giovedì , 23 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Razze >> La poesia delle razze italiane

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


La poesia delle razze italiane

di FABIANA BUONCUORE e VALERIA ROSSI

Dice il Volpino, sì fiero e impettito:
“Che non vi inganni il mio candido manto,
perché non sono uno stinco di santo;
questa faccenda me la lego al dito.

Abil guardiano con cuor di leone,
anche se sono un Volpino perfetto,
pochi mi accolgono sotto il lor tetto:
lo Spitz tedesco la fa da padrone.”

“Vogliam parlare del mio vil mantello?”
Giunge abbacchiato il bel Bergamasco
“Con le persone ha fatto un gran fiasco
ché per la gente non è affatto bello.

Ah, se sapessero che sotto il pelo
si cela un cane di grande valore!”
Così dicendo, il robusto pastore
torna al suo gregge col tipico zelo.

“Non voglio fare la vittima, adesso,
ma pure a me la faccenda sta stretta”
la Levrerina aggiunge, furbetta,
“meriterei di ottener più successo.

Cercano tutti il minuscolo cane
da tener stretto da mattina a sera;
ma invece di una stupenda levriera
scelgon soltanto pinscherine nane.”

Ecco dall’Etna arrivare il Cirneco:
certo vorrà dir la sua a tutti quanti.
Giunge al galoppo, ci inchioda davanti;
la sua opinione risuona con l’eco.

Guarda i dintorni con serio cipiglio
poi ci rivolge uno sguardo severo
e profferisce col suo tono altero:
“Avete visto passare un coniglio?”

Bracco e Segugi lo guardan dall’alto
“Se anche un coniglio qui fosse passato
senza alcun dubbio lo avremmo fiutato”
… e detto ciò parton tutti all’assalto:

“Torna il padrone, ha comprato i gelati!”
Certo, lo sanno che non son per loro
ma con la scusa del duro lavoro
tentan lo stesso: “Qui siamo affamati!”

“Stiamo perdendo di vista il concetto”,
dichiara subito un vecchio Spinone,
che si avvicina con fare sornione
e dopo aggiunge con tono assai schietto:

“Le razze italiche sono in discesa
solo a pensarci mi viene la rogna
ché gli italiani non hanno vergogna:
trovar miei pari è ormai quasi un’impresa.”

Con passo lesto, da due fronti opposti
giungono in seguito un bianco Maltese
e il suo collega, quel tal Bolognese.
Son stati forse finora nascosti?

Eccoli qui fieramente seduti
e dal problema non sembran sconvolti:
“Di ammiratori non ne abbiamo molti?
Pochi ma buoni… e tanti saluti.”

“Tutti a parlare di scarso successo,
ma sono io quello che è messo peggio!
Giorno per giorno  sto qui e mi amareggio
per il mio ambiente, che ormai  è compromesso.”

I verdi pascoli del Maremmano
stanno oramai tutti per scomparire
non lascian più l’erba per costruire
come diceva il buon Celentano.

“I vostri guai saran presto finiti!”
dicono in coro due voci tonanti.
Napoletano e Corso, trionfanti,
son così belli che sembran scolpiti.

“Siamo gli eroi e da questo complotto
vi salveremo con grande ardimento;
combatteremo anche due contro cento,
chiediamo in cambio soltanto un biscotto.”

E così, mentre si accende la folla,
c’è chi commenta, chi ascolta o riflette
chi nel frastuono emette puzzette
e chi, annoiato, distratto si scrolla.

Guarda la scena il Lagotto, perplesso:
“Unici e soli, a ridarci gli allori,
dovrebbero essere i nostri creatori;
solo che il medio italiano è un po’ fesso.”

 

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Fabiana Buoncuore

Fabiana Buoncuore è la sciurallevatrice per eccellenza. Nasce a Carmagnola da suo padre e sua madre (ma più da sua madre) il 17/09/1987, da allora il 17 settembre è anche noto come "San Morbidino". Appassionata di tutte le razze canine e indicativamente di tutti gli animali esistenti sul pianeta, ha una particolare predilezione per il rottweiler, che ha le sue stesse esigenze primarie: mangiare, dormire, muovere poco le chiappe. Collabora ormai da alcuni anni con "Ti presento il cane" con le sue storie di vita vissuta tra allevamento e morbidinosità.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico