venerdì , 24 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Vita col cane >> I perché cinofili >> I perché cinofili: perché il cane gratta la cuccia e si rigira prima di dormire?

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


I perché cinofili: perché il cane gratta la cuccia e si rigira prima di dormire?

di VALERIA ROSSI – Doppietta di domande a cui diamo una risposta unica: una lettrice mi chiede perché il suo cane gratti a lungo la cuccia prima di coricarcisi sopra, mentre un’altra vuole sapere perché il canesi giri e rigiri a lungo prima di addormentarsi.
Alla prima domanda, in realtà, avevo già risposto in questo articolo, ma qui riassumo brevissimamente: lo fa… perché è un cane! Nel senso che è “ancora” un cane, con i suoi istinti atavici belli intatti (e sia lodato il cielo per questo).
Molti animali selvatici grattano il fondo del loro giaciglio prima di coricarsi: in parte per scacciare eventuali intrusi (parassiti compresi), in parte per trovare il fresco, togliendo gli strati superficiali di terreno che vengono scaldati dal sole. Secondo alcuni Autori c’è anche un significato di marcatura territoriale (“questo è il MIO letto! Sappiatelo e statene alla larga!”).

Questa tana è una riproduzione (anche i cuccioli sono finti, pur essendo animati!) che si trova al centro faunistico di Entracque (CN), dedicato al lupo
Questa tana è una riproduzione (anche i cuccioli sono finti, pur essendo animati!) che si trova al centro faunistico di Entracque (CN), dedicato al lupo.

Per quanto riguarda invece il girare su se stesso, in rete ho trovato ripetuta più volte (ma la fonte dev’essere sempre la stessa, visto che le parole sono identiche) una spiegazione simile a quella che riguarda il raspare: ovvero, il cane girandosi e rigirandosi tenterebbe di rendere più comodo il giaciglio (in particolare, sarebbe un retaggio del comportamento lupino di “appiattire l’erba alta”… ma i lupi normalmente dormono in tane scavate nel terreno, non nell’erba!).
Personalmente ho sempre saputo (e direi che resto della stessa idea) che i cani si girino e rigirino – a volte anche per diversi minuti – soprattutto per cercare la posizione più comoda, “disponendo” la colonna vertebrale in modo da stare più rilassati possibile e da non svegliarsi “grippati”, come ogni tanto succede pure a noi umani.

canchedormePuò esserci anche una certa forma di “controllo pre-nanna”, ovvero un’occhiata circolare in giro per accertarsi che non ci siano pericoli: anche questa sarebbe una forma atavica, che ha poco senso in un appartamento in centro Milano  (difficile che ci siano molti predatori in circolazione!), ma che farebbe parte del bagaglio ancestrale del cane.
Però io ritengo che questo atteggiamento sia dovuto proprio (o almeno, soprattutto) alla ricerca della posizione migliore per la schiena… anche se poi magari il cane si piazza in posizioni che di comodo sembrano avere ben poco!

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico