finlandia8di ANDREA VARETTO – Dopo aver letto su “Ti presento il cane” i racconti di alcune difficile vacanze nostrane in compagnia dei propri cani, ci siamo detti che detti che per una volta una bella esperienza estiva possiamo raccontarla noi! Pochi mesi fa un amico ci propone di trascorrere le vacanze in Finlandia.
Finlandia?! Eh? Dove? E come ci arriviamo?!?
Detto fatto. Dopo un minuto stavamo già programmando l’avventura.
Lasciare i cani a casa? Non se ne parla!
2.300km in auto da Torino a Stoccolma e una notte su uno splendido traghetto da Stoccolma a Turku, verso i 60 gradi di latitudine nord.
L’arcipelago di Turku è un dedalo di isole tra Mar Baltico e Golfo di Botnia, disseminato di centinaia di cottage in cui i finlandesi (ma non solo) trascorrono le vacanze estive.

finlandia10Due giorni e mezzo di viaggio, scoprendo un cielo mai visto prima. Dalla Danimarca in poi lo stupore è l’emozione che ci accompagna più frequentemente: per il paesaggio incredibile ma anche per la civiltà dei cittadini scandinavi.
Un altro mondo.
E i cani? Sempre con noi, senza mostrare segni di particolare stanchezza, godendosi il fresco del nord Europa (l’afa e il caldo opprimente della pianura padana sono diventati in un attimo un ricordo), sgambettando in aree di servizio contornate da prati e boschi, naturalmente pulitissimi.
Nel viaggio in traghetto da Stoccolma a Turku sono rimasti con noi in camera, non c’è stato alcun problema di trasporto degli animali che potevano muoversi per tutta la nave fatta eccezione per il ristorante (cosa del tutto comprensibile).
Anche i “canili” di alcuni traghetti per la Sardegna sono solo un brutto ricordo.

finlandia4Ma eccoci arrivati al cottage, in riva al mare, immerso nel bosco.
I “vicini di casa” a trecento metri da noi, un pontile da cui tuffarsi dopo le immancabili saune, rito finlandese irrinunciabile.
Ecco… per noi italiani l’acqua è freddina, quindici gradi, dopo la sauna non c’è bisogno della muta, per fare il bagno con i cani sì! In alternativa, barca a remi.
Per i nostri cani amanti dell’acqua è stato un viaggio in paradiso. A bagno ogni volta che volevano. Poi a riposare stanchi dopo innumerevoli tuffi e nuotate.
In alternativa una bella passeggiata nel bosco tra mirtilli, muschi e licheni.
Il pelo a fine giornata profuma di muschio e aghi di pino. Altro che toelettatura!
Curiosità: l’acqua del mare in Finlandia è dolce! Come i nostri laghi.

finlandia7I nostri cani Watson, Curry, Laika, Pedro e Isabeau, due labrador, una golden, un corso e una terranova, si sono divisi naturalmente gli spazi, in una splendida convivenza lontana dal guinzaglio.
Libertà per noi e libertà per loro. Un grazie ai compagni di viaggio Massimiliano e Jenni, Nico e Samu, Monica, Rita e Nostromo e grazie alla sezione Piemonte della Scuola Italiana Cani da Salvataggio che ci ha fatto conoscere.
Una sicurezza: torneremo!!!

Andrea & Sonia

finlandia2

finlandia14
finlandia16
finlandia5
finlandia12

Potrebbero interessarti anche...

12 Commenti

  1. Da amante dei Paesi nordici non posso che apprezzare questa meta. Una curiosità, a livello “burocratico” per i cani come vi siete organizzati? La vaccinazione antirabbica fatta almeno un mese prima, passaporto, certificato per il traghetto? Lo chiedo perché quando ci siamo imbarcati per la Sardegna (i traghetti non sono fantastici ma almeno si sono “evoluti” anche loro accettando i cani nelle cabine) abbiamo dovuto fare, qualche giorno prima della partenza, il certificato dal veterinario tipo di idoneità al viaggio “di sana e robusta costituzione” seguendo il regolamento della compagnia di navigazione. Una volta a bordo abbiamo scoperto di essere stati gli unici a farlo e ovviamente non ce l’ha chiesto nessuno… Vorrei capire come sono messi gli altri Paesi a livello di regole.

    • Ciao Mageroya! Come documentazione per i cani è richiesto il passaporto, come vaccinazioni l’antirabbica e la profilassi per l’echinococco. In traghetto non ci hanno chiesto nessun tipo di certificato e nell’unico controllo di frontiera Danimarca/Svezia gli è stato sufficiente controllare i passaporti dei cani.
      Andrea

  2. domanda molto pratica…una vacanza di questo tipo che costo può avere? al di là delle spese personali come cibo o sfizi ovviamente

    • Ciao, noi siamo stati in Norvegia e in Svezia, prima o poi andremo anche in Finlandia. Ti posso dire il nostro pensiero poi dipende sempre dallo “stile” di vacanza che uno cerca, ecc. Si tratta in generale di Paesi “cari”, poi personalmente non ho trovato dei prezzi eccessivamente alti per quanto riguarda i trasporti e gli alloggi (non economici, ma nemmeno esagerati). Tieni presente che noi siamo sempre andati in aereo + macchine a noleggio, non abbiamo mai fatto la traversata in macchina dall’Italia. Mentre a Capo Nord per esempio (sull’isola di Mageroya :)…) c’erano tanti camper con targa italiana, potrebbe essere un’altra valida soluzione.
      Ci hanno veramente colpito (mazzate al portafoglio) le normali spese per mangiare. Facciamo parte di quelli che, soprattutto per pranzo, vanno nei supermercati oppure nei mercati di strada e nonostante questo era veramente complicato stare sotto una certa cifra (e per stare “schisci” sempre acqua del rubinetto che non si paga ed è cosa molto comune in quei posti).
      Ti faccio un esempio molto stupido che uso spesso come metro di paragone, un classico menù di Mc Donald che è uguale in tutto il mondo, in Italia siamo circa sui 5/7 euro, in Cina costava 2/3 euro, in Norvegia 10/12 euro (con le dovute conversioni di moneta ovviamente).
      La cosa positiva invece riguarda l’accesso gratuito o poco costoso in molti musei e soprattutto a Stoccolma tante agevolazioni per i mezzi di trasporto, ecc.
      Spero di esserti stata utile, sono comunque posti stupendi, ci tornerei subito, il silenzio norvegese non lo dimenticherò mai.

  3. …in alternativa alla Finlandia, essendo anche noi amanti degli animali, offriamo il nostro appartamento a Jesolo in Residence con piscina e spiaggia, in cui riserviamo una calorosa accoglienza welcome 4 zampe con soggiorno gratuito e vassoio di benvenuto con ciotole di pappa e regalino. (Tel.345-85.80.575)

  4. Un paradiso relativo alla località descritta nell’articolo, altra storia vivere con un cane italiano in città come Helsinki o Espoo! Ho vissuto lì e ho avuto l’incubo peggiore che un padrone di cane possa avere: controllo nazista sui documenti del proprio cane, pena massima prevista il sequestro del cane e successiva soppressione! Perciò se vi recate in Finlandia coi vostri cani, tenete tutto alla perfezione, perché basta la segnalazione di un vicino rosicone come è accaduto a me, per finire in questi controlli.

  5. Noi quest’anno meravigliosa vacanza in Scozia. Nei campeggi non c’era una famiglia senza cane a seguito! Chi anche con 2 o 3!

  6. Ciao! Grazie per aver condiviso un’esperienza così positiva…ogni tanto risolleva il morale 🙂 Posso chiederti come avete trovato quel fantastico cottage? Agenzia o sito tipo homelidays o cosa?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here