Un gruppo di studenti della dell’Università di Pavia chiede a noi (e soprattutto chiede a voi lettori!) qualche minuto del proprio tempo per compilare un breve questionario inerente la salute orale del nostro cane (o cani).
Ecco cosa ci scrive lo studente che ci ha contattato:

SCOPRI IL NOSTRO PET SHOP

Buongiorno “Ti presento il cane”, vi scrivo per chiedervi un piacere.
Io e altri 3 ragazzi stiamo facendo un piccolo progetto per l’università (siamo studenti della laurea magistrale di economia dell’Università di Pavia), abbiamo creato un veloce questionario sulla salute orale del cane, dato che nn abbiamo molti contatti vi chiederei il piacere di pubblicare il nostro questionario. Si tratta di un questionario informativo per la realizzazione di un progetto universitario al fine di capire l’attenzione delle persone nei confronti dell’igiene orale del nostro cane. L’idea di base sarebbe quella di capire se i vari padroni sarebbero o non sarebbero disposti a compare prodotti di questo tipo, evitando oltretutto una possibile spesa veterinaria per pulizia denti, eliminazione tartaro e/o placca e altri problemi odontoiatrici.

Accogliamo volentieri questa richiesta e vi invitiamo quindi a rispondere al questionario per aiutare questi ragazzi ad avere un campione più vasto di risposte.

Articolo precedenteCome riconoscere il pet food di qualità e sostenibile? Cinque regole per una scelta più consapevole
Articolo successivoIo gli do il mangime migliore… Sapessi quanto costa!

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

9 Commenti

  1. Capisco l’iniziativa e anche le motivazioni commerciali ma io porto la mia esperienza.
    Alimento i miei cani con la dieta barf adattata ai miei cani, quindi i denti hanno molta poca placca. I miei cani hanno un’età dai 16 ai 2 anni e denti ancora in buono stato.
    In più fin da cuccioli li ho abituati ad un spazzolamento con lo spazzolino da denti, e per cane impiego al massimo 1′. Lo faccio mattina e sera. La motivazione che mi ha spinto a fare questo è che mi piace farmi leccare dai miei cani e quindi non voglio che abbiano un alito pesante.
    In più ho risparmiato dei bei soldi. Quindi il mio invito è di imparare alcune regole igieniche per i vostri cani e lo stesso vale per gli esseri umani

  2. Che strano questionario…..
    Mi aspettavo anche domande relative al fatto che il cane possa avere/aver avuto problemi con i denti, se ha molta placca/tartaro, se si è dovuti ricorrere alla pulizia oppure no…. Insomma anche domande relative al problema dentale….
    Boh……!

  3. Anch’io lavo i denti alla mia piccolina quasi quotidianamente (5 volta a settimana di media). Niente di commerciale però. Uno spazzolino per bambini e acqua. Al massimo ogni tanto un po’ di bicarbonato sciolto in acqua…
    Per ora ha tre anni. Denti bianchissimi 🙂

  4. Ah.. dite che era strano? ahah che babbea io l’ho compilato tranquillamente immaginandomi qualcuno che vuole creare una nuova linea di prodotti per l’igiene dentale aahaha sono ancora addormentata!

    • Tranqui, anche io l’ho compilato, per cortesia, come Nerofumo….
      Poi la vedo come lui, acquisto di cibo e prodotti per l’igiene dentale non li vedo legati.
      Inoltre per cani vale ciò che vale per noi umani: alcuni autoproducono tartaro in quantità industriale, altri, tipo il mio, no…
      Ecco, mi aspettavo un questionario orientato in questo modo…. Però i “ricercatori” sono loro…! 😉

  5. Mah, io l’ho compilato come faccio sempre per cortesia. Non so se sia strano, ma non so neanche se possa essere di qualche utilita’ dal momento che fa un fritto misto di alimentazione ed igiene. L’unica cosa che mi sembra avere senso e’ il rapporto tra la spesa per l’igiene e la spesa complessiva per l’alimentazione ma solo se si basa sul presupposto che chi acquista prodotti per la cura acquisti anche mangimi per l’alimentazione. In realta’ chi alimenta i suoi cani con una dieta di tipo barf o similari, difficilmente si rivolge al mercato pet per l’acquisto di prodotti di cura a parte un cardatore e i sacchetti per la raccolta delle feci e quindi mal si adatta al questionario perche’ non c’e’ alcun rapporto tra la spesa per l’alimentazione e l’acquisto di prodotti specializzati per la cura del cane.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here