mercoledì , 22 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Vita col cane >> Elogio del cane medio

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Elogio del cane medio

medio1di VALERIA ROSSI – Ho scritto, qualche giorno fa, un (poco serio, lo confesso) “elogio del cane piccolo“, teso più che altro a scherzare su tutte le difficoltà che incontro invece con Samba, che piccola non è. O meglio, lo è di età ma non di dimensioni e tantomeno di peso (siamo ormai oltre i 26 chili).
Immediatamente mi è arrivata la richiesta di scrivere anche un elogio del cane medio (e mo’ non chiedetemi quello del cane grande, perché intanto è già programmato: mica posso fare queste discriminazioni).
Allora: premesso che parleremo del cane di media taglia come lo intende la Sciuramaria, ovvero “cane tra i dieci e i venti chili”, e non come lo intendono gli Standard di razza, per i quali pastori tedeschi e dobermann sono di media taglia, mentre per la gente “normale” sono grandissimi… il suo elogio è una cosa della serie “ti piace vincere facile?”
Perché balzano agli occhi le sue qualità, la sua comodità di gestione e tutti i vantaggi che comporta.
Molti sono gli stessi che abbiamo esaminato parlando del cane piccolo (lo sollevi facilmente; sui tavoli magari lui ci arriva, ma in punta di zampa e non comodamente; anche se il divano lo occupa con la maggior estensione canina possibile, un posticino per te ci resta sempre… eccetera eccetera), ma ce ne sono molti di più.
Per esempio:

medio7a) se vuoi educarlo/addestrarlo, non sei costretto a fare provvista di Lasonil.
E vi assicuro che per chi fa il mio lavoro, è tanta roba.
Per chi fa il mio lavoro, veder arrivare al campo un cane di taglia media significa sentirsi salire alle labbra un sorrisone beato, in automatico.
Perché quando arriva il cane grande o grandissimo, pensi subito alla lussazione della spalla (specie se il cane arriva con il proprietario appeso al guinzaglio stile aquilone). E’ vero che se siamo abbastanza bravi saremo anche abbastanza rapidi nell’insegnamento di una condotta decente… ma almeno per le prime due/tre lezioni, quelli il braccino te lo staccano.
Se arriva invece il microcane, pensi al colpo della strega. Perché qualsiasi cosa tu voglia insegnargli, devi farlo stando piegato in due: e se usi il luring per insegnare la condotta, camminerai anche per centinaia di metri stando piegato in due (poi è tutto da stabilì se riesci anche a rimetterti dritto).
Il cane medio, invece, ha la testa esattamente all’altezza del tuo ginocchio, là dove stare in condotta e dove tu devi mettere la manina quando fai il luring, senza piegare la schiena nè le gambe né niente.
Se è un medio tendente al grandicello, al massimo dovrai piegare leggermente il braccio verso l’alto: tutto qua.
Ahhhhhhhhhhhhhh… che goduria!
Goduria che ovviamente si estende anche ai non professionisti, proprietari di cane unico: solo che loro non hanno tanto presente la differenza e quindi, magari, non ci pensano. Be’, pensateci: soprattutto se siete ancora in procinto di prendere il vostro cane.

medio4b) se litiga con un altro cane, puoi anche mollare il guinzaglio evitando di fare cose pericolosissime come prenderlo in braccio o piantarti in mezzo alla rissa.
Intanto il cane medio non ammazzerà mai nessuno (esclusi casi proprio eccezionalissimissimi, tipo scontro tra cane medio e cane che pesa mezzo chilo: ma i cani da mezzo chilo non dovrebbero neppure esistere, se la cinofilia avesse ancora un minimo di grano salis), né si farà mai ammazzare da nessuno (esclusi nuovamente i casi eccezionalissimi, ovvero lo scontro con cane aggressivo di taglia gigante: ma se uno porta in giro un gigante aggressivo e non è neppure capace di controllarlo dovrebbe andare dritto in galera, non appestare i nostri parchetti cittadini).
Un cane di media taglia può uscire da una rissa (e/o farci uscire l’avversario) con un buchetto: e pazienza, succede!
Si fa un salto dal vet e se è il caso si mettono due punti, ma la cosa finisce lì. Non si finisce sul giornale.

medio10c) non fa paura agli umani.
Perché gli umani fanno lo stesso ragionamento che ho appena fatto per i cani: “anche se mi morde, sul giornale non ci finisco  e all’ospedale nemmeno”.
Verissimo per il giornale (l’eventuale beagle killer non interesserebbe a nessuno), non del tutto vero per quanto riguarda il Pronto Soccorso, perché i cani medi hanno normalmente dentature di tutto rispetto, e se sgagnano fanno un male della madonna.
Però l’impressione è diversa. E siccome l’impressione è diversa, la gente approccia questi cani in modo amichevole e questo li aiuta moltissimo a socializzare (e conseguentemente a non mordere nessuno).
Moltissimi cani medi, poi, sono cani provenienti da canili e rifugi:  cani che aiutano un sacco le relazioni umane, perché la gente ti avvicina (non avendo paura della taglia media), non capisce che cosa sia il tuo cane e quindi te lo chiede, e alla risposta “è un meticcio, l’ho preso in canile” si profonde in complimenti, espressioni di ammirazione e pacche sulle spalle (tanto non pensano che il cane medio possa fraintedere, scambiarla per un’aggressione e staccargli il braccino). La frase classica è: “Ahhh bravo, bravissimo, facessero tutti come lei invece di comprare cani di razza, i canili sarebbero già vuoti! Davvero, ha tutta la mia stima, mi congratulo per questa scelta responsabile e di gran cuore!”
Poi tornano a casa accolti dalle feste sfrenate del loro pastore tedesco figlio di campioni e già iscritto alla prossima Internazionale, ma vabbe’. E’ il pensiero che conta.
Controindicazione: il cane di taglia media (ancor più di quello piccolo, perché non bisogna piegarsi troppo per accarezzarlo) otterrà anche attenzioni non desiderate e non gradite, ovvero verrà smanacciato da tutti quelli che incontrate. Piccolo suggerimento di passaggio: mordeteli voi.

d) non fa paura ai bambini
E siccome non fa paura, i bambini non scappano. E siccome non scappano, non vengono neppure inseguiti/presi a zampate/morsi. Certo, basterebbe un minimo di educazione dei pupi per far sì che non scappassero neppure di fronte ai cani grandi; ma questo presupporrebbe un altro minimo di cultura cinofila nei genitori… e… sigh.

medio11e) se ti salta in braccio a tradimento, sopravvivi
Questo posso dirlo a ragion veduta, visto che io in casa non ho soltanto il rott-cinghiale, ma ho anche un cane medio: 15 chili quand’è in forma, 16 quando è in formato boiler (e cioè quasi sempre, nonostante la dieta perenne).
Come dicevo sopra, dal punto di vista della gente comune la Bisturi è un cane medio (dal mio è un cane piccolo, ma io non faccio testo perché ho la mentalità allevatoriale e quindi ragiono secondo Standard): e nonostante la “faccia da prizzbull”, non fa granché paura a nessuno. Sarà per questo che lei ama tutti alla follia e che, se solo ti azzardi a sederti, te la ritrovi in braccio.
Credo di aver già raccontato del mitico zompo che la Bisturi fece in farmacia, atterrando tutta felice e festaiola sulle ginocchia della vecchietta che si era appena accomodata su una sedia perché le gambe non la reggevano granché. Bene: le ossa della vecchietta, nonostante l’età e l’osteoporosi e tutto, ne uscirono indenni (le coronarie nin zo: ma non si può pretendere tutto dalla vita).

f) se ti salta addosso a tradimento, resti in piedi.
Quando lo fa Samba, ad ogni mio rientro in casa, son fortunata ad avere la porta alle spalle: perché se non mi appoggiassi a quella, verrei stesa secca almeno tre volte al giorno. Quando lo fa la Bisturi, il barcollamento è minimo.

medio12g) può fare praticamente tutto.
Dal cane da compagnia al cane iper-sportivo, dal cane da assistenza a quello da protezione civile.
Certo, qualche limite esiste (difficile pensare ad un cocker da utilità e difesa, o ad un breton da pastore), ma questi limiti sono dovuti più alla selezione di razza che non alla taglia.
Nessuno ti dirà mai “nahhh, non va bene perché se sale sull’elicottero lui devono scendere gli umani”, “nahhh, non va bene perché si stanca dopo cinque minuti”, “nahhh, non va bene perché mi terrorizza i bambini con la sua mole”.
Il cane medio, ovviamente quando ha le giuste qualità caratteriali (che non dipendono dalla taglia), può essere adibito a qualsiasi disciplina sportiva o utilitaristica.
Ma può anche non fare un accidenti di niente, senza che qualcuno trovi subito da ridire perché “un cane così devi farlo lavorare per forza”. In realtà tutti i cani dovrebbero lavorare, non “per forza” ma perché è una cosa che li rende felici. Però, se non hai tempo o modo di farlo ed hai un cane medio, sembrerà tutto normalissimo; se hai un cane grande, mezzo mondo ti cazzierà e l’altro mezzo non lo farà solo perché ti sta alla larghissima.

Anche in questo caso potrei continuare quasi all’infinito, ma mi fermo qui perché in fondo è cosa nota da secoli.
Non lo dicevano forse già gli antichi romani, che… in medio stat virtus?

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico