poldo (17)di ROBERTA ROMANI – Poldo, l’ho chiamato così… perchè lo sentivo chiamare cosi.
Mi ha incontrata in Sicilia, a Noto, nel 2007: sì, “lui” mi ha incontrata e “lui” ha deciso di diventare il mio cane. Noto, come tante città siciliane, brulicava di cani randagi e ogni giorno, andando al lavoro o passeggiando, vedevo decine di cani liberi; ma era semplicemente la norma.
Allora lavoravo come restauratrice di affreschi alla cattedrale e palazzo Nicolaci di Noto.
Un giorno, seduta sulle scalinate davanti alla chiesa, un cane nero, lupoide, mi si è avvicinato semplicemente per ricevere un contatto umano.
In mezzo a tanta gente,  in mezzo a tanti colleghi, ha scelto me.
Da quel giorno, ovunque andassi, lo incontravo. Ogni giorno, per pochi minuti, io e lui eravamo uniti.
Passa il tempo e comincio a vederlo arrivare in qualsiasi angolo io mi trovi. Voleva stare con me anche solo un attimo, anche solo un istante… ma bastava a me, forse bastava a lui… almeno all’inizio.
In seguito Poldo cominciò a venire sotto casa per accompagnarmi al lavoro: mi aspettava tutti i giorni alla stessa ora e mi veniva a prendere tutti i giorni quando avevo finito. Durante i weekend, in cui partivo in gita per le varie città della Sicilia, i locali mi raccontavano che Poldo girava sempre vicino a casa mia e che per un’intera giornata mi aspettava.
Poldo era un cane “solo”: non amava la compagnia degli altri cani e mai l’ho visto insieme ad altri cani. Lui cercava le persone: poi  cominciò a cercare me.

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

poldo (3)In un giorno di pioggia, anzi di diluvio universale, decisi con la mia collega di non lasciarlo fuori. Come al solito, sfidando il tempo, lui mi aspettava fuori dal lavoro. Come sempre mi accompagnò a casa… ma quel giorno la porta della mia casa si è aperta per lui.
Poldo era evidentemente abituato all’appartamento: non ha avuto nessun tentennamento e da li è entrato nella mia vita.
Ricordo ancora un giorno in cui ero in macchina e mi sono accorta, guardando lo specchietto retrovisore, che mi stava correndo dietro….
Poi arrivò un momento decisivo, che avrebbe cambiato tutto per sempre: Poldo in primavera venne accalappiato perchè “fastidioso”, come altri cani, per i turisti in arrivo: venne  chiuso in un rifugio di cui non voglio dire le dimensioni e le condizioni… 30/40 cani randagi in un fazzoletto. L’unica salvezza, per gli ospiti di quel rifugio, era la veterinaria di Noto che nonostante le difficoltà cercava di gestire al meglio la situazione.
Io andavo a trovare Poldo, ma poi ho smesso perchè quando entravo per salutarlo litigava con gli altri cani.
Un giorno un ragazzo di Noto decide di tirarlo fuori da lì e di adottarlo:  io ero felicissima. Cosa poteva esserci di meglio per un cane di quel territorio? Cosa meglio di un’adozione che l’avrebbe fatto vivere nella sua terra?

i phone 391Poldo, però, purtroppo venne sbattuto in una casa in campagna a 15 km dalla sua città, isolato da tutti, lasciato lì solo come cane da guardia: ma lui amava talmente l’essere umano che tutto poteva essere, tranne quello!
Per tre volte scappa dalla campagna e si fa 15 km per venire da me …. per tre volte il ragazzo che l’aveva adottato viene a riprenderselo, ma lui scappa di nuovo.
La terza volta che l’ex proprietario se lo viene a riprendere Poldo se la fa addosso salendo nel furgone: quel giorno ho giurato a me stessa che sarebbe stato con me.
Ho aspettato dieci giorni che tornasse: poi un giorno lo vidi al mare, solo… completamente isolato dagli altri cani. Solo, in un territorio non suo…..
Quel giorno l’ho riportato con me a casa, ho chiamato l’anagrafe canina di Noto per farmi fare il passaggio di proprietà ed è cominciata la nostra vita insieme… fino al 17 ottobre 2014.

GUARDA I NOSTRI WEBINAR

poldo2 (7)Abbiamo fatto il viaggio in macchina insieme fino a Milano e Poldo si è affidato totalmente a me:  inutile dire che questi anni insieme a lui sono stati meravigliosi.
Poldo era un cane speciale… e non lo dico perchè era mio, ma perchè lo era  a tutti gli effetti…
Si dava totalmente all’essere umano, in qualsiasi situazione: aveva una fiducia totale in me e negli altri.
Tutti lo conoscevano perchè lui, da lontano, quando vedeva una persona piagnucolava per attirare l’attenzione e farsi coccolare: alcuni apprezzavano, altri un pò meno… ma chi entrava in contatto con lui se ne innamorava.
Non era molto socievole con gli altri cani:  o meglio, lo era solo con chi diceva lui.
Cani equilibrati, non competitivi, nessuna differenza fra maschi e femmine: se la femmina era troppo esuberante o competitiva lui la rifiutava totalmente… ma era un gran cane comunque, che forse avrebbe dovuto vivere libero per poter comunicare meglio le sue intenzioni agli altri cani, come faceva in Sicilia.
Poldo era un cane… eccezionale come tanti altri. Ma era il mio compagno, il mio amico, e per me era un cane speciale.
A fine agosto ho seguito un seminario di Riccardo Totino e una cosa in particolare mi è rimasta impressa. Potrebbe sembrare una banalità, ma non lo è per niente, anzi, è alla base di ogni rapporto col cane: “Accettate i vostri cani con tutti i loro limiti e le loro positività… e da lì tutto cambierà”.
E’ grazie a lui che nell’ultimo mese e mezzo ho amato Poldo ancora di più di quanto lo amavo prima.
Ora lui non c’è più, da due settimane: e più passano i giorni, più mi manca.
Mi manca quel randagio che aveva scelto di essere il mio cane.

Articolo precedenteLa TV svizzera parla dei cani dell’Est (e l’Italia fa una figuraccia)
Articolo successivoUna cucciolata di molossoidi? Allevarla non è facile!

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

27 Commenti

  1. Grazie per averci raccontato di Poldo… mi sono commossa…
    Quando ho visto la foto in homepage ho avuto un tuffo al cuore: lo stesso muso del mio Ringo!!!
    Devo fare tesoro anch’io della frase che hai citato, nel nostro caso siamo noi che abbiamo scelto lui e, a volte, non è per nulla un cane facile (che emozione leggere di Poldo e del suo amore e fiducia in te!), ma è il nostro “lupo” e piano piano impariamo ad accettarci per quello che siamo!
    Un abbraccio a te e un pensiero per Poldo, cane davvero speciale, anche da parte del suo “fratellino” Ringo!

  2. Allora ho ragione… i lupastri neri figli di ignoti sono i cani più belli del mondo… 🙂 !!
    Grazie per aver condiviso la tua storia e grazie per quella frase che da oggi farò assolutamente mia.

  3. Sicuramente il mondo è bello perché è vario. C’è chi ci mette mesi e mesi per dire di si ad un cane sperduto e chi invece ci mette cinque secondi. Francamente sono contenta di appartenere alla seconda specie.

    • Per fortuna c’è anche chi, libero da ogni presunzione e arroganza, sospende, saggiamente e con un pizzico di sensibilità qualsiasi giudizio, perchè sa di non essere il protagonista di una storia, di non averla vissuta in prima persona, non ne conosce le difficoltà… Quanto è vero che il mondo è bello perché vario!

    • Carissima Donatella per fortuna io non faccio parte della tua categoria …e ne vado fiera…. Meno male che il mondo e’ vario

  4. Roberta …è una storia vera ed hai avuto la fortuna di vivere il tuo cane .Non tutti riescono ! Fa male …ti capisco …ho perso il mio vecchietto a luglio … Ti dico solo che il suo amore ti affiancherà x sempre ! Un abbraccio ed una preghiera x Poldo ….

  5. Accidenti Roberta, ma come hai fatto? Io non avrei resistito tanto, me lo sarei portata a casa subito (purtroppo son fatta così). La tua bella storia è commovente, ma ogni tanto, prova a fermarti…non lo senti? Lui non ti ha abbandonato, è sempre lì vicino a te!

  6. E’ incredibile, Poldo è uguale come una goccia d’acqua alla mia dolce meticcia di 1 anno! Stesso nero, stessi occhi, stesse orecchie e muso da lupetta… complimenti per la tua storia e un saluto a Poldo, RIP.

  7. Poldo mi ha sempre commosso…la sua predisposizione al contatto con le persone e la dolcezza con cui si faceva coccolare… Beh, ci stava anche qualche zampata per reclamare altre coccole della serie “dove piglio piglio, ma non smettere di accarezzarmi!”. Grazie cane nero, grazie tato, sei stato un gran cane…tvb stelin…

  8. Poldo mi ha sempre commosso…la sua naturale predisposizione al contatto umano, la sua dolcezza nel ricevere coccole…beh, anche qualche zampata per reclamare altre coccole se ci si azzardava a fare una pausa, della serie “dove piglio piglio, ma non smettere di coccolarmi!!”. Sei stato un gran cane Poldino, una fortuna esservi incontrati tu e Roby perché avete sperimentato l’unico amore che dura per sempre. Ciao cane nero…

    • Ci sono cani per i quali “guardarsi negli occhi” non significa -mi stai sfidando- ma “ci stiamo parlando”.
      Mi sa che Poldo era uno di quelli.
      Il mio lo chiamo “il mio cuore nero”.
      Il TUO grande cuore nero sarà sempre con te.
      Se mi posso permettere, non sapendo nulla di te ovviamente e quindi scusami se sembrerò inopportuna o insensibile, non lasciare vuoto lo spazio che era di Poldo. Ti ha insegnato cosa significa un cane, sarebbe un peccato.

  9. Donatella, quoto alla grande.
    Scusate, ma se una persona rende pubblica la sua storia, poi deve accettare anche le critiche o le opinioni di chi non condivide le sue scelte.
    Se questa persona avesse avuto motivi pratici o problemi vari per cui non poteva adottare Poldo, poteva tranquillamente spiegarli nell’articolo. Non l’ha fatto, e da quello che si legge sembra che per questa persona fosse semplicemente normale così. Che lui continuasse ad essere randagio.
    Cos’altro doveva passare ‘sto cane perchè se lo portasse a casa? Come altro ancora poteva chiederle di prenderlo con sè? Non lo so, io non avrei mai resistito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Potrebbero interessarti anche...