giovedì , 23 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Vita col cane >> Ho dimenticato un appuntamento…

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Ho dimenticato un appuntamento…

IMG_9728di VALERIA ROSSI – Che sono un po’ rincoglionita,  si sa. Sarà l’età, sarà che un po’ lo sono sempre stata…  sta di fatto che ogni tanto (no, diciamo pure “ogni spesso”) faccio casino con gli appuntamenti. O mi ritrovo con due cani alla stessa ora, o mi dimentico di segnarne uno e non mi presento proprio al campo.
Stavolta è successo il caso numero due: per fortuna a Debù non mancano gli educatori, quindi l’amstaff con cui avevo appuntamento ha potuto fare lo stesso la sua lezione (con Chiara e Veronica). Io sono arrivata con una bella mezz’ora di ritardo, quindi mi sono limitata a fare qualche foto.
Era la terza lezione al campo di questa cagna, ed è stata dedicata al richiamo: si è ripassato il primo step, nel quale il conduttore “fugge via” dopo aver mostrato al cane i bocconcini, mentre il cane viene trattenuto dall’istruttore e poi liberato appena il conduttore lo chiama.

IMG_9729
La cagnina è scattata prontamente verso la sua umana, che al suo arrivo l’ha premiata e motivata.

IMG_9730
IMG_9731
Si è passati poi al secondo step, il richiamo con distrazione… e “che” distrazione!
L’istruttore, infatti, le dà da mangiare prelibati pezzettini di wurstel, mentre il conduttore si allontana e  poi chiama.
Anche in questo caso, la  risposta dell’allieva è stata ottima: ha prontamente abbandonato il cibo per correre dalla sua umana.

IMG_9737

IMG_9743
Vabbe’, dirà qualcuno: e con ciò? Di come si fa il richiamo al Debù (in sette step totali) avevate già parlato.
D’accordo, hai fatto qualche nuova foto, ma…diciamolo, non è che siano ‘sti gran capolavori.
Quindi, stringi stringi… a che serve,  questo articolo?

IMG_9732Mi avete beccato: senza nulla togliere al lavoro delle nostre educatrici, in realtà le foto le ho messe solo per mostrarvi la cagna in vari momenti e in varie posizioni.
Anzi, toh… ne aggiungo ancora una, quella dell’incontro con un alllievo che stava lavorando nell’altro campo.
Perché? Sempre per mostrare l’amstaffina in tutta la sua bellezza (nonostante la pettorina fucsia, sulla quale non profferisco verbo…) e nell’ottima forma fisica che ha già raggiunto, anche se c’è ancora un po’  da lavorare per vederla proprio al top.
E perché mi interessa tanto far vedere un’amstaff felice e in forma, che lavora con gioia con la sua conduttrice?
Per un motivo molto semplice: perché questa amstaffina si chiama Enà, e forse qualcuno di voi ricorderà di averla già vista in questo articolo.

en_primaO forse no: forse non l’avete riconosciuta subito, perché Enà, allora, era un po’ diversa. Era lo scheletrino pieno di piaghe e con la coda fra le gambe che vedete nella foto a destra.
Ci sono volute solo poche settimane per questa trasformazione; poche settimane per farla innamorare della sua nuova umana (che stavolta è umana per davvero), per insegnarle a lavorare e cooperare con gioia, per ridarle tutta la sua dignità e farne un cane felice, oltre che indubbiamente bello.
Perché, vedete… non ci si deve spaventare di fronte alle immagini di cani che se la sono vista brutta e che sono stati tenuti in modo abominevole (Enà proviene da un allevamento abusivo francese: era stata sequestrata e , se non fosse stata adottata per merito della Lida di Pinerolo, sarebbe stata soppressa): i cani hanno una capacità di recupero – fisico e psichico – che ha davvero dell’incredibile, quindi si possono adottare senza farsi troppe remore anche quelli che sono più ossa che carne, quelli che sono stati picchiati e maltrattati, insomma tutti.
Certo, bisogna informarsi bene. Bisogna capire che, come dico sempre, l’ammmore non basta, ma c’è da lavorare. Però è un lavoro che dà frutti velocissimi, oltre che ricchissimi di soddisfazioni.
Ecco, stamattina avevo voglia di ricordarvi semplicemente questo: e di mostrarvi che non sono soltanto parole.
Tutto qua.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico