venerdì , 24 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Vita col cane >> I cani non si regalano… nemmeno a chi li vuole!

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


I cani non si regalano… nemmeno a chi li vuole!

regalo2di VALERIA ROSSI – Il titolo di questo articolo mi è stato suggerito da una lettrice e amica di FB, praticamente disperata in quanto “vittima” proprio di un regalo non richiesto.
Questa signora aveva un cane corso, che è stato il suo più grande amico per undici anni: ora che è venuto a mancare, lei si stava informando seriamente sulle cucciolate disponibili, disposta ad attendere con pazienza la nascita di “quella giusta”: quando, all’improvviso… ecco, dalle sue stesse parole, ciò che è successo:

Sabato mi telefona mia mamma: “Sei a casa domani?” “Si, perché?” “Perché io e A… (mia sorella) dobbiamo venire a trovarti: abbiamo una sorpresa!”.
Una sorpresa? Che sarà mai?
“Va bene. Venite pure dopo pranzo”.
Arriva la domenica. Alle 16.00 circa suona il citofono. È mia mamma con mia sorella e famiglia al seguito.
Apro il cancelletto, apro la porta per accogliere l’orda in casa e vedo mia sorella entrare nel giardino con uno scatolone in mano: tutti avevano dei sorrisoni che se non avessero avuto le orecchie, sarebbero continuati dietro la testa.
Arrivano alla porta di casa, mi piazzano lo scatolone in mano e…. “sorpresa!!!” gridano tutti (da notare che il mio compleanno è a settembre).
Cosa c’era nello scatolone? UN CUCCIOLO!!!
“Ma… cos’è? Perché?….”
Non sapevo cosa dire. Ero paralizzata, con quello scatolone contenente il cucciolo in mano.
“Ma è un cagnolino, non ne volevi mica uno?”
“Si, mamma, ma io volevo un cane corso…”
“Ma un cane è un cane, che differenza fa? Anzi, questa è una femmina. Tu avevi un maschio!”
“Ma mamma, io il cane me lo volevo scegliere, e poi mica sono tutti uguali, volevo un corso per più di un motivo!” Insomma, per farla breve, e abbandonando il discorso diretto, mia sorella ha questa collega la cui cugina ha questa cagna che ha fatto una cucciolata.
Da quello che sono riuscita a sapere (anche perché la collega di mia sorella ho preteso che venisse chiamata, ma sua “cugina” è stata irreperibile), questa cucciola ha meno di due mesi, la mamma è una grossa meticcia (circa 30 kg), del padre non sono riuscita a sapere nulla.
Ecco come si rovinano i rapporti familiari!
Mia mamma è andata via piangendo, mia sorella infuriata… e io adesso mi ritrovo con una cucciolina poco più che neonata, che nè i miei nè la proprietaria della mamma vogliono indietro.
Perché oggi sì, sono riuscita a parlare con questa Sciuramaria al’ennesima potenza: la mamma della cucciola è un incrocio pastore tedesco e boxer, mentre il papà è un incrocio amstaff e rhodesian… più ad minchiam di così…
La cucciola ha 45 giorni (“ma è già svezzata, il latte dalla mamma non lo prende più!”) e “anche gli altri sette suoi fratellini li ho già dati via tutti!”
Ultima chicca:  “Assolutamente non posso riprenderla indietro, eppure ero convinta che tu fossi amante dei cani, se proprio non la vuoi, portala al canile!”.
E adesso cosa faccio? Ah, naturalmente la cucciola non ha neppure il microchip:  in compenso le mie figlie (quelle che “non sono ancora pronta per avere un altro cane, perché con Zeus ho sofferto tanto”) si sono perdutamente innamorate della cucciola e non vogliono assolutamente che le trovi un’altra sistemazione. So che non mi può aiutare, se non dandomi qualche consiglio, ma scriva un articolo che dice che i cani non si regalano… nemmeno a chi li vuole!

regalo1Ecco da dove nasce questo titolo.
Ed ecco che scrivo, eccome, l’articolo richiesto… perché è proprio così: i cani NON si regalano, mai, per nessun motivo al mondo.
Regalareste un fidanzato a una ragazza che ha ventilato l’idea di sposarsi? Le direste che “tanto gli uomini sono tutti uguali, uno vale l’altro”?
E non ditemi che “non è la stessa cosa”,  perché invece il concetto di base è proprio lo stesso: quando si desidera un nuovo membro della famiglia, il suo arrivo deve essere il frutto di una scelta ponderata e meditata.
Non può capitarci tra capo e collo,”imposto” da qualcun altro.
Rifilare un cucciolo a qualcuno, anche a qualcuno che desiderava un cane, NON è una “bella sorpresa”: è un’inaccettabile violazione del suo diritto di scelta.
Lasciamo pure perdere il fatto che questa specifica cucciola sia un vero “pasticcio” di razze ben poco compatibili tra loro, per di più male allevata e strappata troppo presto alla mamma: sono sicurissima che la nostra amica riuscirà a farne un “cane per bene”, perché si occuperà con competenza e passione della sua educazione.
Ciò non toglie che lei avesse il sacrosanto diritto di portarsi a casa il cane che desiderava: e che la stessa cucciola avesse il diritto di essere voluta e desiderata.
No, perché… questa signora è una vera cinofila, che come tale  finirà per amare la piccoletta come già la amano le sue figlie: ma se si fosse trattato invece, di qualcuno che seguiva il consiglio della Sciuramaria “allevatrice”, e la portava in canile? (Nota: ci ho messo le virgolette perché mi vengono le bolle al pensiero di unire questo termine alla figura in questione… ma la legge definisce “allevatore” il proprietario di qualsiasi fattrice che abbia una cucciolata).

regalo3Abbiamo già ripetuto mille volte – e se questa è la milleunesima, pazienza! – che i canili NON sono pieni di cani abbandonati dalla “cattiveria” umana, ma soprattutto di cani vittime dell'”ignoranza” umana.
Poi, per carità, qui abbiamo anche una bella dose di cattiveria: perché… come si fa ad allevare una cucciolata e poi a dire, di un TUO cucciolo:  “Non posso assolutamente riprenderlo, portalo al canile”?
Neppure il minimo afflato di tenerezza per una creaturina che è nata in casa tua, che hai visto crescere giorno per giorno… ma come diavolo si fa?
Sì, c’è cattiveria.  C’è pura bastardaggine DOC.
Ma c’è anche crassa ignoranza, incompetenza,  analfabetismo cinofilo.
Una che dice “portala al canile”, so io dove la porterei. A persone così dovrebbe essere immediatamente interdetta la possibilità di tenere qualsiasi cane: e le si dovrebbe sequestrare all’istante anche la sua meticcia, per evitare che tra sei mesi ci siano altri otto  (OTTO!) cuccioli da “regalare in giro” a 45 giorni (se ancora non sapeste cosa comporta prendere cuccioli così piccoli, vi rimando a questo articolo).
Non sono altrettanto colpevoli, per carità, i parenti della nostra amica, che pensavano solo di farla felice regalandole “un cane” a caso (tanto “sono tutti uguali”!): ma altrettanto ignoranti, sì.  Altrettanto superficiali, sì. Lo sono stati, eccome.
Purtroppo il nostro Paese è ancora pieno zeppo di analfabeti cinofili: di persone che non capiscono il valore di una scelta ponderata, che non hanno proprio idea di cosa sia in realtà un cane, che non si capacitano del fatto che qualcuno voglia scegliersi il proprio cucciolo, così come si sceglierebbe un marito.
Di fronte a storie come questa, a me sale un nervoso inenarrabile: e se per caso a qualche animalista venisse la pessima idea di peggiorarmelo, sostenendo che tutta questa manfrina me la potevo risparmiare, perché i cani vanno amati sempre e comunque… allora stiano attenti, perché giuro che gli porto sotto casa un tizio o una tizia a caso, belli impacchettati e infiocchettati, e li costringo a sposarseli.
Perché se continuiamo a sostenere che il cane è un amico, un membro della famiglia e così via… allora dobbiamo anche accettare il fatto che gli amici e i membri della famiglia si possano scegliere, e non vadano imposti.
Gli unici che non si possono scegliere, purtroppo, sono genitori e fratelli (e in questo caso si è notato quanto sia triste non poterlo fare!): ma tutto il resto dei rapporti umani è frutto di preferenze, valutazioni, vagli accurati e meditati.
Ci sentiamo ripetere ogni giorno che gli amici non si comprano e non si vendono: e secondo voi, invece, si regalano?!?  Come un tostapane o un paio di scarpe?
Regalare animali è una grandissima mancanza di rispetto:  per il cucciolo stesso e per chi lo riceve.
Perché i regali, non dimentichiamolo, hanno sempre un chiarissimo sottinteso: se non ti piacciono puoi buttarli via, riciclarli, infilarli in cantina.
E se con un cane tutto questo è inaccettabile… allora è inaccettabile anche regalarlo.
Senza se e senza ma.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico