domenica , 19 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Salute >> Alimentazione >> Attenzione al cibo “natalizio”!

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Attenzione al cibo “natalizio”!

di VALERIA ROSSI – Ebbene sì: altro articolo sul cibo. Seguo la corrente, lo so… il che non è giornalisticamente molto corretto. Però, se approfitto dell’aumento di visite legato all’accoppiata (immancabilmente vincente) “argomento di interesse generale + TV” per dare qualche informazione utile, non mi sento poi troppo in colpa.
Per questo, visto che siamo a dicembre, ritengo giusto rammentare ai lettori che il periodo natalizio, foriero di grandi abbuffate umane, non può e non deve giustificare il fatto che avveleniamo i nostri cani, magari con la scusa del “per una volta, non gli farà male”.
Alcuni alimenti al cane possono fare malissimo anche “per una sola volta”: per esempio il cioccolato e in generale il cacao.
Anche l’uva e l’uva passa sono potenziali veleni per i reni del cane, quindi evitiamo il panettone con uvetta, please.
Ed evitiamo tutti i prodotti dolciari “senza zucchero” (sui quali noi ci precipitiamo per evitare l’effetto mongolfiera post-natalizio), ma con xilitolo: questo dolcificante, comunissimo nell’alimentazione umana, è tossico per i cani, nei quali si ritiene che stimoli una eccessiva secrezione insulinica. Risultato: grave ipoglicemia, a cui potrebbero seguire insufficienza epatica e coagulopatie.
E ancora: caffè e tè sono entrambi ricchi di caffeina, che può causare aritmie e ictus.
Infine… non vorrei neppure pensare che i lettori di Tpic possano dare lo spumante al cane: ma  siccome nella mia lunga vita cinofila “ho visto cose che voi umani…”, allora vi ricordo che l’alcol è tossicissimo per il cane, che è incapace di metabolizzarlo: non dispone proprio degli enzimi necessari.
Quindi non solo il cane si ubriaca (letteralmente) anche con poche gocce, ma può andare incontro a problemi quali vomito, perdita di coordinazione dei movimenti, disorientamento, coma e convulsioni. Una quantità appena superiore alla “leccatina” può portare alla morte del cane.
E per chi stesse pensando “vabbe’, ma io mi offendo: come fa questa a pensare che io possa dare al cane cioccolata o alcol?“, ricordo che Natale è soprattutto la festa dei bambini e che sono proprio loro, il più delle volte, a voler condividere con il cucciolo quelle che loro ritengono prelibatezze (come i cioccolatini), ignorando che per lui sono velenose.
Inoltre, durante le feste – e soprattutto durante i pranzi familiari con millemila persone – succede spesso di lasciare “a portata di muso” (magari su un carrello, o in cucina pronti per essere portati in tavola, ma non sorvegliati) cibi pericolosi: fate attenzione, perché sarebbe davvero molto triste rovinarsi le feste dovendo correre dal veterinario per una semplice distrazione.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico