maremmacucc1di SERENA – Vi avviso subito che questo è uno dei miei lunghissimi e noiosi post sui cani e su quanto io odi frequentare posti affollati dai miei simili. A causa del comportamento di alcuni di loro in me sta maturando l’idea malsana di munirmi di spary al peperoncino per le future passeggiate con Uccio e Samara, ovvero i miei due cani.
Non sono molte le cose che mi mandano in bestia, ma la seguente è una delle principali: mi manda in bestia tanto quanto vedere gente che condivide le notizie senza verificarne la fonte, la piscina che non si riempie bene a causa del dislivello del terreno e i pantaloni che scivolano giù mentre cammino.
Era da molto tempo che non mi capitava di frequentare luoghi pubblici con un cucciolo e non mi era mai capitato di farlo con un cucciolo di razza, tantomeno con uno che sembra un tenero orsetto polare appena uscito da una pubblicità della Coca Cola.
Ma l’orsetto polare in realtà è un cane da pastore maremmano abruzzese, tipicamente testardo e diffidente, che per sviluppare al meglio un carattere equilibrato necessita socializzazione: perciò usciamo dalla caverna e buttiamoci nella mischia!
Ora, ho letto spesso che i possessori di cani si lamentano delle persone che quando li incontrano cambiano strada: e qual è il problema? Nessuno è obbligato ad interagire con un cane se non vuole ed io lo rispetto. Purché non scappi sbraitando, invitando così il cane a inseguirlo, io lo rispetto.
A me purtroppo succede l’opposto, cioè le persone spesso attraversano la strada per avventarsi sul tenero “orso polare” o sulla “candida nuvola” o sul “peluche della Trudy”.
Chi non viene investito da un’auto mentre lo fa, di solito si divide in tre categorie:

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

1: quelli che sanno comportarsi o comunque che ti chiedono se possono avvicinare il cane, hanno modi pacati e porgono il palmo all’insù: se vedono che lei rifiuta e li evita, lasciano perdere.

2: quelli che ti chiedono se possono accarezzarlo o se i figli possono accarezzarlo, ma quando gli dici di sì, a patto che gli facciano prima annusare la mano, fanno comunque di testa loro o lasciano che i bambini rincorrano il cane intorno alle mie gambe, invadendo lo spazio personale di entrambe.

3: questi fortunatamente spesso non sopravvivono nell’attraversare la strada, perché probabilmente pensano che il mondo e la materia si pieghino alle loro esigenze. I pochi che ce la fanno (che son comunque troppi) sono quelli che si avventano sui cani come aquile, all’improvviso e da qualsiasi direzione! Spesso lasciano che i loro figli facciano lo stesso, spesso lo fanno e vanno oltre proseguendo con tirate di pelo e coda, aspettando che si prendano un pizzicotto (ringrazio quella santa della mia cagna per saper già dosare la forza) per dire “te la sei cercata”: ebbene si, mi è successo anche questo!

maremmacucc3Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti coloro a cui i cani piacciono almeno un po’, che il modo migliore per beccarsi un morso è quello di avventarsi su un cane sconosciuto ponendogli una mano sopra la testa: non lo dico neanche il perché, tanto anche se lo facessi so che nessuna di quelle persone si prenderebbe mai la briga di leggere qualcosa che non sia composto al 90% di figure o fotografie.
Ma se per caso dovesse essercene anche solo una, tra quelle che leggeranno questo post, voglio che sappia questo:  io, in quanto proprietario, sto facendo del mio meglio per crescere un cane  equilibrato; quando lo porto in centro ho sempre i sacchetti per le feci attaccati al guinzaglio; non lo libero nei luoghi pubblici e rispetto le leggi, quindi se un giorno mi sarà chiesto di fargli indossare la museruola farò anche quello; ogni mio cane è sano, vaccinato, ben educato; quella destinata a pesare 45 kg frequenta un corso presso un centro cinofilo dall’età di 3 mesi e non mi sognerei mai di farvela venire addosso all’improvviso. Inoltre non sono un orso e mi fa piacere far due parole con chiunque incontri che sia interessato al mio cane…
ma per favore vi chiedo gentilmente di riservare lo stesso trattamento di rispetto a me e al mio cane.
Prima di invadere il nostro spazio personale chiedete gentilmente e gentilmente vi sarà risposto. Anche il cane ha delle esigenze e un modo di comunicare diverso rispetto al vostro: se non lo conoscete, non prendete iniziative. Anche lui merita rispetto… e come gli estranei educati non si avventano sui vostri figli pizzicandogli le guance, voi non spaventate il mio cane solo perché credete che non si difenderà.
Lasciate che sia lui a venire da voi e vedrete che sarà molto più gratificante farci amicizia: come dimostrazione di fede, prometto di lasciare a casa lo spray al peperoncino!

Serena

COMMENTO di Valeria Rossi  – Questo “sfogo pubblico” (era intitolato proprio così: “umanofobo” ce l’ho aggiunto io) mi è arrivato stamattina in email da questa lettrice che si è firmata solo col nome.
Normalmente, prima di pubblicare qualcosa, chiedo l’autorizzazione (che in questo caso era già contenuta nella stessa email) e chiedo anche il cognome dell’autore: stavolta invece mi sono fiondata a pubblicare senza ulteriori approfondimenti, perché dopotutto non è così fondamentale sapere come si chiama l’autrice. E’ invece fondamentalissimo trasmettere il suo messaggio, perché – come credo sappiate tutti – anch’io sto tirando su un cucciolo… e Serena ha ragione! Accidenti, se ha ragione! Caspita, se ha ragione!  Ma quanto ha ragione!  (… e continuate pure ad libitum).

Articolo precedenteE adesso, se un cane attacca un gatto, finisce sul giornale…
Articolo successivoDal diario di Teo

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

46 Commenti

  1. E se posso permettermi io aggiungerei NON solo per un cucciolo, ma anche per un adulto, magari adottato all’età di un anno e mezzo come il mio, e con qualche problema di socializzazione. Grazie Valeria per i tuoi consigli

  2. Ha ragionissimo direi!
    Senza contare le volte in cui se, anziché un batuffolo bianco, hai un cucciolo NERO magari con le FOCATURE per cui devi anche assistere alla diseducazione dei bambini con frasi tipo
    “Che carino e dolce.. Che razza è?…. UN DOBBBERMAN? Aiuto! Attento stai lontano che questi mordono!”
    Poco importa se ha 3 mesi e si sta contorcendosi dalla gioia x fare e farsi fare le coccole (in questo dimostra certamente + apertura e disponibilità rispetto al comunissimo cinofobo italico di mezza eta!)

    In Italia il tasso di diseducazione cinofila è ai massimi come il tasso di “luogo-comune-ria” per cui spesso le persone vengono letteralmente educate da dicerie senza fondamento (

  3. Come hai ragione! Subisco gli stessi agguati col mio pastore svizzero. E non capisco perché la gente non possa tenere le mani al loro posto. Ci sono quelli che devono toccare il cane, anche se dico di no, e poi si spaventano perché il cane gli abbaia. Mi domando:” perché devi rompere le palle a un bestione di 40 kg che non conosci e che non ti conosce?”
    Se uno sconosciuto mi mettesse le mani addosso , si prenderebbe minimo un ceffone; perché il mio cane dovrebbe accettare un’aggressione senza reagire?
    Il fatto che sia tutto bianco e vaporoso non significa che sia un peluche. E chi non lo capisce si prende delle abbaiate che fanno diventare bianco pure lui. Bisogna ammettere che il messaggio e’ molto chiaro.
    Nota bene che il mio cane e’ socievole e dolcissimo, ma non tollera gli estranei che non sanno stare al loro posto, in sostana, i maleducati.
    Cristina

    • Come ti capisco…Pastore Svizzero di 3 mesi a rapporto…la gente gli si fionda addosso di continuo e quando lui arretra perchè lo spaventano insiste…spero che quando sarà più grande si daranno una regolata perchè ci manca pure che mi tocca ripagare qualche tonto che si è voluto far mordere a tutti i costi!

    • Anche il mio pastore svizzero, una femmina di quattro mesi, subisce la stessa sorte. Lei è davvero socievole, io un po’ meno … 😉

  4. E poi c’è un’altra cosa, essendo il periodo fondamentale per la “costruzione” del carattere, è importantissimo che la socializzazione con umani e cani sia positiva per il cucciolo, specialmente se è di quelli che svilupperanno un forte senso di difesa e di attenzione verso gli estranei… insomma a quell’età i contatti con gli esseri terzi vanno bene se sono piacevoli e spontanei, NON imposti! Altrimenti si ottiene l’effetto contrario.

    • Esatto!!! La settimana scorsa è arrivata a pinzare il bambino che le tirava il pelo (nonostante le mie richieste di smetterla) mi dite cosa dovrei fare a quel punto? Posso tirare i capelli al bambino? Comunque ieri sera al bar una bambina ha chiesto di accarezzarla è stata educatissima e ha fatto come le ho detto ma per Samara non c’è stata storia,si è rifiutata e si è scostata in tutti i modi,chi devo ringraziare per questo?

      • ebbene sì, @serena. Io credo proprio che tu debba TIRARE I CAPELLI al bambino. Voglio un po’ vedere se qualcuno potrebbe accusarti, per questo.

  5. Andando in giro con un cane che non diventerà mai 40 kg – chihuahua di due kg e mezzo – ho praticamente visto di tutto: bambini che lo strizzano, vecchine che lo alzano per la pettorina e lo baciano, ragazzine ululanti che ci corrono incontro… Fortuna che il mio è paziente. Una volta abbiamo incrociato un cagnone la cui proprietaria ha afferrato il mio e lo ha posato sul dorso del suo bestione “per fargli una foto”…il tutto a tradimento in circa tre secondi…
    – spero di aver azzeccato il sistema per commentare, stavolta ^^ –

      • Io uso il tasto “Rispondi” (in basso a destra del commento stesso) o “Aggiungi un commento” (in fondo)…sono su un pc fisso ed uso Linux. Non ho Facebook. A me lo fa fare. Boh. Il resto per me è, citando Jovanotti, “un film straniero senza sottotitoli”…

  6. Ehhh, si, stesso problema, non solo quando era un cucciolo che sembrava un peluches di panda, ma anche oggi, soprattutto quando arrivano due-tre bambini, correndo e gridando con in mano quelle mazze grosse e nere, avete presente quelle di carnevale? Ecco, solo che sembravano delle vere e proprie clave!!!! Poi i genitori si offendono pure perchè riprendi i loro figli, se poi vengono morsicati che facciamo? Come quelle persone che hanno il viziaccio zozzo di toccare il faccino o le manine ai bambini nel passeggino, santa paperina come mi fanno imbestialire!!!! Non sono un’antisociale, o meglio, lo sono con quelle persone, quindi capisco perfettamente il vostro sfogo….mi verrebbe voglia di mettere un grosso fiocco nero al guinzaglio e a una loro domanda a riguardo, dire che ha la scabbia!!! :-/

  7. Buon giorno! Sono Serena Flaiban e vi ringrazio per aver pubblicato il mio testo(è un onore per me vederlo qui)
    mi scuso per non essermi firmata,ma non ci ho proprio pensato.
    Non immaginate che sollievo nel vedere che non sono l’unica a trovarmi in questa situazione,la maleducazione in generale
    è una cosa che mi ha sempre mandata in bestia,forse un po’ più del dovuto,quando si parla di invadere spazi personali
    ancora di più. Durante il primo periodo a spasso con Samara non ho mai reagito, nonostante possa apparire il contrario io sono una persona
    piuttosto riservata, però questo mi porta a sentirmi in colpa verso la cucciola, lei è timida e diffidente,non è paurosa
    però spesso preferisce evitare il contatto, con alcune persone invece è lei a farsi avanti.
    Il mio dovere per ora è farle capire che con me è al sicuro, quindi ho iniziato a chiedere alla gente di non avvicinarsi ulteriormente
    quando noto il suo disagio,se non lo faccio temo che crescendo inizierà a pensare di dover essere lei a tenerli alla larga
    e credo che tornare a casa con un paio di dita come souvenir non sia proprio il caso!

  8. Come ti capisco…a noi capitava sempre quando il nostro shiba inu era piccolo: abbiamo assistito a scene quasi folli di gente in brodo di giuggiole che lanciava urletti estasiati. E succede pure ora che ha quasi due anni! Lui, essendo uno shiba, è diffidente di natura e tende a guardarli tutti con fare perplesso e un po’ snob. “Ma poverino, ha paura?” “No signora, è diffidente, non ama gli estranei.” “Ma poverinooooo!” Non ho mai il coraggio di dire la verità: “no signora, è che lui schifa quasi tutti, soprattutto le sciuremarie invadenti”. Per fortuna lo abbiamo abituato alle persone e si limita ad indietreggiare e alzare la testa.

  9. I cani bianchi credo che sia una maledizione, il mio golden e’ un cream molto chiaro, ed ogni volta si prende grandi manate in testa, tirate alle orecchie, spatucciamenti vari e finisce quasi sempre in lite, perche’ se e’ vero che il mio cane e’ paziente, io non lo sono.

  10. Vi racconto l’ultimo episodio che mi è capitato 2 settimane fa .Negozio di animali stavo cercando di provare la pettorina alla mia Miranda, boxer bianco di 5 anni, peso 28 kg , quindi chiedo alla cassiera se potevo misurarla , lei gentilissima è venuta subito per aiutarmi ad aprire la confezione e provarla, 2 secondi 2 ,mentre cercavo di mettergliela , la ragazza a iniziato ad accarezzarla e poi gli è venuta la brillante idea di abbracciarla intorno al collo e stringerla , conclusione si e quasi beccata un morso,ho bloccato Miranda per un soffio.Questo è soltanto l’ultimo episodio, ma succede continuamente di incontrare persone ,forse perché sembra sempre una cucciolona, che gli si ‘fiondano’ letteralmente a dosso , aggredendola ”co’ ste mani sulla testa” , davanti al muso come se volessero ”acchiapargli la lingua..” ,non sapendo che lei odia mani sconosciute in testa o che gli svolazzano davanti al muso.. .Purtroppo c’è poca cultura cinofila, manca proprio l’abc….

  11. Fra gli approcci più inappropriati che mi sono capitati: una signora mi chiede di accarezzare il cane, neanche tempo di dirle di si, schiaffa la sua faccia a velocità della luce in muso al cane dicendo “me lo dai un bacino??!” (ho mix pastore tedesco di 40 kg….). Fortuna che è un santo e si è limitato ad indietreggiare, sennò la faccia non se la ritrovava più!!

  12. Temo che nessuno ci salverà da chi tocca i cani, perché li ama intendiamoci 🙁
    Io non sono nemmeno riuscita a suo tempo a evitare che le “nonnine” di passaggio togliessero il ciuccio a mia figlia senza chiedermelo!!!!

  13. I miei Cani corsi sono addestrati fin da picoli a non farsi maneggiare da estranei,li ho addstrati a reagire senza mordere ma a ringhiare in modo sordo e convincente ad eventuali coccolatori che vogliono toccarli ,l’ho fatto perche non mi piace che persone che non sono della famiglia o della cerchia degli amici di famiglia tocchino i miei cani è un fatto di pelle,ed avendo cani ca guardia la cosa avvviene pitosto facilmente ,devo dire che i più quando si avvicinano per toccare i miei cani e sentono la ringhiataccia se la colgono rapidamente,quello che poi loro pensano dei miei cani e del sottoscritto non me ne frega una mazza ,solo una settimana fà ho risposto ad un signore che insisteva a toccare i miei cani dicendomi che non c’era nessun male, ma quando io gli ho chiesto se in controprova potevo palpeggiare e toccare sua moglie tanto non c’era nessun male se ne è andato impermalosito….. che strano modo di ragionare lui poteva con i miei cani, io con la sua donna no, ma queste persone una montagna di c…. loro sono capaci di farsela? e non rompere le balle agli altri? ciao a tutti dal Rapace notturno

      • Conoscendo il mio spirito a volte un pò guascone ed avendo visto l’insistenza quasi cretina del soggetto che voleva palpeggiare la mia Noor (che fra l’altro se la cava bene da sola a togliersi di torno gli estranei rompicoglioni) a reagito dandomi un buffettone ne in una spalla ridendo , sai anche a lei non piace che i nostri cani vengano toccati da tutti coglionazzi di passaggio , ciao a sentiirci Aquila della notte

  14. Io ho una cucciola di papillon di 4 mesi e mezzo, una razza poco conosciuta, e ogni volta che vado in giro con lei sembra che che passi una star, passo il tempo a dire a tutti di non metterle le mani sulla testa, ma siccome a spiegare che era un segno di dominanza non mi ascoltavano e facevano di testa loro, ho ovviato con una bugia: dico loro che …poverina… ha paura, e che se se allungano la mano palmo in sù con calma, li accetta, e funziona!, forse perché ha questo aspetto “puccioso” lo fanno credendola fragile ed indifesa.
    Grazie a questo espediente sono riuscita a socializzarla bene

  15. hai ragione da vendere!!!
    a me, purtroppo, succede ancora: 3 golden uno di 7 anni, una di 6 e la “piccola” di 2 … ma sono golden, sono calmi… sto pensando di venderli e prendermi 3 cani neri, probabilmente, il nero fa più paura, pertanto avrei meno avvicinamenti.
    Proprio domenica mattina ci siamo concessi una colazione al bar …. seduti al tavolo, i 3 biondi erano sdraiati ai nostri piedi ma ogni volta che cercavo di addentare la pastina, arrivava qualcuno pertanto partivano le mie raccomandazioni “non saltar su, fai piano, torna qui, non tirare….”
    Naturalmente, nessun approccio corretto, nessuno! ne da bambini, ne da adulti e nemmeno da anziani…
    Pensavo di essere un orso ma dopo questo sfogo ho capito di non essere sola :o)

    • il mio da bravo golden e’ paziente, ma e’ stato addestrato da un terrier ed ogni tanto lo tira fuori quel lato del carattere, non vorrei che esasperato un giorno partisse.

  16. La mia Mina (JRT) odia i bambini perché quasi sempre i genitori non spiegano loro che non bisogna approcciarsi ad un cane strillando e cercando di prenderlo.

  17. ahahah… beh a parte quando era cucciolissimo il mio westie non viene “assalito” così spesso, dicono che cariiinoo, o chiedono, prima di accarezzarlo, se morde… ahah sarà la nomea del terrier che gli evita i pastrugnamenti? 😉

    ps: che poi con gli umani è abbastanza bravo, tranne pochi che non sopporta credo a pelle/odore (li punta e sembra tirare verso di loro…) e tranne i momenti di nervosismo, c’ho il cane lunatico…

  18. Non parlatemene! Iris non è bianca ma tricolore ma è anche un cucciolo di corgi, quindi attira le coccole come la me… attira le mosche! Senti gli urletti già un km prima, poi partono. Una signora l’ha presa in braccio per sbaciucchiarla mentre io facevo il biglietto al parchimetro. Ne ho sentite di tutti i colori, da “ma è un cucciolo di bernese?”(???), “è un incrocio con un bassotto? e perché ha le orecchie dritte?”, “ma che orecchie grandi che hai!”(stile cappuccetto rosso), ecc.
    La cosa ridicola è che tanto a me dà fastidio, tanto a lei fa piacere, ho il cane più socievole del mondo, che vuole salutare tutti e pretenderebbe di tornare indietro se si è persa qualcuno, alla faccia del cane diffidente con gli estranei, come recita lo standard del cardigan!

  19. Medea,esuberante cucciolona di pura razza canile docg ma che purtroppo somiglia (tanto!) ad un labrador (nera col bavaglino bianco sul torace) è continuamente smanacciata da tutti.Alcuni (di solito bambini) prima di metterle le mani sul nero mantello chiedono se si può accarezzare,io gli rispondo di sì e gli dico di evitare però la testa perchè loro potrebbero morderli,ma di preferire il torace o il dorso.Loro lo fanno e Santa Medea in canese mi ringrazia per averle evitato il gesto di dominanza da parte di sconosciuti.
    Mi sono trovata però e più di una volta a dover rispondere,con chi la mano l’aveva già messa addosso a lei senza prima chiederlo a me: “signora,la cana non morde…IO sì!!” funziona!!

  20. Già dato… con i marammani è inevitabile. Da adulta sarà più divertente…. qunando vedrail le persone sbiancare dopo il ringhio agghiacciante, o il dente che si solleva. Però la mia uno l’ha morso… e sono sempre seccature. :/

  21. Io invece di problema ne ho un altro. Balrog e’ buono e non ci sono rischi che morda. Pero’ data la sua stazza (oltre 70 chili) puo far male anche solo giocando, e a schiacciare un bambino ci vuole poco.
    Poi noi al campo utlizzavamo una carezza in testa per indicare che il lavoro era finito e quindi Balrog interpreta la carezza in testa come “gioco libero”. Per fortuna quando lo dico tutti la mano la tirano indietro.
    Ma solo un vero cafone infame farebbe “per paura” quello che si rifiuta di fare “per educazione”

  22. D’accordissimo su tutto.

    Io ho il cane tipo collie. = “Guarda, Lassie!”.

    Dagli anziani ai bambini, passando per quelli che fanno jogging e quelli che stanno seduti in panchina.
    Su 30 che incontro, ce ne saranno 5, che mi chiedono PRIMA se possono accarezzarlo.
    Gli altri lo fanno. Punto.
    Non sanno se morde, se ama farsi toccare…Niente. Ma lo toccano comunque.
    Perchè Lassie.

    Ho avuto a che fare anche con gente che mentre passava, diceva “Guarda, nomedelbambinochenonricordo! C’è Lassie! Accarezzalo!”.
    Cioè..
    Prego. Fai con comodo. Non chiedermelo neppure, eh..E giù smanaccite sulla testa..
    E si parla di adulti.
    Perchè di quei 5 che mi chiedono il permesso prima, di solito 3 sono bambini.

    Per fortuna il mio cane è santo e se non si ritrae dignitosamente alle smanacciate, agli estranei abbaia solo e -per ora- non ha mai morso…

  23. Lasciamo perdere; ho un cucciolo di Husky di tre mesi e non riesco a fare tre metri per strada senza che venga molestato. Abbiamo toccato il fondo tre settimane fa, il cane era con noi da pochissimo, mio marito stava attraversando il ponte che porta al parco, quando e` stato aggredito di una ciurma di bambini. Rumo si e` talmente terrorizzato che pur di sfuggire alle smanacciate si e` buttato di sotto! E mio marito? Dietro anche lui! E` al suo primo cane quindi non sapeva che i cuccioli sanno nuotare. Tutti e due a sguazzare allegri nel laghetto. Ha dovuto buttare via i jeans e il telefonino.
    Se vi state chiedendo quale sia stata la reazione dei ragazzetti e dei loro accompagnatori, bhe, sembra si siano sbellicati dalle risate.
    Notare che vivo in Australia, quindi, se pensavate di migrare per sfuggire ai coccolatori coatti, vi dico subito che sono OVUNQUE!

  24. E invece per me che ho una rottweiler la maleducazione e il fastidio sono all’opposto.. Non è che mi freghi granché della vecchietta che cambia strada impaurita, ma mi da enormemente fastidio la gente che fingendo di mormorare dice a voce alta che questi cani sono pericolosi, questi non dovrebbero uscire di casa, che chi porta a spasso questi cani è irresponsabile… OK…non ti piace, ma perché non ho il diritto di camminare per strada con lei al guinzaglio e evitare di sentirmi giudicata di continuo?…. Vivo in un paesino di campagna e onestamente ora che lei è cresciuta e socializzata limito le uscite al minimo perché ogni volta devo sentirmi così, non reagiscono mai perché non sono tipa da scenate in piazza, ma poi il mio bestione assassino si innervosisce di riflesso e la passeggiata diventa un incubo….ormai solo montagne e spiagge solitarie, per noi poveri possessori di cani cattivissimo killer…..

    • X Serena, stessa situazione prima con rott e ora con hamstaf cucciolo la gente mi evita come la peste
      solo chi conosce la razza si avvicina per accarezzarlo e chiede sempre il permesso
      Certo nel mio caso il fatto che porto un pizzetto particolare con tanto di treccine, giacche di pelle o giubbotti tattici scoraggerebbe chiunque ad avvicinarsi anche se al guinzaglio portassi il più tenero dei cuccioli ….. ma a me piace cosi

  25. Eh, eh. L’argomento mi fa venire in mente un episodio lontano nel tempo, ma capace di scatenare una guerra nucleare con gli “sproloquiatori” di cani pericolosi.. Andavamo tutti i giorni al parco per far socializzare e scatenare ben bene la nostra Clio, dobermann giovanissima, agitata, sempre affamata e tontolona. A volte si incontrava una famigliola: padre, madre, bambina piccola nel passeggino e un enorme, impressionante e bellissimo incrocione di non so che cosa ma dal risultato bellissimo. Ovvio la bimba non aveva il minimo problema coi cani, fossero anche neri e killer di fama… La nostra Clio aveva subito afferrato la situazione. La bambina era sempre dispostissima a dividere con lei il biscotto che aveva di riserva nel passeggino, ergo appena la avvistava lei staccava una corsa al galoppo da levriero e fiondava il nasone a frugare nei vestitini, le taschine e le manine tra le risate infinite di tutta la famiglia e la tolleranza del cagnolone al seguito… Chissà ora quella bimba quanti successi mieterà con i cani e non solo che incrocerà nella sua vita!

  26. Scegliere di proposito e con cognizione di causa razze che per loro natura non gradiscono le confidenze di estranei non è peccato. Tali razze contengono nel loro bagaglio genetico caratteristiche che potrebbero essere definite per alcuni difetti e per altri pregi. Non intendo la mera aggressività imprevedibile, quanto un comportamento reattivo coerente e ben definito riscontrabile solo in situazioni ritenute dal cane (e conosciute dal proprietario) di allerta. Non avrei intenzione di snaturare un mio cane soprattutto se nel contesto in cui vivesse abitualmente il suo atteggiamento fosse di serenità, appagamento, sottomissione nei miei confronti e pacifica convivenza con altre eventuali persone e/o animali di casa.
    Certamente il cane gioioso e compagnone con tutti e tutto è notevolmente più pratico da gestire e facile da condurre in qualsiasi occasione; chi altresì ha fatto altre scelte dovrà responsabilmente adottare forme di interazione pubbliche al di fuori del proprio ambiente domestico più adeguate alla sensibilità del proprio quattro zampe e non lesinare di avvisare gli incauti curiosi delle reazioni che potrebbero innescare anche se ci sentiremo dire che il nostro cane è feroce.

    • Oggi vi viamo in una società dove ci si deve edeguare al modo pensante di moda(che non è detto che sia quello valido),oggi i media ci bombardano di imagini di cani festosi e amanti delle coccole ,e codeste coccole le devono Attezione! devono fare tutti e a tutti i cani,e quando capita di andare a casa di persone che hanno il cane il più delle volte vieni investito da un cane che(poco educato secondo me) ti si sparapazza addosso e ti lecca tutto anche se non ti ha mai visto! con i padroni che ti continuano a dire :ma guarda come è bravo il mio cane,mentre tu te lo mangeresti a questo deficiente di cane che ti ha minimo sporcato tutto,(io ho sempre insegnato ai miei cani a non arrampicarsi su alle persone) e chi non si adegua a questo modo di essere viene etichettato come un amante di cani pericolosi,secondo me questo è sintomo di decadenza dei costumi e forse peggio, una volta il cane aveva una funzione e fare la guardia e difendere la proprieta era una dellefunzioni maggiori,e chi aveva un cane che faceva la festa a tutti lo considerava un cane cretino(io lo considero ancora),ora il contesto è cambiato ci sono i cani da compagnia e anche quella è una funzione(de gustibus), ma a noi sostenitori del vero cane da guardia permetteteci di tenere cani che non si fanno toccare da estranei e che ai nostri occhi non siano degli stupidoni ma veri cani da lavoro senza essere etichettati come persone guerra fondai perche quando io ho uno dei miei cani al guinzaglio e nessuno lo vuole toccare a tutti i costi lui o lei (il mio cane dipende da chi hi dietro )se ne sta tranquillo vicino a me senza cercare niente e nessuno ciao a tutti dal Rapace notturno

      • In parte sono d’accordo con te, nemmeno a me piacciono molto i cani che “fanno le feste anche ai ladri”, ma se hai piacere di portare il cane sempre con te deve essere ben socializzato, nei limiti della sua indole, si intende, è chiaro che se uno pretende di portare un maremmano adulto a fare shopping non ha capito un ca… (e poi comunque le persone non dovrebbero permettersi di toccare il cane altrui senza chiedere), comunque l’atteggiamento di Iris fuori e dentro casa cambia: fuori approccia tutti con un invito al gioco (abbastanza ridicolo date le zampotte corte e il posteriore sculettante), ma in casa è sempre allerta se sente un rumore anomalo e fa sentire un bel vocione nonostante abbia neanche 5 mesi.

  27. Che poi vorrei dire… io quando esco con Balrog potrei anche avere fretta. Magari dovevo andare di corsa a comprare il pane e semplicemente lo ho portato con me; e quindi non ho il tempo di fermarmi a chiacchierare con tutti quelli che incontro. Oppure potrei avere una giornata storta ed essere uscito comunque con il cane.
    Perche il portare il cane a spasso deve significare che vogliamo per forza parlare con tutti? Uno sconosciuto non acquisisce automaticamente il diritto di fermari per strada solo pche ho un cane con me. Io potrei pure avere voglia di farlo, ma non e’ un suo diritto inalienabile…
    Insomma uno avra pure il diritto di passeggiare per cazzi suoi con il suo cane; e anche in mezzo alla citta Io non fermo tutte quelle con la minigonna o tutti quelli con il cappello “perche si” o perche il fatto di avere una minigonna o un cappello (o l’ ombrello, o una carrozzina, o un piccone…) li renda automaticamente “fermabili”. Allora perche il cane si?

    • Ha, ha, ha…..quelli col piccone forse è meglio evitarli proprio….ma hai detto bene, uno può anche avere fretta, a me è capitato di rimanere bloccata col cane fra due alberi, per far passare una sciura col cagnetto che continuava ad abbaiare, se un cane abbaia e ringhia verso il mio cane avvicinandosi, il mio da un paio di ringhiate di avviso e poi pinza, quindi per evitare, gli rimetto il guinzaglio e lo tengo alla larga…MA NO! La sciura mi blocca col suo cagnetto isterico:” Ma che meravigliaaaaa, Gigiiiii (il cagnetto), guarda come è bravooo, su fai come lui, e avvicinati senza abbaiare”. Perl’ammordidioooo signora, mi lasci passare prima che il mio cane mi scappi di mano, non sopporta i cagnetti isterici! Io comunque aggiungerei che certe persone indipendentemente da un minimo di cultura, informazione ecc su come ci si deve comportare con un cane, è proprio una mancanza di educazione di base, son persone maleducate e invadenti nella vita di tutti i giorni, con tutto e tutti, tutto parte da lì, non ci piove!

      • Sábato ero al supermercato con mio padre, la spesa gia sul rullo della casa e noi in attesa del nostro turno. Dietro di noi un tizio con un bambino di una decina di anni. Mi giro e vedo il bastardino giocare con la nostra spesa, reclamo con il padre e questo invece di scusarsi come avrebbe fatto qualsiasi uomo degno di essere definito tale che fa? Con superiorita dice ce se voglio va e mi cambia il pacchetto con cui giocava il figlio (se mio padre non fosse intervenuto avreste letto sul giornale che avevo spaccato la faccia del bastardo). Ma il figlio di un bastardo del genere, cosi cafone da non capire neanche che non si tocca la spesa degli altri sara’ in grado di lasciare in pace un cane? O con il padre che si ritrova credera’ di essere in diritto di toccare tutti quelli che vuole? Certi bastrdi dovrebbero imparare a vivere in mezzo agli altri, il problema non e’ “solo” il conoscere i cani

        • Un comportamento del genere a dieci anni..? Ehm, io ‘sto ragazzino lo farei vedere da uno bravo (…e anche il papà, dai, sconto famiglia)

  28. Conosco i miei cani e non solo per la razza a cui appartengono (quando vi appartengono) ma soprattutto perché ci vivo assieme. Difficilmente nella letteratura canina rivolta ad una razza specifica si apprenderanno quelle caratteristiche comportamentali più particolareggiate, meno eclatanti ma più corrispondenti alla quotidianità. Le varie “spigolature” del soggetto (più o meno accentuate tra i vari esemplari) si manifesteranno in tutta la loro panoramicità al raggiungimento dell’età adulta.

  29. io vado in giro con due cani, sono piccoli ma una pinzata non sarebbe comunque piacevole: non amano le coccole degli estranei, quella bianca sembra un orsetto di peluche, quando un bambino parte a smanacciarle sul muso avverto che non ama essere toccata e metto in bella vista la mia mano destra sul cui dito medio manca una falange: si bloccano all’istante 🙂

  30. io sono fortunato… Ares è tranquillone purchè si utilizzi un approccio corretto con lui; grazie al cielo essendo un mastino napoletano di 14 mesi ispira solo chi di cani ha perlomeno un’infarinatura… ma una volta ad un vicino di casa ha quasi fatto saltare una mano: questo idiota lo ha visto ed ha cominciato a dargli pacchetti in testa, fregandosene delle mie richieste di smetterla. al terzo colpo il cucciolone gli ha mollato un morso, bloccato a mezz’aria dal sottoscritto… purtroppo la gente ormai considera tutti i cani dei giocattoli, non capendo che hanno un modo diverso dal nostro per salutarsi ed approcciarsi…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here