di FRANCESCA M. BRUNELLO – Sarò onesta, è capitato anche a me. Fai l’ordine, passano tre giorni, nessuno risponde alle tue email, l’assistenza ha sede nella Bosnia del sud e non ti risponde mai nessuno, le crocche scarseggiano, quando ti rispondono poi -dopo che ti hanno scalato 40 euro dal telefonino- ti dicono che loro non sanno, il corriere ritarda, c’è di mezzo il weekend, il cane rischia il digiuno. Olè. E mo che me invento?

Vado al pet shop più vicino e le compro, le pagherò un accidenti e mezzo, ma almeno la bestia ha il pancino pieno.
Che ingenua, ma è ovvio che al pet shop non le hanno.
“Signorina, prenda queste, sono ottime!”
Famme legge’ un po’ sta etichetta: ‘Mais, frumento, farina di pollo, riso, olio di colza…’
“Ehm, non posso dargliele queste, è intollerante al pollo”
“Nessun problema, si figuri, abbiamo queste al pesce”
Riso (49%), lievito di birra, farina di tonno 9%, patata…’
‘Mah, mi sembra che ci sia parecchio riso, non è che avete un grain free magari non al pollo?’
‘Si teniamo questo, ma guardi questa cosa comincia anche ad essere anche un po’ di moda, come quelli che vogliono tutto vegano e senza glutine.”
“Io sono celiaca.”
“Celiaca celiaca?”
“Celiaca una volta sola, mi faccia leggere l’etichetta per favore.”
“Ah, si certo, eccola qui, questo è un ipoallergenico”
patate 70%, carne di cavallo disidratata 19%, olio di girasole…’
“Ma guardi in realtà io sono qui perché ho finito i sacchettini per la popò, li trovo da sola grazie.”

Vediamo l’internet cosa dice, consigli sui forum, i miei preferiti. Questo ha il mio stesso problema.


Insomma, non mi pare proprio l’ideale. Andiamo avanti nei commenti, vediamo un po’

Mi ri-cito: “MACCHÉ È?!”

Com’è che, in queste situazioni tutti si improvvisano chef? È davvero necessario fare la pasta, e condirla pure? Non basta cambiare crocchette?

Purtroppo, se non si hanno sufficienti crocchette per fare un cambio graduale in cui si mischiano sempre più crocchette nuove a quelle vecchie, si impone un cambiamento troppo brusco di alimentazione, e salta fuori il colonnello Giuliacci con previsione di forte diarrea.

A me quella volta è andata bene che -illo tempore- avevo stressato talmente tanto  Andrea da farlo passare alle mie stesse crocche per la sua doby, scelta che nel guaio in cui mi ero cacciata si è rivelata salvifica.
(Nota bene: Andrea è il proprietario di Mia, la doby con cui la Twiggy sgamba più spesso e volentieri. Lui è la persona che io stresso davvero di più quando si tratta di cani e le mie relative idee, tanto che dopo un po’ che non gli davo tregua con le mie mirabolanti avventure dell’essiccatore, si è impietosito e mi ha portato un batticarne).

In assenza di crocche e senza la possibilità di fare un cambio graduale quindi, cosa ci si inventa?
Essendo il cane un carnivoro adattato (molto spesso adattato crocchivoro) c’è da chiedersi: cos’è che gli incasina di meno il sistema gastroenterico?

La soluzione più semplice è in questo caso anche la più banale: carne o un buon umido.

Trovandosi di fronte ad un cambio brusco in piena emergenza queste sono le due soluzioni che (di solito) danno meno problemi, risultando le alternative più digeribili.
Attenzione che se scegliete l’opzione ‘umido’ dovete evitare quelli da supermercato, tenetevi lontani da diciture quali “sottoprodotti e derivati” sia di origine animale che vegetale. Un umido può essere complementare, se è composto solo di carne o completo se si tratta di un prodotto che comprende carne, verdure e carboidrati. Se si tratta solo di un pasto il cane potrebbe anche stare a digiuno.

Come faccio a capire le dosi?

Addentrarsi in questo argomento è decisamente più difficile di quello che sembra. Normalmente l’umido (non tutti, ma la maggior parte) hanno stampato sulla lattina una proporzione dose-peso. In realtà è piuttosto riduttivo fare un conto approssimativo così. Soprattutto se nell’urgenza un buon umido non lo si trova e si opta per la carne: per capire quanta carne dare bisogna tenere conto di diversi di fattori, come l’età e la quantità di attività fisica della bestiaccia, che incidono non poco nel momento in cui ci si trova a dover pesare il pasto (che ricordo si fa solo a crudo). Ad esempio, nella stesura di una dieta casalinga, il nutrizionista di solito basa il conto a partire dal 3% del peso ideale in un cane adulto, e da questo procede secondo una proporzione 60-20-20% o 70-20-10% di rispettivamente proteina-verdure-carboidrati. Attenzione però che la “proteina” non è il macinato, ma un’insieme ben studiato di muscolo, frattaglie e OP (soprattutto se è una dieta a crudo) quindi non prendete assolutamente queste nozioni superficiali per procedere con una dieta fai-da-te. La casalinga non è un pasto di fortuna, quindi se siete senza crocche, nessuno ve le può dare, non trovate un buon umido, e non volete far digiunare il cane, non inventatevi niente e procedete nella maniera più semplice possibile, di modo da non fare disastri. Ci sono cani che mangiano insalata di riso e non fanno una piega, ma ce ne sono altrettanti che con un tipo di macinato troppo poco grasso soffrono e vanno in diarrea.
Cautela e sale in zucca, niente sale nella ciotola.

Attenzione: è normalissimo che le feci siano pochissime e di dimensione ridotta. Una crocchetta, per quanto valida come ingredienti, avrà sempre una quantità di scarto enormemente superiore rispetto ad un pasto fresco, che è fatto per la maggior parte del suo peso in acqua, smaltita con la prima pipì.

Un falso mito è quello di dare le crocchette gastrointestinal (non importa di che marca, tutte quelle che ho visto fin ora hanno un’etichetta davvero pessima) in quanto erroneamente considerate più leggere o più digeribili.
L’unica cosa che alleggeriscono è il portafogli, visto quello che costano.

Colgo l’occasione per ricordare che le crocchette che vantano di essere specifiche per artriti, otiti o una razza in particolare sono quasi sempre crocchette che costano tanto e valgono niente.
È piuttosto normale che dopo che il quattrozampe ha avuto accesso all’umido poi non ne voglia sapere di tornare alla crocche. Potete procedere a diversi livelli: con la linea dura in primis, oppure in maniera più subdola lasciando le crocchette in ammollo nel brodo (senza aglio o cipolla) tanto da farle diventare un pastone molliccio, sostituire gradualmente il brodo con l’acqua e poi somministrare il pasto sempre meno umido fino a tornare alle crocchette secche e semplici.
Insomma, è come il metodo per insegnare al cane a dormire fuori dalla camera: si sposta la cuccia di poco ogni sera, senza che il cane percepisca una grossa differenza, fino ad arrivare nel punto in cui volete che dorma.

Io personalmente faccio da sempre il pastone con l’acqua tiepida. La befana mangia più volentieri e i tempi di digestione si accorciano. Inoltre rendo fattibile anche al nonnino Ciccio-il meticcio mangiare le stesse crocchette della sua partner di malefatte.

Articolo precedenteFondamenti di addestramento – Introduzione
Articolo successivoOsservazioni sul nuovo “Piano per la conservazione del lupo”

Potrebbero interessarti anche...

Vuoi aggiungere qualcosa? Dì la tua!

9 Commenti

  1. Nooo il digiuno nooo, povero! Vedo Attila come va in ansia se la cena è in ritardo, non oso pensare fargliela proprio saltare!!!!

  2. La mia meticcia, incrocio chihuahua, ama le crocchette e non l’umido. Per l’umido devo sempre aspettare ore prima che lo finisca, mentre le crocchette le divora. Io sono una novizia e ammetto di prenderle al negozio per animali, però leggo le etichette e prendo quelle con il più alto contenuto di carne.

  3. Il mio cane digiuno è una roba che non si puó sentire. Io se salto i pasti divento una bestia di satana non vedo perché non potrebbe accadergli lo stesso. Tralasciando il fatto che non riuscirei a ingoiare un boccone sapendo che lui non ha mangiato. Situazione fantascientifica per me.
    Le crocchette noi le abbiamo abolite definitivamente qualche anno fa. Per un po’mangiava quelle regalateci dall’allevatore ma si è stufato praticamente subito. Dall’anno e mezzo ha cominciato una dieta casalinga preparata dalla veterinaria in base a peso, razza ed attività motoria. Ha quattro anni, ha fatto le analisi generali recentemente e sta una bomba. Denti perfetti, muscoloso, agile e sempre attivo e vivacissimo (ahimè 😅). Non mi sono mai pentita di aver abbandonato le crocchette. Lo sguardo del mio cane quando mangia anche per gusto e non solo per fame (e non sempre la stessa cosa è impagabile.

  4. Proprio ieri mi sono ritrovata in questa situazione… corriere che doveva consegnare l’altroieri ma per problemi di indirizzo non è passato (e non mi ha neanche telefonato, maledetto). Dovendo pensare a quale fosse la cosa più facilmente digeribile per lei mi sono ridotta all’ultimo a scongelare un paio di fettine, sbollentarle senza sale, farle a pezzettini e darle alla belva (niente pasta, riso e varie perché la signorina mangia solo grain-free o va a diarrea da qui fino alla prossima decade). In effetti mi pareva strano che abbia fatto giusto un paio di cacchine rinsecchite, ora mi spiego perché. E menomale che è una di quelle che mangerebbero anche i sassi, quando siamo tornate alle crocchette non ha fatto storie.

  5. Ho da sempre alimentato i mie cani con crocchette. Giusto o sbagliato la comodità per la sottoscritta e il gradimento di tale alimentazione per loro mi hanno rassicurata. Non ne capisco un tubo di ingredienti, additivi, ceneri, smog e rospi ;-))) e nel decifrare le
    etichette vado in paranoia. Uso una marca che ritengo di media qualità poiché
    le feci risultano formate, le mangiano con appetito, l’aspetto dei cani è sano e non da meno, il costo dal negoziante dove abitualmente mi reco, è inferiore ai vari pet-shop.
    Ultimamente ad uno dei miei anziani cani è stata diagnosticata insufficienza renale cronica e suggerito dal Veterinario oltre a vari farmaci anche un mangime Vet Renal.
    Sarà efficace? Non lo so, lo mangia volentieri ma so che non farà miracoli………
    Ad un altro mio cane, ultimamente con frequenti episodi di feci molli è stato consigliato dal Veterinario un mangime Vet Hipoallergenic che sembra dare buoni risultati.
    Tali mangimi specifici hanno però il “difetto oggettivo” di avere un prezzo elevatissimo. Mio malgrado e nonostante la persistente diffidenza mi sono buttata nell’acquisto on-line di tali mangimi. Il risparmio c’è ma l’affidabilità, la puntualità e celerità delle consegne non sempre …. Per evitare di rimanere sfornita tengo come scorta una confezione da Kg. 2 o nella peggiore delle ipotesi mi reco nei pet-shop dove so poterli trovare seppur “a prezzo pieno” anzi super pieno poiché confezioni piccole…….

  6. E qui, come sempre, conta tanto ma taaaaaaanto la serenità di propietario e veterinario.
    Il mio lupetto, ora 4 mesi e mezzo, ha avuto problemi si pancia sa che è arrivato a casa due mesi fa. Eliminata l’ipotesi parassiti, eliminata l’ipotesi intolleranze, considerati i noti problemi dei clc… da tre giorni feci formate. Questo dandogli solo gastrointestinal (anche come premietti) e quintali di fermenti, quelli per umani compresi.
    Saranno stati i fermenti? Sarà l’alimentazione? Sarà l’età? Sarà la congiunzione astrale? Sarà quello che volete ma noi continuiamo con il gastrointestinal!

  7. se la Cali digiuna, vomita. se mangia presto la sera (20:30) e non fa colazione entro le otto, vomita. se mangia una spugna e la innaffia con l’acqua del canale sta che è una bellezza. se resterò senza crocchette, andrò da acqua e sapone.

  8. Ciao a tutti.
    Mi chiamo Viria e sono proprietaria di una meravigliosa bull terrier di 5 mesi.
    Si chiama Mina e proviene da un allevamento amatoriale in provincia di Milano gestito da una coppia eccezionale alla loro prima cucciolata, Anita e Andrea.
    La nostra bulla ci è stata data in ottima salute, sverminata, vaccinata e regolarmente iscritta in anagrafe ed Enci.
    In allevamento veniva nutrita con Trainer linea rossa ma su consiglio del veterinario siamo passati a darle una crocchetta monoproteica (sempre Trainer ma linea gialla con anatra,riso e olio) perché le venivano delle bolle sul muso e sulla pancia.
    Successivamente abbiamo tentato per 2 volte di introdurre una crocchetta a base di pesce per eliminare le irritazioni(Fish4dogs regular puppy) ma va in diarrea e vomita dopo appena tre pasti con soli 20 grammi di pesce e 100 delle crocchette abituali. Crediamo a questo punto che sia intollerante al pesce.

    Mina è la nostra prima bulla…leggendo sui vari blog apprendo che i bull sono cani possenti ma delicati, che necessitano di un’alimentazione mirata al corretto sviluppo di muscoli e ossatura.
    Abitiamo in campagna e Mina fa abbastanza movimento ogni giorno. Oltre allo “scorrazzo” per i campi la porto sempre con me a camminare o correre per un’oretta.
    Continua ad avere un po’ di bollicine, anche se non si gratta mai, un alito non proprio freschissimo e da qualche giorno ha un po’ di forfora e perde più pelo del solito.

    Attualmente mangia 350 gr di crocchette ma la linea gialla della Trainer non mi piace molto perché secondo me è troppo ricca in carboidrati e scarica di proteine ma questo è un mondo davvero troppo vasto per una persona inesperta quale sono.

    Mi aiutate a capirci di più?
    Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Nata a Latisana il 16 ottobre 1992 e cresciuta a San Donà di piave (VE), Francesca Brunello studia all'Università di Firenze. Pessima studentessa di medicina, convive dal 2014 con Twiggy, pastorina tedesca allergica alle coccole, decisamente poco socievole con sconosciuti, bambini e gatti. Sfegatata per l'UD, il mondioring e grande fan del fai-da-te, insegna ai suoi cani comandi utilissimi come salutare con la ssssampetta, sfilare i calzini, e disfare la lavatrice. Seguace della cinofilia di Valeria Rossi, è ferrea sostenitrice del fare cose cum grano salis e fiutare bufale e cugginate da lontano. Astemia e celiaca, stressa la redazione di Ti Presento il Cane dal marzo 2015 con la sua chiacchiera compulsiva e il suo scadente senso dell'umorismo.