sabato , 18 novembre 2017
Ultime novità
Home >> News >> “Costretta” ad educare il cane?!?

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


“Costretta” ad educare il cane?!?

di VALERIA ROSSI – Sono tornata stanotte da Napoli (grazie alla “puntualità” di Alitalia… visto che sarei dovuta arrivare un bel po’ prima) e stamattina ho allegramente ronfato, quindi “appaio” in ritardo su Tpic, e solo con la breve constatazione – dopo aver letto la segnalazione di un articolo apparso sul “Mattino di Padova” – di come perfino le iniziative migliori, più civili e sensate, riescano ad essere presentate dai giornalisti in modo distorto.
Leggetevi un po’ questo articolo, partendo da titolo e sottotitolo: “Donna costretta a studiare come si educa il suo cane – Ha un Boxer che ha morso il vicino di casa: la polizia locale la obbliga a un corso per imparare a gestire l’animale”.
Sono solo io a vederci una connotazione critica? A far pensare a un “polizia brutalona, guarda ‘sta poveretta a quali vessazioni viene sottoposta”?
In realtà poi, nel testo, si dicono le cose come stanno: il cane ha morso, la legge obbliga il proprietario a conseguire il patentino (“sono previste almeno 14 ore di frequenza con tanto di esame finale“, ironizza ancora la giornalista, lasciando intendere che si tratti di qualcosa di esagerato…). La chiusa, poi (quella che in pochi arrivano a leggere) è sensata e parla di come sia rischioso innamorarsi del batuffoletto peloso e poi ritrovarsi con un cane che non si è in grado di gestire.
Può darsi che il titolo non sia stato scritto dalla stessa persona che ha redatto l’articolo… anche se la giornalista in realtà sembrerebbe rimpiangere la lista dei “cani pericolosi”; e soprattutto sembra ignorare che sia stata abolita, visto che scrive “di fatto non esiste più”.
No, non “di fatto”: non esiste proprio più per legge, punto.
Esiste invece sempre, ahimé, l’ignoranza crassa, che emerge dai commenti (anche se in questo caso si fatica a trovare quelli che si riferiscono alla notizia in sè, visto che i commentatori cominciano subito ad insultarsi a vicenda): divertitevi a leggerli, se volete… così scoprirete, per esempio, che chi ama i cani “non li tiene né in casa né in giardino: non li tiene!” (e sotto specifica meglio: “i cani dovrebbero stare in natura, o almeno in campagna”. Sapevatelo).

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico