tanticani1di VALERIA ROSSI – Un cane, due cani, millemila cani… la tentazione è forte, non solo quando si vuole allevare (nel qual caso il numero cresce per forza di cose), ma anche quando si scopre semplicemente che più cani si hanno intorno e più ci si diverte.
Perché è innegabilmente così: il cane singolo è un amico e un compagno, due cani sono anche uno spettacolo, un “cinema” continuo… e più cani ancora sono la Disneyland del cinofilo.
Un divertimento inesauribile, oltre ad una costante pet therapy per lo spirito. Almeno finché tutto fila liscio.
Se però due (o più) di essi, un brutto giorno, entrano in conflitto, allora si passa rapidamente dall’idillio all’incubo.
E qui la differenza tra allevatore e privato si fa sentire pesantemente; perché l’allevatore ha i box, ha gli spazi, ha modo di dividere i cani rissosi senza troppi problemi. Pensa “peccato, non vanno più d’accordo”, li separa e ciao.
Ma il privato ha solo casa sua: se proprio gli va di lusso, casa e giardino. Peccato che un giardino “normale” di solito non sia programmato per tenere separati dei cani, e che ai proprietari non faccia particolarmente piacere costruire delle specie di bunker (perché se non sono tali non funzionano, e i cani trovano comunque il modo di litigare) tra rose e tulipani.

tanticani2Domanda numero uno: è davvero frequente che in un gruppo da tre cani in su (ovvero, che  per forza di cose comprende almeno due soggetti dello stesso sesso) prima o poi scoppi la rissa?
Be’… è quasi certo che prima o poi succeda (basta una cavolata qualsiasi, dall’osso dimenticato per terra al litigio per le coccole); ma “una” singola rissa non significa necessariamente la fine di un rapporto amichevole.
C’è però un’immensa differenza tra una lite passeggera e un conflitto consolidato (quasi sempre gerarchico): quando due cani “se la giurano” davvero, l’unica cosa che potrebbe risolvere il problema sarebbe il “lasciarli fare”, in modo che se la giochino tra loro e chiariscano una volta per tutte le rispettive posizioni.
Peccato che ci siano due piccoli effetti collaterali: a) siccome i cani non sono più lupi, i loro scanni non sono più ritualizzati come quelli dei loro progenitori (salvo che non si tratti di razze molto primitive, come erano appunto i miei husky, o di wolf mix come lupi italiani, CLC eccetera) e i due potrebbero lottare davvero fino alla morte di uno dei contendenti… il che non mi pare proprio accettabile, quando si tratta di cani che amiamo e che fanno parte della nostra famiglia; b) il concetto di “una volta per tutte” non è sempre così scontato: anche quando uno dei due decide di alzare bandiera bianca, non è affatto detto che non ci ripensi dopo un mese, o un anno, e che non si torni al punto di partenza.

tanticani3Ma allora (domanda numero due): non è proprio mai consigliabile tenere più di due cani, che siano possibilmente un maschio e una femmina?
Non proprio. Diciamo che non è consigliabile tenere – soprattutto in ambienti nei quali non sia possibile/facile fare eventuali divisioni – cani dello stesso sesso dal carattere forte e dalla taglia abbastanza imponente da rendere quantomeno probabile  che in caso di rissa si feriscano seriamente. Insomma, se volete riempirvi di chihuahua o cavalier, potete farlo a cuor leggero: ma se la vostra razza preferita pesa 50 chili e non è particolarmente nota per la sua capacità di fare amicizia… allora dovrete pensarci molto, ma molto bene.
Perché si torna sempre allo stesso discorso: i cani NON sono tutti uguali.
Non solo per dimensioni e peso, ma neppure per indole.
Dobbiamo tener presente che per secoli, a volte per millenni, ad essere selezionate sono state soprattutto le doti caratteriali: infinite generazioni di cani sono nate perché avevano un determinato carattere e determinate attitudini.
La selezioni di cani “anche” belli ha poco più di cent’anni;  quella di cani “solo” belli non ne ha più di cinquanta (e forse anche meno).
Possiamo forse ignorare tutto il resto del passato cinofilo, che va considerato come tale a partire dalla domesticazione del cane? Possiamo forse farlo sparire con uno schiocco di dita?
Non si può, neanche volendo: non sarebbe neppure giusto volerlo, a mio avviso (anche se so che c’è chi la pensa diversamente) ma in ogni caso non si può.
I cani sono diversi, hanno doti diverse e modi diversi di interagire tra loro: i cani selezionati per avere bassa aggressività intraspecifica (cani da slitta, cani che cacciano in muta, cani da compagnia…) potranno convivere quasi sempre senza problemi, o al massimo con qualche litigatina dimostrativa qua e là: per tutti gli altri il rischio di conflitti “senza ritorno” esiste. E il rischio di farsi male seriamente, ovviamente, aumenta in modo esponenziale man mano che crescono taglie e pesi.
Per questo, se avete idea di riempirvi la casa di cani, il mio suggerimento è quello di scegliere razze adeguate: magari litigheranno anche loro, qualche volta, ma poi “faranno pace” e tutto tornerà come prima.
Se scegliete razze meno propense alla convivenza promiscua, ma di taglia piccola/piccolissima, potrà succedere che nascano conflitti più seri e probabilmente finirete per doverli dividere a tempo indeterminato: però un conto è trovare spazi da “separati in casa” per due jack russell, un altro è trovarli per due rottweiler.
Se, infine, provate a far convivere soggetti adulti dello stesso sesso, appartenenti a razze di grande taglia e poco disposte a sottomettersi… allora saranno guai.
E non si può “far finta di non sapere” che finirà così, solo perché magari l’amico del cugino del cognato ha in casa un dogue de bordeaux, due dogo e un airedale terrier “che vanno d’accordissimo”.

tanticani5Se vanno d’accordissimo, i casi sono due: o l’amico del cugino del cognato è un cinofilo espertissimo, che fa filare tutti come soldatini (magari imponendosi anche con maniere non proprio gentilissime: vedi il “branco” di Cesar Millan, formato da cani che possono stare insieme solo perché sanno che il primo che sgarra se la vede brutta), oppure i cani sono tutti cuccioloni di un annetto al massimo.
Nel caso a), tanto di cappello: ma prima di imitarlo, dovrete accertarvi di avere le stesse capacità gestionali, educative, addestrative eccetera dell’amico del cugino del cognato.
Nel caso b)… bella forza! I cuccioloni vanno sempre tutti d’accordo.
Perfino  i terrier di tipo bull, selezionati in origine “per” i combattimenti tra cani, fino a 16-18 mesi sono spesso giocosissimi e amichevolissimi cani da parchetto.
Appena si sentono davvero adulti, però, le cose cambiano… o almeno, ci sono fortissime probabilità che cambino.

Trio de petits copains chiens miniaturesNon è una regola fissa, per carità: esistono anche pit bull pacifisti, rottweiler che a 4-5 anni invitano ancora tutti al gioco, bull terrier e boxer “peace & love”.
Però diciamo che queste sono le eccezioni, e non i maschi che litigano con gli altri maschi.
Quelli sono, semplicemente, cani. Che del lupo hanno perso, ahimé, la capacità di ritualizzare gli scontri, ma che hanno mantenuto assolutamente integra la poca simpatia per i possibili competitori sessuali: quelli che metterebbero a rischio la diffusione del loro corredo genetico, perché se arrivassero per primi alla cagnetta di turno metterebbero in circolazione il proprio.
In altre parole, i “rivali in amore”: che spesso vengono vissuti come tali perfino dai maschi castrati, perché il testosterone, che provoca questo tipo di aggressività, viene comunque prodotto in parte dalle ghiandole surrenali. E quel testosterone non serve a mettere incinta una cagnetta, ma serve ancora a far pensare al maschio (per quanto “ex” tale) che gli altri maschi devono stare lontani dal suo territorio.
Due femmine, se sterilizzate, hanno minori possibilità di entrare in conflitto: se sono intere, invece, è probabile che prima sincronizzino i calori e poi decidano di scannarsi pure loro, per le stesse motivazioni (ovviamente inconsce, ma naturali) dei maschi. E il brutto è che quando se le suonano, le femmine ci mettono molto più impegno dei maschi: se i signori tenderebbero ancora un po’ a ritualizzare, almeno all’inizio, le signore partono proprio con l’idea di farsi male… e quasi sempre, purtroppo, ci riescono.
Domanda numero tre (e ultima): ma non basta una buona socializzazione da cuccioli, per evitare i guai?
No, purtroppo no: è sicuramente utile, ma non è una garanzia assoluta.
Sicuramente aiuta di più le femmine a non essere genericamente litigiose: ma i maschi adulti, anche se socializzati alla perfezione, potranno sempre sentire più forte di ogni altra cosa l’impulso naturale (mettiamocelo bene in testa: naturale!) di tenere lontani i rivali.
E poi anche il cane meglio socializzato del mondo può prendere un suo simile di traverso e “giurargliela”: a volte arrivano a odiarsi e addirittura ad uccidersi perfino gli umani conviventi, con tutto il retaggio culturale che hanno alle spalle. Figuriamoci i cani.
Concludendo: no, non è certo vietato tenere diversi cani. E può essere bello, bellissimo.
Però chiediamoci, responsabilmente e usando più la testa che il cuore, se la nostra razza preferita è più o meno facile da gestire in gruppo. Se non si tratta di cani di razza pura, cerchiamo di capire la probabile discendenza dei meticci che abbiamo in mente di prendere, e facciamoci la stessa domanda. Dopodiché, se possibile, evitiamo pericolosi salti nel vuoto di cui potremmo pentirci amaramente.

Articolo precedentePiccolo: il cucciolo che voleva vivere
Articolo successivoEtà dell’uomo, età del cane
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

Potrebbero interessarti anche...

90 Commenti

  1. Per curiosità: una femmina sterilizzata e una no, possono entrare in conflitto nel periodo del calore della seconda?
    E se sì, finito il calore tornano amiche?

    • Sì, possono litigare, ma è più raro che nel caso di due cagne intere. Per quanto riguarda il “poi”…’spetta che lucido la sfera di cristallo… 🙂
      No, non lo so, se tornano amiche: nessuno può saperlo. Dipende dalla gravità del conflitto, dal fatto che possano intervenire anche problemi gerarchici indipendenti dal calore…e probabilmente anche da altri fattori che non sempre è facile capire per gli umani.

      • le mie litigano a volte anche se sono una sterilizzata e l’altra no, secondo me per motivi gerarchici, ma potrei sbagliarmi. di solito è la bassotta a cominciare, ma dura sempre poco.
        le litigate scoppiano principalmente mentre giocano e non riesco bene a capire cosa le innesca. anche se le ho sempre lasciate fare (e nonostante sia grande la metà vince sempre la bassotta) le risse vanno avanti da un anno e non corrispondono ai calori. devo intervenire?

    • quando la bianca più vecchia va in calore diventa più “acida”, se provocata le va giù òa catena più facilmente… le scaramucce più serie fra lei e la sua “rivale” sono tutte capitate in momenti del calore… ma mai niente di grave davvero, e comunque ripeto se degenerano intervengo… l’altra invece è in calore ora, e … sposta la coda e fa la stupidina con la vecchietta, la meticcetta di 10 anni STERILIZZATA!…
      mah…forse essendo sterilizzata è la femmina di casa che sa meno di femmina, il amschio ancora ha “due olive”… non è ancora pronto … manco capisce ancora che ci sarebbe “da fare”…
      (per sicurezza però quando non ci sono, separati con porta chiusa a chiave, non si sa mai si svegli all’improvviso!)

    • buonasera avrei bisogno di un’enorme consiglio.parto dall’inizio.quando ho deciso di andare a convivere .avevo una cockerina di 3 anni e il mio compagno ha deciso di prendere un cucciolo maschio di cane corso.qui di nella nuova casa sono entrati insieme. l’anno scorso la mia cocker che aveva ormai 6 anni, e’stata uccisa investita da una macchina e il mio compagno ha insistito perche’io prendessi la femmina di cane corso per fare la coppia.io preciso che amo la razza cocker ma ho fatto contento il mio fidanzato prendendo una femmina di cane corso di 9 mesi.l’approcio e’stato fantastico, per lei e’stato amore a prima vista e anche lui e’contento da matti!ora lui ha 3 anni e mezzo e lei ha 16 mesi.pero’l’amore per il cocker non e’svanito e l’altro gg su internet c’era l’annuncio pubblicato da una signora che dava via x motivi famigliari 2 cockerine di 2 anni.ho pensato di prenderne una per me e una x mia suocera.ieri siamo andate a prenderle e sono bravissime ma fifone!io ho deciso di prendere quella meno fifona e piu’estroversa.ieri la mia l’ho lasciata da mia suocera.oggi sono andata a prenderla siamo state parecchio insieme e poi ho organizzato un incontro nei campi con il mio fidanzato e il maschio del cane corso.succede questo.entrambi legati.la cockerina gli ringhia,ha paura e cerca la mia difesa.lui abbaia(scodinzolando) e tira per andarle incontro.io ho avuto paura e non li ho lasciati liberi di conoscersi perche’non vorrei che lei lo pizzichi e lui si giri male e la sbrani…come posso fare???

      • Serena, quando qualcuno si cerca le grane col lanternino e poi chiede “come posso fare per risolvere il mio problema?”, a me girano sempre un pelo le scatole.
        Per tua fortuna (e per fortuna della cockerina) il corso è un maschio, e un maschio equilibrato non si rigirerà MAI contro una femmina (prevedo le smentite: “Non è vero, il cane di miocuggino attacca anche le femmine!”… ma li fermo subito lì: ho detto maschio EQUILIBRATO. Se un cane attacca le femmine, non lo è. Punto).
        Però, andarsi a prendere una cagnina paurosa quando si possiede un maschio di taglia immensamente più grande è un po’ una follia. Capisco la tua passione per la razza, ma potevi almeno prendere una cucciola, che non avrebbe avuto timori reverenziali e che sarebbe cresciuta fiduciosa nel suo grande e forte “papà adottivo”. Nel tuo caso non so proprio che dirti, se non questo: se sei sicura che il maschio sia un cane equilibrato (e il suo atteggiamento sembrerebbe dire di sì), prova a lasciarli conoscere. Se la femmina lo pinza, lui si limiterà spostarsi.
        Il dubbio è: la femmina fifona accetterà di buon grado di convivere con quello che le sembra un “mostro”? E questo proprio non lo so.

  2. Non so che santo ringraziare per Maro e Yukita, due maschi adulti, all`epoca Maro 6 anni circa sterilizzato e Yukita 10 anni circa non ancora, che quando si sono incontrati si sono piaciuti da subito. A due anni di convivenza insieme continuano ad andare d`amore e d`accordo. E yukita non ama tutti i cani maschi indistintamente.
    Pero` devo dire che quando stavo in Italia e ospitavo anche per parecchi giorni cani e gatti di amici che non potevano portarli in vacanza non ci sono mai state zuffe fra i miei e i loro. Neanche mescolando cani e gatti sconosciuti fra di loro E neanche fra i miei cani e quelli di mia madre che spesso convivevano o passavano le giornate da mia nonna. E all`epoca nessun cane era sterilizzato. Non ricordouna sola zuffa, al massimo quelche soffiata a parte della miciona Melisa se un cane l`andava ad annusare dove non batte il sole.
    A dire proprio la verita` neanche ci pensavamo che potessero sorgere risse…forse se la vedevano fra di loro, non so, o forse non ci pensavano neanche loro ^o^… potrebbe darsi che la presenza in casa di piu` osggetti contemporaneamente smorzazze la tendenza ad azzuffarsi? Tipo al parchetto per intenderci…

      • Io non so che fare o due cagnolini piccoli e da poco o preso un boxser di due mesi ma spesso e volentieri viene morso dal piccolino che tra l altro lo fa male non lo acetta ma giocano anche insieme . Ma quando puo lo morde di brutto mi sapete dire qualcosa

  3. Ciao
    é un quesito che spesso mi pongo.
    Ho Iniziato con UN Jack Russel, e proprio su queste Pagine ho seguito i tuoi consigli per l’ Arrivo del secondo cane che trattandosi di uno StaffordShire, mi consigliasti di prenderla Femmina.
    Siccome siamo d aun po’ dietro a voler cambiar casa, e se ci riusciamo ne prenderemmo una con un Grande giardino e un po’ Isolata, tante volte mi viene in mente di poter prendere un terzo cane questa volta di taglia più grande.
    Pensi che un Rottweiller o che so un Mastino Napoletano entrerebbe in Competizione con uno scricciolo come il Jack Russel?
    Insomma non hanno proprio idea delle loro dimensioni e palese potenza, per di più crescendo insieme.
    La Femmina è sterilizzata e tanti mi hanno detto prendi un’ altra femmina, però io vedo questo:
    1) Neera (staffordshire) è molto tranquilla e normalmente remissiva ma è ancora piccola 15 mesi, e comunque in questo tempo vedo il cambiamento che ha fatto.
    Con lo stesso Fratellino se prima si faceva mettere i piedi in testa ogni 3×2 adesso non sono poche le volte in cui lo fa fuggire a gambe levate!
    Non gli ha mai fatto niente e sono tranquillissimo anche eprchè il Jack Russel a volte è veramente una spina nel piede e lei si fa fare di tutto, però Prima non reagiva e adesso si!
    anche al Parchetto Prima non reagiva mai adesso se le rubano un legnetta Pallina, s elo fa prendere tranquillamente ma se quando va a riprenderselo provano a ringhiargli Parte diretta senza passare dal Via, Dopo un Paio di ribaltamenti di cani infatti ho provveduto e ci stò attento.
    Quindi Coffee è più’ Rompiballe e dominante ma sembra che si rimetta in riga se gli fanno la voce grossa.
    Neera sembra più tranquilla ma se provocata non si tira certamente indietro e siccome come indole genetica sarebbe più Propensa a un Attacco senza resa.
    In questo caso è davvero meglio Prendere una Femmina?, personalmente non credo.

    • Hai già due cani teoricamente a discreto rischio di rissa (una volta adulti): tosti, di tempra forte, tendenzialmente poco propensi a sottomettersi. Se davvero vuoi infilare un altro cane lì in mezzo, e se davvero lo vuoi di taglia grande, per non rischiare dovresti andare verso tipi mooolto tranquilli e disponibili a sottomettersi (tipo, che so, golden retriever).
      Il rott rischia di mangiarsi il jack, prima o poi: il Mastino già meno, perché è un tipo che si fa più gli affari suoi. Però bisogna vedere come si comporta il Jack: se va a rompergli le scatole, e se il mastino pensa solo di dargli una pinzatina dimostrativa… rischia di romperlo in due.

  4. Scusate per come ho scritto ma l’ ho fatto al volo dal Cellulare, non è che abbia tutta sta visuale per rileggere spero comunque si sia capito cosa Intendo.

  5. Ormai questo sito è diventato la mia bibbia, per questo vorrei togliermi una curiosità. Come ha scritto Valeria Rossi, quando hai un cane poi ti viene voglia di riempirti la casa di millemila cani. Per ovvi motivi di spazio, vita e gestione, io il limite l’ho messo a due. Uno è già presente, e si tratta di un meticcio 14enne del quale mi sono innamorata l’anno scorso, e che mi sono portata a casa. E’ di taglia piccola, alto 30 di cm per il peso di 9 kg circa, mix di razze delle quali riconosco vagamente un jack russell e il resto mi sono ignoti. Il carattere è piuttosto forte, vista la vita in canile, ma in quest’anno di permanenza a casa, ha mitigato molti aspetti tanto che se all’inizio non poteva avvicinarsi ad altri cani, ora invece lo lascio libero tranquillamente (soprattutto accanto a femmine: maschi, testati pochissimo). La giornata la passa prevalentemente nella sua cesta,andiamo a spasso minimo 2 volte al giorno e la durata del giretto varia dal suo umore e dalla sua “salute” (acciacchi, cuore, etc). Da un pò di tempo penso di prendere un altro cane -femmina, vista la preferenza- sia per me che per lui, per farlo interagire e per compagnia, ma non so come comportarmi. Vivo con mio marito in una casa di proprietà su due piani ( 90 mq totali) con un cortile interno chiuso, ho parecchio tempo libero, mi piace passeggiare. Su che razza potrei stare? Potrei considerare un altro meticcio femmina, abbastanza tranquilla, che ho già adocchiato? Come razza, io mi sono presa una cotta per i saluki e gli husky, ma se dovessero entrare in casa, mi sa che io e mio marito dormiamo in cortile =). Scusate il poema, ho voluto approfittare delle vostre esperienze per avere un pò di illuminazione. GRAZIE!!!

  6. La meticcia sì, è una taglia simile a quella del maschio,tra parentesi anche molto timida. Tuttavia, posso considerare anche il saluki o l’ambiente in cui vivo è troppo ristretto? che altra razza potrei considerare? grazie mille, davvero. =)

    • Il saluki, come tutti i levrieri, in casa è praticamente “invisibile”: sta anche in mezzo metro. Ovviamente, però, ha MOLTO bisogno di esercizio fisico e soprattutto di correre liberamente!
      Altre razze non saprei come consigliartele, non conoscendo la tua famiglia nè il vostro stile di vita!

      • Siamo in due; ci piace camminare e portare Gino nei prati . Lui viaggia con noi ( andiamo spesso in montagna, dove sono nata). In casa ci sono prevalentemente io, mi assento per due orette al massimo nei pomeriggi, e non tutti. Il cane ci segue ovviamente anche in vacanza. In casa non ci sono bambini al momento, e non sono previsti a breve. Nei paraggi non ci sono altri cani o gatti. Intanto, grazie mille ancora, davvero!!!!

      • Barbara come ti hanno già detto i levrieri sanno essere molto discreti e spesso si rannicchiano su se stessi tipo spirale:-)) occupando si e no 50 cm. di spazio. Amano anche allungarsi in estensione e allora gli spazi a disposizione per gli umani variano :-)) poichè è fisiologico che dobbiate dividerne il divano :-)) ma tranquilli un’accomodamento lo troverete perchè le loro lunghe zampe sono generalmente rivolte verso l’alto.
        Il saluki di origine orientali, come altri del medesimo gruppo, possono essere più predisposti al “pattugliamento” dell’area che ritengono di proprietà poichè utilizzati dalle popolazioni di origine oltre che per la caccia anche a guardia delle tendopoli-accampamenti.
        Più che di frequenti uscite credo abbiano necessità di poche, brevi ma intense galoppate liberatorie.
        Cautela però nei grandi spazi non delimitati poichè distanziarsi dal proprietario in virtù della loro falcata e cacciarsi potenzialmente nei guai è da tenere in considerazione.

  7. Se Potete rispondere anche alla mia domanda,
    Come è invece la situazione quando l’ ipotetico 3 Cane che arriva e’ di taglia molto più grande rispetto ai precedenti?

  8. Anche le spese veterinarie però aumentano, e bisogna fare attenzione, la mia Pinscher nana ha fatto un’ernia del disco ( operazione + risonanza), un sarcoma alla milza, e due metastasi al fegato ( non erano operabili perché nei lobi centrali, perciò bruciate con termoablazione).
    Più gli esami pre-operatori e i controlli….
    Tra l’altro le spese non sono deducibili, se non in minima parte.
    Io non prenderei 2 o più cani alla volta proprio per questo

  9. Oltre all’incompatibilità di carattere che potrebbe manifestarsi in seguito per i più svariati motivi non è da sottovalutare la differenza di tempra e temperamento tra i vari soggetti.
    Se è fattibile la gestione di più cani tendenzialmente calmi lo è meno se fra questi vi è anche un solo soggetto iperattivo. L’equilibrio viene meno e l’imitazione a tali comportamenti può influenzare “negativamente” anche gli altri. Gestire più cani in casa è possibile, gestirne uno solo iperattivo è impegnativo, gestire 10 cani instancabili è diabolico.

  10. Brava Silvia……….hai toccato un tasto dolente……..le spese per due o più cani………….io ho un cagnetto ed un gattone……. spendo più per loro dal veterinario, che io dal dentista…..

  11. Ciao Valeria,

    a proposito di nuovi arrivi seguendo il tuo blog mi sono resa conto di quanto sia difficile trovare un allevamento serio al giorno d’oggi e poichè tengo molto al mio futuro cane e sono un po’ inesperta anche perché è il primo vorrei che tu mi consigliassi qualche allevamento serio e di cui ci si possa fidare. Sarei interessata al barboncino toy( albicocca), l’unica cosa è che io vivo a caserta e poichè so che qui non ci sono allevamenti del genere sono consapevole di dovermi spostare ma non posso certo arrivare in Piemonte =).
    ti pregooooooooo un consiglio
    un abbraccio
    Assunta

  12. Finalmente un articolo sul “branco casalingo”.
    In questo momento ho 9 bassotti standard (3 maschi e 6 femmine), nel branco ci sono stati anche un dobermann e una cagna corsa ora morti per vecchiaia(che non hanno mai dato problemi) Inutile dire che i problemi io li ho con le femmine, una in particolare, che pensa di essere un pitbull e sfida quotidianamente un’altra, la “prima nemica”(ne ha un’altra che fortunatamente non sfida spesso). I maschi non si sono mai attaccati e i loro scazzi sono sempre molto ritualizzati.
    Nel periodo del calore tutto si accentua e le risse sono molto cruente tra le femmine quindi cerco sempre di anticipare le loro mosse e di soppesare bene ogni mio intervento. Quando la situazione si fa particolarmente critica, isolo l’attaccabrighe femmina per qualche giorno in un’altra stanza per poi reintrodurla nel branco quando i calori terminano seguendo un rituale paziente e lungo. I bassotti non hanno un caratterino facile e ,a parte, la bassotta-pitbull, è sempre un piacere vedere le loro interazioni , i giochi e come vivono la vita di
    branco. Penso comunque di farla sterilizzare tra poco anche perchè non è da esposizione o da prova di lavoro quindi non farà mai cuccioli.non penso di avere miglioramenti nel quotidiano ma almeno elimino 2 periodi all’anno in cui la sua aggressività è al 1000%.

  13. io ho avuto per 12 anni un pastore tedesco ed un beagle, mai avuto problemi nella mia beata ignoranza, nel senso che non mi ero proprio posta il problema.
    Ora ho replicato con due cuccioli di border sempre maschi, speriamo funzioni lo stesso 🙂

  14. Salve a tutti!
    Ho due galgos rescue, un maschio di 7 anni e una femmina di 3, entrambi sterilizzati..
    Il maschio è dominante con tutti gli altri cani e molto protettivo nei confronti della femmina e nostri.. Tra loro due vanno comunque molto d’accordo.
    Stavamo pensando di adottarne un terzo.. femmina naturalmente!
    Questa eventuale scelta potrebbe significare la fine dei nostri giorni felici?
    Grazie.

      • Scusami ma intendi ”danni anche senza volere” in Reazione?
        Perché Per quanto possa essere rompiballe il Jack Russel e per quanto possa fare casino e mostrare i denti quando x esempio si prende con la Staffina, si vede lontano un miglio che è innocuo, figuriamoci con un cane di taglia Grande.
        La cosa che mi sfugge forse ingenuamente è se vi sia una differenza fra sconosciuto conosciuto.
        Cioè Comprendo la situazione Area cani Mio Jack Rompiballle alza la Cresta con un Rottweiller che non conosce prende una sgagnata e Fine della Storia.
        La comprendo perfettamente anche se non Concepisco, mi verrebbe da pensare che un cane come un Rottweiller lo vede che davanti ha uno scricciolo che non riuscirebbe mai a fargli male!! Spererei in un bel Ringhio un colpo di zampa o Di muso, Però Comprendo che sia possibile anche la situazione più Tragica.
        Mi chiedo se sia esattamente la stessa cosa se il cucciolo invece cresce con il Jack.
        Ovviamente da cucciolo in quanto tale rischia di fare molto male al Jack e ovviamente serve una attenzione, ma possibile che entrambi non si accorgano che l’ uno diviene decisamente più’ forte e grande dell’ altro e Viceversa?

        • Danni anche senza volere = scoppia una rissa per un qualsiasi stupido motivo (il classico osso che ognuno dei due pensa sia suo…) e il cane più grande molla una sgagnata dimostrativa al Jack. La sua idea è solo quella di “rimetterlo al suo posto”, ma a causa dell’enorme differenza di taglia il Jack finisce in clinica veterinaria. Non perché l’altro “volesse” fargli male, ma solo per la differenza di stazza. No, i cani non fanno ragionamenti tipo “questo è così piccolo che non mi ci metto neppure”: e soprattutto non fanno il ragionamento contrario, “questo è troppo grosso ed è meglio che lo lasci perdere”. Se vanno in conflitto si suonano come se fossero di pari taglia. Il fatto che crescano insieme ovviamente aiuta a rendere meno probabili i conflitti… ma non impossibili, purtroppo.

        • Mi permetto di intromettermi: non prenderei comunque in considerazione il Rottweiler in vista della casa con giardino. Il Rottweiler NON E’ UN CANE DA GIARDINO!!! Sono riuscita a farlo capire a mio padre dopo 20 che li ho! Il Rottweiler è un cane da difesa e ha bisogno di stare a contatto con il suo umano. Se si ha in mente di prendere un Rottweiler per mollarlo in giardino, la cosa più probabile è che nel giro di 3/4 anni non sbrani solo i jack, ma anche gli umani… E la conseguenza sarà un altro articolo che incolperà la razza!
          p.s.: Dal mio punto di vista, non esistono cani solo da giardino, ma magari cercherei una razza che sia più felice di stare fuori che dentro.

          • Ehm non credo che le persone possano portarsi il cane al lavoro. Il cane come gli altri 2 sta in giardino il giorno quando non ci siamo! Meglio che in casa! E con noi la sera o il pomeriggio quando torniamo compresa la notte ovviamente.

        • Perché uno chiede consigli e pareri se in realtà vuole solo carta bianca? Per incolpare gli altri quando le cose poi succedono?
          Aspetto la notizia. Tra meno di 2 anni.
          Auguri.

          • Cosa sarebbe questo un Processo alle intenzioni?
            1) Il terzo eventuale cane è ancora da prendere il pensiero c”e da tempo quindi l’ articolo è stato propriamente un giusto modo per avere consigli ed informazioni.
            2) avendo già maschio e femmina e volendo prendere un cane di taglia più grande le scelte sono 2 o non si prende un’ altro cane, o che sesso scegliere sulla base delle 2 razze che già si possiedono, (questa è la parte infatti più delicata non è detto che nel mio caso una femmina sebbene meno incline ai litigi, ma non escludibile come evenienza, sia la scelta migliore)
            3) le risposte della redazione hanno chiarito dubbi o false credenze che siano o che potessi avere.
            4) sicuramente gli incidenti possono succedere, non credo comunque che potrei metermi al coscienza a posto incolpando qualcun’ altro e tantomeno il cane.
            Quello che ho Evinto dalle risposte, è che nel caso serve una forte dose di controllo nel caso, probabilmente separando i maschi durante il giorno perché soli, e controllare quando invece stanno insieme, fino a che non si capisce che tipo di reazioni hanno l’ un l’ altro.
            Cosa che comunque ho fatto anche quando è arrivata in casa la Femmina, che trattandosi di una Staffy poteva ferire facilmente se non peggio un Jack Russel di 7 kg.
            dopo 16 mesi posso stare abbastanza tranquillo ma nonostante tutto continuo a controllarli quando sono insieme e quando soli a casa, la piccola età nel Kennel (anche eprcheè dopo 3 divani rotti una soluzione va trovata)
            Questo è quanto.
            O non mi sono spiegato bene, o hai avuto un po’ di fretta nel volermi rispondere, oppure hai bisogno di fare un paio di respiri prima di buttarti a capofitto con risposte che più che tali sono vere e proprie illazioni insensate.
            Ti ringrazio comunque per l’ interessamento, accetto sempre di buon grado sia i commenti che le critiche, certo senza esimermi dal rispondere.
            nonostante tutto grazie ancora.

          • Si può anche chiamare Processo alle Intenzioni.
            Consigli e informazioni. Quello che ho cercato di dare. In modo breve e conciso dato che questo sito è stracolmo di articoli più che utili per dare informazione sufficiente a chiunque voglia prendere un cane (che sia il primo, il secondo, il terzo, il ventesimo…)
            Le scelte NON sono 2, sono ALMENO 3:
            1- o non si prende un altro cane (a questo punto mi sembrerebbe la cosa migliore)
            2- quale sesso scegliere sulla base delle 2 razze che già si possiedono. Il punto non è QUALE SESSO, ma “sulla base delle 2 RAZZE che già si possiedono”.
            3- quindi il mio consiglio è stato sulla RAZZA: di non rivolgere l’attenzione al Rottweiler (perché è una razza che conosco molto bene), ma a questo punto consiglierei di restare lontano da qualsiasi razza dal carattere forte. Non mi permetto di suggerirne perché non ne conosco tante in modo particolarmente approfondito (mi seccherebbe dire il Labrador…)
            Quello che si capisce è che non c’è una vera e propria “passione” per una razza, ma piuttosto un’attrazione verso razze dal carattere “difficile” e soprattutto che c’è un volere il cane grosso e kattivo e quindi deve essere maschio, perché la femmina è comunque sempre un pò meno d’effetto.
            E’ vero, è un processo alle intenzioni. Ma quando qualcuno senza esperienza della razza vuole prendere un Rottweiler, mi permetto di processare…

          • Logico che cerchi un cane Grosso e Kattivo, la casa è un po’ isolata, ci sono altre abitazioni nei pressi ma si trova al centro di un giardino di 5000 metri quadri, un cane capace di fare la guardia e difendere deve avere certe particolarità.
            E visto i precedenti nelle risposte, anche se l’ ho già detto per fare la guardia la notte intendo dentro casa non in giardino.
            Il Giardino così ampio non può’ essere altro che un bene per la vita del Cane durante il Giorno.
            E se la risposta che età per uscire fuori (scusa forse lo faccio io il processo alle intenzioni adesso) è che una banda di malviventi che sà il fatto suo Sto arrivando! neutralizzare un cane e quindi meglio un sistema d’ allarme.
            Sono d’ accordo ma le ipotesi sono due.
            o Lo fanno di Notte e a quel punto devono neutralizzare anche me dentro Casa e almeno per un’ altra 20ina d’ anni credo di riuscire a difendermi poi vedremo quanto sarà caritatevole con me il tempo.
            Durante il Giorno come neutralizzerebbero il Rottweiller lo farebbero anche con gli altri due che ne andrebbero di mezzo e questo non mi rincuora assolutamente, preferisco avere al possibilità invece che ai Malintenzionati gli dica Brutta e che quindi anche gli altri due cani sicuramente più indifesi abbiano una protezione.
            Qui non si sta parlando di uno che compra casa e compra un cane o due per fare la guardia invece di affidarsi a un sistema di allarme.
            Qui si tratta di uno con già due cani che sono indifesi rispetto alle persone che potrebbero andarci di mezzo anche solo per il fatto di abbaiare.
            Quindi se devono venire spero che vengano la Notte che il Rott o Mastino Napoletano o Corso o Doberman che sia possa stare pure a Dormire o darmi mano ma ci penso io.
            Ma se una notte a casa non ci sono e mia moglie è da sola il fatto che abbia accanto un cane forte mi fa stare più tranquillo anche se c’e’ l’ allarme.
            Se poi devono venire di Giorno perché non ci siamo si prenderanno tutti i rischi che il giorno comporta, spero che 5000 metri siano un terreno a favore del Cane in questo caso, ma come detto il pericolo ci sarebbe anche per gli altri 2 e certo non compro una casa con il giardino per fare stare i cani in casa quando possono correre e giocare fuori in completa libertà!
            Comunque Probabilmente il Rott non è il più adatto, forse sarà più adatto un Mastino come nel caso consigliato dalla redazione (sempre con pericolo permettendo) ma come vedi forse è una situazione per cui valga la pena di porre qualche domanda piuttosto che affidarsi a i singoli articoli che parlano di vari e interessanti argomenti ma non necessariamente legati a questa situazione.
            Articoli che tra l’ altro leggo e rileggo perché mi aiutano giorno per giorno a conoscere meglio questo mondo.

          • Mamma mia che pesantezza di uomo… Sinceramente non vorrei essere neanche il tuo cane… Con simpatia, ehhh…

  15. 7 cani in casa, due svizzere uno svizzerino, una lupetta meticcia due border femmine euna meticcina sterilizzata.
    intanto, un solo maschio per volta.lo svizzerino è arrivato alla morte del precedente “canelupo” perchè… fra calori delle femmine ecc… potrebbero andare d’amore e daccordo tutta la vita MA se no fosse così … o li dividi (e non mi va) o rinunici a uno di loro e lo dai via (e non mi va…)
    le femmine in genere tutto ok, qualche scaramuccia ogni tanto che lascio si sbrighino da se, qualche bucchetto del diametro del canino al massimo ma non fatto per far male, ma proprio perchè hanno i denti… far male di proposito fa ben altri danni… se però la cosa degenera intervengo io e “il primo che sgarra se la vede brutta”…
    sono anceh dell’idea che, se è ben chiaro alla truppa chi è il leader… è più facile controllare la situazione

  16. Questo articolo mi rincuora parecchio. Complice il fato, sto vivendo con un pibull di 13 anni e un mix ponterxalano di 11 anni. Per non farmi mancare nulla, preciso che il mix è stato tolto dalla cucciolata intorno ai 30 giorni. Mi viene da ridire solo a tentare di spiegare la situazione….Penso sempre che la colpa sia mia, che dovrei fidarmi di più, ecc. ma quando mi son fidata è successo un casino.

  17. una domanda:
    è possibile che ,a volte,l’aggressività fra 2 cani sia scatenata da predazione?
    avevo una meticcia(sally) di taglia piccola,9 kg,che si arrampicava sulla rete come un gatto e usciva.
    abito in piena campagna,lontano da strade asfaltate.
    quando rientrava,i pt andavano nei matti,la femmina di pt(daisy),ma anche il maschio,le correvano dietro,ma di brutto…(normalmente si ignoravano,anzi con il maschio andavano d’accordissimo)
    solo che la sally è velocissima,e trovava sempre un “buco” dove rifugiarsi
    (può restare “attaccata al capriolo x per ore…)
    purtroppo una volta la daisy,grande mangiatrice di…tutto ciò che corre nel giardino,
    l’ha beccata e le ha inferto gravi ferite.
    ( la daisy uccide tutto quello che entra,gatti,faine,topi,serpenti e uccelli vari)
    questo dopo 7 anni che si conoscevano e mentre a casa non c’era nessuno.
    non avevo la certezza che fosse stata la daisy,pensavo a uno “scontro” esterno,magari con un selvatico.
    Dopo qualche mese stessa cosa,ma in modo + grave.Lì non hoi avuto dubbi,la daisy aveva schizzi di sangue sul pelo.Ho salvato la sally x miracolo,ora vive in un altro posto,al sicuro con una mia cara amica.
    attualmente ho 1 maschio (pt) e 3 femmine (1 pt+1 labrador+1 beauceron)
    pare che vadano tutti d’amore e d’accordo….ma la paura resta.
    possibile che si sia trattato di predazione + che di scontro gerarchico??

    • Purtroppo sì: è successo anche a me con la maltese, che è stata beccata dagli husky. Si conoscevano tutti benissimo, ma un giorno ho dovuto farla tosare (causa: madre che “alla toelettatura ci penso io, figuriamoci, che vuoi che ci voglia…” e le ha fatto venire un groviglio di nodi…) e quando l’ho portata a casa e l’ho mollata in giardino lei è partita a razzo come faceva sempre, e un’husky l’ha attaccata. Per fortuna, appena lei ha fatto CAIN! , l’altra ha mollato… ma intanto le aveva rotto due costole :-(. Ed è stato proprio predatorio puro, non ci sono altre spiegazioni possibili.

  18. Ciao Valeria,
    ti prego dammi qualche consiglio!!! Io ho un meraviglioso Briard di 10 anni, 2011 anni fa ho adottato una cucciola dalla Puglia per fargli compagnia e “svegliarlo un po'”. L’ho sterilizzata e andava tutto alla grande finchè nel 2012 mi hanno gettato in giardino (nemmeno fosse pattumiera!) un meticcio di circa 3mesi. Ho cercato i padroni, illudendomi che fosse scappato e avesse saltato la mia recinzione di 1,80 mt ma nulla, nessun microchip, nessuno che lo abbia riconosciuto.
    E’ un incrocio con qualcosa e sicuramente un australian. E’ un disastro, gli ho fatto fare il corso di base e tantissima socializzazione ma ha un carattere tremendo oltre che ad un’iperattività devastante. Mi hanno consigliato di castrarlo a 4 mesi descrivendolo un Huligans (tanto per darti l’idea del caratterino) e l’ho fatto.
    Io non ho molto tempo e un giardino piccolissimo, agli altri due di indole tranquilla una e di una certa età l’altro la mia vita va bene, ma a Blu (questo il suo nome) non basta, lui deve fare qualcosa. E’ un incrocio tra un bambino iperattivo e uno di quelli che continuano a dire “IO-IO.-IO”, non appena provo a far fare qualcosa con loro, il tutto condito dal fatto che anche lui pesa i suoi bei 22/24 kg e ogni tanto se la prende con gli altri due e li attacca, perché gli passano davanti, perché si annoia….
    Gli sto cercando un’altra sistemazione (con un sacco di sensi di colpa e dispiacere) credo che una persona dinamica (che va passeggio/correre), con più tempo di me, e senza altri cani (almeno non maschi) forse sarebbe una situazione migliore per lui, ma non trovo nulla.
    Nel frattempo che faccio?
    C’è un libro di esercizi, per esempio, che mi puoi consigliare per farlo “lavorare” in modo che possa sfogare la sua energia che altrimenti diventa frustrazione?
    Grazie di cuore per ogni cosa vorrai dirmi.
    Francesca

    • Francesca a volte per pura casualità ci troviamo in situazioni non previste e nonostante la buona volontà non riusciamo a gestire. Non sentirti in colpa nell’esserti attivata a cercargli un’altra sistemazione poichè la condizione che stai affrontando non te la sei cercata. Provabilmete è stato “gettato” nel tuo giardino proprio perchè si era rivelato sin da subito problematico. Non sono pratica di corsi di addestramento ma solo tu puoi capire se quello a cui ha già partecipato può essergli stato utile e in che misura o se ritentando potresti ottenere ulteriori risultati.

      • Grazie Rita,
        chiedevo gentilmente alla redazione consigli su libri, perché purtroppo non è facile trovargli un’altra casa (soprattutto dato il carattere che non posso certo nascondere, soprattutto quando chi me lo chiede dice che a casa ha già un cane, anziano e maschio intero!) e intanto devo riuscire a farlo vivere sereno, lui, io e gli altri abitanti della casa (cani e gatti).
        Ho contattato il mio addestratore, che trovo molto in gamba, e che conosce Blu dal primo corso, lui mi ha detto che il massimo sarebbe farlo lavorare con le pecore. Sfogherebbe il suo istinto e lavorerebbe sia “di testa” che fisicamente.
        Purtroppo dove abito io nessuno fa questo tipo di attività e dovrei fare un 120/150 km. x portarcelo il sabato e sinceramente non ho tempo ne’ money per investire così tanto.
        Proveremo con il riporto, per vedere se riusciamo a canalizzare le sue energie, 1 volta a sett. però, di più non ce la faccio proprio.
        Da qui la necessità di trovare qualcosa che io gli possa far fare in casa o in un piccolo giardino, per canalizzare un pochino la sua energia mentale almeno.
        Se hai consigli su libri dove posso trovare esercizi e/o giochi…
        Grazie
        Franci

        • Francesca veramente non saprei quali letture consigliarti ma penso che al di la di ogni libro (che è sempre teoria) un approccio pratico abbia maggior valore.
          Il fatto è che quando si è già impostata la propria vita in base al lavoro, studio, tempo libero, esigenze personali, interessi, obblighi, doveri, località, ecc. eventi non previsti destabilizzano l’armonia consolidata. Trovare degli adattamenti al menage famigliare si può ma stravolgerla minando la propria serenità e finanze è decisamente pesante e seppur il suggerimento del tuo istruttore fosse corretto nei confronti di Blu, non mi sembra, da come dici, adeguato alle tue condivisibili e comprensibili esigenze.
          La butto qua con un poco di ironia (ma penso che chi la vive realmente ha ben poco da ridere); ci sono anche fra noi umani, chi più chi meno, i fuori di testa …… Il tuo Blu potrebbe aver subito traumi alla nascita, allontanamento precoce dalla mamma, problemi neurologici, ecc e forse approfondire anche il lato clinico potrebbe darti qualche indicazione maggiore del suo stato di salute.
          Spero che altri ti diano suggerimenti migliori dei miei ma sono certa che troverai la soluzione che ti rasserenerà.
          Ammiro la tua correttezza nel non nascondere anche i lati meno piacevoli di Blu.

          • Grazie, anche io spero di trovare una soluzione, se non ottimale che riesca a lasciar vivere serenamente tutti.
            Francesca

  19. Io in futuro (almeno 3 anni dovrò aspettare, sigh) vorrei prendermi un bel Pastore Tedesco, maschio … ho già una femmina di Jack Russel … dite che la taglia così diversa potrebbe crearmi problemi, anche fra maschio e femmina?

  20. Ciao Valeria, mi chiedevo se questo discorso vale tra mamma e figlia (Boxer) cioè possono stare insieme tranquillamente essendo parenti stretti, devono essere sterilizzate entrambe, o sono comunque sempre a rischio indipendentemente dalla parentela e dalla sterilizzazione ????

    • Il miglior consiglio è rivolgersi a un centro cinofilo con persone capaci di aiutarvi a risolvere il problema. Mettere insieme 3 cani, magari anche la quarta occasionalmente, via mail, non mi sembra la soluzione.

      • scusa adriana la tua risposta a chi e’riferita?sono nuova del sito e la tua risposta e’arrivata a me tramite mail.ciao!!!comunque grazie alla redazione x la risposta,abbiamo avuto l’idea di farli conoscere con la museruola e proviamo cosi’da evitare danni,potrebbe andare bene?

        • Ciao serena,
          scusa la domanda, ma come te, sono nuova del sito. a te la redazione ha risposto? Come? in forma privata?
          Io resto in attesa, sperando 🙂

  21. Sta succedendo in questo periodo una forte conflittualità tra i due maschi di casa, entrambi provenienti dal canile ma in due momenti diversi.
    Uno preso all’età di circa 8-9 mesi ormai 7 anni fa, di taglia medio-piccola e socializzato con la femmina sterilizzata che già avevo; l’altro preso sempre al canile a 5 mesi circa due anni fa.
    L’anno scorso avevano iniziato le prime scaramucce per stabilire la gerarchia e poi nulla di più.
    Invece è da un mese e mezzo che quello più giovane attacca in modo molto violento e aggressivo il più anziano. La cosa è successa tre volte: dopo la prima volta ho portatato a sterilizzare il più giovane ma avevano comunque fatto pace subito. La seconda volta, il più giovane era già castrato da pochi giorni ed è di nuovo scoppiata la rissa molto violenta per un pezzetto di biscotto lasciato in una cuccia, ma di nuovo è scattata subito la pace.
    La terza volta di nuovo rissa violenta, ma senza apparente motivo, e in più non sembra vogliano di nuovo coabitare. Sono entrambi cani socievoli con le persone e con i gatti.
    Esiste un modo per risolvere il problema in modo indolore senza dover rimandare in canile o trovare altra sistemazione a quello più giovane?

    • L’unica alternativa è l’obbedienza: ovvero, siete voi che dovete intervenire impedendo sul nascere questi “scanni” che possono anche sembrare immotivati… ma che per loro, sicuramente, un motivo ce l’hanno. Però non credo che comincino a scannarsi senza neppure darsi due ringhi di avvertimento. Quindi, se avete un buon controllo sui cani, dovrebbe bastare il vostro intervento per rimandarli a cuccia appena cominciano a “dirsele” e prima che si mettano a “darsele”. Se il controllo non c’è, dovreste lavorarci con l’aiuto di un bravo addestratore. Altrimenti non resta che dividerli.

      • Intervengo perchè questa risposta mi interessa molto. Ho tre cani. I problemi sono nati da poco tra madre, sei anni, e figlia, tre anni. Fino a poco fa non ho avuto problemi, tranne qualche scaramuccia per un biscotto lasciato a terra… ma da qualche settimana la madre è diventata aggressiva con la figlia in maniera esagerata. La punta continuamente, le si avventa contro, cerca sempre di escluderla… non vuole proprio vederla. Io se mi accorgo quando la madre comincia a “dirle” riesco ad evitare gli attacchi, ma a volte non ce la faccio. Ho notato che la madre si scatena quando ci sono improvvisi cambi di situazione… non so siamo seduti sul divano, uno di noi si alza e lei parte attaccando la figlia. Non le fa nulla, le strappa al massimo dei ciuffi di pelo, ma la figlia ogni volte piange come se la stesse squartando e si fa sempre la pipì addosso. Mi fa veramente pena. Adesso cammina sempre rasente ai muri, con la testa bassa, cercando di essere invisibile. Dimenticavo di dire che la madre è stata sterilizzata a giugno dopo un tumore mammario. La figlia è integra. L’altro cane, un maschio di un anno anche lui è castrato. Con il maschio nessun problema. Vorrei qualche consiglio sul come intervenire prima che la madre cominci a “darle”. Devo o non devo sgridarla? Devo solo mandarla a cuccia? Ovviamente so che non devo prendere le difese dell’attaccata…
        Riuscissi a capire cosa ha scatenato questo conflitto…
        Grazie per la risposta!

  22. Buongiorno, a casa dei miei genitori si stanno verificando sempre più spesso liti improvvise tra i due cani, due cavalier king (lo so, fa ridere) di sesso diverso, di 8 e 9 anni.
    Il maschio è con noi fin da cucciolo, la femmina è la più anziana, è sterilizzata, ed è stata adottata all’età di 5 anni. Fino a qualche mese fa andava tutto benissimo, ma ultimamente la cagnolina, in concomitanza con il peggioramento delle condizioni di salute (soffre di un disturbo congenito alla valvola mitrale), è diventata molto aggressiva nei confronti dell’altro cane. E’ un po’ come se avesse perso la testa, infatti lo attacca improvvisamente senza (almeno per quel che possiamo capire noi) alcun motivo, soprattutto durante i pasti. Mentre prima mangiavano tranquillamente nella stessa stanza, ora li stiamo separando, però il problema si ripresenta anche quando siamo noi, a mangiare: il solo odore del cibo la fa diventare infatti molto irascibile. Non avendo mai avuto altri cani, e avendo vissuto anni di serenità con questi due, i miei non sanno davvero come comportarsi, e anche la veterinaria non ci ha sapunto consigliare nulla a parte la pazienza. E’ giusto, come facciamo, cercare di dividerli quando si azzuffano? E c’è un modo per risolvere o migliorare questa situazione? Grazie mille!

  23. salve a tutti vorrei avere un consiglio da voi io ho una femmina di pinscher nano sterilizzata ora al mio compagno e venuto in mente di prendere un altro cane io vorrei un boxer visto che ho letto che e un giocherellone adatto alla famiglia e che adora gli animali con cui vive ed e molto equilibrata come razza lui vuole un dogo argentino e io sono un po titubante vuoi quale razza mi consigliereste? per farle compagnia e giocare insieme ? grazie e spero che qualcuno mi risponda

  24. Ciao Mely, non credo che si possano prevedere a priori quali cani potrebbe essere adatti come compagni di giochi per la tua pinscher. Considera però che la differenza di taglia è notevole tra le altre due razze e se pur introdotte da cucciole il rischio che nei giochi la piccola possa incidentalmente farsi male è da considerare.
    Personalmente non lascerei mai cani con struttura fisica eccessivamente differente da soli e nell’interazione tra loro sarei sempre presente pronta ad intervenire.

  25. Salve! Ho a lungo desiderato un cane e quando mi sono sentita pronta, ho deciso che il mio primo cucciolo sarebbe stato un maltese. Ho quindi scelto un maschio che ho lasciato intero ed ora ha di 11 mesi. Sto pensando di adottare una femmina che farei sterilizzare prima della comparsa del primo calore. Sono consapevole del raddoppio delle spese e del tempo ma mi sono convinta che il mio cucciolo starebbe molto meglio in compagnia quando sono al lavoro…convinzione solo mia??? Ho pensato di aspettare a prendere un secondo cucciolo primo perchè sono alla prima esperienza e secondo perchè in un articolo Valeria diceva che aveva il controllo dei suoi Husky poichè lo aveva della femmina alpha ed io ho pensato di aspettare per avere un rapporto con il mio cane più stretto e sopratutto di completare l’educazione. Ora io mi sentirei pronta…Valeria saresti così gentile da suggerirmi se è il caso di attendere ancora? Il rapporto con Attila è molto stretto visto che viviamo insieme io e lui ma ti assicuro che viene trattato da cane non da soprammobile con somma soddisfazione di entrambi!

  26. Salve !
    Avrei una grande curiosità .. A casa ho un cucciolo di 6 mesi (è un meticcio) molto triste, che gioca raramente.. Quindi ho preso la decisione di adottare un altro cane a bere! Ho trovato un ragazzo con una femmina di pitbull di 7 mesi, bellissima.. che purtroppo la deve dar via. La femmina è stata cresciuta con i genitori per 7 mesi, è dolcissima e anche MOLTO intelligente ! Io sono un’amante della razza e mi piacerebbe tanto prenderla, perché così il mio meticcio avrebbe una sorella con la quale dormire, giocare, passare del tempo.. e io riuscirei ad approfondire la mia passione e le mie conoscenze verso i pitbull !
    Lei che ne dice, è una buona idea?
    Grazie mille, Ciao !

  27. Vedo solo ora questo articolo, moooolto interessante! È proprio quello che mi stavo chiedendo ultimamente.. dato che (stranamente) ho il periodo “cucciolite” (cosa che mi succede quasi ogni anno) ma che con il passare degli anni una semplice fantasia si sta trasformando in qualcosa di più concreto.. con me vivono due femmine, pastore tedesco di 8 anni e boxer di quasi 7. Sono cresciute insieme e oltre alle scaramucce da gerarchia o da “mamma” non si è mai verificato un vero problema di lite, cose da poco risolte tra di loro. Sono entrambe intere. Ho tanta voglia di prendermi il terzo, ho voglia di crescere io un cucciolo, di seguirlo, fare i corsi e magari uno sport o un lavoro.. più mi appassiono a questo mondo e più nasce il desiderio di mettere in pratica tutto quello che o letto e studiato fino ad ora. Le due cane sono state “cresciute” da mia mamma, io ero in fase adolescenza e per quanto le amassi e mi occupassi di loro preferivo uscire a fare cazzate. Mia madre non lavorava, io andavo a scuola, quindi le giornate le passavano con lei e per questo dico che è lei ad averle veramente cresciute, io mi godevo il cucciolo tornata a casa da scuola!
    Mi chiedo quindi, avendo due femmine di 8 e quasi 7 anni, intere, carattere sempre più tranquillo (la pt era quella più “rissosa” qualche anno fa.. ma di solito solo con altre femmine di pari stazza e dominanti, quelle tranquille le lasciava stare – o peggio, cani con padroni paurosi.. lei sentiva la paura del padrone e iniziava ad abbaiare al cane.. ma niente di più, qualche lite piuttosto ritualizzata, non ha mai fatto male a nessuno)…ora invece si è calmata molto e tende a lasciar perdere anche se l’altro cane ha intenzioni rissose. La boxer non c’è bisogno di dirlo, ama tutto quello che respira!! 😀 Se davvero facessi la pazzia di prendere il terzo cane, dici che è meglio maschio? Dici che è meglio orientarmi su quali razze? Io sono innamorata di pastori e molossoidi, ma anche il clc è nel mio cuore e mi dico “un giorno.. un giorno lo prenderò” ..vorrei lavorare con questo cane, seguire dei corsi e fare un’attività con lui/lei. Potrei orientarmi anche verso un meticcio, ho un’amica che trae in salvo cani dalle perreras spagnole, ma non sono sicura di cosa potrei andare in contro. Mi piacerebbe essere sicura e soprattutto di crescerlo fin da cucciolo io.. non lo so.. forse resta ancora un sogno.. ma forse è anche il momento giusto, a settembre mi laureo e avrò molto tempo libero prima di trovarmi un lavoro.. aaaah scusa ho scritto un papiro ma i pensieri sono usciti uno dopo l’altro, forse era uno sfogo e forse tu puoi fare un po’ di chiarezza..

    • ..aggiugno ( a parte l’ERRORISSIMO della “o” senza l’H – cosa che non si può vedere e per cui chiedo umilmente scusa :D) che mi sono innamorata sia del boxer che del pastore tedesco, grazie alle mie due cane ovviamente, e queste razze sono fra le “mie”. Quindi non escludo un possibile “bis”, che so.. un altro boxer magari. Ma adoro anche Rottweiler, clc, Beauceron, Australian Sheperd, Pastore belga, Pastore Bernese.. mi affascinano molti pastori, il Briard come anche il Rough o lo Smooth Collie. Ma poi ci sono anche diversi molossi che ho conosciuto e che mi sono piaciuti per il loro carattere. Un altro cane ancora che mi ha affascinato moltissimo e che ho avuto modo di conoscere è il German Pinscher.. o per “sentito dire” anche il basenji mi ha incuriosito.

      • Oddio ho fatto un altro errore da perfetta sciuramaria.. voglio sotterrarmi!
        Pastore Bernese!!!!! Volevo dire Bovaro del Bernese .. è che mentre scrivevo avevo gli occhi a forma di cuoricino pensando a tutte le razze che amo! 😀 chiedo venia!

  28. Cercavo in internet un qualche risposta al mio quesito e ho trovato questo articolo (perchè non ci ho pensato subito?!). Ho un setter inglese di un anno e mezzo e un incrocio terrier, 8kg, di nove anni, maschi entrambi, nessuno dei due sterilizzato. Fino ad oggi mai nessun problema, dormono insieme, mangiano insieme, spessissimo si invertono le ciotole (e il terrier ingrassa…). Oggi però, mentre gli tiravo una pallina in casa, come ho fatto altre mille volte, sono corsi entrambi a prenderla, ma all’improvviso si sono bloccati, si sono guardati malissimo e si sono attaccati. Per separarli, mi sono beccata un morso sulla gamba, per fortuna dal terrier, che è più piccolo. Una volta sedato lo scontro, ho tolto tutti i giochi da mezzo e li ho separati. Ora che si sono calmati, li ho rimessi insieme, ma il terrier se ne sta nascosto sul balcone e non vuole saperne di rientrare. Non so se lasciarlo perdere o farlo tornare nella stanza… Il setter invece dorme sul cuscinone, come se nulla fosse accaduto. Mi chiedo se questo cambiamento dipenda dal fatto che il setter sta diventando adulto e che quindi vuole prendere il posto gerarchico del compagno (prima invece, gli lasciava prendere qualsiasi cosa, dalle palline ai pezzi di carne). E vorrei trovare anche un modo per risolvere questa situazione. Il vet. mi ha consigliato da qualche mese dicastrare il terrier per motivi di salute, sia mai che quesro intervento aiuti anche dal punto di vista dei ruoli nel branco?

    Ps: mi sono appena accorta che il setter piagnucola in direzione del terrier e cerca di dargli delle leccatine…

  29. Un consiglio: ho un maschio di Bovaro del Bernese di 2 anni e mezzo, molto tranquillo, con gli altri cani maschi non da mai problemi, gli altri cani gli devono ringhiare 2/3 volte prima di reagire e stiamo pensando di prendere un altro cane.. Un Boxer! Cosa mi consiglia un maschio o una femmina? Grazie!

  30. Ciao Valeria, grazie per i tuoi articoli che leggo sempre con molto interesse. Sono in una situazione in cui ho la possibilità di prendere un terzo cane,dobermann (ne ho gia avuti in passato)perché è da anni che ne sono innamorato e lo reputo la “Ferrari dei cani”. Non volendo per forza il cucciolo di 2-3 mesi ho pensato di adottarne-comprarne a poco uno più adulto che ha avuto una buona infanzia ma che i proprietari non hanno più il tempo di gestire. ..su questo non commento oltre…ho già 2 meticci lupoidi maschio e femmina sterilizzati di 35 e 25kg di carattere remissivo, in casa con giardino. Ho avuto 3 proposte: una di un maschio di 19 mesi con cui ho portato i miei a farlu conoscere e si è dimostrato 0 aggressivo e con tendenza a seguire il mio maschio…è in disperata ricerca di un riferimento. Poi altre 2 occasioni di maschio o femmina di 7 mesi che devo ancora visionare. Sicuramente per 1.5 anni posso ternerli controllati 24/7 quindi potrei gestire sicuramente l’inserimento e dargli un posto nel branco oltre ad addestrarlo. Onestamente sono tentato da tutti e 3 anche se so che la femmina è più remissiva ma effettivamente anche un maschio ogni x di dob è remissivo, anche se è un’eccezione. In ogni caso dopo qualche mese valuterei la sterilizzazione…Detto questo quale cane mi consiglieresti?

  31. Ciao Valeria, grazie per i tuoi articoli che leggo sempre con molto interesse. Sono in una situazione in cui ho la possibilità di prendere un terzo cane,dobermann (ne ho gia avuti in passato)perché è da anni che ne sono innamorato e lo reputo la “Ferrari dei cani”. Non volendo per forza il cucciolo di 2-3 mesi ho pensato di adottarne-comprarne a poco uno più adulto che ha avuto una buona infanzia ma che i proprietari non hanno più il tempo di gestire. ..su questo non commento oltre…ho già 2 meticci lupoidi maschio e femmina sterilizzati di 35 e 25kg di carattere remissivo, in casa con giardino. Ho avuto 3 proposte: una di un maschio di 19 mesi con cui ho portato i miei a farlu conoscere e si è dimostrato 0 aggressivo e con tendenza a seguire il mio maschio…è in disperata ricerca di un riferimento. Poi altre 2 occasioni di maschio o femmina di 7 mesi che devo ancora visionare. Sicuramente per 1.5 anni posso ternerli controllati 24/7 quindi potrei gestire sicuramente l’inserimento e dargli un posto nel branco oltre ad addestrarlo. Onestamente sono tentato da tutti e 3 anche se so che la femmina è più remissiva ma effettivamente anche un maschio ogni x di dob è remissivo, anche se è un’eccezione. In ogni caso dopo qualche mese valuterei la sterilizzazione…Detto questo quale cane mi consiglieresti?

  32. Io ho una femmina di bull terrier ma amo questa razza follemente e mi piacerebbe prendere un maschio, potrebbe essere una scelta “a rischio”?

  33. Buonasera a tutti,
    anche se l’articolo è di più di un anno fa, spero che qualcuno possa e voglia rispondere ai miei dubbi.
    Ho un cane corso femmina di 15 mesi sterilizzata, dolcissima, che va d’accordo proprio con tutti, ma non ama passeggiare ne’ giocare con palline o altro, solo con altri cani.
    Non sempre troviamo nell’area cani “tipi” adatti a lei, la maggior parte sono micro, ed anche se lei sa essere molto delicata, è comunque 37 kg (o forse più), e se è presa dal gioco potrebbe comunque fare male ai cani piccoli, anche semplicemente finendogli sopra.
    Inoltre ama giocare con i suoi simili, ovvero i molossi, in quanto dopo un po’ di corsette, preferisce il gioco “corpo a corpo”, anche stradiata a terra… Riesce a giocare così anche con qualche bulldog francese “suo amico” dietro la mia costante ed attentissima supervisione (ed ovviamente consenso dell’altro proprietario di cane!).
    Vorrei prenderle una compagnia ed avevo pensato ad un altro corso femmina (che comunque sterilizzerei, non essendo intenzionata a fare cucciolate), in modo che potessero avere modalità di gioco comuni.
    Vivo in un appartamento, ma riesco a gestirmi abbastanza bene i tempi lavorativi, quindi gran parte del tempo libero lo dedico attualmente alla mia Corso.
    Ritenete sinceramente sia matta?
    Sono compatibili 2 cani corso femmina sterilizzati? (bella domanda!).
    Sarebbe meglio che i 2 cani fossero di taglia diversa, ad esempio bulldog o altri?
    Altra domanda: è meglio che la nuova arrivata abbia i classici poco più di 2 mesi, oppure può averne anche 5 o 6?
    In passato ho avuto anche 4 cani insieme (3 femmine ed 1 maschio), e non mi ero mai posta tutti questi problemi, anche se all’epoca avevo un grande giardino, e loro sono sempre andati molto d’accordo, oppure ognuno faceva i fatti suoi (soprattutto da vecchietti).
    Ringrazio anticipatamente per l’aiuto.

  34. Salve, ho trovato molto interessante questo articolo e dunque ho pensato di chiedervi un consiglio per la mia situazione particolare. Possiedo da 9 anni un cane, Charlie, che è un incrocio tra un pastore tedesco e un cane non di razza, molto mansueto e coccolone. Da due mesi a questa parte è arrivato a casa nostra Jago un pastore tedesco “doc” di due anni, affabile con le persone ma a quanto pare molto meno con gli altri cani. Abituato a vivere con il suo padrone in appartamento, è stato trasferito in campagna dove per l’occasione è stato creato un recinto per lui e separatamente uno per il più vecchiotto. Poichè però li divide solo una rete, per le prime due settimane il nuovo arrivato ha abbagliato continuamente contro il suo vicino. Ovviamente non è stato mai fatto un tentativo di avvicinamento se non qualche camminata al guinzaglio a debita distanza, ma nel momento in cui Jago viene fatto uscire dal box non fa altro che appostarsi davanti alla cuccia di Charlie e abbagliargli e ringhiargli. Non ascolta i nostri ordini e l’unico modo di destare la sua attenzione è quello di mostragli la pettorina da passeggio. Ora, le mie domande sono: pensa che sia una buona idea inserire un telo che separi visivamente i due cani? Ed inoltre, come posso educare, sempre che a quest’età sia ancora possibile, questo nuovo cane che non trova particolare interesse in un premio in forma di crocchette?
    La ringrazio in anticipo,
    Sam

  35. Buongiorno,sono la padrona di un rottweiler di quasi 3 anni,un vero tontolone e fifone. Parto col dire che il mio rott è ben socializzato,frequenta locali,persone e altri cani anche dello stesso sesso senza che ciò influisse il momento di convivenza. Il mio ragazzo invece ha un pitbull di un anno e mezzo,da subito è stato amore tra i due che vivono insieme la maggior parte della settimana,purtroppo però da quando il Pit ha compiuto un anno tra i due si sono scatenate 3 risse le quali hanno fatto sì che il sangue scorresse a fiumi. Tra orecchie strappate e quant’ altro per fortuna stanno bene ma per dividerli ci vogliono dai 10 ai 20 minuti,interminabili perché il Pit una volta che morde non apre più e il rott come al solito se le prende rimanendo il più ferito dei due. Dopo questo momento di “alta intolleranza” i due tornano a leccarsi e dormire uno sull’ altro come se nulla fosse.
    Come posso fare perché non accada più? O perlomeno prevenire la rissa?
    Grazie

  36. Ho letto l’articolo e mi piacerebbe sapere per curiosità, una mamma bassotto se la prende spesso con uno dei suoi tre cuccioli, che da piccolo ha morso, che pensiamo per sbaglio.
    Siamo davvero preoccupati che potrebbero recarsi dei danni tra di loro. E davvero brutto vedere come la mamma lo punta, lo scruta aspettando di attaccarlo.
    Grazie dell’attenzione.

  37. Ciao ho un pastore tedesco grigio molto equilibrato ma anche molto testardo e dominante. ..vorrei affiancargli ina una femmina di beagle ma qualcuno lo sconsiglia per il carattere pazzerello che faccio?

  38. Ho 2 jack maschi fratelli di 4 mesi……ora.. seguiti da 1 addestratore in quanto.. hanno iniziato ad attaccarsi.. 1 sembra predominante l’altro..1 pò…cerca guai…Sono molto socievoli con bambini, adulti ed anche..con gli altri cani..fatta quache piccola eccezione a secondo dei casi. Stiamo addestrandoli affinchè Io possa avere 1 controllo su di loro e loro….1 autocontrollo tra loro…non sarà facile e forse…impossibile ma…è questa l’unica strada kè posso percorre x fargli capire che..finché ci sono io..loro non dovranno nemmeno pensare di avere colluttazione. ..in caso di mia assenza..dovrò ahimè..mio malgrado…tenerli separati..privarsi di 1 dei 2 sarebbe giusto al fine di non arrivare all”estremo…peggio…ma, il cuore ed il fatto di non demordere. ..mi sprona a fare 1 tentativo.. x amore..pur sapendo che in caso di sconfitta. .molto probabilmente dovrò privarsi x il loro bene di uno dei 2…con la morte nel cuore ma, regalandogli probabilmente la… Vita. …

  39. Hola redazione, grazie in anticipo per la risposta… Vivo in Messico e qui la situazione cani di strada è davvero orribile. Ho una casa con giardino e posseggo una meticcia simile a una barboncina di 3 anni molto buona e affettuosa. Fuori casa è un po’ campagna e vedo ogni giorno camminare una cagnolona tipo pitbull femmina e sono diventato suo amico, è affettuosa, non ha paura degli umani come la maggior parte dei cani di strada. Le do cibo e agua, si avvicina a me senza problemi, molto riconoscente e festosa. Mi piacerebbe tanto darle di più di semplice cibo e acqua, vorrei adottarla, che potesse stare in giardino con una sua casetta di legno. Come reagirà la mia piccola cagnetta che mi adora? E più che altro, potrà essere in pericolo vista la forza e la “presunta” pericolosità di questa “presunta” pitbull? Per fortuna non si ritroveranno mai da sole perche’ io sarò sempre presente e in ogni modo la piccolina mi accompagna in qualsiasi uscita. Grazie davvero per i consigli che mi potrete dare. Saludos.

    • Impossibile dare un consiglio sensato senza conoscere i cani, ma… un po’ di rischio ovviamente c’è (non perché sia una pitbull , ma perché c’è una notevole differenza di taglia).
      Io proverei a vedere come si comportano, comunque… e se non devono restare da sole, forse si può fare!

      • Gracias per la rapida risposta signora Valeria!!! Ora non mi resta che convincere mi esposa… e forse è la cosa più difficile, eh eh eh…. Saludos desde Mexico!

  40. buongiorno ho un problema con 2 cani di taglia piccola 2 femmine fino a non molto tempo fa andavano daccordissimo dormivano assieme cacciavano assieme se una non c’era l’altra andava a cercarla, adesso improvvisamente…. non si posso piu’ vedere e’ una briga continua a 1 ho dovuto fagli mettere 4 punti in un polpaccio basta che si vedano cominciano a ringhiare e se li lascio fare si attaccano violentemente cosi’ ho dovuto dividerli ma e’ un problema e quando devono mangiare tolgo la museruola a 1 lo faccio mangiare poi lo faccio con l’altro, io non so piu’ come agire, ho la tentazione di darne via 1 ma francamente mi spiace molto…chi mi puo’ aiutare?
    ringrazio

  41. mi sono ricordato questa particolarita’ non puo’ significare nulla ma…. una tenta ripetutamente di montare l’altra io penso che sia per avere la supremazia ovvio laltra non ci sta’ allora si prendono di brutto

  42. Forse sto facendo un errore…UN GROSSO ERRORE….ma la mia testa mi dice cosi!! Mercoledì sera andrò a prendere il 4° “canuccio”….
    Attualmente abbiamo una meticcia di 14 anni molto tranquilla e affettuosa… un chiwawa di 3 anni (ex maschio) una femminuccia di pastore tedesco di appena 6 mesi e il 4° in arrivo un dobermann femmina. Gli ultimi due sono di razza “pura” se cosi si può dire….ho paura che l’arrivo del 4° cane possa creare un po di casini.
    La casa dove abitiamo offre un parco grande dove troverebbero spazio il pastore e il dobermann mentre la parte alta più piccola di circa 1000 mq (le due zone sono separate) il chiwawa e la vecchietta meticcia….
    cosa ne pensate ? la mia paura è che le due giovani femmine possano litigare di brutto!!
    Non prenderei il maschio di dobermann per paura di incesti con il pastore tedesco
    Grazie mille

  43. ciao ho 2 cani maschi di razza diversa il corso ha 4 anni e un amstaff di 5 mesi sono spaventata perk tt dicono che nn possono stare perk uno può sopprimere l altro ed io sono molto preoccupata. Mi potete aggiornare?

  44. Salve ho da circa tre anni un beagle femmina sterilizzata adottata..un amore di cane è arivata grande ma e come se fosse sempre vissuta con noi.di recente è comparsa una cagnolina a casa più o meno stessa taglia ma meticcia ( Ha qualcosa del bull terrier nei liniamenti) piuttosto ridotta male e malnutrita..per il canile dovrebbe avere circa 7 mesi ..abbiamo deciso di addottarla e all’inizio tutto filava liscio andavano d’amore e d’accordo ..giocavano ecc. poi all’improvviso dopo circa un mese la piccola ha iniziato a sfidare con morsetti sulle ganbe ho porgendo il sedere la grande ..il beagle avvolte evita girando il muso ..avvolte reagisce e li finisce male..perchè la piccolina attacca con una ferocia inaudita.ha quasi staccato parte dell’oreccchio del beagle che pur essendo piu grossa e piu anziana le prende sempre.son dovuto intervenire già tre volte.cmq cerco di non staccarle troppo chiudende una da una parte e una d’altra mi da fastidio però sto allo stesso tempo impazzendo per stare sempre a controllare la situazione.avvolte vanno d’accordo ma non giocano piu almeno la piccola vorrebbe ..ma la grende(il beagle) la evita cerca di non starci troppo vicina.ora ho fatto sterilizzare anche la piccola ..mi hanno detto che qualche cambiamento potrebbe vedersi fra due tre mesi..spero che sia cosi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here