mercoledì , 24 maggio 2017
Home >> Vita col cane >> I perché cinofili >> I perché cinofili: perché il cane struscia il sedere per terra?

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


I perché cinofili: perché il cane struscia il sedere per terra?

di VALERIA ROSSI – Mi è capitato per caso, cercando tutt’altra cosa, di trovare su youtube il video di un cagnolino che “faceva la carriola”, ovvero camminava strusciando il posteriore per terra.
Insomma, quello che si può vedere in questo video:

Qui ho tolto l’audio, ma nel video originale si sente la proprietaria che ridacchia, mentre i commenti sotto vanno dalla classica risatona (AHAHAHAH!) al “fantastico!”, “divertentissimo!” eccetera.
Mi auguro fortemente che questi commentatori non abbiano e non abbiano mai avuto un cane, visto che c’è ben poco da ridere: al povero chihuahua prude il sedere e la cosa giusta da fare sarebbe andare di corsa dal veterinario per cercare di capirne il motivo, visto che la cosa è fastidiosissima.
Il prurito anale e/o perianale può avere diverse cause: infiammazione (spesso legata a una diarrea persistente o a una dermatite), stitichezza o eccessiva produzione ormonale, presenza di parassiti (gli ossiuri sono quelli che provocano un fortissimo prurito).

ghiandole_perianaliLa causa più comune, però, è l’ingrossamento delle ghiandole paranali, che non riescono a svuotarsi  con il passaggio delle feci, come dovrebbe sempre accadere naturalmente.
Purtroppo, a volte, il secreto non riesce ad uscire e le sacche paranali si infiammano/gonfiano provocando un enorme fastidio al cane, che tenta di svuotarsele facendo appunto “la carriola”. Se il tentativo non riesce, e il cane continua per più di una giornata a strusciare il sedere per terra, bisogna procedere allo svutamento manuale, che è meglio far effettuare dal veterinario non solo perché bisogna farlo in modo corretto, ma anche perché così sarà lui a godersi il delicato profumino che emanano queste ghiandole (sì, amici vet,  ringraziatemi pure. Lo so che sono bastarda… ma credo che chiunque effettui questa piacevolissima operazione debba assolutamente essere pagato per farla!).
Una cosa è certa: se il cane struscia il sedere per terra, “fa la carriola”, si annusa costantemente il didietro o viene annusato con particolare intensità dagli altri cani (il secreto delle ghiandole paranali serve alla marcatura del territorio e quindi è molto interessante per i cani), una visitina conviene sempre farla. Di sicuro la reazione migliore non è quella di mettersi a ridere, perché il cane ha un fastidio tremendo e riderne è veramente sadico.

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Valeria Rossi

Savonese, annata ‘53, cinofila da sempre e innamorata di tutta la natura, ha allevato per 25 anni (prima pastori tedeschi e poi siberian husky, con l'affisso "di Ferranietta") e addestrato cani, soprattutto da utilità e difesa. Si è occupata a lungo di cani con problemi comportamentali (in particolare aggressività). E' autrice di più di cento libri cinofili, ha curato la serie televisiva "I fedeli amici dell'uomo" ed è stata conduttrice del programma TV "Ti presento il cane", che ha preso il nome proprio da quella che era la sua rivista cartacea e che oggi è diventata una rivista online. Per diversi anni non ha più lavorato con i cani, mettendo a disposizione la propria esperienza solo attraverso questo sito e, occasionalmente, nel corso di stage e seminari. Ha tenuto diverse docenze in corsi ENCI ed ha collaborato alla stesura del corso per educatori cinofili del Centro Europeo di Formazione (riconosciuto ENCI-FCI), era inoltre professionista certificato FCC. A settembre 2013, non resistendo al "richiamo della foresta" (e soprattutto avendo trovato un campo in cui si lavorava in perfetta armonia con i suoi principi e metodi) era tornata ad occuparsi di addestramento presso il gruppo cinofilo Debù (www.gruppodebu.it) di Carignano (TO). CI ha lasciato prematuramente nel maggio del 2016, ma i suoi scritti continuano a essere un punto di riferimento per molti neofiti e appassionati di cinofilia.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico