giovedì , 23 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Varie >> Curiosità >> Shonny trova da solo la tomba della sua amica Shelly

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Shonny trova da solo la tomba della sua amica Shelly

di VALERIA ROSSI – Una bella storia, anche se triste perché parla di una cagnolina che non c’è più.
E’ la storia di Shonny, meticcio di cinque anni che tre anni fa ha perso la sua grande amica Shelly, l’altra piccola meticcia che viveva con lui e con la loro umana Daniela Floris.
Tra Shonny e Shelly c’è un bellissimo rapporto, tanto forte che Daniela non ritiene di far partecipare il maschietto al funerale di Shelly, quando viene sepolta nel cimitero per animali “Il giardino di Legna”, tra Monserrato e Sestu, in Sardegna.
shonny_tombaMa dopo due mesi, quando si reca sulla tomba della sua cagnolina, Daniela porta Shonny con sé… e qui arriva la sorpresa: Shonny, senza che nessuno gli dica o gli indichi nulla, parte sparato per conto suo e va a sdraiarsi proprio sulla tomba di Shelly.
La storia è di tre anni fa, ma è tornata alla ribalta in questi giorni, quando “Videolina” le ha dedicato un servizio video. Per fortuna (e ribadisco: per fortuna!) chiunque capisca qualcosa di linguaggio canino può rendersi conto del fatto che Shonny non “pianga” affatto – o almeno non pianga più – sulla tomba di Shelly.
Il suo atteggiamento è giocoso e scodinzolante, e anche gli abbai finali  (a richiesta) sono allegri.
Però il servizio voleva raccontare la storia del cagnolino che ha individuato da solo la tomba della sua amica ed era normalissimo che si desse più rilievo a questo, piuttosto al fatto che ormai sia riuscito ad elaborare il lutto.
Personalmente sono stata contentissima di vedere Shonny così (le storie commoventi vanno bene solo finché qualcuno non continua a soffrirne…) e vorrei fare i complimenti a Daniela per come è riuscita a far superare al suo cane un momento difficile come quello della scomparsa di Shelly.
Per di più il video è montato bene, non indulge in modo esagerato sul lato strappalacrime e soprattutto contiene un  commento molto corretto, quella della veterinaria Valentina D’Angelo, che coglie forse l’insegnamento più importante che può dare una storia come questa: i cani sanno creare legami di tipo familiare, sanno amare, sanno soffrire… e questo va fatto capire soprattutto ai bambini.
Per questo “perdoniamo” volentieri il titolo col “cane che piange” e consigliamo a tutti di guardare il video, spendendo l’inevitabile lacrimuccia ma ricordando soprattutto le parole della veterinaria: l’educazione dei bambini passa attraverso l’esempio dei genitori, ed inculcare in loro il rispetto per gli esseri viventi significa porre le basi per un mondo migliore.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico