martedì , 25 aprile 2017
Home >> Varie >> Curiosità >> Non è (più) la RAI

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Non è (più) la RAI

di VALERIA ROSSI – Avevo scritto, qualche tempo fa, che “vi sareste stufati di vedermi” a Cronache animali, visto che era prevista la mia partecipazione fino a fine maggio. Bene: pericolo scongiurato, visto che mi hanno cacciato fuori e che la mia presenza in trasmissione si è bella che conclusa.
Perché? Boh!
Non ho (stranamente!) litigato con nessuno, anche se qualche volta me ne sarebbe pure venuta voglia (per esempio quando mi sono ritrovata a compilare schede – peraltro non pagate – che parlavano della toelettatura del pavone o dell’attività fisica del porcellino d’India); non ho detto “ba” quando in studio ho sentito clamorose cugginate (non poche, ahimé), né quando sono arrivati cani bruttarelli assai, grassi come comodini e perfino sporchi; non mi sono neppure lamentata del fatto che con un contratto “in qualità di esperta cinofila” poi dovessi parlare prevalentemente di tutt’altro.
Non ho detto “ba” perché, alla fin fine, mi divertivo. E perché vedere tanti animali diversi mi piaceva, visto che a me piacciono proprio tutti.
Però mi hanno cacciato lo stesso, via whatsapp, con questa curiosa motivazione: “esigenze autoriali”.
A questo punto ho mandato un’email educatamente incazzata al produttore, che mi ha subito chiamato cascando dalle nuvole perché non ne sapeva niente: non era neanche stato avvertito e c’è rimasto malissimo, anche perché i miei interventi, per quanto sempre brevissimi e raramente all’interno delle mie competenze, gli erano piaciuti. Ha detto che avrebbe chiesto all’autrice capo di telefonarmi, ma al momento non ho sentito nessuno.
Ribadisco: boh!
Non so cosa sia andato storto, non so se ho sbagliato qualcosa, di fatto non so perché questa collaborazione sia finita così presto. Si vede che stavo sulle palle a qualcuno, ma non so neanche a chi e perché.
Di certo è finita in modo veramente antipatico, anche se il contratto parlava chiaro: dopo aver richiesto la tua presenza a settanta puntate ti dicono che se ne salti una paghi una penale, se non corri ogni volta che ti chiamano paghi una penale, se chiedi la risoluzione del contratto paghi una penale… però loro possono fare quello che je pare, anche sbatterti fuori dopo una settimana, senza che nulla ti sia dovuto.
Però, almeno, dicono che se ti cacciano ti avviseranno “con preavviso non inferiore ai 15 giorni” (a me l’hanno detto con tre giorni di anticipo)… e d’accordo che possono recedere “senza particolari formalità”, ma whatsapp mi pare un filino troppo informale.
Diciamo che mi pare una bella cafonata, va’.
Comunque… sopravviveremo.
Mi consolo pensando che i due viaggi di sei ore alla settimana erano pesanti assai, che adesso riuscirò di nuovo a seguire tutti i miei cani al campo (mentre i due giorni a Napoli mi costringevano ad affidarne alcuni ad altri istruttori), che potrò stare di più anche con la mia cagna, senza rifilarla continuamente a figlio e quasinuora. Di sicuro non avevo alcuna ambizione di carriera televisiva (alla mia età!?!), né la RAI mi serviva come pubblicità a questo sito, visto che non lo potevo neppure nominare: quindi, a conti fatti, forse sto meglio a casa mia che in TV.
Però ci sono rimasta un po’ male, non tanto per la cacciata in sè quanto per il “come” è avvenuta: quindi scusate se mi sono sfogata su Tpic, ma che non ci andavo più ve lo dovevo dire. E mi sarebbe piaciuto dirvi anche perché non ci vado più, ma il fatto è che non lo so. E forse non lo saprò mai.
Vabbe’, dài: se non altro da oggi torno a parlare di cani… e alla toelettatura del pavone ci penserà qualcun altro!

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico