venerdì , 24 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Educazione >> Addestramento >> Addestramento: il premio

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Addestramento: il premio

150459_10200899934961744_1868334883_ndi DAVIDE CARDIA –  Queste poche righe non hanno la pretesa di dare indicazioni “monolitiche”. Tantomeno sono una critica verso chi lavora diversamente. Semplicemente vogliono essere un momento di condivisione: a Debù infatti siamo convinti che la crescita implichi un rapporto dialettico, di confronto. Speriamo quindi che quanto segue sia utile a chi legge, ma aspettiamo anche indicazioni dai lettori, così da migliorare il più possibile il nostro lavoro.
Parleremo, come si evince dal titolo, di addestramento e premi.
La maggior parte delle cose che chiediamo al cane sono, per lui,  o neutre (e poco comprensibili):
•    Umano: mettiti seduto che c’è il semaforo rosso!
•    Cane: ?!?!?!
… o insensate/innaturali:
•    Umano: Terra e Resta che sta passando un gatto
•    Cane: ma sei fuori?! C’è un gatto! Presto, prendiamolo!

246429_10200899919561359_406640930_nSiamo quindi noi a dover fare in modo che quanto chiediamo acquisti significato agli occhi del cane e questo possiamo farlo, mostrandogli che, obbedendo, i vantaggi saranno maggiori.
Il premio darà significato al loro sforzo.
Anche il dolore e la punizione sono una forma di apprendimento, ma riteniamo che far male al cane per insegnargli degli esercizi di addestramento sia eticamente sbagliato e, proprio dal punto di vista addestrativo, meno efficace.
Inoltre, a Debù, non correggiamo mai un comportamento naturale del cane: non puniamo un cane perché insegue un ciclista o un bambino, perché vuole attaccare un altro cane o perché abbaia. Insegniamo invece l’obbedienza (tramite i vantaggi che da essa gli derivano) e, se il caso, correggiamo il cane che non obbedisce.
Vogliamo che il cane capisca che lo sto sgridando perché non sta fermo dopo che gli ho detto “Resta” e non che associ la punizione ad un suo impulso, col rischio di creare comportamenti superstiziosi.

DSC_0114Generalmente si intendono tre tipologie di premi:
1.    Premio alimentare
2.    Gioco
3.    Gratificazione Sociale
In fase addestrativa, quando il cane sta imparando un nuovo esercizio, la gratificazione sociale non credo dia abbastanza motivazione.
Ci restano quindi il premio alimentare e il gioco.
In realtà quello che cerchiamo di fare nel nostro Club è di trasformare il premio da oggetto ad evento interattivo tra umano e cane: non siamo dei dispenser di cibo o di palline, bensì cibo e palline vengono dati stimolando la caccia, l’inseguimento, la voglia di afferrare.
Il premio non è l’oggetto che diamo al cane, ma un’attività che facciamo con lui.

dav_capBocconcino vs Salamotto/Pallina
Nella prima fase del lavoro utilizziamo moltissimo i bocconcini (o meglio, creiamo il premio – l’evento interattivo – usando il cibo).
Contemporaneamente creiamo lo stesso evento interattivo usando il salamotto o la pallina con la corda, per insegnare quello che secondo noi è un gioco altamente educativo ed interattivo nella sua essenza: il Tira e Molla.
Prima ancora di applicare il premio, lo facciamo conoscere.  Il cane impara il premio, comprende questo evento interattivo e lo desidera.
La differenza tra l’evento creato col cibo e quello creato con un oggetto da mordere, solitamente, sta nel fatto che il secondo, almeno nei cani da lavoro, alza l’arousal, rendendo il cane molto più eccitato.
Per questo motivo (e anche per il fatto che prima di poter utilizzare il tira e molla il cane deve aver imparato a riportare e a lasciare), nella primissima fase del lavoro, preferiamo il bocconcino.
Infatti il premio alimentare:
•    È desiderato dalla maggior parte dei cani
•    Permette  tante ripetizioni senza che il cane si stanchi
•    Con l’arousal sotto controllo, la precisione è maggiore
•   Con il cibo possiamo controllare il muso del cane e di conseguenza il suo corpo, preparando quella memoria muscolare necessaria per diversi esercizi

Quando il cane ha imparato la precisione, utilizziamo il tira e molla per aumentare la velocità di esecuzione.

733776_10200899949762114_1762027732_nFasi di utilizzo del Premio
1. Costruiamo la promessa: prima di utilizzare il premio per un comportamento richiesto (seduto, terra ecc.) glielo facciamo conoscere. Il cane impara subito in che cosa consiste l’evento interattivo, l’attività che facciamo insieme;
2. Utilizziamo il bocconcino per insegnare al cane a fare meccanicamente delle cose.
Se il muso del cane va verso l’alto, perché attirato dal bocconcino, il suo sedere andrà verso il basso. Se il cane è seduto e portiamo il muso verso il suo petto, il sedere si alzerà ecc.
Tutto questo è “meccanica” e possiamo insegnarla senza manipolare il cane o costringerlo. La parte meccanica è momentanea e va rimossa non appena possibile, per passare al comando esclusivamente verbale;
3. Manteniamo la promessa: diamo i comandi al cane che li esegue non perché in presenza del premio ma perché speranzoso della sua apparizione.

dogoneQuantità del premio:
Come regola generale, premiamo il cane, in fase di apprendimento, con premi continuativi: tutte le volte che fa la cosa giusta. Quando il cane ha imparato l’esercizio, i premi diventano variabili e casuali.
Non sono d’accordo con chi premia poco un “seduto” fatto lentamente, premiando invece molto un “seduto” fatto in velocità. È mia opinione che il cane non riesca a isolare la differenza tra “veloce” e “lento” nell’esercizio.
Quello che facciamo, piuttosto, è far conoscere il premio in anticipo, così che il cane lavori velocemente e con entusiasmo per ottenerlo. Quindi, se un cane risponde al “seduto” lentamente, io comunque lo premio moltissimo. Il “seduto” successivo sarà fatto alla velocità della luce.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Davide Cardia

Nato a Moncalieri(TO) il 23/10/69, ha frequentato il liceo classico e poi filosofia a Torino. Una decina di anni fa ha cominciato a seguire Moguez per imparare il mondioring. Ha passato alcuni anni a cercare di recuperare cani problematici (morsicatori soprattutto) presso il canile di Piossasco (TO), che ancora aiuta in caso di necessità. Fa parte del direttivo della Onlus Canisciolti (www.icanisciolti.com) che segue i cani del canile di Avola. E' addestratore ENCI e Tecnico preparatore per il C4Z (cittadino a 4 zampe). Nel 2011, con due colleghi, ha aperto il Gruppo Cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) dove si occupa di educazione, addestramento, sport . Ha partecipato ad alcune puntate della trasmissione radiofonica Uno all’Una su Prima Radio e alla trasmissione televisiva Aria Pulita di Telecity7Gold.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico