venerdì , 17 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Varie >> Storie vere >> L’amore non basta (ma guai se non c’è)!

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


L’amore non basta (ma guai se non c’è)!

Due mesi...
Due mesi…

di SERENA PAVESE – Spero che la mia storia possa servire ad altre persone a riflettere sull’importanza di prendere un cane. Ho desiderato per quattro anni il mio cane, che ora ha dieci mesi.
E’ un meraviglioso (per la mamma non può certo essere brutto!) Leonberger che si chiama Rhodry. L’ho sognato ogni notte e immaginato accanto a me ogni giorno per tutti questi anni: e ora che è qui accanto a me, posso dire che è proprio la mia metà mancante. Ma questo non vuole essere un racconto sdolcinato e nemmeno una lamentela.
E’ un racconto per mettere in guardia tutte le persone che desiderano un cane e pensano già di amarlo tantissimo, ma poi quando incontrano la realtà di tutti i giorni si deludono.
Non basta l’ ammooore: ci vuole immensa pazienza, coerenza e costanza.

Tre mesi...
Tre mesi…

Sono una ragazza di 22 anni. E le persone ogni giorno mi chiedono spiegazioni per questa mia strana scelta di vita.
Vivo da sola (da sola col mio infinito amore), lavoro e studio. La gente che mi incontra si stupisce che al passo, attaccato al mio ginocchio, abbia un bestione che ora pesa 52 kg, ma che in futuro arriverà a pesarne anche una ventina in più. E io accanto a lui, che sono 160 cm per 50 kg scarsi, stupisco: poi le persone mi danno della scellerata.
“Eh, ma se quello poi ti parte…!”
“Ma no, signora, non parte, glielo assicuro!”
Ma vaglielo a spiegare (e faglielo credere!) che anche se sembri una quindicenne hai la testa sulle spalle, che da quando il cane ha due mesi  gli fai fare educazione, che lui è un vero e proprio gioiello…
Il cane grosso… è grooooosso. Punto. Può offrirti anche il caffè quando ti avvicini, ma verrà comunque visto come un mostro assetato di sangue.
Inizialmente questo mi pesava.
Mi arrabbiavo quando cagnetti di nemmeno 10 kg cominciavano a sbraitare al solo vederci in lontananza, per poi sentire i padroni che prendendoli in braccio dicevano: “Ma che fai?! Quello ti sbrana!”. Il mio, più che guardarli e lanciare segnali di calma a mille, non ha mai fatto.Per non parlare delle persone che tirando urletti cambiano marciapiede.

Sei mesi...
Sei mesi…

Il cane ti fa socializzare? Non se hai un cane grosso.
Perché non ci sono solo quelli che hanno paura: ci sono anche persone che godono vedere i cani di media/grossa taglia litigare, quindi passeggiando aizzano i propri cani contro i cani degli altri.
Il cane ti fa socializzare? Non se sei una persona con del sale in zucca.
Non ti fa socializzare nemmeno quando la gente ti ferma per dirti che deve essere proprio difficile tenere un cane del genere e che dovrei andare in giro sempre con la museruola a portata di mano.
Alla fine mi sono detta che non ho bisogno di conoscere persone (non di questo genere, almeno…) e che preferisco credano che sia un cane pericolosissimo che non va toccato. L’ignoranza è un male che può essere curato soltanto se si vuole, e finchè queste persone non saranno loro stesse a porsi le giuste domande, continueranno a comportarsi così a prescindere da cosa io (o una persona come me) possa dir loro.
Ma Rhodry è un’imbranata e goffissima meraviglia, anche se mi fa saltare i nervi e ci vuole (l’ho già detto?) taaanta pazienza.
Viviamo in un appartamento, senza giardino ma con un ampio terrazzo. Lui fa i suoi bisogni fuori casa e questo comporta portarlo fuori dalle 3 alle 5 volte al giorno, passeggiando per un’ora in media.
Amare il proprio cane significa anche questo, portarlo fuori alle quattro di notte se ha la cagarella, portarlo fuori alle 8.30 anche se hai fatto le sei fuori con gli amici.
Vuol dire portarlo fuori anche se hai 38 di febbre o se fuori c’è un temporale che ti porta via la casa.
Amare il proprio cane significa rimodulare i propri tempi e le proprie abitudini.

Rhodry-9-mesi-dormeHo scelto un Leo perchè lo amavo tantissimo, con i suoi pregi e i suoi difetti. Quando si prende un cane non si può idealizzarlo, bisogna essere preparati al fatto che le cose possano andar storte, ma decidere di amare lo stesso.
Sono dovuta partire per Roma e dovevo starci tre settimane, avrei voluto andarci in treno e spendere meno della metà, ma ho guidato la macchina per dieci ore, perchè di certo non avrei lasciato Rhodry a casa (con chi poi? Un dogsitter?) e lui il viaggio in treno è meglio che non lo faccia (non per lui, ma per gli altri ahimè…).
Troppe persone prendono un cane senza saperne l’indole, troppe persone non si preparano veramente all’arrivo di un cane, troppe persone non lo amano abbastanza da scendere a compromessi.
In tanti mi hanno detto: “ma alla tua età, come fai?! Il cane è una zavorra, non ti permette di viaggiare, ti àncora qui quando alla tua età dovresti girare il mondo!”.

Sei mesi...
Sei mesi…

Ma loro che ne sanno del mio amore? Del nostro amore?
Ho sempre risposto che preferisco il mio cane al viaggiare e che una cosa non esclude l’altra: se voglio viaggiare lo farò tranquillamente con la macchina.
La verità è che un cane, quando lo scegli col cuore, diventa tuo figlio, diventa il tuo compagno, diventa il tuo cuore e non c’è cosa più importante.
Non c’è altra cosa che valga di più e ogni persona, prima di prenderne uno, dovrebbe farsi un esame di coscienza e chiedersi quanto è pronto e quanto può dare a lui, prima di pretendere.
L’amore non basta, ma è la benzina che deve muovere ogni passo, che deve muovere la consapevolezza.
Rhodry è il mio primo cane. Lo amo così tanto che non so dar fiato a ciò che ho dentro.
Ogni mia scelta è condizionata da lui, dalla sua presenza e dal suo benessere, perchè il suo è il mio.
Ringrazio ogni fatica di quei quattro anni perchè alla fine lui è potuto arrivare, ringrazio ogni giorno perchè lui è con me.
Pillola di saggezza: siate innamorati dei vostri cani, soltanto così ogni momento di debolezza o rabbia, d’un tratto, sembrerà solo una sciocchezza!

Rhodry-10-mesi-love

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico