sabato , 18 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Vita col cane >> Cugginate >> I baffi servono per l’equilibrio: me l’ha detto mio cuggino

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


I baffi servono per l’equilibrio: me l’ha detto mio cuggino

di FRANCESCA BRUNELLO – Qualche giorno fa sono finita in uno dei pet shop del centro, di quelli super chic, che  un rotolino di sacchetti ti costa più o meno 3 euro e 50 e che se devi comprare un collare o lo compri taglia XS, rosa e con gli strass, o se no ciccia, cambi il cane e ti compri un bichon a poil frisè, che te li vendono loro che “glielo assicuro, ce li porta un nostro amico allevatore”.
schnauzerGestori coatti a parte, il negozio offre anche il servizio toeletta: se ne occupa una ragazza giovane, a cui i cani piacciono, si vede, ma ha iniziato da poco e probabilmente deve ancora prenderci la mano.
Prima di me in fila, una signora mi incanta con la gag settimanale: esce la toelettatrice con lo schnauzerino al guinzaglio per riconsegnarlo alla proprietaria, che non saluta e non ringrazia (ci mancherebbe, lei è la cliente, e i clienti non salutano…MAI) ma che parte ad urlare e sbracciarsi come una dannata, manco fosse in preda alle convulsioni.
Mentre questa continua a agitare le braccia, io – dopo una rapida occhiata alla mia bestiaccia – le impongo un “terra” perentorio (alla Twiggy, non alla signora), perché in quel momento ho sentito perfettamente quello che pensava il mio cane, ed era più o meno: “VIAAAAAAA UNA MANICAAAAAA”.
Appena questa si calma (per modo di dire) sbotta: “ma cosa hai fattoooo hai tagliato i baffiiii!! Ma non lo sai che servono per l’equilibrio, madonnina mia! E adesso come fa di notte?!”
Io, ancora stordita per il “madonnina mia” sono uscita con la Twiggy al piede, mentre sentivo il suo sguardo addosso come a dire: “guarda che io il terra te l’ho fatto, la condotta pure, adesso mollami il salamotto che son brava ma non son cretina”.

Conclusa la mia premessa –lunghetta, come al solito – parliamo un po’ dei baffi del cani.
Si chiamano vibrisse e sono presenti in tutti i mammiferi (anche noi le abbiamo,  sono i peli del naso) e fanno parte della categoria dei peli tattili.
Nei cani ci sono tre tipi di pelo: il pelo di copertura, anche detto di guardia; il sottopelo, che negli schnauzer viene via solo con lo stripping del toelettatore, ma che negli husky viene giù a nuvole; e infine i peli tattili.
I peli tattili sono peli lunghi e rigidi, riccamente innervati e nutriti da un gran apporto sanguigno. In generale nel cane si distinguono tre tipi di peli tattili, distribuiti in più zone del corpo:
Le vibrisse sono poste all’ingresso delle narici sul tartufo e sulla parte inferiore della mascella.
I tragi sono presenti nel condotto uditivo esterno, che impediscono l’entrata di polvere o agenti esterni nelle orecchie.
Le ciglia crescono sul margine libero delle palpebre.
Sono peli tattili anche quelli sotto le zampe, posti tra i cuscinetti.

Tutti questi sono gli organi deputati alla percezione della consistenza degli oggetti e della loro temperatura: per fare un esempio, per capire se una pallina è dura o morbida, il cane la tocca con il muso o con le zampe; per sentire se il cibo è caldo o freddo, ci avvicina il muso (quando non ci si strozza deglutendo tutto in un unico GLOP, che intendiamoci, alcuni cani il problema manco se lo pongono).

sensop1Dopo la seconda settimana di vita, quando il cucciolo è ancora cieco e sordo, scopre il mondo attraverso le vibrisse, tramite cui comprende la consistenza e conformazione dei vari oggetti e fratelli che gli stanno intorno, a cui si avvicina il più possibile per aumentare la temperatura corporea.
Non a caso, gli allevatori che utilizzano la tecnica senso puppy (o bio sensor, che dir si voglia), usano un cotton fioc con cui stimolano i peli tattili tra i cuscinetti e i cuscinetti stessi sotto le zampe nelle prime settimane di vita del cucciolo.

Non so quante siano le lettrici di Tpic, ma probabilmente molte di noi sono cresciute con la nonna o la mamma che diceva: “non tagliarti mai le ciglia bambina mia, che se le tagli ti rimangono corte per tutta la vita”…Sono peli, e in quanto tali cadono e poi ricrescono. Hanno un ciclo di vita che va dalle 4 alle 6 settimane.

La povera toelettatrice che ha accorciato il baffo allo schnauzer della signora non ha nulla da temere, non ha rovinato l’equilibrio del cane dato che il sistema deputato all’equilibrio è dentro all’orecchio interno e prende il nome di sistema vestibolare.

Che invece i peli tattili servano di notte in parte è vero: permettono al cane di avere la stessa sensazione che abbiamo noi quando sentiamo una corrente d’aria sulla pelle, ma in maniera più precisa, poi il resto del lavoro lo fanno naso e orecchie.

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico