labradorotto6di LUIGI MODICA – Mi chiamo Luigi ed ho sempre avuto il desiderio di avere un cane con me: per molto tempo ho condiviso la passione con mia sorella, che ne ha avuto uno per tanti anni… ma poi, per scelte di vita e lavori che mi portavano sempre in giro, non ho avuto mai la possibilità di farlo.
Ad un certo punto la mia vita ha avuto un grosso cambiamento, ho cambiato lavoro e città e finalmente non giro più come prima… ma uno pensa sempre che non è pronto a condividere la vita con un amico a quattro zampe ed ogni scusa è buona per rimandare.
Fatto sta che questo Natale nella mia coppia abbiamo avuto un evento drammatico per quanto riguarda la salute del mio compagno. Conviviamo da 10 anni, un rapporto ben saldo, nato quando ormai eravamo belli grandicelli… quindi scelte fatte veramente con la testa e col cuore: io abitavo a Firenze e sono venuto ad abitare a Roma per stare insieme.
Io 48 anni e il mio compagno 49: tutti e due amanti degli animali, ma Luciano frenava sempre i miei entusiasmi di prendere un cane con noi… casa piccola… poco tempo… il lavoro etc….
Luciano dall’adolescenza ha scoperto di essere epilettico, malattia curata bene, sono ormai anni che non ha crisi (certo, sempre sotto farmaci salvavita) e nonostante sapessi che certi cani fanno bene proprio alle persone con questi problemi non l’ho mai avuta vinta… fino a questo Natale, quando compare all’improvviso un evento ischemico che ci ha dato seri problemi ed allarmi.
Per fortuna preso in tempo, ma ha lasciato delle piccole conseguenze alla gamba sinistra: quindi fisioterapia, movimento etc… e qui sono tornato all’attacco, più convinto che mai che nella nostra vita ci voleva la presenza di un cane. Conoscevo una ragazza che ha due labrador che avevano fatto una cucciolata: avevano ancora un cucciolo ed ho organizzato tutto: il nostro incontro, ma soprattutto quello di Ciak (maschietto labrador biondo) e Luciano.

labradorotto2Amore a prima vista! Quando Luciano l’ha visto ha pianto: si sono piaciuti subito e siamo partiti da quel casolare col nostro cucciolo. Ecco che eravamo una nuova famiglia.
Tutto è cambiato… la nostra vita si è stravolta (tutta in positivo), ci siamo rinnovati, ritrovati come persone nuove: e tutto per un cane.
Ciak ha portato nella nostra vita novità, allegria, amore, affetto,  più apertura agli altri, nuove conoscenze. Si fa tanta vita all’aperto… insomma, è arrivato tutto quello che di bello può portare un cane nella vita di una persona, di una coppia.
Anche io ho una malattia rara (trombocitemia essenziale). ne soffro dal 2003:  ma con Ciak ho smesso di fare vita sedentaria, sono molto più positivo , mi fa conoscere sempre gente nuova e stringere nuovi rapporti di amicizia con tante persone, insomma tutto è migliorato. Un amore scambievole, con Ciak: lui ci dà tanto e anche noi ricambiamo prendendoci cura di lui e facendone una parte ormai essenziale della nostra vita.
Luciano per quello che può, col suo lavoro… mentre con me stiamo insieme 24 h, visto che io posso portarmelo anche al lavoro. Faccio il videomaker, quindi mi occupo di TV (montaggio) e quest’anno come produzione abbiamo avuto “Porta a porta” e Ciak è diventato la mascotte di tutti: registi, programmisti e colleghi… e guai se non lo portavo! Ha aiutato tanto a costruire un clima veramente cordiale.
La salute di Ciak va bene… un po’ meno la sua crescita. Con la veterinaria lo seguiamo costantemente e vediamo che cresce molto più lentamente degli altri fratelli.

labradorotto5E’ rimasto basso di altezza, praticamente ha le zampe più corte. Adesso che ha 8 mesi pesa 20 kg ed è alto 42 cm al garrese. Gioca sempre, ha una vitalità fantastica:  abbiamo fatto diversi esami, anche con l’ortopedico che l’ha trovato un po’ distrofico alle zampe. Somministriamo tutt’ora vitamina C e condroprotettori e devo dire che è molto migliorato. Ciak ha le zampe anteriore mancine e leggermente a lira:  con questa cura si sono raddrizzate rendendolo più alto.
Abbiamo anche fatto controllare la tiroide con specifiche analisi del sangue: ma va tutto bene, nessun problema li. Ci rimaneva da fare l’esame dell’ormone della crescita, che fanno solo a Padova. Abbiamo fatto prelievi e congelato il sangue e poi, su richiesta del laboratorio, abbiamo inviato anche il DNA di un fratello di Ciak, per fare il confronto. Il tutto ha previsto anche un grosso impegno economico, ma per Ciak si fa questo e altro.
Quando la veterinaria l’ha visto molto migliorato ci ha detto: “lasciamo fare alla natura, perché se tocchiamo gli ormoni e sbagliamo qualcosa richiamo di fare  guai anziché curare”.
Noi ci siamo lasciati guidare.  Ciak sta molto bene: ha solo un aspetto da eterno cucciolo… e un po’ da bassotto (pur essendo figlio di Labrador normalissimi: la cucciolata era di 9). Insomma, è il nostro labradorotto!
Ogni volta che andiamo all’area cani… “Che bello! –  dicono – labrador incrociato con?”
E noi a spiegare tutto… col sorriso, ma a volte anche  con un po’ di l’imbarazzo, perché certa gente ti fa pesare i problemi e non si rende conto che magari, anche non volendo, disprezza un cucciolo “non riuscito proprio bene”.
Ma Ciak è riuscito benissimo: lui è la luce nuova della nostra vita.

labradorotto3

Potrebbero interessarti anche...

12 Commenti

  1. La mia giornata è senz’altro migliore se comincia con una notizia così. Mi fa un gran bene sentire di altri che scoprono come sia bella la vita se condivisa con un cane! E non è finita Luciano, il rapporto che avete con Ciack diventerà sempre più bello e profondo via via che crescerà, che crescerete insieme. Ah dimenticavo, curatevi il giusto (cioè per nulla) delle cavolate che dicono…

  2. ho letto tutto il tuo racconto e mentre scorrevo la pagina mi si e’ parata davanti quella foto bellissima di quel bellissimo labradorotto e mi son commosso. Come tutte le volte che mi ritrovo a guardare il mio labrador che dorme.
    Anche lui quando l’ho preso, aveva gia’ piu’ di un anno, aveva un aspetto non corrispondente allo standard (chi me l’ha dato l’ha dovuto cedere per problemi di lavoro e necessita’ di trasferirsi e probabilmente non aveva avuto una alimentazione corretta durante la crescita. Ma e’ un cane splendido, educato benissimo e privo di qualsiasi problema caratteriale quindi le persone da cui l’ho preso mi han fatto piu’ regali insieme). Anche lui ha, aveva, un aspetto da eterno cucciolone e qualcuno, quando veniva a sapere la sua eta’, nicchiava un po’ come per compatirlo. Anche lui ora un aspetto piu’ “standard”, si ora e’piu’ bello ma a me preoccupava solo che stesse bene in salute e che avesse trovato in me un compagno di cui fidarsi e con cui condividere serenamente un percorso di vita. Un’amica tempo fa mi ha chiesto se mi fossi pentito di aver preso questo cane e con esso l’impegno extra che comporta visto che da single ero abituato ai miei tempi piuttosto pigri. Le ho risposto cosi’: come potrei essermi pentito se da quando c’e’ lui non inizio e non finisco una giornata senza una risata?

    ah .. lo sai qual’e’ il miglior amico del mio Chicco? un altro labradorotto nero, Attila, un concentrato di simpatia e bonta’

    buona e lunga vita assieme al vostro Ciack!!!

  3. Bella storia e che bel nome! Specialmente vista l’attinenza. Complimenti!

    Anch’io sto lottando per capire da cosa dipende la magrezza della mia cagnolina che dovrebbe essere una cagnolona. Non è facile. Problemi di assimilazione. Ha già 2 anni, ma è bravissima, dolcissima e giocherellona. E, a parte l’essere troppo snella, sta bene. Quando mi chiedono se è un incrocio, a volte dico di sì. Dipende dagli interlocutori. Tante volte non val proprio la pena sprecare fiato. Quella della razza rara e sconosciuta è un’ottima risposta.

    Buona fortuna per tutto!

  4. Vi capisco perfettamente, a me succede di continuo con Miranda boxer bianco, in genere le domande , ma che razza è, risposta, è un boxer, quindi mi dicono subito ”ah… è albino” no è bianco oppure una volta specificato che è un boxer, non convinti, ma è sicuro…io pensavo che fosse quei cani cattivissimi… i pitzbu ?.. la mia risposta :” è un cane cattivissimo , ma è un boxer”. invece c’è un altro gruppo di cinofili che appena la vedono subito : boxer albino è delicatissimo !!! hanno un sacco di problemi !! (qui scappa la toccata ad un ”oggetto portafortuna , ognuno al suo…” . Ormai dopo 5 anni tiro dritto non rispondo più, li lascio ognuno con le proprie convinzioni e chi se ne … . Luigi Ciak è bellissimooo !!

  5. Labradorotto.
    Commovente, toccante e indimenticabile questa lettura.
    Grazie per averla condivisa.

    Ciak è meraviglioso e pure voi.
    Complimenti. Vi auguro tutto quello che di più bello c’è moltiplicato per infinito.

  6. Luigi è una bellissima storia. Quando chi o coloro che amiamo poi manifestano problemi l’attaccamento e la dedizione verso i più bisognosi aumenta. Saluti anche a Luciano e naturalmente al vs. adorabile Ciak :-)))

  7. Articolo fantastico Luigi !!!

    Il vostro cucciolo e semplicemente speciale.
    Vi faccio milld auguri e soprattutto buon divertimento, che sicuramente non mancherà.

    Noi viviamo con due lupi cecoslovacchi che ci riempiono giornate di amore e divertimento.

    Vi auguro di dare e di riceve lo stesso amore

  8. Complimenti!!!! ….siete un Trio di simpatia ed allegria………….continuate così e fregatevene di cosa dicono gli “ignoranti”…………….lunga a vita a tutti, un abbraccio forte-forte.

  9. Anche io possiedo un labrotto nel senso che è un incrocio tra una femmina labrador bianco e un bassotto marrone. Sembra sempre un cucciolo. Pesa 10 kg lunghezza 60 cm. E altezza al garrese di 38 cm. Ha preso il carattere buono e socievole del labrador ma anche la territorialità e la decisione del bassotto. Affettuoso e amorevole è stato sequestrato dalla mia squadra (sono un agente di polizia locale) per accattonaggio con cucciolo e maltrattamenti. Mio marito all’inizio era scettico e diffidente per l’impegno che avrebbe potuto dare un cagnolino, ma ora é come un figlio e lo amiamo tanto. Vi faccio gli auguri di felicità come ho avuto io grazie al mio bimbo peloso. Barbara

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here