lunedì 26 Ottobre 2020

I perché cinofili: perché il cane rizza il pelo?

Dello stesso autore...

I perché cinofili: perché il cane sbava?

di VALERIA ROSSI - "Perché" richiesto da un'amica su FB, a cui si possono dare diverse risposte a seconda del fatto che il cane...

Ti presento il… Volpino italiano

di VALERIA ROSSI -  Si potrebbero girare diversi film sul volpino: "Un italiano in America", "Un italiano in Germania", "Un italiano in Danimarca"... e...

Da grande voglio fare il cinofilo…

... ma come, dove, con chi? Domande difficili per un mondo difficile.

Ti presento il… Bullmastiff

di VALERIA ROSSI - Me ne sono trovata davanti una bella coppia a "Cronache animali", e ho pensato "Oddio, possibile che non abbia mai...
Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

di VALERIA ROSSI – La piloerezione (o orripilazione) nel cane fa parte dei “segnali di guerra”: questo lo sanno praticamente tutti, tant’è che è piuttosto comune sentir dire “uhmm… ha il pelo dritto, io non mi avvicinerei”.
E’ meno frequente sentir dire “poverino, ha il pelo dritto, quindi ha paura”: eppure è proprio la paura – o quantomeno l’insicurezza – a causare più frequentemente la piloerezione nel cane.
In realtà dipende anche dalla zona interessata: se il pelo di drizza soltanto sul collo e sulle spalle può trattarsi di un segnale di sfida da parte di un cane sicuro di sè (o che si sforza di sembrarlo: la sfumatura è sottile e non sempre chiaramente comprensibile). In questo caso lo scopo è soprattutto quello di “sembrare più grosso” dell’avversario, nella speranza di incutergli timore.
Se il pelo si rizza lungo tutta la colonna vertebrale il cane è invece insicuro/spaventato.
Se si rizzano piccole porzioni di pelo (solitamente tra le scapole e alla base della coda) il cane è probabilmente solo eccitato, ma anche un po’ insicuro (lo si vede spesso all’inizio di un gioco, specie nei cuccioli).

pilogatto2Ma come e perché avviene questo fenomeno?
Il meccanismo è lo stesso della “pelle d’oca” umana: è dovuto ad una reazione dell’epidermide che induce i pori piliferi a restringersi, causando così l’erezione del pelo. Noi lo sperimentiamo soprattutto in caso di freddo intenso, ma anche in presenza di emozioni intense (“questa musica è stupenda, mi fa venire la pelle d’oca!”), perché il sistema nervoso e la cute sono strettamente collegati.
Nel cane è più rara l’orripilazione da freddo, mentre è comunissima quella emotiva (come nel gatto, che quando è spaventato o irritato si trasforma in una vera e propria “palla di pelo” ritto. Ma il fenomeno avviene anche in altri animali, come topi, ratti e scimpanzè).
L’orripilazione, nel cane come nell’uomo, non è volontaria… quindi è inutile dire al cane “abbassa la cresta!”, perché lui non è consapevole di averla rizzata!

Nella stessa categoria...

1 commento

  1. Buon dì! Ho letto in un libro, ma tra i tanti davvero non ricordo quale (cmq appena ho un po’ di tempo cerco!), che la piloerezione nella regione collo-spalle può essere volontaria: sarebbe il caso in cui il cane volesse sembrare più grosso per i motivi che hai già scritto. Invece, sempre secondo l’autore di quel testo, la piloerezione dorsale, fino a quella sopra alla coda, è sempre involontaria. Attenzione, ciò non vuol dire che quella nella zono collo.spalle sia SEMPRE volontaria! 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Diretta gratuita: “Rapporto: che cos’è e come si costruisce”

Dopo la grande partecipazione alla diretta del 14 Ottobre, che pur essendo stata dedicata solo agli iscritti al nostro gruppo Facebook e...

Coppa Oliver 2020: com’è andata

Tra Sabato e domenica scorsi, si è conclusa la stagione di lavoro in acqua in Italia. Un immenso GRAZIE a tutti quelli...

Origine e storia degli IAA: le tappe principali

Da sempre l'uomo nel corso della storia è stato affiancato dalla presenza degli animali: oltre ad essere importanti forme di sostentamento, utili...

Webinar “Dinamiche di branco”, disponibile il replay

Giovedì 15 Ottobre si è svolto il webinar Dinamiche di branco, dove per la prima volta infatti abbiamo avuto ben 3 conduttori...

Webinar “L’etogramma del cane”, disponibile il replay

Sono ripresi gli appuntamenti con le dirette dei webinar e Giovedì 1 Ottobre si è svolto quello a tema L'etogramma del cane.L'etogramma...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,852FansMi piace
559FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Tra...
00 Giorni
00 Ore
00 Min
00 Sec
Expired
Si terrà il webinar "La gestione delle risorse"
Scopri di più!

Condividi con un amico