martedì 22 Settembre 2020

Chi ha paura del cane cattivo (che lecca)?

Dello stesso autore...

I perché cinofili: perché il cane sbava?

di VALERIA ROSSI - "Perché" richiesto da un'amica su FB, a cui si possono dare diverse risposte a seconda del fatto che il cane...

Ti presento il… Volpino italiano

di VALERIA ROSSI -  Si potrebbero girare diversi film sul volpino: "Un italiano in America", "Un italiano in Germania", "Un italiano in Danimarca"... e...

Da grande voglio fare il cinofilo…

... ma come, dove, con chi? Domande difficili per un mondo difficile.

Ti presento il… Bullmastiff

di VALERIA ROSSI - Me ne sono trovata davanti una bella coppia a "Cronache animali", e ho pensato "Oddio, possibile che non abbia mai...
Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

bimbopitdi VALERIA ROSSI – Su “LaStampa” TV-video viene pubblicato il video – graziosissimo – di un neonato che ride come un pazzo mentre la pit bull di famiglia lo lecca da capo a piedi: ed ecco che fioccano i commenti negativi sulla pagina FB, equamente suddivisi tra chi grida alla “scarsa igiene”  e chi si dice preoccupato di “vedere un cane di una razza come il pit bull con un bimbo così vicino (troppo)”.
Poi c’è quello che unisce le due cose (per la serie “non facciamoci mancare niente), commentando così: “Siamo arrivati all’assurdo, tra igiene e il fatto che poi ogni tanto ci lascia la pelle un bambino. Vivere normalmente? No non fa spettacolo. Ps. Premetto che io adoro gli animali, ma vivere in questo modo mi sa di UOMINI TROGLODITI” (tutto maiuscolo).
Un P.S. che mi ricorda un po’ quelli che scrivono cose come: “io non sono razzista, ma ‘sti negri dovrebbero starsene a casa loro”.  Giusto a proposito di trogloditi.
Boh, che dire? Ovviamente che non c’è fine all’ignoranza umana.
Che a nulla servono le continue scoperte scientifiche che parlano dell’immenso valore non soltanto psicologico, ma anche sanitario del vivere a stretto contatto con un animale (si stimolano le difese immunitarie).
Che dire che “ogni tanto ci lascia la pelle un bambino”, come se fosse roba che succede un giorno sì e un giorno anche, significa aver dato un po’ troppo retta a troppo giornalismo allarmista (e cinofobo).
Il tipo che si preoccupa del cane “di una razza come il pit bull” (che evidentemente ignora il fatto che questa razza è quella  con la minore aggressività interspecifica  in assoluto) fa anche un discorsone sul fatto che se la cagna sviluppa troppa protettività nei confronti del bimbo: “poi son problemi… l’unico modo per riavere o toccare il bimbo è distrarla”.
E sostiene di averlo anche provato personalmente: però con un gatto.

bimbopit2Ecco, proprio a questo vorrei dedicare oggi due righe: al fatto che molti cani – di qualsiasi razza – diventino iperprotettivi verso i “loro” bambini.
Presumo che nessuno (neppure il preoccupato commentatore) si preoccuperebbe del fatto che il cane impedisse ad un malintenzionato di rapire il bambino: lì la protettività tornerebbe buona e il cane diventerebbe automaticamente un eroe.
Però è vero che molti cani tendono a proteggere il bimbo anche dai genitori o dai nonni: anche il mio Ektor, il pastore tedesco che ha “allevato” mio figlio come se fosse un suo cucciolo, si metteva in mezzo mugolando disperato ogni volta che lo sgridavo… e abbaiava direttamente in faccia a mia madre se ci provava lei.
E’ una tragedia?
Bisogna davvero distrarre il cane “per riavere il bambino” (il che suona pure un po’ inquietante…), altrimenti lo tiene in ostaggio a vita?
Direi proprio di no: non nego a priori che possa succedere (anche se non ho mai sentito che nessuno arrivasse a questi estremi), ma di sicuro, se capitasse, ci sarebbe un serio problema gerarchico in famiglia.
Se invece il cane si limita a manifestare il suo disappunto perché qualcuno osa sgridare il suo bimbo… allora io la considero solo una bellissima forma di amore canino (e mi chiedo per quale motivo il commentatore di cui sopra si preoccupi da un lato dell’incolumità del piccolo e dall’altra dell’incolumità dei genitori: se il cane ama il bambino al punto di volerlo difendere dal mondo intero, troverei quantomeno curioso che poi pensasse anche di mangiarselo).
Per carità: se la protettività diventa “possessività” vera e propria, allora non va bene.
Però è davvero difficilissimo che si arrivi a casi simili: è molto più frequente la possessività verso un adulto umano (di solito la donna), che ha spesso una connotazione sessuale.
Il cane, che si è autoeletto maschio alpha della famiglia (con l’ampia complicità di chi gli ha permesoso di diventarlo), pensa di essere l’unico possibile partner per la sua umana e quindi arriva anche ad aggredire chi prova a contendergli i suoi favori (solitamente il marito).
Nel caso in cui il cane difenda il bambino, invece, il “ruolo” interpretato è quello del  padre di famiglia (o della madre) che protegge i cuccioli del branco: cosa che trovo buona e giusta e che personalmente non ho mai cercato di inibire.

bimbopit_aperConcludendo: le leccate del cane di casa non comportano alcun problema per un bambino.
Magari si può evitare che il cane gli pianti proprio la lingua in bocca (ma anche la mamma del video sposta il piccolo quando la cagna sta per farlo, circa a metà video e poi di nuovo alla fine, quando le dice proprio “Not in the mouth”): ma anche se succede, quando si tratta di un animale sano, il bambino non corre nessunissimo rischio. Diversi commenti fanno riferimento al cane che “ahhh che schifo, avete presente cosa tocca con la lingua?”. Io domando: avete presente cosa toccano gli umani con le mani? Pensate soltanto ai soldi, che sono la cosa più sporca del pianeta… eppure nessuno grida allo scandalo se un umano fa una carezza al pupo e se gli permette di succhiare un suo dito.
La protettività, se non arriva ad eccessi che comunque non si verificano praticamente mai, è una cosa che personalmente preferisco approvare, piuttosto che limitare o inibire, visto che potrebbe essere di grande utilità in questo mondo popolato sicuramente più da umani che da cani pericolosi.
Sarò troglodita, perché no: ma intanto, come ho già scritto altre volte, mio figlio ha sempre regolarmente diviso il biberon prima e le merendine poi con tutti i nostri cani e ha sempre preso quintalate di leccate in faccia.
Bene: non solo non è mai stato sbranato, ma non si è mai preso neppure un raffreddorino, almeno finché non ha cominciato ad andare a scuola.
Mi piacerebbe sapere se questi commentatori indignati e/o preoccupati possano dire altrettanto: ma mi piacerebbe anche solo sapere come riescono a trovare da ridire, da criticare e da sparar sentenze di fronte a un bimbo che ride e si diverte come forse loro e i loro figli non sono mai stati capaci di fare.
Sarà forse invidia?

Nella stessa categoria...

45 Commenti

  1. Mamma di tre pargoli, incinta del quarto con due cani, tre gatti e due acquari, i miei figli non hanno mai avuto nulla che superasse un raffreddore. non permetto alla flat coated di dormire sui letti solo per via del pelo che lascia, ma sul divano il posto di cuscinone è suo soprattutto in inverno. la jackina fa la spola (durante la notte gira da un letto all’altro, ma alle sei è sempre sul mio cuscino con la lingua sul mio naso. non sia mai che io non senta la sveglia, potrei fare tardi a servire la colazione!
    p.s.
    quando ho dato la notizia della nuova gravidanza alcuni parenti hanno esclamato: “adesso allora dai via i cani!”
    indovinate la mia risposta…

  2. Tutte persone invidiose perchè loro da piccole dormivano con l’orsacchiotto mentre altri dormivano col cane al calduccio :O

  3. mio figlio è cresciuto con un malamute dividendo biscotti con lui, mai avuto neanche un influenza o malattia
    l’ altro figlio ha imparato a camminare attaccandosi a una rotwailer, quando cadeva il cane lo consolata con una bella leccato in piena faccia e anche lui sano come un pesce
    in compenso la gente che vedeva la scena mi rimproverava perché lasciato un bimbo così piccolo con un cane così ” pericoloso “, gli stessi che poi portavano in macchina il loro figlio senza seggiolino o cinture di sicurezza. ..

  4. Come farsi girare le scatole di primo mattino.
    Solitamente sto alla larga da queste discussioni su facebook, stamattina invece ho voluto farmi del male. Il problema non è stato tanto il parere illuminato del sig.Porro quanto le fonti che lui porta per avvalorare la sua tesi: http://www.albanesi.it/veter/pitbull.htm
    Ecco, su quel sito ci sono tanti bei consigli sulla corsa, su come allenarsi eccetera; ecco dovrebbe limitarsi a quello.
    L’articolo in questione invece è una collezione di minchiate spaventose, che denotano tanta, tanta ignoranza.
    Sarei tentato di scrivergli ma credo che andrò a staccare qualche rana dall’asfalto, è una cosa più produttiva.

  5. A parte che il mio cane con tutti i vaccini che fa è più sano e controllato di me; a parte che come dice Valeria con lo schifo che si tocca in giro ( avete mai pensato a dove mettete le mani tipo quando siete in treno -io purtroppo si-o nel bagno di un locale pubblico?) il muso di un cane quasi quasi diventa pulito a confronto…a parte tutto questo…io preferisco mia figlia che dorme nel cuscino del mio cane o il mio cane che se la lecca tutta da testa a piedi (e come hanno detto in tanti mia figlia si è fatta quasi incolume il primo anno di materna mentre altri bimbi che avevano fatto anche il nido si sono presi di tutto) piuttosto che questa scena capitata a me personalmente:portando un gruppo di bambini di 5 anni a fare una visita guidata in un bosco vicino alla mia cittá arriva questa bimba in lacrime perchè -udite udite- dovevamo camminare su un prato e lei AVEVA PAURA DELL’ERBA!!Non c’è stato verso di farla andare nel prato e me la sono dovuta portare in braccio tutto il tempo!Da panico!Povera bambina…e questi magari sono i figli di quelli che dicono “e l’igene dov’è finita??”

  6. Una specie come il pittybullo (sciur Carmelo docet) lecca il bambino per saggiarne il sapore…se è di suo gradimento. ..gnam..e un altro bimbo vittima del pittycoso. Quindi chi se ne frega dell’igiene e di altre stro..ate. E’ come decidere di buttarsi da un aereo senza paracadute e mentre si vola rammaricarsi di non essersi lavati i denti. Per quanto riguarda la gerarchia in famiglia prima di far sesso con la moglie devo chiedere il permesso o distrarre il maschio di cavia di mia figlia. Non ho mai utilizzato con lui il collare elettrico e quindi adesso me pago le conseguenze. Sicuramente il parallelo col cane regge in quanto cavia e cane iniziano con ca e sono entrambi mammiferi.

  7. speeso i bimbi,ma pure i cosidetti grandi hanno atteggiamenti,e/o approcci che al cane possono sembrare di pericolo,se non provocargli dolore,per questo è totalmente errato dire,questo è un cane che sta bene con i piccini,pure il CAO,è un cane per i bimbi,però…………….!!!

  8. Vai al bar e ti fai uno spritz ed ecco che arrivano le famose patatine che sono sul banco a portata di tutti anche di quei signori che quando vanno al bagno non si lavano le mani. Io ho assistito alla scena di una simpatica signora che si è mangiata i pistacchi posti sul bancone del bar usando il cucchiaino che serve per metterseli sulla mano, ficcandoseli direttamente in bocca. Avrei molto altro da raccontare essendo cameriera ma…Beh…preferisco le linguate dei miei lupi!

  9. Il mio Michi e io ci capiamo con un sguardo: lui è arrivato a tre mesi quando il terzo figlio aveva due anni: si dividevano tutto, adoravano i dinosauri di gomma, tanto che ne avevano due identici (ma litigavano sempre per lo stesso), combinavano i disastri in associazione (a delinquere) e venivano messi in castigo contemporaneamente; quando il cane mi vedeva con gli occhi iniettati di sangue partire all’inseguimento del pupo mi braccava le gambe con le zampe davanti facendomi rischiare di ruzzolare: il pupo che scappava urlando (neanche lo volessi ammazzare), io che lo inseguivo e il cane che mi placcava era una pantomima della serie “oggi le comiche”, alla fine mi passava l’incazzatura perché le due figlie ridevano come matte. Meno male che all’epoca non c’erano gli smartphone, altrimenti chissà quante volte sarei finita su facebook!! 😀

  10. La mia piccola di 7 mesi sta crescendo con 4 cani…non pensavo ci fosse ancora cosi tanta gente che sfracassa i cosiddetti per due leccatine…in bocca cerco di non fargliele dare ma per il resto no, si adorano e adoro vederla ridere ed interagire con loro!

  11. Il problema vero è che, se da un lato esistono dei “promotori” di cultura cinofila come questo sito, libri e altro da un lato esistono “molti pennaioli che pretendono di parlare degli animali senza saperne un bel nulla”. Poi come se non bastasse ci si mettono anche certi gruppi facebook, alcuni falsi (fatti solo per far incavolare la gente, che poi che divertimento è?) e altri veri che pubblicano filmati come questo e sotto ci sono scritte così tante cavolate da far venire il voltastomaco.

  12. “E sostiene di averlo anche provato personalmente: però con un gatto.”

    ahahahahahaha mi son messo a ridere in ufficio come un cretino e mi guardavano pure male ahahahahaha fantastica. daltra parte voglio dire pure il gatto ha il pelo 4 zampe e la coda quindi è come un cane no ????

  13. Io continuo a sostenere che chiunque voglia possedere un cane debba prima STUDIARE. Sì, esattamente come per prendere la patente . Deve fare dei quiz , con domande che vertono su tutto quel che riguarda il cane e magari fa anche dei quiz psicologici, per scoprire che tipo di cane si adatta di più all’aspirante proprietario . Se li supera, viene abilitato . Penso che sarebbe una bella mazzata alla disinformazione , ai luoghi comuni , al pregiudizio , alle black list ( roba da pazzi ) ed ai cani presi per moda o status symbol.

    • io penso che bisogna studiare anche prima di fare un figlio , ci sono in giro genitori assolutamente inadatti basta vedere nei supermercati sti bambini che urlano corrono tra le corse mettono le mani dappertutto tirando giù roba dagli scaffali…e il supermercato è solo un esempio.

  14. Beh anche io sono una troglodita il mio incrocio di pastore tedesco, che è cresciuto con mia figlia era molto protettivo nei suoi confronti, ma non è mai stato aggressivo con nessun umano. Mia figlia è cresciuta in campagna con cane e gatti e non ha mai preso nessuna malattia da loro. Oltretutto ha imparato a convivere con diversi amici pelosi e soprattutto a rispettarli. Per cui al signore che si scandalizza tanto direi proprio di abbandonare il suo perbenismo inutile!

  15. Io sono al secondo cane, e non ho mai preso nulla né da Eden (che ho da pochi mesi), né da Bibi che è mancata dopo quasi 15 anni di leccate a tutto spiano.
    Mi sono ammalata a scuola, ho preso fior di influenze da mia mamma, da mia nonna, dal dottore quando aspettavo il turno per delle ricette, in treno… ma dai cani nulla!
    Comunque ho incontrato un signore una volta che riteneva che una donna mettesse a repentaglio la salute dei suoi 2 bambini perché li teneva vicino, ripeto vicino, al loro Labrador il quale per il caldo respirava con la lingua di fuori voltato verso loro!
    Einstein ha detto “due cose sono infinite, la stupidità umana e l’universo, ma non sono tanto sicuro della seconda!” …. e se lo dice lui!

  16. Che invidia un cane cosi grande e affettuoso.. noi abbiamo un piccolo bassotto che è più gatto che cane ( affettuosa solo quando ne ha voglia lei e bambini non devono urlare)… 🙂

  17. hai anche tralasciato il fatto che i bambini mettono in bocca di tutto, ben cose peggiori della lingua di un cane 🙂 Il latte materno serve anche a questo, aiutare gli anticorpi a lavorare meglio… Anche i miei figli leccati continuamente, Anita a 7 anni ancora non ha avuto un virus intestinale ( nemmeno in India ).

    • ODDDIOOOOOOOO! Pure il mio cane (pitbull mix, ma fatto a pitbull quindi PERIKOLOSISSIOMOOO KON LA K) ogni mattima mi lecca quasi da capo a piedi come “buongiortno” (dorme a lertto con me sotto le coperte re ha pure un suo cuscino x la testolona e la mattina le piace svegliarmi a leccate e mettendosi di fianco a me sul mio cuscino vicina vicina così da stare + i contatto e magari prendersi + coccoline sbattendo la codina dotto le coperte..un dolce risveglio): forse mi starà assaggiando da 9 anni in attesa di papparmi?…o forse no…. 😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Settembre e ottobre ricchi di attività per il lavoro in acqua

Continuano le mie giornate di stage in acqua. In attesa delle prossime gare - ve ne parlo più avanti - Vi racconto...

Border Collie: cane per tutti o cane per nessuno?

Come molte altre persone che bazzicano il settore della cinofilia ho spesso occasione di leggere/sentire le opinioni della gente; nello specifico, da...

Perchè questa immagine NON denigra i meticci (e perchè qualcuno pensa lo faccia)

Sta avendo molte condivisioni nelle ultime ore un'immagine sul tema "allevatore vs cagnaro". Solo che quasi di pari passo con le condivisioni...

Esistono anche educaddestristruttori neofiti?

Ormai da qualche anno i corsi per educatori-addestratori-istruttori-inserirefiguraapiacere sono una realtà conosciuta non solo a chi bazzica un po' l'ambiente cinofilo, ma...

Ti presento… i sensi del cane – Seconda parte

Nella prima parte abbiamo analizzato i sensi dell'olfatto e dell'udito: completiamo oggi la panoramica andando a vedere come funzioano gusto, tatto e...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,803FansMi piace
560FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Condividi con un amico