giovedì , 30 marzo 2017
Home >> Umorismo >> Quelli che... >> Quelli che… la cinofilia è bella perché è varia

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Quelli che… la cinofilia è bella perché è varia

di VALERIA ROSSI – Siamo tutti cinofili, in un modo o nell’altro. Allevatori, educatori, addestratori, espositori, toelettatori, volontari… avete mai pensato a quanti satelliti ruotano intorno al grande Pianeta Cane? E tutti, solitamente, passano le giornate a scannarsi l’un l’altro.
E’ un fenomeno quasi paranormale, visto che dovremmo essere tutti uniti dalla stessa passione: ma tant’è… siamo umani, e gli umani senza scannarsi non possono proprio stare.
Poiché con me ci si scannano in tanti, visto che grazie a questo sito sono un bersaglio facile e ben visibile, ieri sera avevo preparato un articolo quasi serio che, oltre a stigmatizzare certe campagne mediatiche, verteva anche sull’argomento “mappecchécel’hannosempreconme”, di cui non frega probabilmente uno stracazzo a nessuno ma che mi serve per sfogare la mia caldaia interiore quando il livello del vapore sale oltre ai livelli di guardia (Shining docet).
Però non lo pubblico ancora, visto che oggi devo andare a Roma e quindi non potrei star dietro a commenti e pareri: lo metterò online domani.
Stamattina preferisco prenderla in ridere e citare, così a caso, un po’ di personaggi-tipo della nostra cinofilia.
Per esempio…

Archimede1QUELLI CHE…  l’hanno inventato loro (come, “che cosa”? TUTTO!)
Tu nomina un qualsiasi metodo, una pratica, un termine, e vai tranquillo che qualcuno salta fuori a dire che l’ha inventato lui. Anche se esiste da un paio di secoli, e il presunto inventore di anni ne ha quarantadue. O venticinque.
Ma non basta, perché la sequenza è più o meno questa: X dice/scrive una frase parlando di una teoria scientifica, o di una tecnica, o di qualsiasi altra cosa vi venga in mente: Y sostiene che X “gliel’ha rubata” perchè l’ha inventata lui, ma subito salta fuori Z a dire che sì, magari Y ne ha parlato in giro per primo, ma solo perché gliel’aveva fatta conoscere lui  (…e potete pure proseguire ad libitum. Oddio, andando abbastanza indietro nel tempo magari si arriverebbe a quello che l’ha inventata davvero… solo che di solito è morto e quindi su FB non appare).
Io annuncio ufficialmente che non ho inventato un cazzo: che sia ben chiaro all’intero universo creato.

relativitaQUELLI CHE… si autocitano a quattro palmenti
Ci sono quelli che si fanno la fotina figa, ci scrivono sopra una bella frase ad effetto, se la firmano e godono.
Se l’autocitatore è un Guru c’è sempre qualcuno che condivide, e vai di goduria multipla.
Ma questo è ancora niente, perché poi ci sono gli autocitatori scientifici: e questi mi fanno mori’.
Cioè: mettiamo che io, in un mio libro del 2010, abbia riportato una frase di Eberhard Trumler (che come i miei lettori sanno, è il mio mito per quanto riguarda l’etologia canina). Poi, nel 2015, riscrivo la stessa frase in un articolo con la seguente nota bibliografica: (Trumler, 1970 – Rossi, 2010).
Normalissimo, no?!?  E se citassi, che so, la teoria della relatività? Poi potrei mettere la nota che vedete nella foto!
Ma dài… non lo trovate bellizzzzimo?
L’autoreferenza (o la faccia da tolla?) spinta a livelli inimmaginabili: ma che figata è?
Sono sinceramente ammirata.

complotto
QUELLI CHE… sono vittime del Grande Complotto
Ovvio che, se inventi di tutto e di più, poi qualcuno ti scopiazza. Non c’è scampo.
Però ci sono curiosissime variazioni sul tema.
Per esempio: pochi giorni fa mi è stato segnalato da una lettrice che un tizio a me del tutto sconosciuto aveva copincollato pari pari un mio articolo su un gruppo di FB che vede come protagonista un cane da caccia. Per questo, probabilmente, il tizio pensava che non ci sarei mai finita sopra. E aveva ragione, perché infatti non ci sono finita: ma la lettrice sì. L’ha pescato in castagna, gli ha fatto notare che l’articolo era copiato da Tpic… e lui cosa ha risposto? Che in realtà l’aveva scritto lui, come moooolti altri articoli, compresi “molti standard”, pubblicati su “Ti presento il cane” (spero parlasse dei  miei “Veri standard” umoristici e non di quelli di razza, che vengono redatti dalle Società specializzate del Paese d’origine).
Insomma, sarei stata io a copiare lui!
Peccato che l’articolo che ha ravanato fosse del 2011 e che lui avesse sostenuto di averlo scritto “così come gli veniva”, pochi giorni fa. Ma queste so’ sottigliezze.
E soprattutto, questo è nulla al confronto di colui a cui vengono copiati libri ed opere varie che non sono mai stati pubblicati!
Anzi, lui sostiene che il motivo per cui non li ha pubblicati sia proprio questo: glieli hanno copincollati cani e porci.
Ma se non erano ancora usciti, come cazzarola hanno fatto?
Venghino, venghino, signori e signoreeeee! Solo su Facebook, in anteprima mondiale… l’invenzione più rivoluzionaria di tutti i tempi cinofili: il plagio telepaticoooooooo!!!

cartellinoQUELLI CHE… la coerenza prima di tutto
Qui c’è da stra-spaziare: si parte da chi lancia anatemi contro il collare a strangolo e poi pubblica DVD con foto di cani che lo indossano e si arriva a chi lancia gli stessi identici anatemi e poi va ad insegnare ai corsi ENCI, dove il collare a strangolo è considerato un normalissimo strumento tecnico. Per tacer degli educatori gentilisti che vengono fotografati mentre fanno un attacco col collare a strangolo… quando gli addestratori kattivissimi, per fare gli attacchi, normalmente usano la pettorina.
Carramba, che sorpresa!
Ma ancora una volta, questo è niente: perché il top della coerenza viene sicuramente raggiunto dai gruppi di FB che “sono per la condivisione”, “amano il confronto”, “sono aperti al dialogo”… e poi bannano il primo che osa dire “sì, ma…”.
Un MA è più che sufficiente per il cartellino rosso.
Per un “non sono d’accordo” può partire l’anatema, con maledizioni a te e a tutta la tua discendenza.

QUELLI CHE… perculano la gente che scrive su Facebook invece di lavorare coi cani.
Eheheh… (risatina sadica) … si vede che non hanno niente da fare. Hanno i campi vuoti. Non ci va un cane che sia uno“.
Peccato tutto questo lo scrivano… dove? Ma su Facebook, ovviamente!
Dove li trovi dalle 00.06 del mattino alle 23,59 di sera.

likeditoneQUELLI CHE… per un piede servono almeno sette-otto scarpe.
Bacheca di X: “Y è cretino, non capisce un cazzo di cani, dovrebbe andare a cavar patate!”
Commento di Pincopallino: “Sì, è vero, non mi piace quello che dice!”. Clic su “Mi piace”.
Bacheca di Y: “X è un idiota, non capisce un cazzo di cani, dovrebbe andare a raccogliere ravanelli!”
Commento di Pincopallino: “Hai ragione, non sono per niente d’accordo con quello che dice”.
Clic su “Mi piace”.
Bacheca di Z: “Avete letto come si scannano tra loro X e Y? Che due deficienti, andassero a seminar carote!”
Commento di Pincopallino: “E’ vero, hai ragione, queste liti sono la rovina della cinofilia!”. Clic su “Mi piace”  e cuoricino aggiuntivo.
Ah… ovviamente Pincopallino è amico di X, Y e Z. E ognuno di loro è convinto che rimanga amico degli altri due “per spiarli”, visto che gli copincolla in privato tutti i loro messaggi: in realtà, con tutti gli ortaggi che vengono menzionati, forse spera solo di farsi, prima o poi, una minestra di verdura. Altrimenti non si spiegherebbe.
Di fronte a cotanti personaggi, comunque, a me vien voglia di usare il particolare “like” riportato qui sopra.
Non so a voi.

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico