domenica , 19 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Salute >> Igiene bellezza toelettatura >> Consigli di Toelettatura (ovvero: quale dottore vi ha prescritto di comprarvi il maltese?)

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Consigli di Toelettatura (ovvero: quale dottore vi ha prescritto di comprarvi il maltese?)

11082818_10153174529202505_1050902082_ndi EVA OZAN – Ebbene sì: anche se il titolo può far sorridere, la cosa a me non fa ridere per niente. Faccio la toelettatrice commerciale da ormai sette anni; non quella dei cani ultrafighetti scintillanti e bigodinati da esposizione, ma quella della gente comune e ahimè delle tanto conclamate sciuremarie detentrici del cane modaiolo del momento.
Una volta c’era il nobile e artritico pastore tedesco, in tempi più recenti ci fu il periodo dei jack russel spaccatutto e degli intramontabili pitbull… ma ora! Ora è il momento del Maltese!!!
Non so bene da dove nasca questo amore spassionato per il tenero cagnolino bianco, ma quando so che sta per arrivare un nuovo cliente mi faccio il segno della croce e vi spiego perché: il Maltese è più che mai un piccolo cane docile e dal carattere giocherellone, adatto a tutti i tipi di persone, che abbiano bambini o meno. L’essenziale, però – e questo forse non ve l’hanno mai detto – è che tutti i tipi di persone vanno bene SOLO SE dotati di pettine e di una cosa che si chiama buon senso!
Tutti i cani a pelo lungo infatti, e specialmente il maltese, hanno bisogno di una toelettatura casalinga adeguata, al limite del giornaliero.
11079132_10153174529237505_1328588261_nProvenendo da una formazione di tipo comportamentale, nel mio modo di lavorare ho sempre dato molto peso alla parte educativa: spiego perciò l’importanza di un imprinting iniziale molto positivo anche nei riguardi delle pratiche di pulizia e di manipolazione. Portare cuccioli già dai tre mesi in toeletta li aiuta ad abituarsi ai rumori, all’acqua, ad essere spazzolati ed asciugati a dovere anche da un estraeo.
Un utile consiglio che vale per qualsiasi cane è di scegliere all’interno della casa uno spazio o un tavolino dove abituarlo a una “sessione” di grooming, in modo tale che percepisca il messaggio che è arrivato il momento, sempre calmo e positivo, di essere puliti.
Bisognerebbe evitare quindi gli assalti a sorpresa con la spazzola fra i denti o le pulizie delle orecchie mentre dorme (così non se ne accorge!).
Pulizia non significa sempre guerra!

Perché prendere un Maltese per poi lasciare che si riduca così? L'unica salvezza sta nella tosatura totale.
Perché prendere un Maltese per poi lasciare che si riduca così? L’unica salvezza sta nella tosatura totale.

Per quanto riguarda i prodotti, è essenziale che si usino di altissima qualità (assolutamente vietati prodotti da supermercato di note marche ciofeche), sia per shampoo che per antiparassitari.
Detto ciò, se un cane viene lavato bene e asciugato altrettanto bene, e non me ne vogliano i veterinari più rustici, il cane può essere lavato anche una volta al mese.
Una cosa da non dimenticare mai è l’asciugatura interna delle orecchie per evitare otiti: MAI introdurre acqua o alcol per pulire eventuale cerume, ma utilizzare solo prodotti appositi.
L’antico rimedio casalingo di utilizzare acqua e aceto per pulire il pelo si rivela utile per eliminare odori forti come rotolamenti su cadaveri o feci di altri animali (ehhh lo fanno, lo fanno…) o semplicemente per dare una sgrassata tra un bagno e l’altro. Esistono cani, però, per i quali il discorso bagnetto è più complicato: sono tutti quelli che hanno una pelle estremamente delicata e sono allergici a tutto (soprattutto cani bianchi: bull terrier, bulldog, dogo argentino eccetera), per i quali è sempre meglio scegliere uno shampoo dermatologico con clorexidina o lenitivo, meglio se consigliato dal veterinario (meglio ancora se dermatologo).
È bene sapere anche che non è detto che basti questo accorgimento per non avere reazioni: purtroppo alcuni di questi cani non sopportano nemmeno questo e avranno qualche bollicina e arrossamento nei giorni successivi. Non uccidete il toelettatore per questo, vi prego: a volte ce la mettiamo tutta, ma non basta!
Sugli antiparassitari invece c’è molto da dire. Ne esistono ormai svariati tipi, sia naturali che chimici. Bisogna fare attenzione in linea di massima a rispettare un tempo di assorbimento di almeno due giorni prima o dopo una toelettatura, dopodiché uno spot on (fialette) ha la durata di un mese, mentre un collare tipo Seresto può essere messo subito e dura più a lungo.
Sarebbe corretto e di buon senso non portare mai in una struttura per cani e gatti un animale totalmente infestato dai parassiti, per due motivi. Il primo è che non esiste uno shampoo in grado di levarle tutte e quindi è meglio procedere solo DOPO aver iniziato un trattamento con i farmaci; il secondo è che per quanto una toeletta può essere pulita non è giusto che un altro cane si possa predere pulci o zecche da quello che è passato prima.

Come può camminare un cane con delle unghie così?
Un cane con delle unghie così conciate proverà dolore ad ogni passo.

In conclusione, cercate di capire che un cane lo abbiamo scelto noi come compagno di vita; che viva all’esterno o nel nostro letto, ha bisogno di essere curato e rispettato sia nel corpo che nella mente.
Se viviamo in città non lasciamo che sia annerito dallo smog o dagli scarichi delle macchine che nulla hanno di naturale.
Se avete un husky o un cane dal pelo folto, non lasciate che viva la maggior parte dell’anno con la lana impastata addosso senza pettinarlo: ciò non permette la termoregolazione che la natura gli ha regalato.
Se avete un gatto, poi, non lasciate che diventi una belva assassina che uccide qualsiasi essere umano si avvicini con un pettine in mano: abituatelo ad essere pettinato anche sotto la pancia fin da piccolo.
Non permettete alle unghie del cane di crescere oltre il dovuto: camminare con dolore ogni istante della giornata non è bello.
Prendersi cura di loro, sotto ogni aspetto, è amarli e rispettarli facendo in modo che possano vivere a pieno la vita che noi abbiamo scelto per loro.

11092675_10153174531092505_78201230_n

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico