mercoledì , 22 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Umorismo >> El can de Trieste … di media taglia

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


El can de Trieste … di media taglia

triestedi MARCO CARUCCI – Che i cani triestini avessero delle peculiarità straordinarie era già stato segnalato da Lelio Luttazzi in una sua canzoncina di quasi cinquant’anni or sono, intitolata, per l’appunto, ‘El can de Trieste’: si narrava di un cane costantemente triste con grande disappunto del suo padrone il quale non sapeva darsi ragione di tanta mestizia che, tuttavia, si trasformò in grande allegria una volta che lo stesso cane conobbe il vino; addirittura, il padrone si diede all’uso smodato dell’alcool pur di vedere sempre contento il proprio cane giacché, come ritmava il ritornello, “solo davanti a un fiasco de vin, quel fiol d’un can fa le feste, perché xe un can de Trieste e ghe piase el vin”.
Da questo assunto sono evidentemente partiti i Giudici del TAR del Friuli Venezia Giulia per pronunziare la sentenza (N. 00205/2014 Reg. Prov. Coll. N. 0022/2013 Reg. Ric.) con cui, accogliendo un ricorso dell’azienda dei trasporti triestina, vietano il trasporto sugli autobus della città giuliana dei “cani di media taglia”.
Se Luttazzi, triestino doc con appartamento affacciato su Piazza Unità d’Italia, quindi profondo conoscitore della propria città, non specificava la taglia dei cani triestini amanti del vino, con ciò dovendosi ritenere che a tutti i quattro zampe alabardati piaccia il vino, è evidente che i Giudici Amministrativi, dato per scontato che tutti i cani triestini possano essere alticci, pongono il discrimine nell’essere, i cani, “di media taglia”.
Vi è da dire che già nel proprio ricorso innanzi il TAR (ho estratto copia integrale della sentenza), Trieste Trasporti ci ha messo del suo, argomentando lucidamente nel seguente modo: “l’ammettere i cani di media taglia sui mezzi adibiti al trasporto pubblico locale comporta … turni di pulizia diversi, formazione del personale (chiamato quanto meno a distinguere cani di media taglia da cani non di media taglia e cani pericolosi da cani non pericolosi) con conseguente aumento dei costi di produzione del servizio”.
Effettivamente, pensare di lasciare un guidatore di autobus a dirimere da solo, senza adeguata formazione, l’amletico dubbio “cane di media taglia o non cane di media taglia” avrebbe potuto attirare da più parti critiche aspre, non potendosi escludere di vedere accusato l’Ente di comportamento antisindacale. Detto inoltre che non si capisce l’inciso sull’eventuale necessità di un distinguo tra cani pericolosi e non, visto che anche il Mahatma Gandhi dei cani viene comunque proscritto se “di media taglia”, è invece indiscutibile che ammettere i cani di media taglia sull’autobus comporti turni di pulizia diversi, dato che il piede del cane, di media taglia anch’esso, deposita sul pavimento dell’autobus un quantitativo di polvere maggiore rispetto a
quello di piccola taglia. Insomma, è palese a chiunque che far salire i cocker sugli autobus fa lievitare i costi di produzione del servizio e, di questi tempi, mai che si debba scialare il denaro pubblico.
La verità probabilmente è che l’essere “cani di media taglia” a Trieste, è diverso che esserlo altrove: chissà perché non si è tenuto conto (parole dei Giudici, sembra una delle mie solite sciocchezzuole, è una sentenza di un Tribunale Amministrativo) del fatto che, su di un autobus, tali spaventevoli esseri quadrizampati e codati “si troverebbero a contatto con gli altri passeggeri”, potendosi ben dare il caso che il cane “in considerazione della propria stazza o di movimenti repentini, possa sfuggire al controllo di chi ne ha la custodia e comunque far cadere o altrimenti ferire o ancora spaventare gli altri trasportati”: allora, quanto alla stazza, è quella di un cane di media taglia (a meno che il cane non sia grasso di suo ma questo è un altro problema), per il resto non sembra che, all’interno di un autobus, si possa praticare sled-dog, neppure a Trieste e per quanto possa piacere il vino.
Ineffabile il paragrafo finale della sentenza “… obbligo del trasportare che svolge un pubblico servizio è quello di farne fruire a tutti i potenziali utenti e non solo a quelli che posseggono cani di media taglia o che desiderano condividere il viaggio con siffatti animali”.
Davvero, a Trieste si aggirano siffatti animali? E scrivono sentenze siffatti Giudici?

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico