giovedì , 23 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Razze >> Meglio un cucciolo oggi che una nuvoletta rosa domani

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Meglio un cucciolo oggi che una nuvoletta rosa domani

nuvolettadi KATIA POSTI –  Con mio marito e le mie bimbe avevamo deciso di arricchire  e migliorare la nostra vita inserendovi un cucciolo… sìììì, un cucciolo! Un tenero cucciolo da coccolare magari sul tappeto davanti al camino acceso… un cucciolo che si sgranocchia un ossetto sdraiato sul mio splendente parquet bianco… un cucciolo da veder correre in giardino tra i miei fiori… un cucciolo da portare a passeggio, rilassarsi ed osservare mentre si diverte a giocare con gli altri cani… insomma, questo mio roseo e sospirato sogno si stava per realizzare.

IMG-20150205-WA0009Durante le mie ricerche tra le varie razze che potevano vivere ed integrarsi al meglio nel nostro stile di vita, e gettando sempre uno sguardo ai cuccioli dati in adozione dal canile, si fa spazio la voce di mio marito che, con tono pacato e gentile, quasi commosso, mi vuol mettere a conoscenza di un suo desiderio.
E’ un desiderio che si porta dentro fin da bambino (povero piccino), quando durante una passeggiata al parco rimase folgorato alla vista di un cane maestoso, regale, imponente, che da seduto lo osservava con quei suoi grandi occhi penetranti, con quel suo lucente pelo color nero… insomma, il bambino di 30 anni fa si era imbattuto in un Cane Corso e questo era oggi il suo desiderio: avere un Cane Corso maschio. Provai un brivido.
La razza non la conoscevo, ma ebbi la sensazione che alla mia bella nuvoletta rosa confetto, fatta di fiori, tappeti, parquet bianco e gioiosi giochi tra le pratoline, dovevo apportare qualche cambiamento.

20150109_104649Colpita e commossa dal ricordo e dal desiderio di quella volpe di mio marito, mi lascio convincere ad andare a visitare qualche allevamento per familiarizzare con la razza.
Dopo il primo allevamento… appena dico alla volpe (sempre mio marito) che forse, essendo io neofita, una femmina sarebbe meglio… la mia già modificata nuvoletta rosa prende uno strano colore grigio (la nuvoletta certe cose le sa!).
La volpe non desiste ed una grigia domenica mi porta in visita a Velletri: tra la campagna ci aspetta un ragazzo con dei suoi amici. Percorriamo strette stradine sterrate, il cielo si fa sempre più scuro (anche la mia amata nuvoletta), arriviamo in una casa e da un casotto esce lui: un cucciolotto di 3 mesi, nero lucente,  scodinzolante. Ci corre incontro, si prende le coccole di mio marito, le carezze delle mie bimbe.

20150204_112747Nel frattempo il tempo peggiora, sta per piovere. Il Volpone ha creato l’ambiente perfetto: è buio, fa freddo, piove, l’allevatore ed i suoi amici mi guardano in silenzio. Mio marito mi guarda… le bimbe mi guardano… io vorrei salutare, ringraziare e tornare a casa a bere un tè, ma non posso, perché lui è lì fermo che mi osserva con i suoi occhioni e fa freddo, molto freddo e piove… e lui è lì.
Ce l’avrà un lettino comodo? Sicuramente no…
La crocerossina-mammina che è in me prende il sopravvento: la mia ormai nera nuvoletta sta minacciando temporali.
Torno alla realtà, faccio un ghigno alla volpe e dico: “non abbiamo i soldi con noi!”
I ragazzi prontamente ci indicano un bancomat a pochi metri (bancomat: quando ti serve devi camminare per km, quando non lo vuoi è lui che ti insegue).

20150125_180826Il cucciolo ormai mi è vicino: sulla mia nuvoletta piove a dirotto..
Mi vien da ridere… e il cucciolo, ormai, fa parte della famiglia!
Ora Hero è con noi da quasi 3 mesi. Ci sediamo sul tappeto davanti al camino e Hero mangia il tappeto, fa puzze da togliere il fiato e mi distrugge maglioni pantaloni e mani.
Corre nel prato tra i miei fiori, si ferma, li assaggia, li sdradica, li mangia e li espelle.
Sgranocchia un osso di dinosauro sul mio parquet – coperto dai molti tappeti che consentono ad Hero di non scivolare – che ormai è di un biancastro opaco e graffiato… e quando andiamo al parco a giocare bisogna essere veloci ed attenti a non farsi prendere sulle rotule dal cucciolo che gioca con i suoi amici.
Però, appena Hero ha messo la zampa sul mio parquet, mi sono messa alla ricerca di un buon educatore: l’ho trovato ed il mio cucciolo avrà, spero, un buon leader da seguire ed un ottimo inserimento e proseguimento nella sua famiglia adottiva.
Questa è la nostra storia, questa è la mia vita ed inutile dire che il bambino che viveva in mio marito è un bimbo felice, che la crocerossina-mammina che vive in me si è rasserenata, che le mie figlie hanno un valido compagno di marachelle e che  la mia desiderata nuvoletta rosa oramai è nera… ma in fondo il nero e le 100 sfumature di nero non sono poi così male.
Ah, dimenticavo… vi do un consiglio: il rosa confetto… lasciatelo alle meringhe!
Io ormai ho capito che nella vita ognuno di noi  ha il cucciolo che si merita: ed io un cucciolo di cane corso me lo sono proprio meritato.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico