martedì 24 Novembre 2020

Estate, lo psichiatra: “Abbandono degli animali frutto di miopia emotiva”

Dello stesso autore...

Webinar “L’etogramma del cane”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 1 Ottobre si è svolto quello a tema L'etogramma del cane.L'etogramma...

Webinar “Etologia e psicologia canina”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 17 Settembre si è quello a tema Etologia e psicologia canina....

Webinar “Socializzazione: cos’è, come si fa, come NON si fa”, disponibile il replay

Giovedì 9 Luglio si è svolto il decimo appuntamento dei webinar 2020, tema la socializzazione. La socializzazione è una fase importantissima della...

Webinar “Migliorare autostima e sicurezza del cane”, disponibile il replay

Giovedì 14 Maggio si è svolto il sesto appuntamento dei webinar 2020, tema Migliorare autostima e sicurezza del cane. Molti cani manifestano...

Michele-CucchiCOMUNICATO STAMPA – Come ogni anno in estate si ripresenta il problema dell’abbandono degli amici a quattro zampe. Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano, spiega che dietro questo gesto c’è un rifiuto delle emozioni.

Il problema dell’abbandono degli animali, in concomitanza con l’esplodere dell’estate, diviene sempre più stringente. Eppure cani, gatti e altri animali da compagnia ricavano il loro spazio nella famiglia e sono tasselli fondamentali nel gruppo.
Spiega Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano: “Gli animali mettono in contatto emotivamente i bambini, danno sostegno, accudimento e affetto agli anziani, prevengono la solitudine e ci fanno ritrovare nei momenti difficili il piacere di amare”. Ecco perché abbandonarli significa cadere vittima di “una miopia che non fa vedere le emozioni che gli animali sono in grado di regalare all’uomo”.
Abbandonare gli animali è un gesto incivile e, spiega Cucchi, “un’aberrazione nel regno degli animali in cui l’uomo dovrebbe essere la forma di massima evoluzione”. Dal punto di vista comportamentale chi abbandona un animale non viene visto come membro affidabile di altri branchi dove rispetto, empatia, solidarietà e senso di appartenenza sono le matrici del successo e del benessere.
Dal punto di vista psichiatrico e in questa società, l’abbandono degli amici a quattro zampe produce quindi una miopia emotiva che, conclude Cucchi “segna un periodo di declino dei valori come il rispetto per i legami affettivi”.

Nella stessa categoria...

51 Commenti

  1. Equiyalia ci si provi a prendermi il cane in caso di inadempienza… li affetto a pezzettini senza pieta’ ma poi che discorso e’ … il cane nn e’ un’ oggetto ma un membro effettivo di una famiglia cazzo e’ un essere vivente cn sentimenti di cui molti nn sno degni.

  2. Sì ma non è esattamente una cosa dovuta a un periodo di declino dei valori della famiglia eccetera… se no questo periodo dura da almeno trent’anni, perché quand’ero piccola già c’erano gli spot contro l’abbandono degli animali. Diciamo che c’è gente che ha problemi, e che i valori non li ha mai avuti, non è una cosa di adesso!

  3. Lo psichiatra parla benevolmente di miopia emotiva;a me,invece,viene da pensare che bisogna avere l’anima ben marcia per godersi tranquillamente le ferie,avendo abbandonato il loro cane a un destino di sofferenza e forse di morte

  4. ma che cagata. se abbandoni il tuo animale non te ne frega un cazzo di lui. e fine.
    oh… miopia emotiva un cazzo… oh… solo quando si va in vacanza eh…

  5. Saranno anche miopi, ma contano parecchio sul fatto che, se beccati, la punizione è praticamente inesistente… (…qui se ammazzi moglie e figli finisci al Grande Fratello, quindi…)

  6. Secondo me chi abbandona gli animali è semplicemente una persona che non vede in loro degli esseri viventi ma oggetti, disponibili ad uso e consumo; finché va bene me lo tengo, ci gioco, mi diverto, poi ci sono difficoltà per le vacanze? Me n’è libero e semmai ne prendo un altro a settembre….
    Non escludo che faccia così anche con le persone, in effetti ho conosciuto persone che quando avevano bisogno eravano amici e quando ho avuto bisogno io ciao ciao, e non avevano gran rispetto per i cani, trovavano assurdo che spendessi soldi (miei non loro) per curare la mia cagnolina quando le trovarono un tumore….

  7. L’amore è una cosa seria, ma l’uomo ha sempre dimostrato una forma di convenienza, faccio esempio: spesso ho sentito di figli che quando vanno in vacanza si palleggiano i genitori anziani, io lo tengo tre meso io due io a natale tu a pasqua. Lo trovo squallido ed è una maniera misera d’intenti d’affetto perché di vero non ne vedo neanche in fondo in fondo. Quindi se l’uomo è capace di questo con chi lo ha messo al mondo e allevato , volete che mi stupisce altro? Io penso e ho sempre chiesto che loro vengano riconosciuti nello stato di famiglia; se si pensa che equitalia può in caso di inadempienza(secondo loro) sequestrarti il cane, il senso civico e le campagne pubblicitarie dello stato sono una menzogna. Una mega miopia? Se è sempre il capo a dover dare il buon esempio…….. sem a posto ……..

  8. Chi abbandona, non è solo privo di cuore e di anima, ma anche di intelligenza perché non capisce che ” chi trova un amico, trova un tesoro!” Non sa cosa perde ed è quindi un essere privo di tutto!

  9. Io ,che in questi casi non sono per niente psicologa , desidero solo ardentemente che questi personaggi debbano patire le pene dell’inferno ogni santo giorno della loro misera esistenza. Un cane è per sempre senza se e senza ma.

  10. credo sia normale che uno psichiatra legga la questione secondo le sue modalità e in sostanza, oltre ad esprimere con i suoi termini disapprovazione, mi sembra che sottolinei ciò che, con veemenza, ogni amante dei cani sostiene: chi abbandona non sa amare!

  11. Brava Roberta ,é quello che continuamente sostengo io , le pene per il maltrattamento sugli animali DEVONO iniziare a diventare concrete !! É ormai risaputo che chi possa fare queste cose SICURAMENTE puó essere nocivo anche con i propri simili !!! Pene severe e tenere sotto controllo certi soggetti !!

  12. Essere pezzenti nell’anima nn è il frutto di una qualche mancata lungimiranza emotiva.. è proprio che uno è merda dentro. Mancanza di coscienza! Altrimenti nn potrebbe mai abbandonare nessun essere che x vivere dipenda direttamente da lui/lei

  13. Direi chiara instabilità psichica e morale!! Chiediamoci cos’altro fanno nella vita queste persone visto che non hanno scrupoli ad abbandonare il loro cane in strada!!! Non saranno da meno neanche con i propri figli secondo me!

    • Pensaci bene,in questa risposta palesi un determinismo che ti fa sembrare piuttosto razzista;nei confronti di una categoria di persone che magari non ti degneresti neppure di frequentare,al fine di far chiarezza nella tua mente.Posso dirti che le persone le quali abbandonano un animale sono del tutto normali.Purtroppo,specialmente i cani e i gatti,sono considerati come oggetti : basti pensare che possono essere venduti e comprati,selezionati – con la soppressione di quelli non rientranti negli standard di razza,o nati da una fattrice pura ed un meticcio- e così via. A volte credo che le persone le quali comprano un gatto,poi,non siano molto intelligenti;magari ora sono razzista io,ma perchè sacrificare tanti gattini in nome dei loro fratelli blasonati ? Un meticcio non ha la forma di un micio di razza (più o meno ) ? Che dire ,poi,del cane? Non swaprei,a me piacciono tutti,i cani,perchè sono cani.Abbandonare un animale è un gesto infame,ma disgraziatamente,normale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Webinar “Il gioco è una cosa seria”, disponibile il replay

Giovedì 12 Novembre si è svolto il webinar Il gioco è una cosa seria.Anche in quest'occasione è stata nostra gradita ospite Federica...

Vivere con una bambina (molto) cinofila

Tre anni. Sono solo tre anni che Giada è con noi.Sono già tre anni che Giada è con noi.Non so se quest'anno,...

I meccanismi d’azione degli Interventi Assistiti dal cane applicati all’autismo – Seconda parte

Nella prima parte di questo articolo abbiamo visto i motivi per cui ci si avvale del cane e iniziato a vedere su...

I meccanismi d’azione degli Interventi Assistiti dal cane applicati all’autismo – Prima parte

Per quanto riguarda i disturbi dello spettro autistico, gli IAA non sono un tipo di terapia invasiva ed esclusiva, ma si inseriscono...

Pandemia e cinofilia… non sono poi così diverse

Ci risiamo: da domani - salvo ulteriori rinvii, perchè ormai ci si capisce ben poco pure sui tempi... - entrerà in vigore...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,852FansMi piace
560FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Condividi con un amico