lunedì , 20 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Umorismo >> Il borsino di ‘Eta Beta’

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Il borsino di ‘Eta Beta’

di MARIO GIOVANNINI – C’è una vecchia battuta, che gira da un sacco di tempo in rete, che mi piace un sacco: “Un chitarrista è un tizio che mette 5.000 Euro di strumenti su una macchina da 500 Euro per andare a fare un concerto per 50 Euro”. Tragicamente vera.
Ma essendo io chitarrista, mi permetto di aggiungere una cosa che manca: lo spettacolo di solito è a 500 Km di distanza e appena arrivi – sempre – ti accorgi di aver dimentica qualcosa di importantissimo. Per cui, negli anni, ho sviluppatto una ‘leggerissima’ forma maniacale sulla necessità di avere sempre appresso tutto quello che serve, oltre a quello che in gergo si definisce backup, ovvero un doppio di sicurezza in caso di malfunzionamenti. Vi risparmio i dettagli, ma garantisco che si tratta davvero di un bel po’ di roba da portarsi dietro. Ma che serve sempre tutta se non ce l’hai.
Per la verità, ormai in giro suono molto di rado, ma la mania del backup mi deve essere entrata nel DNA in maniera irreparabile, temo. Me ne sono reso conto l’altra sera al parco con Afra quando, non so come, siamo arrivati sull’argomento “borsino da cane”. Quello che a me sembra assolutamente il ‘minimo sindacale’ da avere sempre a portata di mano ha rallegrato parecchio la serata di tutti… Non capisco poi perché… in fondo nel mio borsino (non ce la faccio a chiamarlo borsello, sono traumi che solo i nati ante ’70 possono comprendere) ho solo:

1.    Un sacchetto di biscotti, che è assolutamente fondamentale, sia per Afra che per tutti gli altri. Non siamo mica egoisti.
2.    Merdolino, voce gergale per porta sacchettini igienici.
3.    Rotolo di sacchettini di riserva. Perché li finisci sempre quando non c’è nessuno a portata di mano.
4.    La ciotola, di quelle in plastica molle che diventano piatte. Utilizzo molto frequente.
5.    Mazzo di chiavi di casa di riserva. Perché ho perso il conto delle volte che sono uscito di corsa e mi sono chiuso fuori. Però capita sempre meno di frequente. Giuro.
6.    La museruola, morbida di stoffa. Lo so che sono le peggiori e d’estate non vanno usate perché non permettono di ventilare… ma non l’abbiamo mai usata. Dicono che dobbiamo avercela dietro e noi ce l’abbiamo.
7.    Pacchetto di fazzolettini di carta. Personalmente mai usati, ma ne offro in continuazione in giro e faccio anche bella figura.
8.    Guinzaglio di riserva. Lo tengo perché una delle prime sere che sono uscito con Afra quello che stavo usando si è rotto e ho ringraziato tutti i miei dei di averne uno nuovo, appena comprato, in macchina… e mi sono reso conto di che casino sarebbe stato se non ce l’avessi avuto. Mai usato.
9.    Collarino a strangolo, anche questo di riserva in caso di danni alla pettorina. Mai usato.

(Piccola, doverosa parentesi su 6 e 7: io non li ho mai usati, ma li ho prestati a più riprese a gente che, nell’ordine: era uscita di casa senza guinzaglio e non riusciva più a controllare il cane, a cui era proprio scappato e non sapevano che fare, a cui si era rotta l’attrezzatura, cani con pettorine troppo larghe che si sfilavano solo a guardarle, ecc.)

10.    Coltellino svizzero multiuso a norma, ovvero a lama corta. Mai usato. (Però l’ho prestato diverse volte: un cane con una zampa incastrata nei rovi, la serratura dello sgambo che non si apriva più con tizio e cane bloccati dentro, ecc.)
11.    Ombrello pieghevole. Questo è un piccolo giellino della scienza e della tecnica moderni. Alta tecnologia svedese (leggi Ikea). Chiuso diventa non più di 20 cm, pesa pochissimo, mi dimentico di averlo fino a quando non serve. Ma serve spesso.
12.    Pallina di gomma. Fino a un annetto fa l’unico gioco a cui Afra prestasse un minimo di interesse… poi definitivamente sparito nel corso del tempo. La tengo perché ci sono affezionato e poi non si sa mai.
13.    Posacenere da passeggio. Visto che ora si rischiano 300 Euro di multa per una cicca per terra, è diventato il pezzo più importante di tutto il set.
14.    Una collezione infinita di tubicini di plastica (quelli che rimangono alla fine del rotolo di merdolini) e un po’ di spazzatura varia che butto via a fine giornata. Beh, quasi tutti i giorni… ok, quando mi ricordo.

Il tutto è contenuto in un borsino 25 x 15 cm e pesa poco più di un Kg. Non capisco proprio perché continuassero a ridere e a chiamarmi Eta Beta! Mah…

eta 2

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico