venerdì , 24 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Allevamento - Cuccioli >> Epilessia idiopatica nel Border Collie: il database

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Epilessia idiopatica nel Border Collie: il database

border_database“A cosa serve il pedigree?” è una delle domande che vengono rivolte più frequentemente ad allevatori e cinofili in generale. E quando si risponde che serve a poter controllare le malattie genetiche, l’altrettanto classica obiezione è “ma se sul pedigree non c’è scritto nulla!”.
Vero (purtroppo): a differenza di quanto accade in altre nazioni, i pedigree italiani sono drammaticamente scarni quanto ad informazioni sanitarie. Fortunatamente, però, c’è qualcuno che rimedia alle lacune “ufficiali” e che si dà da fare per migliorare le possibilità di informazione e anche per dare maggiori possibilità alla ricerca scientifica (perchè senza dati non è possibile neppure “iniziare” un qualsiasi ricerca).
Esistono già dei database su diverse patologie ereditarie, talora ignorate anche dagli stessi Club di razza per via del “solito” problema: in un Paese come il nostro, dove la cultura cinofila è un optional, confessare di avere di avere avuto un cane malato significa dare ampio spazio agli avvoltoi di turno, che cominciano ad additarti come “quello che alleva cani epilettici”, “quello che ha cani con la cataratta”, “quello che ha i cani con l’emofilia” eccetera eccetera. E’, purtroppo, un dato di fatto in questa nostra strana cinofilia:  essere onesti significa darsi zappate sui piedi da soli e ricevere un sicuro danno di immagine. Questo, però, non può servire da alibi per nascondere sotto il tappeto situazioni che si allargano a macchia d’olio all’interno dell’una o dell’altra razza: anche perché a volte (per non dire sempre) si allargano proprio a causa del silenzio che le accompagna.
Certo, lo sappiamo tutti: sarebbe ora che ENCI e Club prendessero un po’ più sul serio il discorso “malattie genetiche”. Ma finché non lo faranno, ritengo che sia preciso dovere morale di ogni allevatore (e anche di ogni proprietario) responsabile quello di partecipare almeno alle iniziative private, rendendo noti i casi di cui è conoscenza e contribuendo a fornire dati indispensabili, lo ripeto, anche per la ricerca.
Tutto questo per dire che è stato creato un database anche per l’epilessia idiopatica nel Border Collie, malattia purtroppo difficile da controllare perché l’eziologia è ancora sconosciuta. E’ stata esclusa soltanto l’ipotesi che possa essere trasmessa da un carattere dominante (ettepareva: sarebbe stato molto più facile eliminarla! Ma le cose facili in allevamento non si verificano mai…), mentre è stata avanzata l’ipotesi di una trasmissione di carattere poligenico (Patterson, 2007). In ogni caso, l’unico modo per riuscire a gestire nel modo migliore gli accoppiamenti è quello di avere più informazioni e più dati possibili: per questo invitiamo tutti i proprietari di Border Collie a visitare il sito www.bordercolliepilessia.com e a completare sempre più il database fornendo le informazioni relative ai cani malati che si posseggono o sono stati posseduti in passato.
Nel frattempo resta fondamentale ricordare che non esistono razze (e neppure non-razze) esenti da malattie; che tutto ciò che può fare un allevatore davvero serio è controllare meglio che può i propri riproduttori e possibilmente i loro ascendenti e collaterali…e poi tenere le dita incrociate; che cercare di far credere il contrario ai propri clienti (“non ho mai avuto un cane malato in vita mia”, “i cani delle mie linee di sangue sono tutti esenti da tutto” eccetera) non soltanto è una vera e propria truffa, ma è anche un ottimo modo per impedire alla cultura cinofila di diffondersi e per lasciar proliferare una cinofilia fatta di chiacchiere e di menzogne.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico