lunedì , 20 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Umorismo >> Vita con due malinois – parte prima

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Vita con due malinois – parte prima

di ALICE ACCIAVATTI – Avete presente il detto “fate attenzione a ciò che desiderate, perché potrebbe avverarsi”?
Ecco, appunto.
Un “chiedi e ti sarà dato”, di quelli che non funzionano MAI quando si tratta di vincere il superenalotto o di incontrare non dico il principe azzurro ma almeno un rospo che non sia velenoso… ma che ha la precisione di un cecchino quando si tratta di esaudire desideri che ti spediscono al manicomio senza passare dal via. Un esempio?
È una vita che voglio una coppia di malinois. Dopo anni di sospiri e stalkeraggio, finalmente è arrivato Harlock. Un’esperienza… come dire… particolare, dato il soggetto.
Ho sempre pensato che -per tutta una serie di motivi- per la femmina aspetterò almeno un paio d’anni… ma nel frattempo che fai, non ospiti la malinetta di un’amica che va in vacanza??? Certo che lo fai!
Che fai, non pensi “olè, proviamo l’ebbrezza di vedere come sarà averne due!”??
Certo che lo pensi! E così ti ritrovi con in casa Nina e la coppia di psicopatici… e dopo i primi 32 minuti già sai, con drammatica certezza, che sarà una settimana mooooolto lunga!!
La prima sera Nina si era già rifiutata di stare vicino ai due matti (stava già pensando di trasferirsi da mia madre).

Diario di bordo di “Vita con 2 malin 7.0” –  Giorno 1

11885256_10207281094535689_3236136552959002867_nHarlock si riconferma l’idiota per eccellenza: stamattina è corso verso un tronco a caso, ci è saltato sopra con la faccia di uno che dice “tiè, guarda come ti faccio le posizioni pure quando non me le chiedi” e si è sdraiato. È rimasto a terra più del solito, lui che di solito tende ad anticipare… io quasi commossa, penso “ma allora sta imparando!”
E invece no, ovviamente no.
L’idiota era semplicemente incollato al tronco da uno strato di resina spesso 3 cm.  (come si “de-resina” un malin? Ma soprattutto… come si fa a renderlo un filo più intelligente?)
Molly, che non vuole essere da meno, nel frattempo rapisce un microcane.
Lo cova, lo lecca, pensavo fosse una pigna… invece era un sorcio di 2 kg scarsi. La padrona del microcane, commossa, mi dice “ohhhhh si vede che lei è una brava mamma!”
Lei chi, vorrei chiederle? Lei io? Lei Molly?
In entrambi i casi, signora mia, ha toppato, se lo lasci dire (mentre le restituisco sto microbo tutto sbausciato e Molly mi guarda con occhi da agnello al macello “ssssia, dobbiamo proprio ridarglielo??? Non possiamo tenerlo?? Guarda, ti entra pure in borsa…eddddai eddddai edddddai portiamolo via, se te lo metti in tasca non se ne accorge nessuno… a patto che non te lo scordi e ti ci siedi sopra, sennò lo sbricioli)”.
No, Molly, sputa il microcane e andiamo, che me ce manca solo il toporagno nello zaino tra i salamotti e le palline.
Molly offesissima, pare quei bimbi che al centro commerciale si strappano i capelli perché non gli comprano le caramelle, solo che lei al massimo può strappare il pelo di harlock dal tronco resinato.
Nina continua a cercare di farsi adottare dal primo che passa, possibilmente senza cani.

... e poi a casa sembra di avere un capriolo investito.
… e poi a casa sembra di avere un capriolo investito.

Giorno 1: parte seconda.
Siamo pieni di cani svenuti. Dovunque ti  giri, c’è un cane a  quattro di spade che dorme in posizioni improbabili. Ti alzi dal divano e ci inciampi sopra, esci dal bagno e ci inciampi sopra, apri il frigorifero e ci inciampi sopra. Bella forza, direte voi, siete in quattro in 30 mq!
Persino le zanzare si lamentano che non c’è abbastanza spazio per le manovre, assistiamo quotidianamente a incidenti di volo… tremende collisioni in volo tra zanzare ubriache.
Che poi, se fuori ogni tanto si fermassero o – Dio non voglia! – si sdraiassero, magari poi non avrebbero bisogno di dormire sei ore consecutive per riprendersi.
Invece no. Quattro ore di passeggiata e l’unico momento in cui stanno fermi è quando Harlock rimane incollato al tronco e Molly rapisce microcani a casaccio.
Nina li guarda con disprezzo.
Provate a darle torto.

Giorno 1:  postilla.
Ricordarsi sempre che se richiami al piede uno dei due idioti, inevitabilmente arriverà anche l’altro e -con rara sincronia – riusciranno a scontrarsi mentre si mettono entrambi alla tua sinistra.
Sapevatelo. Su Deficientichannel.

La tipica espressione di Nina quando guarda i due mostri che giocano
La tipica espressione di Nina quando guarda i due mostri che giocano

Diario di bordo di “Vita con 2 malin 7.0” –  Giorno 2

… che ho la sensazione sarà moooolto lungo!
Nina si è data ai superalcolici, probabilmente nella speranza che intervengano i servizi sociali.
Harlock&Molly hanno imparato da Nina a mangiare le more direttamente dal cespuglio: inevitabile trasformarlo in un esperimento sociale.
Fase 1: osservazione.
Tre cani, tre diverse tecniche.
Nina annusa bene tutti frutti, sceglie quelli maturi e li stacca con delicatezza dal cespuglio.
Molly mangia quello che trova, ogni tanto sputa una mora più acerba e ci gioca come se fosse una lucertola moribonda.
Harlock… beh, Harlock è Harlock, quindi da lui non possiamo pretendere più di tanto. Il suo approccio è un filino più rustico: lui sradica quello che trova, spesso portandosi via tutto il ramo pieno di spine.
Fase 2: effetti collaterali.
Nina cambia colore, assumendo delicate sfumature di viola dove il succo di mora le macchia il muso.
Molly sembra bulimica, sono più le more sputate che quelle mangiate.
Harlock si sfregia il muso ogni tre more.
Fase 3: conclusioni.
…. ehmmmm… devo davvero dirvi quello che penso?
Davvero davvero?

incontri2Giorno 2: conclusione  (con annesso smadonnamento per questo maledetto cellulare che si crede più intelligente di me e anticipa sempre quello che pensa che io voglia scrivere… quindi per esempio invece di “malin” scrive – ogni singola, stramaledetta volta – “malinconia”… come se già non mi prendesse male di mio almeno 15 volte al giorno!)
Mi sembra che siano passati due mesi, altro che due giorni!
Data la leggerissssssima reattività di Molly sui cani quando è al guinzaglio, il percorso casa-Villa Ada-casa è una prova di sopravvivenza: durata media del tragitto sedici minuti, media dei cani incontrati nove, media di volte in cui ruggisco un MOLLYGUAI! (maiuscolo, tutto attaccato) circa cinque per cane.
Harlock guarda Molly con un misto di ammirazione/confusione/adorazione/buttiamola in caciara, stile “zia Molly, se lo fai tu lo faccio anche io, anche se non capisco mai perché lo fai, però sei la mia divinità preferita e però la mamma ti sgrida e io non ci capisco più una mazza e che fatica pensare a tutte queste cose insieme con un solo neurone!”
Nina tenta di gettarsi sotto ogni autobus/camion/furgone abbastanza grande da garantirle con relativa certezza di liberarsi dal fardello di questi due mostri.
Molly ha deciso che il suo motto finché sta qui da noi è “cazziarne uno per educarne cento”. Devo ancora capire secondo quale criterio il povero malcapitato di turno viene scelto, bastonato e poi inserito nel gruppo (che il povero malcapitato voglia o meno essere inserito nel gruppo, a Molly non sembra interessare granchè)
Oggi non abbiamo rapito nessun microcane scambiato per una pigna, però abbiamo rimorchiato un mix basenji, quindi direi che facciamo progressi.
Domani, altro giro altra corsa… posso piangere???

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico