sabato 4 Luglio 2020

Grandi e piccoletti: chi è più “pericoloso”?

Dello stesso autore...

Il porco

Valeria ci ha lasciato il 26 Maggio del 2016. Dopo il suo ricovero in ospedale aveva iniziato a scrivere questo testo, con...

I perché cinofili: perché il cane sbava?

di VALERIA ROSSI - "Perché" richiesto da un'amica su FB, a cui si possono dare diverse risposte a seconda del fatto che il cane...

Ti presento il… Volpino italiano

di VALERIA ROSSI -  Si potrebbero girare diversi film sul volpino: "Un italiano in America", "Un italiano in Germania", "Un italiano in Danimarca"... e...

Da grande voglio fare il cinofilo…

... ma come, dove, con chi? Domande difficili per un mondo difficile.
Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

di VALERIA ROSSI – Qualche tempo fa abbiamo ri-linkato su FB un vecchio articolo sui cani che diventano aggressivi al guinzaglio: nei commenti una lettrice sosteneva che avendo lei un cane piccolo (barboncino, nella fattispecie) non avrebbe dovuto preoccuparsi della sua educazione (perché tanto non avrebbe potuto far danni). Solo i proprietari di cani di taglia grande, secondo la commentatrice, sarebbero tenuti a preoccuparsi di saper gestire il proprio amico.
Una mentalità tanto distorta quanto diffusa, che poi porta ad episodi come quello che mi è stato raccontato su FB proprio ieri:

amstaff_morsa

Ho un’amstaff che non essendo molto socievole con le altre femmine tengo sempre sotto stretta sorveglianza e soprattutto al guinzaglio, non più lungo di un metro. Beh, sabato la volevo portare al fiume e subito si sono avvicinati due cani di piccola taglia, sciolti.  Quando ho capito che uno dei due era femmina, il danno era fatto. Si sono attaccate di brutto. La mia ha subito lievi danni, l’altra non saprei. Il proprietario per diversi istanti ha anche esitato ad aiutarmi, mentre io cercavo di dividere i cani. Vorrei che la mia storia facesse capire alla gente che non è sempre colpa dei molossi e che anche i cani piccoli vanno venuti a guinzaglio: perché poi si legge sempre di quando i molossi attaccano, ma MAI di quando vengono attaccati.

La foto mostra le escoriazioni sul muso dell’amstaffina.
Ora, lo ripeto per l’ennesima volta: i cani SI TENGONO SOTTO CONTROLLO, punto. Di qualsiasi taglia e di qualsiasi indole siano.
Si deve socializzare e si deve assolutamente educare anche il microcane; e se non si è assolutamente certi che abbia un richiamo impeccabile lo si tiene al guinzaglio (possibilmente non al flexi di novanta metri: a un guinzaglio “normale”, lungo max un metro e mezzo, come peraltro prevede anche la legge).
Non importa neppure che il vostro cagnolino “sia buono”: perché potrebbero non essere buoni gli altri… e se il cane “non buono” è legato, il vostro va ad annusarlo e viene aggredito, la colpa è solo vostra perché non l’avete saputo custodire e controllare.
Inutile criminalizzare il cane “a peso”, perché non è la taglia a contare: sono l’intelligenza e la coscienza civica dell’umano a fare la differenza.
Chi lascia i propri amici liberi di andare a rompere le palle a chiunque solo perché “tanto sono piccoli”, o “tanto sono buoni”, è un irresponsabile. Senza se e senza ma.
E se il suo cane si fa male è colpa sua e solo sua.
Mettetevelo tutti in testa, per favore.
Il cane piccolo va tenuto sotto controllo addirittura PIU’ di uno grande, perché è lui che rischia la pelle in caso di rissa: e la sua pelle è sotto la vostra responsabilità, non sotto quella del resto del mondo.
Se un cane grande può essere “pericoloso” per gli altri, il cane piccolo – specie se aggressivo, ma non solo! – è pericoloso per se stesso: per questo chi sostiene di amarlo (“come un figlio!”, il grido di guerra della Sciuremarie) deve anche controllarlo. Se non lo fa, e se succede qualcosa, è colpa sua.
Lo è per la legge, ma soprattutto dovrebbe esserlo per la sua coscienza.

Nella stessa categoria...

16 Commenti

  1. Ci lamentiamo per il poco spazio che ci danno per far sgambare i cani e ora leggo che anche tra padroni vogiliamo limitarci.
    Io credo che noi padroni conocíamo bene il nostro Cane e credo anche che se sappiamo che il nostro Cane non tollera Altri cani……Allora bisogna dotarli di musaruola.
    Poi è anche Vero che esistono cani micro che spaccano i Maroni……..ma se non mordono dobbiamo cercare di tollerare tutto.
    Io sono proprietario di una cagnetta di taglia media 18 kg quindi so benissimo che quando si gira e si incontrano cani liberi ….esistono imprevisti.
    La mia fortunatamente é una pistolotta che si fa atterrare dai cani micro e vivo tranquillo.
    Se si ha la sfortuna di avere un cane aggressivo bisogna prenderne atto ed evitare luoghi frequentati dalla massa dei padroni di cani che li fanno sgambare e se si decide di volerci andare……allora bisogna dotarsi di musaruola .
    Inutile Andare al parco, al fiume o in altro posto dove far sgambare le bestiole senza musaruola se si sa gia che può mordere per intolleranza

    Ristoranti, strade e locali pubblici…concordo il guinzaglio per tutti…anche i criceti

    Con stima ed affetto
    Roberto

    P.s. Non limitiamoci……c’è già chi ci pensa

  2. STRAQUOTOOOO!!! Io ho una pitbull mix che tengo al guinzaglio e quindi è innoqua se newssun cane libero cerca di aggredirla o le rompe x annusarla o zamparla o altro quando lei dimostra di NON VOLERLO (ovvero sempre, adora solo la sorellastra).. molte volte microcani con tendenze suicide e liberi le sono saltati in bocca e meno male che so come farglieli mollare piuttosto illesi se nessuno mi ostacola sklerando o giocando col cagnetto al tiro alla fune quando è in bocca al mio cane (sopo esserci saltato lui, la mia è legata, il peggio che può fare se non si avvicinano è ringhiare o mettersi su 2 zampe e fare casino).. prendo ogni precauzione x evitare incidenti, ma contro la stupidità altrui ci si può premunire e statre attenti solo fino ad un certo punto e non voglio mettere senza ragione la museruola fissa al mio cane rischiando che venga ferita da altri cani piccoli o grossi solo perchè può capitare che ci sia gente ifdiota..io se capita un incidente farò di tuto x l’incolumità dell’altro cane, cercherò sempre di evitare ogni rischio plausibile di incidente, ma di + non posso fare! ..e mi scoccia che se capittasse qualcosa di + fdi un cane spaventatop ed escoriato (magari x compa di un proiprietario che peggiora le cose) a venir additata come cattivona sarebbe la mia e io quando noi rispettiamo la legge e ci comportiamo bene, come non vorrei mai che la mia razza preferita venisse infangata da qualche scribacchino x un incidente che può capitarmi mio malgrado nonostante tutta l’attenzione con cui ho educato e porto a spasso il mio cane!

  3. A me succede il contrario: cani molto più grandi della mia bassotta (di 5 kg – niente di più facile…) spesso non troppo amichevoli lasciati liberi di avvicinarsi agli altri cani come se niente fosse…
    Ogni passeggiata è un incubo: non si sa se si torna a casa vivi (anche i piccoletti – termine politically correct – io chiamo la mia simpaticamente “sorcio”). Tutti i cani (anche quelli equilibrati hanno diritto ad avere le loro antipatie, indipendentemente dalla taglia. non è che se un cane piccolo ne provoca uno grande (in generale, non da libero senza essere controllato) è per forza un microcane bambinizzato della Sciuramaria non scolarizzata (ancora un paio d’anni ed entrerà nei vocabolari della lingua italiana, secondo me!). E viceversa (per i cani di taglia grande).

    Per un giorno di sono trovata dalla “altra parte” (avevo al guinzaglio una cagnolona – oltre alla mia – ed eravamo intente a bere da una fontana pubblica…). Arriva il simil jack Russell (amico della mia…per fortuna)slegato…non oso pensare se al posto di due femmine avessi avuto un maschio….per un attimo ho pensato:”Se si prende un morso son contenta…”. Davvero, è stato per un attimo soltanto…

    Io non avrò mai più (almeno “sulla carta” – si può sempre cambiare idea) cani sotto i 30 kg con struttura “fine” (se si può dire) e pelo corto…troppa paura che finisca male!
    Fino ad un certo punto ho sempre pensato: meglio avere il cane aggredito/morsicato che il contrario….dopo aver sperimentato sul campo (per immensa fortuna ho ancora qua la mia bassotta) non so se la penso ancora così…

    • p.s. un’altra cosa che non capirà mai è questa: perchè i proprietari di cani grandi, vedendo la mia in giardino che abbaia e tira su il pelo (quindi con intenzioni poco amichevoli, diciamo) DEVONO (mi succede spesso) fermarsi davanti alla rete col loro cane che non dice nulla a guardare la scena e, se, ci riescono, far avvicinare il muso del loro cane alla recinzione? non ci riescono quasi mai, perchè quando la mia abbaia c’è sempre qualcuno in casa, che può controllare dalla finestra cosa succede e intervenire….(da sola fuori non ci rimane mai, troppo pericoloso per molte cose…)…ma che senso ha? a me non fa ridere….

      • Io alcune volte faccio qualcosa di simile… ma lo faccio a scopo “addestrativo “.
        Ho un bel molossone, un simil-corso che quando passiamo davanti a un cancello con un cane che abbaia tende a cercarsi la rissa… quando mi capita, se è caso, cerco di sfruttare la situazione per fargli capire che non deve rispondere alle provocazioni (anche perché di provocazione non si può parlare visto che è normale che un cane dentro casa sua ti abbai contro), e allora mi piazzo lì davanti e lo faccio stare seduto finché non si calma (di solito pochi secondi).
        Ma se il mio cane passa tranquillo davanti al cancello senza badare all’altro cane non vedo l’utilità di fermarsi lì, e mi sembra ancora più stupida (e rischiosa) l’idea di fargli avvicinare il muso…

      • anche quelli con i cani piccoli spesso si bloccano x chissà quanto davanti a una recinzione o una porta a livello strada con dentro un grosso cane incazzato e fanno sostare ad annusare o pisciare e cagare i loro cani facendo imbestialire il cane dentro (o lo lasciano ogni volta libero li davanti, e parlo di un parcheggio di motorini davanti ad una strada in centro città non di una zona rurale, pur sapendo che si metterà a rigare la porta del malcapitato ringhiando e facendo fare lo stesso al cane dentro)..te lo assicuro: mi capita spessissimo..non sai quante pisciate di cani da meno di 10kg mi trovo sulla porta di casa con la pitmix che schiuma di rabbia e si sfoga sul suo pneumatico!

    • ho una pitmix di 20kg abbondanti e devo dire che concordo: certo avere un cane un un certo potenziale offensivo può essere stressante, ma alla fine uno deve solo fare tutto il possibile sia x essere in regola che x controllare il proprio cane e cercare in ogni modo di evitare che un cagnetto con intenzioni suicide gli salti in bocca, e se proprio capitasse sapere come intervenire celermente x farlo espellere il + rapidamente e il + illeso possibile..x il resto è meno probabile trovare liberi cani che possano arrecare gravi danni a un cane di taglia media di tale tipologia (non perchè sia una macchina da guerra anche se sa difendersi ma perchè sono + quelli con microcani isterici che li mollano comunque in aree assolutamente non idonee di quelli che mollano grossi cani skizzati in centro città)…e questo devo dire che tranquillizza una mamma chioccia come me… ..credo che se avessi un cagnetto mi sentirei alquanto apprensiva soprattutto se x indole non amasse gli altri cani e tendesse a provocarli anche quando è al guinzaglio..alla fine preferisco i cani + grossi e forti (ma mi piacciono e taglie medie, sono bassa e mingherlina, un cane di 40kg peserebbe quasi quanto me e sarebbe sconsigliabile), almeno mi sembra di dover controllare meno cose x mantenere tutto al sicuro, e che qualsiasi cosa succeda almeno il mio animaletto rischi meno, soprattutto se seguo, come faccio, tutte le regole…
      .

  4. Giorno 1:
    Una mia amica, CC (il mio meticcio di due anni e mezzo di 12kg) ed io ci prendiamo una birra fresca sedute alla tavolino esterno di in bar (ovviamente CC aveva la sua ciotola di acqua fresca, non la birra!) all’ombra degli oleandri (quindi senza molta possibilità, per me, di rapidi movimenti).
    Passa una signora sulla sessantina con cagnolino (sarà intorno agli 8/9kg) a seguito, col guinzaglio allugngabile, che si avvicina a CC che già era scattato sulle sue quattro zampe con fare non proprio amichevole. Pareva proprio che volesse infilarcisi sotto, quel cane, io mi sono alzata tirando CC via dall’altro cane e la signora l’ha richiamato. Ha guardato malissimo sia me sia lui, alchè le ho spiegato che Non ce l’ho da molto, che è un trovatello e molto probabilmente è stato abbandonato e picchiato, la sua unica risposta è stata “Devi fare qualcosa, questo cane è CATTIVO!”. Lascio correre e ognuno per la propria strada…

    Giorno2
    Stessa disposizione, stesso bar, stesso tavolino. Arriva la signora, ma prima di lei arriva il suo cane (stavolta senza alcun guinzaglio), che si fionda di nuovo verso CC, abbaiano e ringhiano mentre dal macello che stanno facendo io ci vedo solo che stanno prendendosi a mazzate, mi alzo e cerco di tirare a me CC in attesa che la signora richiami il cane.
    Una volta calmate le acque ecco che ti parte l’isterica.
    Signora “Il tuo cane è cattivo! Devi mettergli la museruola!”
    Io “Metta il guinzaglio al suo, poi viene a dirmi cosa fare col mio cane!”
    Signora “Quel cane è cattivo, come ti permetti! Ha aggredito il mio cane e me!” (Cosa che magari sarebbe potuta succedere se la gran dama si fosse degnata di tenere d’occhio il proprio cane e avvicinarsi, sempre se il mio, di cane fosse stato sprovvisto di guinzaglio corto, cosa che in luoghi pubblici Non avviene MAI)
    Beh, alla fine la gran signora mi urla contro, mi “minaccia” di chiamare le GUARDIE (siamo ancora nel medioevo?!) e, sempre urlando con sua grande civiltà, mi da della pazza, della str***a e, dopo il suo bel teatrino, anche della MALEDUCATA, IO…

    Giorno 3
    Stesso bar,stesso tavolino, ma sono senza CC. Arriva la signora, ma DOPO che il suo cane si fosse fiondato sotto la mia sedia, sempre senza guinzaglio. Alla fine mi guarda e fa “Ah, pensavo ci fosse il cane”

    Non ho capito, se c’è l mio, di cane, lei manda il suo per litigarci?!
    Posto che il primo giorno ha già avuto modo di osservare la reazione di CC, posto che se io sono seduta lì da prima che tu passassi sei tu che devi smammare… Sono io idiota, lei pazza o entrambe?

    • Il problema è tutto della signora….io, se ha questa abitudine, la segnalerei ai vigili…o li chiamerei direttamente, così si prende anche una bella sanzione se non ha dietro la museruola (e guarderei la scena da poco distante…proprio per vedere la faccia che fa).
      oppure mi metterei d’accordo con altri proprietari di cani per “beccarla” sul fatto e farla sentire una povera pirla….le comprerei anche un bel guinzaglio da porgerle la prossima volta…insegnandole come si apre e chiude il moschettone…magari non ce la fa….(massima solidarietà da chi ha una piccoletta…!)

      • Non sono più andata lì perché non trovo il libretto sanitario di CC e ho il dubbio che sia obbligatorio portarlo, sono in Sardegna. La museruola, invece la porto sempre. Qualcuno sa se è obbligatorio il libretto in Sardegna?

        • il libretto è giusto averlo ma non mi risulta ci sia obbligo di averlo sempre dietro da nessuna parte.
          La museruola devi averla con te, non sul cane, salvo quelli segnalati eccetera. così come il guinzaglio, a norma. indipendentemente dalla taglia.
          Tornaci pure, col cane, e dovesse succedere di nuovo, allungale il telefono alla minaccia di chiamare “le guardie”. se non ci sono testimoni attorno magari sii rapida a fare uno scatto col cellulare al canetto sciolto… poi falle chiamare pure le guardie, la zoofila, i carabinieri, l’esercito e il presidente della repubblica se vuole, che così le fanno una bella multa per incustodia del cane e una pedata in culo 🙂

          • Grazie 🙂
            Chiedevo del libretto perché qui non c’è la rabbia e per farlo entrare era obbligatorio che fosse vaccinato (cosa che è). Per il resto uso il guinzaglio da 1,5m con la pettorina (è capace di sfilarsi il collare, quindi non rischio), la museruola in borsa, una bottiglietta d’acqua fresca con relativa ciotolina e il “raccoglicacca” con relative bustine. Per il resto coi randagi mi basta dirgli “vai!” e lui va dove dobbiamo andare, coi cani accompagnati, invece, ci litiga. Dove sto sbagliando?

  5. Cena di ferragosto, 12 amici e 5 cani, fra cui il mio microtopo e una stupenda semi-pitbull; il figlio di un’amica – tre anni di roba – parte come un treno in direzione della bulla : ti vojo bbene!! …e la stringe per il collo. La bulla apre la bocca e…lo lecca, tutta felice. Ci prova con il mio chihuahua: ti vvojo…GRRR…settordicimila denti in mostra. Ops. Il bimbo se la fila. Fate voi ^^

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Cinofilia Googlesca 5

Ci sono tre cose, nella mia vita, che mi hanno fatto ridere così tanto da restare senza fiato.La prima è una scena...

Si può valutare un cane solo tramite video?

Oggi proverò a essere breve (BUM!) nell'illustrare un dubbio che spesso mi assale e che farei rientrare nella categoria "coerenza, dove sei?".Su...

Finalmente siamo ripartiti

Finalmente iniziamo a lasciarci alle spalle questo periodo difficile. Il virus non è sconfitto, è solo l’inizio di quello che speriamo sia...

Marketing, umiltà e senso della realtà

Ho sempre trovato opinabile andare a "romper le scatole" sui contenuti sponsorizzati di Facebook: è normale che un'inserzione venga fatta per attirare...

Sequestro de “I cuccioli di Carlotta”: VIP forse non così inconsapevoli e qualche tasto dolente

di DAVIDE BELTRAME - Si legge un po' ovunque del sequestro del sito de "I cuccioli di Carlotta", e del ruolo di...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

134,826FansMi piace
560FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Tra...
00 Giorni
00 Ore
00 Min
00 Sec
Expired
Si terrà il webinar "Socializzazione: come si fa, come NON si fa"
Scopri di più!

Condividi con un amico