venerdì , 24 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Varie >> Cani sul web >> I “pit bull affamati” guidati dalla bambina

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


I “pit bull affamati” guidati dalla bambina

di VALERIA ROSSI – Mi chiedono un commento a questo video:

A quanto pare è diventato virale e impazza sul web, ripreso anche da diversi giornali, come il Corriere.
Il mio commento è uno solo: se si fosse trattato di sei golden, o di sei barboncini, nessuno si sarebbe minimamente filato questo video.
Invece sono sei pitbull, e allora la cosa “fa notizia”.
Perché? Perché i giornalisti sono i soliti pirla, ecco perché.
Perché a forza di dipingere i pitbull come cani killer, violenti, feroci, assassini e via pirleggiando, arrivano a stupirsi e a gridare al miracolo quando li vedono fare i cani.
Giusto per dover mettere un po’ di pepe anche nell’immagine tranquilla e serena di una bambina che controlla, sotto la supervisione della mamma, un gruppo di sei soggetti, hanno dovuto scrivere nel titolo che sono “pit bull affamati”.
Embe’? Certo che sono affamati, visto che è l’ora del pasto!
Dove sta il problema?
Sono affamati e la bimba gli dà da mangiare, dopo aver chiesto loro di sedersi e di aspettare l’ordine: la stessa cosa che succede ogni giorno in milioni di case che ospitano uno o più cani.
Se c’è una cosa curiosa, in questo video, è che i cani – in quanto cani, e non in quanto pit bull – non vadano in competizione sul cibo: conosco pacchi di cagnolini tutti tenerini che in una simile situazione si sarebbero scannati.
Qui, però, c’è dietro un buon addestramento… e c’è anche il fatto che sei pit bull convivano pacificamente, cosa che non riesce sempre così facilmente. Ma non è il caso di gridare al miracolo: si può fare. Non lo otterrà facilmente la Sciuramaria di turno (io stessa sconsiglio solitamente ai neofiti di prendersi più di un pit bull), ma un addestratore con una “buona mano” e una buona conoscenza della razza ce la può fare tranquillamente.
Cosa si evince, dunque, da questo video?
Che i pit bull sono cani. Wow! La scoperta del secolo.
Che, se ben gestiti, possono convivere pacificamente tra loro: altra scoperta del secolo.
Che una bambina di quattro anni può dare ordini a cani ben educati: terza grande scoperta.
Ma se erano tutte scoperte così rivoluzionarie, forse era il caso di sottolineare proprio queste, nei vari titoli che girano sul web: era il caso di dire che i pit bull sono cani come tutti gli altri, sicuramente più impegnativi di altre razze e sicuramente non facili da far convivere in gruppo… ma se si è bravi ci si riesce. Fine della storia.
La bambina è semplicemente carina e tenera: ovviamente non ha addestrato lei i cani, ma i cani ben educati/addestrati possono essere guidati anche dai bambini di casa, purché i genitori siano presenti e vigilino sul loro rapporto. Anche questo succede in continuazione, in milioni di famiglie.
Insomma,  questo è un video carino dal quale si può evincere l’abilità e la competenza dei proprietari dei cani: merce sicuramente rara, ma non certo così rara da gridare al miracolo.
Tutto il resto – a partire dagli “affamati” nel titolo – è la solita fuffa.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico