domenica , 19 novembre 2017
Ultime novità
Home >> Discussioni >> Cani in negozio, cani su ebay…l’ignoranza NON è una scusa

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Cani in negozio, cani su ebay…l’ignoranza NON è una scusa

di DAVIDE BELTRAME – Ci avviamo verso fine 2016, e ancora tante, troppe volte sentiamo la solita frase “ho preso il cane ma dopo una settimana ha iniziato a stare male”: con una premessa così, quando si chiede la provenienza del cucciolo, 99,9 volte su 100 la risposta è “in negozio” o peggio ancora “su internet”, dato che come purtroppo è noto i vari subito.it pullulano di annunci di cani in vendita o peggio ancora proposti per “scambio con cellulare” e amenità simili.

canificiIl problema è che tutto questo succedeva già 15 anni fa, con poche differenze: magari l’annuncio finiva su ebay e non su subito.it (EBay poi ha vietato la vendita, anche se qualche annuncio ogni tanto “scappa”, ma ormai  ci sono diversi siti meno restrittivi dove imperversano gli annunci di cagnari e simili), in più c’erano le “fiere del cucciolo”, per fortuna poi sparite dalla circolazione (o quantomeno drasticamente ridotte), ma la costante era sempre la stessa: cuccioli provenienti solitamente dall’Est, arrivati in Italia stipati su furgoni stracarichi, in condizioni sanitarie pessime, che venivano poi venduti con documenti (ovviamente falsi) che ne attestavano i controlli veterinari e l’età di 3 mesi (mentre in realtà arrivavano a malapena a due), che regolarmente finivano per ammalarsi e nella stragrande maggioranza dei casi a morire.

In realtà con i “15 anni fa” sono stato fin troppo ottimista, perchè il problema è ancora più “antico”, ma mi sono voluto limitare al momento in cui Internet iniziava a essere diffuso in Italia (nel 2000 si stima fossero connessi al web almeno 10 milioni di italiani) e quindi fosse già un po’ più facile informarsi. Certo, di contro il web ha reso molto più facile per i commercianti di cani raggiungere un bacino di utenza più ampio, se una volta dovevano limitarsi agli annunci sui giornali, le “bacheche web” hanno ampliato il fenomeno.

Per quanto ci riguarda, abbiamo affrontato il problema dei cuccioli importati dall’Est praticamente fin dalla nostra nascita, sia nella “prima versione” del sito (nel 2002) che poi sulla rivista cartacea; sempre nei primi anni 2000 avevamo creato la ONLUS “Dalla parte del cane” che aveva come scopi principali la diffusione della cultura cinofila (soprattutto nelle scuole) e la lotta al traffico e all’importazione dei cuccioli: vedere che così tanti anni dopo siamo praticamente punto e a capo è sinceramente scoraggiante.

Ed è ancora più scoraggiante considerato che mentre su molti argomenti si può concedere l’attenuante che i mass media non ne parlino (e quindi per l’italiano medio sia magari più difficile reperire un’informazione che trova solo su siti di settore), questo non vale più per i cani dell’Est: sebbene siano arrivati con molto ritardo sull’argomento, ormai è stato toccato più volte dai giornali ed è finito anche in TV: nel 2013 ne ha parlato Striscia la Notizia, quest’anno ne hanno parlato Le Iene, e si trovano articoli sul tema su diverse testate nazionali come La Stampa o Il Corriere.

canificioQuindi: come è possibile che ancora un sacco di persone ci caschi?
O la gente continua a non informarsi, oppure spera di beccare l’eccezione fortunata: proprio a proposito del servizio di Striscia, avevamo scritto un articolo sullo sproposito di commenti che chiedevano “come adottarne uno”, dopo che era stato spiegato che si tratta di cuccioli malati e che raramente sopravvivono…come se una buona fetta del pubblico avesse solo capito che c’erano dei cuccioli disponibili, senza porsi minimamente il problema della provenienza.

Lo stesso succedeva con le fiere del cucciolo (le guardie zoofile di milano hanno creato un sito in cui mettono in guardia da tali fiere): nonostante le numerose testimonianze su come i cuccioli acquistati in questi luoghi mostrassero regolarmente problemi di salute gravi, le vendite erano comunque numerose, perchè probabilmente tanti pensavano “va beh ma figurati se capita a me” o “io mica mi faccio fregare!”.

Ancor più gravi a mio avviso quelli a cui non bastava (e non basta) sbattere il muso la prima volta e che accettano la proposta di cambiare il cucciolo quando si ammala…se un negoziante vi ha dato un primo cucciolo malato, come pensate sarà il secondo?

Comunque, per farla breve e per non ridire cose che abbiamo già detto, riproponiamo una serie di articoli sul tema cani dell’est, in particolare testimonianze di gente che purtroppo ci è cascata e si è quindi trovata a vivere esperienze ben poco piacevoli. Invitiamo ancora una volta a informarvi e a informare, anche se sappiamo fin troppo bene come sia difficile far capire all’amico che sta per comprare il cane in negozio che sta facendo una stupidaggine: magari mostrargli qualcuno degli articoli di seguito potrà aiutarvi a farvi cambiare idea.

Prossimamente riproporremo una parte del materiale che avevamo raccolto per “Dalla parte del cane”, che come detto risale ai primi anni 2000 ma si rivela, purtroppo, ancora attuale.

Triste storia di un cucciolo dell’Est

Ennesima (triste) storia di un cucciolo dell’Est

Cani dell’Est: ecco cosa succede ai cuccioli

Potrebbe interessarti anche...



Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo




Informazioni su Davide Beltrame

Figlio di Valeria Rossi dalla nascita, creatura mitologica a metà tra uomo e cane, con tratti bestiali dello yeti. Solitamente preferisce esprimersi a rutti, ma ogni tanto scrive su "Ti presento il cane" (di cui è il webmaster, quando e se ne ha voglia). La sua razza preferita è lo staffordshire bull terrier, perché è un cane babbeo che pensa solo a mangiare e a dormire. Esattamente come lui.




×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico