sabato 31 Ottobre 2020

Ai gatti piace la neve?

Dello stesso autore...

I perché cinofili: perché il cane sbava?

di VALERIA ROSSI - "Perché" richiesto da un'amica su FB, a cui si possono dare diverse risposte a seconda del fatto che il cane...

Ti presento il… Volpino italiano

di VALERIA ROSSI -  Si potrebbero girare diversi film sul volpino: "Un italiano in America", "Un italiano in Germania", "Un italiano in Danimarca"... e...

Da grande voglio fare il cinofilo…

... ma come, dove, con chi? Domande difficili per un mondo difficile.

Ti presento il… Bullmastiff

di VALERIA ROSSI - Me ne sono trovata davanti una bella coppia a "Cronache animali", e ho pensato "Oddio, possibile che non abbia mai...
Valeria Rossi
Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). Ci ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.

di VALERIA ROSSI – Dipende dal gatto!
A Tanya evidentemente piace, e pure molto:


A Lev… decisamente no:

Questi sono i due gatti (vabbe’, per Lev “gatto” è una parola grossa) della quasinuora e del figlio: vivono nella stessa casa, con gli stessi umani, sono stati entrambi adottati… e dei due, stranamente, quello che dovrebbe aver avuto più esperienze di vita “in esterni” è proprio Lev, che è vissuto a lungo nel cortile di una ditta e quindi dovrebbe conoscere meglio le diverse condizioni atmosferiche.
La simpatia o antipatia nei confronti della neve è quindi una questione di gusti individuali, più che di esperienze pregresse.
Ma in media, sono più i gatti che amano o quelli che odiano la neve?
Per quanto possa sembrare strano, visto che i mici adorano stare al calduccio e normalmente non sono proprio entusiasti né nel freddo, né del bagnato… sembra che siano più numerosi quelli che con la neve ci giocano e si divertono.
A spingerli a “sperimentare” il contatto col manto nevoso è la curiosità (tipicamente felina): ma per quanto il nostro gatto possa trovare piacevole questa novità, stare nella neve non è del tutto esenti da rischi. Quindi ricordiamoci:
a) di asciugare bene soprattutto i peli lunghi e semilunghi (come quello di Tanya): in caso contrario potrebbero formarsi piccoli accumuli che nella migliore delle ipotesi si scioglieranno sulle nostre poltrone e divani, ma se si ghiacciano possono anche irritare la pelle del gatto;
b) di controllare (e pulire) le zampine, qualora il micio sia passato su sale o prodotti chimici usati per sciogliere il ghiaccio: il gatto, si sa, si lecca per ripulirsi e potrebbe intossicarsi;
c) di tenere sempre dell’acqua a disposizione del micio, perché eviti di bere neve sciolta o di mangiare la neve, che può causare irritazioni a stomaco e intestino.

Infine, una raccomandazione che vale per tutti i gatti che vivono all’esterno, nei mesi freddi: quando mettiamo in moto la macchina, ricordiamo che qualche micio (nostro o meno) potrebbe essersi riparato proprio sotto di essa: quindi non partiamo mai all’improvviso e magari diamo anche un colpo di clacson per avvisare il micio e dargli tempo di spostarsi, evitando il rischio di investimento.

Nella stessa categoria...

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Off topic: Ti presento… il drago – Le origini

Se vi state chiedendo cosa c'entri un articolo sui draghi in un sito sui cani, non siete gli unici, me lo sto...

A ciascuno il proprio mestiere

Ho fatto una scelta, con i cani: forse troppo "comoda", forse rischiosa. Ho deciso di non interessarmi di medicina veterinaria. A parte...

Si può portare fuori il cane durante il coprifuoco?

Dopo le normative regionali che hanno introdotto il coprifuoco (nella maggior parte dei casi dalle 23 alle 5), sono nati molti dubbi...

Diretta gratuita: “Rapporto: che cos’è e come si costruisce”

Dopo la grande partecipazione alla diretta del 14 Ottobre, che pur essendo stata dedicata solo agli iscritti al nostro gruppo Facebook e...

Coppa Oliver 2020: com’è andata

Tra Sabato e domenica scorsi, si è conclusa la stagione di lavoro in acqua in Italia. Un immenso GRAZIE a tutti quelli...

Scarica la nostra app!

E' gratuita e potrai rimanere facilmente aggiornato su tutti i nostri contenuti!

Scarica l'app per sistemi Android
Scarica l'app per sistemi Apple

Restiamo in contatto!

135,852FansMi piace
559FollowerSegui
1,141IscrittiIscriviti
Condividi con un amico