sabato , 18 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Varie >> Cani sul web >> Scambio Akita con Iphone

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Scambio Akita con Iphone

di VALERIA ROSSI – Me l’hanno segnalato in millemila, questo annuncio sul “solito” subito.it.
Lo mostro anche a voi, nel caso vi fosse sfuggito:

akita_iphone
Non so se sia vero, se sia una bufala, se sia un pesce d’aprile o che altro: ma ben poco cambierebbe, perché di annunci simili ce ne sono a dozzine (anche se solitamente riguardano cuccioli e non cani adulti) e non credo proprio che siano tutti fasulli.
Quello che credo, invece, è che un sito che abbia un minimo di rispetto per gli animali (e magari anche per la sensibilità di chi lo consulta) NON dovrebbe accettarne la pubblicazione, così come ritengo che non accettino annunci tipo  “vendo rene per trapianti” , o “scambio nonna come nuova con tablet anche usato”.
Purtroppo il fatto è che la legge italiana vieta il commercio sia di organi umani che di umani interi, mentre non vieta affatto che si possano vendere, svendere, scambiare cani come se fossero oggetti qualsiasi.
I soliti animalisti salteranno subito su a dire “Ehhh lo vedi? Prima rompi le scatole quando diciamo di non comprare, ma adottare: e poi ti scandalizzi per un annuncio come questo. Ma che differenza c’è?”
Ce n’è tanta, tantissima: perché un conto  è  vendere un cucciolo che si è appena affacciato alla vita, che è vissuto con la mamma e i fratellini e che, al momento giusto, anche in natura lascerebbe la sua famiglia di origine per entrare nel suo nuovo branco…e un conto è vendere-regalare-scambiare un cane adulto, che nel suo branco umano è ormai stabilmente inserito, che ha creato legami affettivi, che (a differenza del cucciolo) proverà un vero choc perdendo tutti suoi punti di riferimento.
Poi il cane si adatterà, questo è vero: e in casi come questo, forse, vale la pena di subire un trauma pur di andarsene dalla casa e dalla vita di qualcuno che ti considera meno importante di un iphone… però annunci come questo sono eticamente disgustosi, e se non ci pensa la legge ad impedire che un cane venga trattato come un oggetto, dovrebbe pensarci almeno chi amministra questi siti.
Per questo invito tutti a scrivere (civilmente) a Subito.it chiedendo che smettano di pubblicare questi annunci, indipendentemente dal fatto che questo in particolare sia o meno una bufala.
Perché è proprio il concetto di cane-oggetto che va combattuto. Altrimenti esigo che accettino anche annunci come “scambio marito anzianotto ma in buono stato con toy boy palestrato”.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico