sgagnamano_totdi VALERIA ROSSI –  16 giugno 2014 – ore 05,00
Caro Diario, a) non chiedermi come mai sono già in giro a quest’ora; b) ci crederesti? Sono undici giorni che Samba sta con noi.
No, voglio dire… ci crederesti che è così poco?
Perché a me sembra una vita. E me ne vedo un’altra – lunghissssssima – all’orizzonte, prima che si possa cominciare a parlare di “cane” e non di “cucciolo” (che è poi sinonimo di “coccodrillo”).
Sì, sì, lo so… l’hai voluta la bici? Eccetera eccetera. Però le bici non ti attaccano a tradimento mani, piedi, caviglie e altre parti anatomiche varie: e soprattutto, le bici non hanno denti da latte formato spillone voodoo.
Comunque, pedaliamo pure oltre.
Ti dico subito che non ci sono grandi novità, dall’ultima volta che ho scritto su queste pagine: la belva gioca, gioca, gioca (e morde, morde, morde), poi dorme per trenta secondi circa, poi gioca, gioca, gioca (e morde, morde, morde). E avanti così.
In realtà avrei voluto parlarti dei suoi primi passi come “cane da lavoro”… ma a parte il richiamo, il seduto e il terra (in due lingue, italiano e tedesco: non per fare i fighi, ma perché il figlio le dava gli ordini in italiano e io in tedesco. Quando ce ne siamo resi conto, ormai Samba li capiva entrambi) non abbiamo avuto modo di fare altro, perché ha fatto un tempaccio infame. E siccome ha piovuto una cifra, non solo siamo uscite pochissimo e non abbiamo lavorato (abbiamo fatto un quadrato di partenza per la pista al Debu…e poi più nulla), ma siamo anche regrediti in campo “bisognini”. Nel senso che mi ha piazzato in casa anche una cacca, cosa mai successa finora.
Vabbe’, tanto dovevo raccoglierne una perché domani vado dal vet a far analizzare le feci, quindi diciamo che me l’ha fatta in casa per rendermi la raccolta più comoda.
Ho rigorosamente invasettato la sua e quella della Bisturi, e la differenza si vede: in quella della Bisturi, raccolta fuori, c’è mezzo campo d’erba, mentre quella di Samba è così netta e linda che la definirei “pulitissima”, se non fosse una cacca.
E nel caso non avessi ancora vomitato, diario mio, ti dico anche questa: vado molto fiera del figlio, che aprendo il frigo e trovandoci i due vasetti non ha fatto commenti, ma si è limitato a informarmi seraficamente: “Guarda che le merde le ho spostate sul ripiano di sotto, così non cadono quando prendo il Gatorade”.
Essere nati e cresciuti in un allevamento di cani ha i suoi vantaggi, non ti pare?

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

kennel16 giugno 2014, ore 13
Siccome Samba non dovrà MAI pensare che dal tavolo possa cadere del cibo (diventerà una cagnONA, e se le saltasse in mente di metterci le zampe sopra, da grande sarebbero cavoli amari), ho pensato bene di utilizzare l’ora dei pasti per abituarla al kennel. Risultato: ottimo.
Ora ci sta volentieri anche quando andiamo a tennis (vedi foto), cosicché possiamo piazzarla al fresco e farci gli affaracci nostri senza il sottofondo di gnaugnau GNAUUUUU, gnaugnau GNAUUUU (esattamente così: due brevi e uno lungo, due brevi e uno lungo: Samba piange in Morse) che invece permane quando andiamo in macchina. Continua a non patirla per nulla, ma stare in kennel in macchina non le piace: invece sull’erba sì. E anche in casa. Solo che in casa preferisce infilarsi in quello della Bisturi, e non solo. Ci porta dentro pure i suoi giochi. Tutti, indipendentemente dalle dimensioni.
Al momento i giocattoli che preferisce sono, nell’ordine:
a) la pallina da tennis squittente: grazie mille a Veronica che ce l’ha regalata.
Sotto sotto io ti odio ferocemente, Veronica, quando per due ore di fila devo lavorare o mangiare o guardare la TV con il sottofondo di SQUK SQUIK SQUIK: però non te lo dirò mai, perché il tuo è stato un pensiero tanto carino e Samba ha gradito moltissimo. Io ti odio lo stesso, eh? Però Samba ha gradito;
b) l’anello di gomma blu che servirebbe per iniziare un po’ di tira-e-molla. Però lei fa così: tiro-tiro-tiro, mollo e ti azzanno la mano. Al che molliamo noi, e lei se la tira moltissimo perché ha vinto;

giochisamba
c) gli scatoloni. Di qualsiasi tipo, forma e colore. E siccome, come dicevo poc’anzi, i suoi giochi preferiti Samba adora portarli nel kennel della Bisturi, questo è il risultato:

biba_scatolone
La Bisturi, nonostante le parolacce che sicuramente pensa (e che a volte dice), resta sempre una santa.
Sopporta tutto, si lascia togliere gli ossetti da dentro la bocca, la fa giocare, si lascia masticare la coda, le lascia portare qualsiasi cosa nel suo kennel.
Certo, ogni tanto fa questa faccia qua…

biba_disperata

… col fumetto che però non va letto in normale italiano tradotto dal canese: va letto in torinese (d’altro canto, proprio a Torino ci siamo trasferite, eh!), con l’intonazione e l’espressione della moglie di Verdone in “Bianco rosso e verdone”.
Insomma, così:

davide_caniLa stessa espressione e le stesse parole, ogni tanto (facciamo ogni cinque minuti circa) le puoi immaginare legate alla sottoscritta e a volte anche al figlio.
Il quale, tra l’altro, si ostina a sedersi per terra quando vuol coccolare un cane o giocare con un cane: mission impossible, perché di cani se ne ritrova immancabilmente addosso due. La Bisturi, infatti, non è asssssssolutamente gelosa della cucciola: ma proprio pe’ niente, eh!
Uff… e adesso non venirmi a dire che la gelosia nei cani non esiste: sì, lo so che non è “gelosia” vera e propria, non in senso umano. Però di sicuro le somiglia, e comunque non trovo una definizione migliore: quindi non rompere, diario dei miei stivali, e passami il termine che non sarà pertinentissimo, ma che sicuramente rende l’idea.
Vabbe’, comunque adesso devo lasciarti, perché la cucciola ha bevuto.
E perché dovresti lasciarmi solo perché ha bevuto? chiederai tu.
Si vede che non hai mai visto come beve Samba.
La cosa più somigliante che mi viene in mente è Cagliostro, che era il mio tucano. Lo sai come bevono i tucani? Lanciano l’acqua in aria col becco e poi la prendono al volo.

bevePerò questo sarebbe ancora niente, perché dopo aver allagato il pavimento a linguate la fanciulla pensa bene di farsi una passeggiata nella ciotola anche con le zampe. E poi se ne va a spasso trionfalmente per tutta la stanza, inseguita da me e dal mocio Vileda: almeno finché non se ne accorge, perché subito dopo siamo io e il mocio Vileda che scappiamo inseguiti da Samba.
E pensare che un tempo avevo una casa quasi umana…

16 giugno 2014, ore 23,30
Caro diario, si va a nanna. Sì, così presto: un po’ perché di più non reggo, un po’ perché domattina alle cinque arriva la sveglia (leggi: zampate in faccia e slinguazzate varie: in realtà la piccola è tanto piccola che non dovrebbe arrivare alla mia faccia, ma ci arriva. Non so come, ma ci arriva).
Per fortuna la sera, quando andiamo a dormire, lei non fa più piopiopio e gnaognaognao per mezz’ora: ora si infila sotto il letto e quello che fa non lo so, perché io crollo dopo trenta secondi netti.
Però qualche giorno fa ho guardato sotto il letto (con un filo di panico, ti dirò…), visto che mi era scomparsa una ciabatta. L’ho trovata incastrata in piedi tra due scatoloni (sì, ho degli scatoloni con la roba invernale sotto il letto: nell’armadio tutto non ci stava e lo sgabuzzino è a tappo). In compenso… hai presente il nastro adesivo da pacchi, quello assolutamente inamovibile che utilizzano le ditte di traslochi per farti bestemmiare a sangue quando poi devi staccarlo dai mobili?
Ecco, dai mobili (bestemmiando) l’ho staccato: dagli scatoloni no, non ci ho neppure provato. Perché pensavo fosse assolutamente impossibile.
Invece era possibilissimo, perché Samba ne ha staccato almeno il 90% e l’ha seminato tuuuuutto sotto il letto: ma a parte la ciabatta e i miliardi di coriandoli di nastro adesivo, altri disastri non ne ho trovati. E’ anche vero che da allora non ho più avuto il coraggio di guardare sotto il letto, ma non si può pretendere troppo dalla vita. Una cosa è certa: rete e materasso, per il momento, sono ancora interi… e finché posso, io ne approfitto.
Buonanotte.

P.S. : si ringrazia il figlio per il sacrificio umano, visto che le mani della sequenza in apertura sono le sue. E qualcuno potrebbe pure pensare: “vabbe’, che sarà mai, farsi masticare per il tempo di fare due foto…”. Chi pensa questo non ha idea di cosa comporti fotografare una coccodrilla. Forse la foto qui sotto può dare una vaga idea.

cinghia

Articolo precedenteLa ragazza che voleva un cane
Articolo successivoIperattivo sarà lei!

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

16 Commenti

  1. ehehehe, che divertenti queste avventure 🙂
    Sarà che tra animali non esiste la gelosia in senso umano, però gli effetti si assomigliano moltissimo!! Quando pettiniamo il cane, arriva il gatto e vv; quando coccoliamo il gatto, arriva il cane e vv; quando si gioca con una, accorre l’altra…2+2 braccia non bastano 😉

  2. :-))))) Non riesco a smettere di ridere!!!!
    Il problema è che sono sola alla scrivania in ufficio e i miei colleghi mi guardano come fossi una pazza furiosa(che poi tutti i torti non so se li hanno:-)))))!!!!!)
    Cmq nooooooooo ti pregoooooo non odiarmi Valeria!!!!!!!!
    Stamattina prima di venire al lavoro sono ricapitata per caso(no,vabbè,diciamo che se non passo almeno 1 volta ogni 2 giorni non sto bene:-) ) nel negozietto… E……Papapapammmmmm!!!!Un nuovo giochino mi è capitato in mano:-))))))
    Hahahahahahahahahahahahahahhahahaha
    Ma mi odi come gli sguardi che tiravo io domenica a chi giocava a calcetto???
    Un bacio a te,alla Bisturi e a Samba<3

    • Gli sguardi che lanci tu ai bambini casinari sono inimitabili :-).
      Comunque non ti odio più: Samba ha fatto un buco nella pallina e adesso, invece di squittire, sospira.

      • Hahahahahahahhaha:-)))))))))))
        Meno male che non mi odi più:-))))
        Tanto l’altro giochino non è per niente rumoroso:-))))

  3. AHAHAHA! troppo bello leggere il tuo diario Valeria!! soprattutto perché è in gran parte grazie a te se l’anno scorso ho fatto entrare nella mia vita una cucciola di Tibetan Terrier e i micro-dentini me li ricorda molto bene una cicatrice sul dito mignolo… la piccola-barracuda vi si era praticamente agganciata giocando, che dolore!! E se quelli di un piccolo Tibetan fanno male…immagino quelli di Samba!!!
    Quante volte ho pensato “chi me l’ha fatto fare???”, soprattutto durante la sua fase adolescenziale… e nei tuoi articoli ho sempre trovato le risposte alle mille domande e ho capito che tutto era “normale”, che non stavo scompensando…ma soprattutto che sarebbe passata! Ora Kaya, che è anche il mio primo cane, ha un anno e tre mesi ed è semplicemente fantastica!!! Un gran bel caratterino, ma stupenda! Anzi, vorrei tornare indietro e rifare tutto perché crescono così in fretta!!! Grazie Valeria!!!!!!

  4. esssssisi……..la gelosia esiste anche nei pelosetti, spazzolo Duca …..arriva Pepe………..coccolo Pepe……….arriva Duca ………..così con solo 2 mani, cerco di “accontentarli” ……e sono felici e contenti 🙂

  5. Leggo questo blog da pochissimo, ma mi sembra di essere a casa mia.
    Ho avuto diversi cani, non sono una grande educatrice ma direi che li ho sempre fatti crescere discretamente educati (sicuramente piú di certi bambini) e sani.
    Ora ho una piccola Jack Russell e da qui l’esigenza di leggere il più possibile su come impartire la giusta educazione. Sono arrivata qui e ne sono felice, é pieno di bella gente.

  6. Con la mia piccola Fly di quasi otto mesi, purtroppo, la fase cucciola può dirsi ufficialmente chiusa; pipì e popò tutte fuori (quasi), scarpe integre sotto ai letti (tranne quelle nere eleganti che ho comprato per la festa di mio figlio: quelle alle due belve stavano evidentemente sulle scatole) e sveglia con leccate solo dopo le sei e un quarto.
    col senno di poi però certe pagliacciate mancano…
    manca il pio pio dietro la porta del bagno, mancano gli assalti a sorpresa alle caviglie e le facce da schiaffi che solo un cucciolo sa fare… avete presente… testa di lato, occhioni, un orecchio su e uno giù… e intorno il disastro.

  7. Anche Iris ha ancora gli spilloni da latte! Si impigliano nei vestiti, lei tira e… fa delle splendide asole
    dove non servirebbero. Ormai vado a spasso con lei come una stracciona. Anche i giocattoli sono tutti
    bucherellati e il maiale di gomma che grugniva ora sembra che abbia l’enfisema. Purtroppo la
    pallina che squittisce non l’ha ancora bucata e mi sta facendo impazzire, per fortuna che ogni tanto
    la lancia dal terrazzo e mi dà un po’ di tregua.
    Adoro la Bisturi, quando fa quegli occhioni pare il gatto con gli stivali!

  8. Eh ma l’espressione più bella ancora la Bisturi non l’ha fatta. Mi raccomando che qui si aspettano le foro della sua faccia quando la vedrà lievitare a dismisura!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.