte
oh, che odore acre
laggiù nel prato
quattro mucchietti di terra smossa
ecco l’odore mischiato al fetore
alla incomprensione
il cuore ora sanguina madido di dolore
perchè? perchè?

Ispani Luca

 

Potrebbero interessarti anche...