martedì , 17 gennaio 2017
Home >> Comunicati >> Comunicati stampa >> Alberi di Natale Anti-Abbandono, in memoria di Andrea Arcangeli Conti

Segui "Ti presento il cane"

Non vuoi perderti nemmeno un articolo di "Ti presento il cane" ? Allora utilizza uno nei nostri servizi di notifica!
  • Notifica via Facebook
  • Newsletter
  • Notifica via email
Il nuovo sistema di notifica. Cliccando sul pulsante potrai autorizzare l'applicazione e riceverai le notifiche di nuovi articoli direttamente su Facebook!


Alberi di Natale Anti-Abbandono, in memoria di Andrea Arcangeli Conti

COMUNICATO STAMPA – “Allegra, Yes I am”, con le associazioni Gaia Animali&Ambiente, Orecchio Acerbo e Diamoci La Zampa, presenta l’albero di Natale Anti Abbandono 2016.
Un albero di Natale che anche quest’anno vuole sensibilizzare sul tema dell’adozione responsabile di un qualsiasi cucciolo, sulla gravità dell’atto dell’abbandono che può essere causa anche della morte di persone e, infine, che vuole ricordare e mostrare quanti cani e gatti sono in attesa di una famiglia all’interno dei canili.

Il 6 dicembre, all’interno della scuola Villa Redenta di Spoleto, è stato presentato il primo albero di Natale molto speciale: un abete di quasi quattro metri, donato dalla famiglia Arcangeli Conti. E’ decorato con i disegni anti-abbandono dei piccoli creativi della Scuola Primaria, che hanno realizzato un percorso educativo incentrato sul rispetto e la cura degli animali, hanno ascoltato commossi la triste storia di Angelo (il cane impiccato da 4 balordi a Sangineto) ed hanno accolto con tanto affetto i genitori di Andrea, realizzando così opere delicate e sensibili che rendono l’albero carico dei veri significati del Natale e della vita! Sono appese alcune palline con le immagini di Brio, Cherie, Cielo, Dik, Laika, Lilla, Marilyn, Renato, Sara e Trilly, alcuni dei cani ospiti de Rifugio del Cane, sezione Enpa di Pistoia e brilla, in cima, una stella di Natale molto speciale: l’immagine di Andrea, luce che illumina la strada da percorrere, un angelo che ha sacrificato la sua vita, proprio il giorno della vigilia di Natale, nel tentativo di soccorrere un cane ferito. L’abete verrà piantato nel giardino della scuola al termine delle feste natalizie.

Il 10 dicembre, alle ore 10.00, presso la rinomata biblioteca San Giorgio di Pistoia un altro albero di Natale anti-abbandono è stato presentato dall’associazione Orecchio Acerbo con la partecipazione della scrittrice Antonella Tomaselli, da anni impegnata nel progetto “Allegra, Yes I am”, e di Mara e Sandro Arcangeli Conti e in collaborazione con Rifugio del Cane, sezione Enpa di Pistoia, Associazione Amici della San Giorgio e con la biblioteca San Giorgio di Pistoia. L’albero, messo a disposizione dal Vivaio Piante Mati, sarà decorato con i disegni realizzati dai bambini delle scuole primarie Roccon Rosso – Istituto comprensivo Raffaello (classe 3° A e 3° B) e Marino Marini – Istituto comprensivi Leonardo da Vinci (classe 4° A e 5° A). L’albero rimarrà esposto e visibile al pubblico fino al 7 di gennaio. Durante tutto il periodo si susseguiranno una serie di iniziative segnalate sul sito www.associazioneorecchioacerbo.it.

Sugli alberi c’è anche una cartolina in ricordo di Angelo, il povero cane randagio torturato e impiccato da quattro ragazzi che hanno poi pubblicato il video su facebook.
GAIA ANIMALI & AMBIENTE Onlus, con il suo presidente Edgar Meyer, chiede giustizia contro la malvagità e ogni forma di violenza che spesso si nascondono dentro l’animo umano, annunciando che si costituirà parte civile nell’instaurando procedimento penale per l’uccisione di Angelo. «É necessaria una punizione esemplare. E’ necessario che la Giustizia faccia il suo corso. Le leggi a tutela degli animali e per un corretto ed equilibrato rapporto uomo – altri animali ci sono e vanno rispettate. Una punizione esemplare servirà anche per dare un segnale: la società civile non permette più espressioni di arretratezza culturale come quella manifestata dal gruppo di ragazzi», dice Edgar Meyer.

I numerosi disegni ricevuti dai bambini parlano di amore e di rispetto e rappresentano una sorta di richiesta speciale per Babbo Natale: regalare una famiglia amorevole a tutte quelle povere bestioline che fino a oggi hanno sofferto a causa della crudeltà e irresponsabilità dell’uomo. Il messaggio dell’iniziativa è chiaro: un’adozione rappresenta un impegno per la vita! L’appello è quello di adottare.

Aggiungi ai tuoi preferiti

Vuoi aggiungere questo articolo ai tuoi preferiti?

Per poter utilizzare questa funzione devi essere registrato e aver eseguito il login


Libri consigliati (da Amazon.it)



Commenti all'articolo








×

Notifiche via Facebook

Ricevi una notifica direttamente su Facebook quando viene inserito un nuovo articolo: potrai rimanere costantemente aggiornato sui nostri contenuti direttamente dal social network!

Authorize

Condividi con un amico